Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 14-10-2007, 09.55.45   #1
dalmatina7
Ospite abituale
 
L'avatar di dalmatina7
 
Data registrazione: 09-06-2006
Messaggi: 134
Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donna?

Notate delle differenze fra uomo e donna nel modo di esprimere i propri stati d'animo?

Ho mandato una email al ragazzo che mi ha lasciata dopo 2 mesi per chiedere solo di farmi capire perchè mi ha lasciata, visto che ho già chiesto spiegazioni ma è rimasto vago, semplicemente per valutare se ho sbagliato e per migliorarmi, in caso, e lui afferma che:

"I motivi che mi hanno spinto a chiudere la nostra storia vanno ricercati semplicemente nel fatto che io non mi sentivo affine a te. tra me e te ci sono molte differenze. Non basta avere interessi in comune, serve soprattutto la stessa lunghezza d'onda a livello mentale. Io e Te ragioniamo in modo diverso, troppo diverso, e su troppe questioni. Ogni volta che abbiamo affrontato un argomento abbiamo finito per chiuderci sulle nostre posizioni senza trovare un terreno comune. e non è vero che abbiamo parlato poco. abbiamo parlato molto invece. abbiamo condiviso moltissime cose e in pochissimo tempo(...)Al contrario di te, per me è più importante che la persona che ho di fronte capisca il senso di quello che sto dicendo. Tu invece dai molto più peso alle parole, spesso soffermandoti su espressioni estrapolate dal discorso. Espressioni che fuori dal contesto assumono significato diverso. E certe volte le sfumature sono importanti(...)Ti ripeto quindi che non ha senso vederci per parlare ancora della nostra storia. Non ha senso e non voglio. Considerami un egoista, un arrogante, un presuntuoso, un saccente. non mi importa. Questa cosa non la voglio fare e, per la prima volta, anch'io comincio a dire: "ora penso a me stesso". Possiamo vederci per fare 4 chiacchiere, per fare qualche foto, ma non per parlare ancora della nostra storia e dei motivi che mi hanno spinto a prendere questa decisione."

Premettendo che la stessa persona 5 giorni prima di lasciarmi diceva che avremmo dovuto passare un pò più di tempo insieme perchè non ci conoscevamo... e premettendo che sono una persona che vi assicuro è disposta a parlare ore per arrivare ad un terreno comune, è possibile che fra uomo e donna ci sia effettivamente una differenza di dialogo, magari improntata più sulle parole per la donna e più sulla "pretesa" (scusate, non so come chiamarla) di essere capito senza spiegarsi, per l'uomo?

Io vedo questo in lui, in quelle 4 o 5 brevissime discussioni che abbiamo avuto, io ero quella che voleva parlare per capire e veniva stroncata spesso con un "sei paranoica" e lui quello che si lamentava perchè non avevo intuito il senso del messaggio e andavo a scavare a fondo.

Non lo so, sono esagerata io? Grazie
dalmatina7 is offline  
Vecchio 14-10-2007, 13.47.54   #2
Virginia
Ospite abituale
 
L'avatar di Virginia
 
Data registrazione: 18-08-2007
Messaggi: 54
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donn

Ciao dalmatina

Credimi più chiederai spiegazioni più ti dirà soltanto "balle"...perdona la mia franchezza, ma come ho avuto occasione di scriverti in altri post quando ti ho raccontato la mia vicenda...tutto ciò che viene detto è soltanto un tentativo da parte di chi lascia di dare una motivazione più o meno logica, ma è solo apparenza

La realtà è che questo ragazzo ha provato a stare con te...perchè tu gli piacevi a livello fisico, ma non aveva quel coinvolgimento a 360 gradi...
Io ho avuto occasione di essere corteggiata da ragazzi che sono rimasti a corteggiarmi per anni senza da me ricevere nulla in cambio...e viceversa quando mi sono convinta a frequentarne qualcuno che mi piaceva la risposta è stata: "non ti conosco bene, ma sento che non siamo sulla stessa linea" tutte le stesse parole che lui ha detto a te pur non sapendo assolutamente nulla sul mio carattere ecc..ecc..
Io rimango sempre del parere che il tuo ex ha provato l'ebbrezza della conquista e si è spinto al punto di portarti a letto per poi lasciarti 7 giorni dopo...lo so che hai detto che non è il tipo che lo fa solo per questo...però posso dirti che anche se non è una cosa consapevole, gli uomini agiscono così...tranne quando amano sul serio...(spesso sentirai la frase "le cose si fanno in due, per giustificare la leggerezza del loro comportamento)
Posso dirti che è così perchè quando ho avuto corteggiatori veramente interessati qualsiasi cosa io dicessi anche di estremamente incompatibile con loro (e lo facevo apposta) per loro ero fantastica e meravigliosa. Ad esempio a loro piaceva il mare io dicevo che non mi piaceva o se erano biondi che mi piacevano i mori o viceversa e nei discorsi avevo sempre un parere opposto al loro e facevo tutto questo per allontanarli ed essere incompatibile. Ma niente nonostante li ostacolassi in ogni modo erano sempre lì...

