Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-07-2007, 07.42.08   #11
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Riferimento: Come si può pretende di comprendere se non si conosce?

Ho fatto una piccola ricerchina. E ho trovato questo.

Da http://www.lestinto.it/archivi/rubri...osofiche/feed/

Che cosa è la psicologia evoluzionista? Vediamo come risponde Paola Bressan, psicologa intervistata da Giulietta Capacchione per Psicocafé:

La psicologia evoluzionistica è la teoria dell’evoluzione applicata al comportamento umano. Noi discendiamo tutti da progenitori che si sono riprodotti con successo, altrimenti non sarebbero i nostri progenitori. A contribuire al successo riproduttivo sono caratteristiche non solo somatiche, cioè relative al corpo, ma anche comportamentali. Dato che quasi tutti i comportamenti sono in qualche misura anche geneticamente determinati, abbiamo ereditato dai nostri progenitori quei meccanismi psicologici che favorivano il successo riproduttivo. La psicologia evoluzionistica si interessa alle cause ultime di un certo comportamento (come mai esiste); lo fa considerando il contributo alla riproduzione che quel comportamento ha, o ha avuto.

Perché questa impostazione è, secondo Fodor, problematica?

Prendiamo il caso di una rana che mangia le mosche. Per la rana è bene mangiare mosche: più mosche mangia maggiori sono le sue opportunità riproduttive. La selezione naturale ha così determinato, ad esempio, la particolare lingua “prensile” della rana: banalizzando, più in fretta mangia le mosche, più tempo può dedicare a corteggiare le femmine.
Tutto bene? No, perché la selezione naturale sarebbe anche responsabile dell’intenzione della rana di catturare le mosche (distinta, ad esempio, dall’intenzione di prendere il sole sopra una ninfea). Ma la selezione naturale non può distinguere tra l’intenzione di catturare mosche da quella di catturare piccoli oggetti neri volanti, perché le due intenzioni sono estensionalmente equivalenti (le mosche si presentano come piccoli oggetti neri volanti).
La selezione naturale è un processo estensionale, e come tale non può avere conseguenze intenzionali. Una rana che vuole cacciare le mosche ha le stesse possibilità di mangiare e di riprodursi di una che desidera cacciare pallini neri volanti, e non si può quindi affermare che la selezione naturale abbia selezionato questa intenzione.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 13-07-2007, 14.25.25   #12
giovanni
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-08-2004
Messaggi: 464
Selezione naturale

E' sicuro che la psicologia evoluzionistica sia problematica, certo non però per quel che dice Fodor e Lord Kellian riporta, e comunque non nel senso che sia contestata nei suoi fondamenti (anzi) ma si disputa sul fatto di considerare come ambiente evolutivamente stabile della nostra evoluzione l'ultimo pleistocene e dunque la nostra psicologia adattata a quello o accettare che l'evoluzione sia continuata e continui tuttora (opzione che ritengo personalmente più plausibile).
Per altro, parlare di successo riproduttivo è riduttivo. Dawkins, ne "il fenotipo esteso", distingue addirittura sei o più definizioni possibili di "fitness" (non ho la possibilità di controllare ora): da quella più legata all'individuo ed alla quantità di prole fertile generabile, a quella legata al gene ed al numero di sue copie che si diffondono in orizzontale, ad ogni generazione, e in verticale, tra generazioni differenti.
Infine, la selezione naturale PUO' distinguere tra un genotipo che porta a catturare mosche ed uno che mira ai pallini volanti: nel momento in cui oltre alle mosche compaiano pallini volanti inutili all'alimentazione delle rane, quelle che riuscissero a distinguere le mosche vivrebbero e si riprodurrebbero di più di quelle che lascerebbero la selezione al caso.
A mo' d'esperimento, altrove nel forum aver riportato un facile calcolo che mostrava come in una popolazione di cui l'1% avesse l'1% di possibilità in più, per qualsivoglia motivo, rispetto al rimanente di riprodursi, nell'arco di circa 400 generazioni sarebbe diventata il 99% del totale.
Dunque la selezione seleziona se c'è pressione selettiva.
giovanni is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it