Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 26-01-2008, 10.57.06   #11
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

[quote=veraluce]Caro Arsenio,



Cara ... piccolina dal cuoricino in tumulto . Ricordo queste tue autodefinizioni che mi sono molto piaciute. Dagli algidi monitor talora emana un po' di calore. E poi in me sopravvive sempre qualche traccia infantile, che è tra le cose che mi salvano.

Il linguaggio talora ha un potere inimmaginabile ed a volte è malattia del pensiero, anche per noi stessi. Chi è depresso usa spesso parole dalle connotazioni negative, che sono specchio di una sua pessimistica visone della vita. Ma si ritiene che nei disagi psichici ci siano pure reversibilità che possono generare circoli viziosi. Così, al contrario, se ci si abitua a usare un linguaggio negativo, autosvalutante, con avverbi come “mai” sempre”, usati impropriamente, ecc. si può rafforzare o instaurare un malessere psicologico. Tu vai benissimo.

Nel rapporto con gli altri, il guaio è che una parola incautamente emessa non si può ritirare. Ciò in contesti familiari ed educativi può avere un effetto devastante. Difficilmente rimediabile, sull'autostima dei futuri adulti. Pure una semplice frase, non chiarita e contestualizzata se proprio si deve fare una critica costruttiva, come “tu mi hai deluso” dovrebbe essere evitata dai genitori. Così in amore ...

Riconosco che la mia abitudine di proporre lunghi 3d è fuori norma nei forum, dove se anche non è richiesta la sincronia di rapidi msg delle chat, i post troppo lunghi non concedono una più estesa partecipazione. Vedrò di proporre qualcosa di più sintetico.
Contraccambio tutte le tue gentilezze.





Ho quotato in parte per le troppe faccine
arsenio is offline  
Vecchio 26-01-2008, 22.39.39   #12
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Parolando

Mi piace molto Arsenio, questo tuo intervento, che per me – manco a dirlo – è farmaco, direi vitamina c: una sferzata di energia.
In un posto virtuale, come un forum, il peso della parola è decuplicato, sebbene ciò che leggiamo necessariamente echeggi nel pensiero, riportandoci ad assonanze col reale.
Ricordo la mia prof al liceo, amava citare Tobino, “le parole sono pietre” (e poi aggiungeva: “e la vostra è una sassaiola”, intendendo le scempiaggini durante le interrogazioni).
Io credo che le parole abbiano grande peso, e debbano essere dosate.
Un amico qualche settimana fa mi spiegava qualcosa sulla tecnica di pnl, sul pensare positivo.
E’ molto importante anche il parlare positivo, per noi e per gli altri.
Non sempre si riesce.
Ricordo, ad esempio, che quando mi affacciai in questo spazio virtuale per la prima volta, leggevo gli interventi di Mary e li sentivo come balsamo sul cuore: c’era sempre una dolcezza infinita nei suoi scritti, e una speranza infinita.
Mi sono chiesta, anche se non le ho mai chiesto, cosa sia cambiato da allora.
Oggi intravedo talvolta un velo di rabbia e scoramento in quelle parole un tempo così serene.
E’ un’impressione.
Nella mia famiglia si è sempre avuta la falsa percezione che le parole volino dalla bocca al cielo, senza ferire colui al quale erano dirette.
Io non lo credo.
Io credo che le parole feriscano quanto gli schiaffi, e che rimangano dentro a chi le ha ricevute come dono non gradito.
Lo credo, ma ciò non significa che riesca sempre a mantenere il controllo di ciò che dico.
Certo poi si può disquisire per ore sul se qualcosa sia offensivo, o se tale offensività stia, per qualche motivo, in chi percepisce.
Avrai forse letto la discussione sul maschilismo, ed i miei interventi.
E’ stato un passo avanti capire che provavo rabbia.
Ma è stato solo il principio.
Sul mio bel diario delle emozioni, ho annotato: perché provo rabbia? Da dove proviene questa rabbia? Ancora non ho una risposta.
Può darsi però che arrivi da lontano, da qualche parola avvelenata che mi è stata rivolta in passato e che è rimasta lì, mal digerita.
La parola velenosa, la più diffusa, che circola nella mia famiglia è: “è colpa tua”.
Mi domando: questo “è colpa tua” avrà qualcosa a che vedere con il mio super-io aggressivo, ipotizzato da Hava qualche post fa?
“E’ colpa tua”, o meglio “è colpa di…” è l’affermazione preferita da mio padre, per il quale se vi è un merito è suo, se vi è un intoppo è certo di qualcun altro, di volta in volta individuato nel malcapitato trovatosi nei paraggi.
Con mia mamma – oggi – ci ridiamo su, specie dopo che ci è stato chiaro che l’eredità dell’”è colpa tua” l’ha trasmessa a mio padre mia nonna, con le identiche, spiccicate caratteristiche.
Da ciò si può derivare un piccolo, giocoso, apprendimento.
L’”è colpa tua” si trasmette in due differenti modi, alle generazioni successive: puro (il discendente continuerà a dire a chi gli è vicino: “è colpa tua”) ed impuro (il discendente, come nel mio caso, penserà e dirà a chi gli è vicino: “è colpa mia”… in merito a qualsiasi cosa, dall’arrosto bruciato al buco nell’ozono).
Come per le medicine, il nostro organismo ci chiede ciò di cui ha bisogno.
Recentemente ricordo una discussione con un’amica, nella quale chiedevo di cessare in mia presenza l’abuso di parole negative, capaci di vanificare in un attimo tutti i miei “pensieri positivi” faticosamente costruiti.
Lo stesso accade con la musica, con i libri, con la poesia: oggi solo pensieri positivi per me, please!
Però che fatica trovarne, pensieri positivi, in questi tempi di crudeltà e problemi sbattuti sempre in prima pagina…
e poi, inutile negarlo, talvolta mi piace... struggermi di malinconia…