Citazione:
Premettendo che la stessa persona 5 giorni prima di lasciarmi diceva che avremmo dovuto passare un pò più di tempo insieme perchè non ci conoscevamo... e premettendo che sono una persona che vi assicuro è disposta a parlare ore per arrivare ad un terreno comune, è possibile che fra uomo e donna ci sia effettivamente una differenza di dialogo, magari improntata più sulle parole per la donna e più sulla "pretesa" (scusate, non so come chiamarla) di essere capito senza spiegarsi, per l'uomo?

Io vedo questo in lui, in quelle 4 o 5 brevissime discussioni che abbiamo avuto, io ero quella che voleva parlare per capire e veniva stroncata spesso con un "sei paranoica" e lui quello che si lamentava perchè non avevo intuito il senso del messaggio e andavo a scavare a fondo.

Vedi? lo stesso fatto che 5 giorni prima ti ha detto una cosa contraria dimostra esattamente che si tratta di argomentazioni accampate in aria e poi ho capito il tipo di ragazzo...quello che non ama molto andare a fondo nelle cose e che se ne esce con il "sei paranoica"

Non chiedere più spiegazioni.... non tornerà se ha deciso così , eliminalo dalla tua vita e passa avanti, consideralo solo una parentesi...che ti renderà più forte e consapevole quando troverai qualcuno che ti saprà apprezzare veramente.

Virginia is offline  
Vecchio 14-10-2007, 14.07.48   #3
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donna?

Premesso che mi baso solo e unicamente sulla mia esperienza personale, dunque non voglio assolutamente generalizzare perché odio le generalizzazioni.
Non tutti quelli che abitano questo vasto mondo hanno sviluppato la capacità di introspezione e quella di comunicare i propri stati d'animo.
Al contrario, conosco uomini e donne che l'ahhno sviluppata all'ennesima potenza.
Io per esempio considero la rivelatrice la scelta di alcune parole e non di altre.
Per me il linguaggio è rivelatore di certi automatismi, condizionamenti o schemi mentali che di solito non si vedono o non si vogliono vedere.
Per me la consapevolezza è un valore, più si è consapevoli più si è liberi, perchè, come dice Donella, possiamo assumerci la responsabilità delle nostre scelte.
Certamente, passo per paranoica anche io, o per "picatusa" per dirlo nel mio idioma (le "picate" sono le piccolezze).
Le parole però non sono piccolezze. Io credo nel potere del nome.
Quelli/e che per esempio dicono: "premetto che non sono razzista" e poi si lanciano in un discorso razzista, non possono dirmi che sono paranoica, perché le orecchie mi funzionano e anche il cervello. Si illudono di non essere razzisti/e, perché "non sta bene", ma di fatto lo sono. Io non posso accettare per buono il senso che loro vogliono dare al discorso.
Se poi mi sfugge il senso e chiedo: "scusa, in che senso", si intortano, perché all'atto pratico di spiegare, anche le loro orecchie sentono quello che dicono, e siccome cadono in contraddizione, si difendono arrabbiandosi.
Che cosa ne deduco? Che c'è uno sfasamento tra ciò che dicono e ciò che loro credono di dire.
Dove sta la verità?
Nelle buone intenzioni?
Io non credo alle buone intenzioni, che siano mie o di altri per me sono e restano acqua fresca!
La maschera è rivelatrice di ciò che nasconde, porta alla superficie e rende visibile ciò che di solito è profondo.
Se tu sei disposta a diventare consapevole, lui non lo è.
Dunque non capisco perché tu debba farti così tanti problemi, invece di credere nei tuoi valori e per quale motivo debba essere tu quella che ha sbagliato e si deve migliorare.
Perché è stato lui a lasciarti?
Il lasciare una persona non è sempre indice della pochezza di quella persona. Te lo dice anche lui nella lettera, voi due ragionate in modo diverso, e non è disposto ad accettare questa differenza.
kore is offline  
Vecchio 14-10-2007, 17.30.21   #4
cassiopea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 50
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donna?

Citazione:
Originalmente inviato da dalmatina7
Notate delle differenze fra uomo e donna nel modo di esprimere i propri stati d'animo?

Ho mandato una email al ragazzo che mi ha lasciata dopo 2 mesi per chiedere solo di farmi capire perchè mi ha lasciata, visto che ho già chiesto spiegazioni ma è rimasto vago, semplicemente per valutare se ho sbagliato e per migliorarmi,


..che bel quesito il tuo...avrò passato buona parte degli ultimi mesi a pormi la stessa domanda, per una situazione vagamente simile..Boh, a distanza (anche emotiva) dalla cosa..ti direi sì e no...

Da una parte, forse le donne tendono di più a "voler scavare", domandare, chiedere...e a soffermarsi di più sulle singole parole. Questo però non vuol sempre dire che si è più disponibili al dialogo (e ci ho messo un bel po' a capirlo )..Magari, nelle intenzioni di chi ci sta di fronte, quella non è comunicazione...perché non è quello che loro cercano e vogliono in quel momento..

Per fare un esempio più pratico: il tipo che frequentavo aveva in mente un tipo di rapporto senza impegno, per vari motivi suoi..paradossalmente, che io mi interessassi a lui, come persona, cercando di capire qualcosa del suo mondo..non era cosa gradita, perché tanto non ero la persona che avrebbe voluto vicino ..Tuttavia, questo è uscito fuori un bel po' di tempo dopo e se non avessi chiesto le famose spiegazioni, sarebbe solo sparito nel nulla (tra l'altro cosa molto semplice da fare se non si abita nella stessa città..).


L'analisi delle parole..sarà anche sbagliata ma viene naturale anche a me...
..Tante volte mi è capitato di "veder giusto" sul significato degli interlocutori che avevo davanti..grazie all'aggiunta di congiunzioni e avverbi nella frase..Certo non è una regola, non bisognerebbe stare a soppesare col bilancino ogni parola, soprattutto quando si è un po' prevenuti, offesi, o feriti da chi ci sta davanti..

..Alla fine, lui era già stato chiaro sul fatto che non voleva più stare con te..le spiegazioni servono più a te stessa, per "razionalizzare" l'accaduto di quanto non servano a lui..alla fine chi chiude non è certo portato a stare lì a parlare e analizzare il perché..
D'altronde già la parola "chiusura" rende bene l'idea di quel che sta accadendo..e questo è il vero messaggio di quel momento..


...devo dire che pochissime volte mi è capitato d'incontrare maschietti che stessero lì a scervellarsi sul perché era finita..qualche volta però ci sono stati dei maschietti che facevano simili analisi sulle parole e sulle frasi usate..Ehm..beh, "lasciare" persone così non è facile..Però alla fine, è sempre lo stesso discorso: il cercare troppe spiegazioni (in alcuni casi) è una forma di non rassegnazione...

Il volersi correggere poi..beh, ci son caduta anch'io..ti dici: "se non ha voluto me..vuol dire che sono proprio sbagliata!"..e ora ti posso dire in tutta tranquillità, che se è vero che da queste non-storie si può apprendere qualcosa di più sui propri difetti..è anche vero che uno dei maggiori insegnamenti che puoi ricevere è, paradossalmente, quello di apprezzare di più te stessa...basta porti qualche domanda: "fino a dove sarei disposta a cambiare per l'altro? ne varrebbe la pena? sarei più me stessa?"

Su..se tu fossi paranoica avresti la compagnia di un bel numero di persone..inclusa la sottoscritta


cassiopea is offline  
Vecchio 14-10-2007, 18.38.48   #5
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donna?

Citazione:
Originalmente inviato da dalmatina7
Notate delle differenze fra uomo e donna nel modo di esprimere i propri stati d'animo?