nevealsole is offline  
Vecchio 28-01-2008, 10.10.52   #13
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Parolando

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
Mi piace molto Arsenio, questo tuo intervento, che per me – manco a dirlo – è farmaco, direi vitamina c: una sferzata di energia.
In un posto virtuale, come un forum, il peso della parola è decuplicato, sebbene ciò che leggiamo necessariamente echeggi nel pensiero, riportandoci ad assonanze col reale.
Ricordo la mia prof al liceo, amava citare Tobino, “le parole sono pietre” (e poi aggiungeva: “e la vostra è una sassaiola”, intendendo le scempiaggini durante le interrogazioni).
Io credo che le parole abbiano grande peso, e debbano essere dosate.
Un amico qualche settimana fa mi spiegava qualcosa sulla tecnica di pnl, sul pensare positivo.
E’ molto importante anche il parlare positivo, per noi e per gli altri.
Non sempre si riesce.
Ricordo, ad esempio, che quando mi affacciai in questo spazio virtuale per la prima volta, leggevo gli interventi di Mary e li sentivo come balsamo sul cuore: c’era sempre una dolcezza infinita nei suoi scritti, e una speranza infinita.
Mi sono chiesta, anche se non le ho mai chiesto, cosa sia cambiato da allora.
Oggi intravedo talvolta un velo di rabbia e scoramento in quelle parole un tempo così serene.
E’ un’impressione.
Nella mia famiglia si è sempre avuta la falsa percezione che le parole volino dalla bocca al cielo, senza ferire colui al quale erano dirette.
Io non lo credo.
Io credo che le parole feriscano quanto gli schiaffi, e che rimangano dentro a chi le ha ricevute come dono non gradito.
Lo credo, ma ciò non significa che riesca sempre a mantenere il controllo di ciò che dico.
Certo poi si può disquisire per ore sul se qualcosa sia offensivo, o se tale offensività stia, per qualche motivo, in chi percepisce.
Avrai forse letto la discussione sul maschilismo, ed i miei interventi.
E’ stato un passo avanti capire che provavo rabbia.
Ma è stato solo il principio.
Sul mio bel diario delle emozioni, ho annotato: perché provo rabbia? Da dove proviene questa rabbia? Ancora non ho una risposta.
Può darsi però che arrivi da lontano, da qualche parola avvelenata che mi è stata rivolta in passato e che è rimasta lì, mal digerita.
La parola velenosa, la più diffusa, che circola nella mia famiglia è: “è colpa tua”.
Mi domando: questo “è colpa tua” avrà qualcosa a che vedere con il mio super-io aggressivo, ipotizzato da Hava qualche post fa?
“E’ colpa tua”, o meglio “è colpa di…” è l’affermazione preferita da mio padre, per il quale se vi è un merito è suo, se vi è un intoppo è certo di qualcun altro, di volta in volta individuato nel malcapitato trovatosi nei paraggi.
Con mia mamma – oggi – ci ridiamo su, specie dopo che ci è stato chiaro che l’eredità dell’”è colpa tua” l’ha trasmessa a mio padre mia nonna, con le identiche, spiccicate caratteristiche.
Da ciò si può derivare un piccolo, giocoso, apprendimento.
L’”è colpa tua” si trasmette in due differenti modi, alle generazioni successive: puro (il discendente continuerà a dire a chi gli è vicino: “è colpa tua”) ed impuro (il discendente, come nel mio caso, penserà e dirà a chi gli è vicino: “è colpa mia”… in merito a qualsiasi cosa, dall’arrosto bruciato al buco nell’ozono).
Come per le medicine, il nostro organismo ci chiede ciò di cui ha bisogno.
Recentemente ricordo una discussione con un’amica, nella quale chiedevo di cessare in mia presenza l’abuso di parole negative, capaci di vanificare in un attimo tutti i miei “pensieri positivi” faticosamente costruiti.
Lo stesso accade con la musica, con i libri, con la poesia: oggi solo pensieri positivi per me, please!
Però che fatica trovarne, pensieri positivi, in questi tempi di crudeltà e problemi sbattuti sempre in prima pagina…
e poi, inutile negarlo, talvolta mi piace... struggermi di malinconia…