Ho mandato una email al ragazzo che mi ha lasciata dopo 2 mesi per chiedere solo di farmi capire perchè mi ha lasciata, visto che ho già chiesto spiegazioni ma è rimasto vago, semplicemente per valutare se ho sbagliato e per migliorarmi, in caso, e lui afferma che:

"I motivi che mi hanno spinto a chiudere la nostra storia vanno ricercati semplicemente nel fatto che io non mi sentivo affine a te. tra me e te ci sono molte differenze. Non basta avere interessi in comune, serve soprattutto la stessa lunghezza d'onda a livello mentale. Io e Te ragioniamo in modo diverso, troppo diverso, e su troppe questioni. Ogni volta che abbiamo affrontato un argomento abbiamo finito per chiuderci sulle nostre posizioni senza trovare un terreno comune. e non è vero che abbiamo parlato poco. abbiamo parlato molto invece. abbiamo condiviso moltissime cose e in pochissimo tempo(...)Al contrario di te, per me è più importante che la persona che ho di fronte capisca il senso di quello che sto dicendo. Tu invece dai molto più peso alle parole, spesso soffermandoti su espressioni estrapolate dal discorso. Espressioni che fuori dal contesto assumono significato diverso. E certe volte le sfumature sono importanti(...)Ti ripeto quindi che non ha senso vederci per parlare ancora della nostra storia. Non ha senso e non voglio. Considerami un egoista, un arrogante, un presuntuoso, un saccente. non mi importa. Questa cosa non la voglio fare e, per la prima volta, anch'io comincio a dire: "ora penso a me stesso". Possiamo vederci per fare 4 chiacchiere, per fare qualche foto, ma non per parlare ancora della nostra storia e dei motivi che mi hanno spinto a prendere questa decisione."

Premettendo che la stessa persona 5 giorni prima di lasciarmi diceva che avremmo dovuto passare un pò più di tempo insieme perchè non ci conoscevamo... e premettendo che sono una persona che vi assicuro è disposta a parlare ore per arrivare ad un terreno comune, è possibile che fra uomo e donna ci sia effettivamente una differenza di dialogo, magari improntata più sulle parole per la donna e più sulla "pretesa" (scusate, non so come chiamarla) di essere capito senza spiegarsi, per l'uomo?

Io vedo questo in lui, in quelle 4 o 5 brevissime discussioni che abbiamo avuto, io ero quella che voleva parlare per capire e veniva stroncata spesso con un "sei paranoica" e lui quello che si lamentava perchè non avevo intuito il senso del messaggio e andavo a scavare a fondo.

Non lo so, sono esagerata io? Grazie


Purtroppo capita che le donne esercitino un potere parlando. Scaviamo fino in fondo per portare l'altro dove noi vogliamo. Il maschio in questo è più corretto dice pane al pane e così sembra abbia fatto il tuo ex. Forse hai esagerato, ma puoi sempre cambiare dal momento che lo hai capito. Ci vuole onestà intellettuale per proseguire un rapporto e poi non deve mancare il pepe ossia l'amore. Perchè insistere? Forse non era l'occasione giusta...
crepuscolo is offline  
Vecchio 14-10-2007, 20.34.33   #6
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donna?

Citazione:
Originalmente inviato da dalmatina7
Notate delle differenze fra uomo e donna nel modo di esprimere i propri stati d'animo?

Ho mandato una email al ragazzo che mi ha lasciata dopo 2 mesi per chiedere solo di farmi capire perchè mi ha lasciata, visto che ho già chiesto spiegazioni ma è rimasto vago, semplicemente per valutare se ho sbagliato e per migliorarmi, in caso, e lui afferma che:

"I motivi che mi hanno spinto a chiudere la nostra storia vanno ricercati semplicemente nel fatto che io non mi sentivo affine a te. tra me e te ci sono molte differenze. Non basta avere interessi in comune, serve soprattutto la stessa lunghezza d'onda a livello mentale. Io e Te ragioniamo in modo diverso, troppo diverso, e su troppe questioni. Ogni volta che abbiamo affrontato un argomento abbiamo finito per chiuderci sulle nostre posizioni senza trovare un terreno comune. e non è vero che abbiamo parlato poco. abbiamo parlato molto invece. abbiamo condiviso moltissime cose e in pochissimo tempo(...)Al contrario di te, per me è più importante che la persona che ho di fronte capisca il senso di quello che sto dicendo. Tu invece dai molto più peso alle parole, spesso soffermandoti su espressioni estrapolate dal discorso. Espressioni che fuori dal contesto assumono significato diverso. E certe volte le sfumature sono importanti(...)Ti ripeto quindi che non ha senso vederci per parlare ancora della nostra storia. Non ha senso e non voglio. Considerami un egoista, un arrogante, un presuntuoso, un saccente. non mi importa. Questa cosa non la voglio fare e, per la prima volta, anch'io comincio a dire: "ora penso a me stesso". Possiamo vederci per fare 4 chiacchiere, per fare qualche foto, ma non per parlare ancora della nostra storia e dei motivi che mi hanno spinto a prendere questa decisione."

Premettendo che la stessa persona 5 giorni prima di lasciarmi diceva che avremmo dovuto passare un pò più di tempo insieme perchè non ci conoscevamo... e premettendo che sono una persona che vi assicuro è disposta a parlare ore per arrivare ad un terreno comune, è possibile che fra uomo e donna ci sia effettivamente una differenza di dialogo, magari improntata più sulle parole per la donna e più sulla "pretesa" (scusate, non so come chiamarla) di essere capito senza spiegarsi, per l'uomo?

Io vedo questo in lui, in quelle 4 o 5 brevissime discussioni che abbiamo avuto, io ero quella che voleva parlare per capire e veniva stroncata spesso con un "sei paranoica" e lui quello che si lamentava perchè non avevo intuito il senso del messaggio e andavo a scavare a fondo.

Non lo so, sono esagerata io? Grazie

Cara Dalmatina,
che brucia e fa male lo sappiamo tutti.
Che la tendenza è quella di riprendere e distorcere il più possibile ogni frase e ogni gesto, anche.
La verità è che io, da estranea, il senso del messaggio del tuo ex lo capisco benissimo. Il senso del messaggio è: è finita.
Probabilmente, nel conoscervi, tu hai compreso cose di lui che non ti piacevano - e te le sei fatte piacere -, hai visto cose di lui che non ti tornavano - e te le sei fatte tornare.
Perché noi donne siamo così: ci va bene tutto, fino a quando non ci va più bene niente...
Lui, uomo, razionale, ha visto cose che non gli piacevano e che non gli tornavano e ha chiuso. Non c'è un motivo diverso dal fatto che siete due individui che non si conoscevano, prima di conoscersi.
Ogni storia è una scommessa: a volte si indovina, a volte non si indovina.
Smetti di farti domande, non ci sono risposte diverse o più facili per te da digerire: datti tempo, piangi finché vuoi, e poi cambia direzione.
Con affetto.
nevealsole is offline  
Vecchio 14-10-2007, 21.16.47   #7
dalmatina7
Ospite abituale
 
L'avatar di dalmatina7
 
Data registrazione: 09-06-2006
Messaggi: 134
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donn

Credo che delle persone disposte a confrontarsi come voi ce ne siano poche, lo riuscite a fare su un forum. Grazie a tutti!
dalmatina7 is offline  
Vecchio 14-10-2007, 22.02.03   #8
sentieroluminoso
Ospite abituale
 
L'avatar di sentieroluminoso
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 60
Riferimento: Il modo di esprimere i propri stati d'animo è differente fra uomo e donna?

Io non credo davvero che ci sia una differenza di sesso nel modo di esprimere gli stati d'animo, ci sono delle differenze dettate solo dalla volontà o capacità di tradurli. Basta farsi un giretto dagli inquilini del piano di sopra, per leggere raffinatissimi sondaggi dell'animo umano di pugno sia maschile che femminile, anche al piano attico uomini e donne danno prova di pari sensibilità, nella ricerca delle parole che meglio definiscano particolari stati dell'animo. Peraltro, sebbene non mi piaccia disquisire di terzi inconsapevoli, mi sembra che l'autore dello stralcio riportato, per iscritto si dilunga in spiegazioni accurate ed argomentate con precisione. In questo caso mi sembra che si sia spiegato in maniera compiuta, senza prentendere intuizioni miracolose. Probabile che da vicino le sue esposizioni non siano altrettanto conseguenziali, ma se lo scritto riportato è rappresentativo del suo modo di esprimersi, mi sembra completo ed esaustivo.
sentieroluminoso is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it