Ciao carissima ti aspettavo
La rabbia o ira è uno dei vizi capitali, ed io ne sceglierei uno migliore, ad esempio mi affascinano la gola e la lussuria, specie se si tratta di peccare in compagnia

E' una “passione” frequentissima perchè all'origine c'è la frustrazione di un desiderio o di un danno. Le origini come oggi sempre più spesso si ritiene, si fanno risalire a fattori ambientali della prima infanzia, e poi rievocazioni.
Ne siamo coinvolti in particolare con le persone che ci sono vicino, specie se ingiustificatamente minacciano la nostra autostima, e le nostre idee, ecc. Ci sono molte sue manifestazioni, tra sottomessa inferiorità e volontà di autoaffermazione. Ma anche quella di una risposta opportuna energica e assertiva. Il rischio maggiore sono le reazioni incontrollate. Il risaputo rimedio conosciuto anche dagli antichi, difficile da mettere in pratica, rimane sempre ritardare ogni comportamento,frenare la lingua, dissimularla spiazzando chi ci sta di fronte,che ha diverse aspettative, ecc.

Non c'è un Super Io “aggressivo”, viceversa , domina gl' istinti e non dovrebbe affievolirsi troppo. La sua funzione è “punitiva”, normativa, protettiva. Il senso di colpa deriva dalla violazione di un precetto, da una conflittualità interiorizzata dei conflitti tra il bambino ed i suoi genitori, da cui una condanna morale (Super Io) che potrebbe pure suscitare l'aggressività verso se stessi. Un senso di colpa può essere responsabile della richiesta di punizione attraverso un comportamento scortese e provocatorio,quale inconscia istanza morale e riparatoria. Ma queste sono interpretazioni psicoanalitiche, e non so in quale misura oggi siano convalidate dai neofreudiani. Comunque dovrebbe essere più o meno il meccanismo di colpa-rabbia -colpa -rabbia.

L'adulto costruttivo fa una critica costruttiva con lo scopo di favorire una crescita sana e l'indipendenza emotiva dei figli di cui è responsabile, evitando intenti manipolativi. Per esempio, se afferma : “Sei cretino, hai fatto una sciocchezza”,il ragazzo, con coerenza, continuerà ad agire negativamente per riconfermare questo giudizio su di lui. Al contrario, è ben diverso dirgli”Sei bravo! Ma hai fatto questo sbaglio”, Così nota l'incongruenza tra l'essere bravo e il continuare a sbagliare.
Se viene accettato per quello che è, e amato, dimostrerà sicurezza nella vita comunque. Anche in caso d'insuccesso,regge e si stima. Ma se è manipolato con prescrizioni come “devi essere così, devi essere come anch'io avrei voluto essere”, ecc. è più difficile che raggiunga una precoce indipendenza. Per non parlare delle diffuse attribuzioni: Sei deficiente, brutto, grasso, ecc. Le difficoltà interpersonali come causa di problemi emotivi, sono il fulcro di certe teorie. Certi stili di comunicazione sono modellati secondo il rapporto che avemmo in famiglia.
La famiglia perfetta non esiste: ci sono solo quelle che s' inseriscono in un processo di perfettibilità. L'autostima dell'adulto deriva dall'aver percepito la possibilità di adattarsi alle inevitabili insicurezze quotidiane, raggiungendo l'indipendenza.

Purtroppo certi condizionamenti sono dovuti a fattori ereditari ed ambientali, spesso attribuibili entrambi agli stessi genitori. Ma la plasticità dei circuiti neuronali è sempre modificabile con la parola adatta , come da ricerche. Quindi si riconferma quanto siano da soppesare le parole. E' vero che talora anche parole neutre possono avere risonanze imprevedibili per chi le ascolta: si ha probabilmente sfiorato qualche corda segreta; ulteriore prova che chi abbiamo di fronte è una “scatola nera”.
Quale pensiero positivo va bene l'evitare termini negativi, nel discorso , negli scritti, nel dialogo interiorizzato. Più utile che una ripetizione ipnotica dei mantra come “sono ogni giorno più felice”; in voga qualche anno fa sulla scia newagistica. Le frasi “è colpa mia”; “ho perso”, “mi andrà tutto male”, ecc. sono da manuale, come esempio di una negatività suggestiva che si rischia di assumere come stabile stile di vita. Anche secondo la teoria della profezia autoavverantesi,che predispone con un determinato stato d'animo proprio all'evento temuto. Non svalutarti con la compagnia di persone non adatte a te.
Tuttavia si mette in guarda anche da un troppo facile ottimismo che minimizza in caso di progetti molto incerti.. Così una superficiale faciloneria verso chi è molto preoccupato,è indice di insensibilità.

In quanto alle persone della nostra cerchia,che ad un tratto cambiano umore e tratti usuali e conosciuti di personalità, può trattarsi di psicopatologie disfunzionali, di problemi esistenziali, oppure d'incapacità di gestire eventi problematici sopravvenuti. Si deve distinguere, prima di prendere opportune misure.

Un desiderio inappagato si può sublimare, ma è pur vero che riemergerà dal nostro inconscio sotto vaie forme, finchè non sia soddisfatto, sia pure con un compromesso.

In ogni caso, anche ... struggerci di malinconia , è una necessità per non sentirsi automi di una futura società desensibilizzata. La malinconia si mescola sempre con la poesia e con l'amore, perchè ci porta a realizzare entrambi. Cara neve, le tue maggiori risorse stanno nella tua splendida capacità di autoanalisi. La parola, anche scritta può diventare uno strumento che salva.


arsenio is offline  
Vecchio 29-01-2008, 12.52.56   #14
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Non chiederci la parola

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.
Ah l'uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l'ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!
Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

Eugenio Montale

Questa poesia esprime un’afasia di fondo che è la caratteristica principe della parola stessa. E’, quella del poeta, una rinuncia, una resa all’impossibilità di comunicare il suo profondo intimo emotivo affidando la narrazione esclusivamente alle parole. Si capisce anche il perché: la poesia è stata scritta sull’onda dell’emozione prodotta dall’aberrazione della grande guerra. Montale affida a questi versi, di grande intensità, il messaggio che impregna la sua teologia negativa.

Questo è un thread fatto di parole che si raccontano, che parlano con parole di se stesse. In adesione al progetto di Montale, anch’io propendo per una ‘teologia negativa. Credo, infatti, che le parole siano un veicolo che trasporti frazioni di verità, cioè mai esse possono com-prendere l’intero, tutto ciò che si pensa. In special modo non sono adeguate a comunicare le emozioni. Le lasciano filtrare, trasparire, le annunciano, ma non le dichiarano mai compiutamente. L’arte letteraria si avvale di questo suo intimo limite invalicabile. La grande arte non dichiara, ma lascia intuire, non usurpa lo spazio emotivo altrui imponendo le emozioni del suo autore, ma sollecita, nella trasparenza, il germogliare di quelle del lettore. Le parole sono le propaggini di un nucleo intangibile, la cui superficie esterna, che appunto s’irraggia attraverso la dizione o la grafia, è composta di materiale poroso che lascia filtrare vapori d’emozioni, bagliori di sentimenti, riflessi di verità, ma mai queste propaggini affabulatorie sono in condizione di esprimere compiutamente il tutto. Non già per carenze espositive, o per volontà di chi esprime le proprie sensazioni, piuttosto, più semplicemente, per intima inadeguatezza congenita. Un testo qualsiasi, anche una lista della spesa, lascia adito a più di un’interpretazione. La comunicazione risente fortemente di questo naturale limite che colloca i dialoganti in un limine che è cesura fra dicente a colui che percepisce.

Sono spesso autorappresentative, in altre parole un’esposizione fieristica del proprio suono; talvolta, invece, pretendono d’essere rappresentative dell’animo, eleggendosi autonomamente messaggere e testimoni esclusive delle emozioni.

Le parole recano con sé parte di verità, ma mai tutta la verità; così pure trasmettono al prossimo frammenti d’emozioni, ma mai la loro compiutezza. Potrei quasi dire, sempre che non appaia eccessivamente blasfemo, che l’anima preserva se stessa proprio attraverso l’apparenza tratteggiata dalle parole, definita dalla loro immediatezza insita nel significato stesso, impedendo loro di essere eccessivamente rivelatrici. Le parole assolvono una duplice funzione, in tal senso sono un farmaco, poiché anch’esso è veleno e al tempo stesso medicinale, l’etimologia del termine farmaco ne tradisce la doppia funzionalità. Per un verso, comunicando, svelano un animo, per l’altro, celandone l’essenza più pura, lo preservano… ma sono indispensabili, sono il filo d’Arianna che unisce le genti. Le emozioni nascono nel cuore e si sposano, in un matrimonio spurio, con le parole che le comunicano; il rito nuziale è celebrato nella mente, infaticabile fucina di pensieri. L’arte è questo: emozione trasfusa in parole e segni, e si esalta attraverso i colori e la musica, perché le parole sono anche delicati tratteggi di pennello e melodia. L’anima quando capta parole altrui, che parlino d’emozioni altrui, compie un’operazione di sintesi, ovverosia amalgama quanto percepito con quanto è già all’interno del proprio nucleo: quel che capta dall’esterno lo unisce con il proprio intimo contenuto, arricchendosi comunque. Affidarsi unicamente alle parole è però sempre un errore, Il mondo virtuale, che implica l’esclusivo utilizzo di parole e ad esse affida l’intero messaggio che s’intende trasmettere, seppur affascinante, è un mondo assolutamente monco: manca tutto il resto, è ricolmo di sole parole che trasmettono parti del tutto.

La comunicazione, se affidata alle sole parole, sconta il peccato d’origine insito nel linguaggio. Se per un verso ed in una qualche misura tengono teso il filo che unisce le persone, mettendole in contatto, dall’altro isolano i due antipodi del filo teso, poiché nella comunicazione è sempre implicato il rischio del fraintendimento, che è presente anche quando non appare e quando tutto sembra scorrere quietamente. Il dubbio è un elemento incombente, e la chiarificazione successiva spesso sconfina nell’escusatio non petita. Ben difficilmente, dunque, assolvono il compito per il quale riteniamo siano preposte: non delineano la compiuta immagine di quel che effettivamente siamo (ammesso di essere in grado di sapere con perfetta cognizione quel che siamo), trasferendo al prossimo solo il nostro profilo parziale, mai profondo, mai essenziale.

Ciao
visechi is offline  
Vecchio 30-01-2008, 07.22.21   #15
Maura
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-01-2007
Messaggi: 50
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Ciao Arsenio,
sono spiacente di dover postare questo mio breve intervento dopo quello così intenso di Visechi, ma i miei tempi e mezzi sono questi: leggo su cellulare tre o quattro parole alla volta,senza distinguere quotato da non quotato, scrivo con word su un computer senza connessone e poi non appena è possibile spedisco il tutto.
Ti ringrazio, ancora una volta, per le tue risposte ampie e ben articolate.

Dopo aver letto e riletto il tuo intervento, mi sono resa conto del perché ti ho posto i seguenti quesiti:
“Pensi ci sia differenza tra il significato della parola parlata e di quella scritta?”
“Come si fa a dare il reale significato alle nostre parole se non si ha una guida (per es. analista) che sappia leggerle per noi? Come acquisire questa conoscenza?”
Un tempo annotavo quotidianamente:
data – peso – pressione arteriosa – tipo di alimentazione. Ero costretta per la pressione alta e per la tachicardia a far uso di beta bloccante e diuretico, non mi rassegnavo ad essere farmaco dipendente, volevo capire quali fossero i fattori che influivano sulla mia salute. Poco alla volta ho iniziato a descrivere i momenti salienti della giornata precedente e i miei sentimenti.
A volte cercavo il diario per potermi sfogare. Nello scrivere riuscivo a capire se c’era stato un comportamento sbagliato, se avevo interpretato male una determinata situazione oppure semplicemente inveivo contro qualcuno o qualcosa. Nel mio diario scrivevo quotidianamente di quanto fosse diventata abitudinaria, arida e faticosa la nostra vita di coppia, ma non avevo la capacità di leggerlo fra le righe. “Prima il dovere e poi………..il piacere!” Ero fedele alle nostre convinzioni, tanto fedele da non “AVERE LA FORZA” di vedere.
Nel mio caso non era sufficiente scrivere su di un diario, avevo bisogno dell’aiuto di una guida. Sono stata fortunata - come hai sottolineato tu - ho trovato un analista adatto alla mia soggettività.
L’inizio non è stato facile, ma poi abbiamo ottenuto degli ottimi risultati.
Certe situazioni sono inesprimibili anche in forma scritta, è necessario ottenere l’ascolto di un professionista retribuito che sappia ascoltare i tuoi silenzi, senza avere il timore di farlo soffrire, ecco perché l’amico, il marito, i figli, non possono assolvere a questo ruolo.
Sai certi vissuti sembrano inesprimibili e invece……si arriva a trovar le parole e dopo le parole si soffre, ma c’è chi ti suggerisce nuove parole in modo che tu le possa accettare e migliorare la tua condizione.
Tornando al perché delle domande sopra riportare vorrei evidenziare che all’inizio della terapia ho avuto l’impressione che fosse meglio non scrivere sul diario, non partecipare a nessun forum in modo che l’analista potesse lavorare su materiale pulito non rielaborato da me con la scrittura.
Cosa ne pensi Arsenio? Dico un’eresia affermando che i pazienti sotto psicofarmaci stanno bene in modo artificiale e quindi il loro inconscio viene zittito in un qualche modo? In parole povere, il nostro inconscio può essere meglio analizzato quando stiamo male?
L’influsso delle “parola farmaco” ha dato i suoi benefici anche rispetto al corpo aiutandomi a trovare nuove priorità. Al sabato e alla domenica faccio lunghe passeggiate, ho un miglior rapporto con il cibo, sono calati il peso ponderale e la pressione sanguigna. Non faccio più uso di diuretico, ho sostituito il CARVEDILOLO 50mg al gg(che accentuava la mia allergia da pollini) con NEBIVOLOLO 2,5 mg al mattino.
Come scrive BOMBER “beh il farmaco spesso provoca effetti collaterali .. potendo sarebbe meglio non prednerne maiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii”
Concludendo, dal corpo sono emersi i problemi psichici, con la parola siamo intervenuti sulla psiche curando anche il corpo.
Non ho quotato, il tuo intervento perché copierò da word direttamente, mi riferisco al tuo intervento del 25/1/01 ore 17,15.
Ciao alla prossima, sto leggendo di Maria in “11 minuti” di P. Coelho.
Maura
Maura is offline  
Vecchio 30-01-2008, 12.02.00   #16
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Non chiederci la parola

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.
Ah l'uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l'ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!
Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo

Eugenio Montale

Questa poesia esprime un’afasia di fondo che è la caratteristica principe della parola stessa. E’, quella del poeta, una rinuncia, una resa all’impossibilità di comunicare il suo profondo intimo emotivo affidando la narrazione esclusivamente alle parole. Si capisce anche il perché: la poesia è stata scritta sull’onda dell’emozione prodotta dall’aberrazione della grande guerra. Montale affida a questi versi, di grande intensità, il messaggio che impregna la sua teologia negativa.

Questo è un thread fatto di parole che si raccontano, che parlano con parole di se stesse. In adesione al progetto di Montale, anch’io propendo per una ‘teologia negativa. Credo, infatti, che le parole siano un veicolo che trasporti frazioni di verità, cioè mai esse possono com-prendere l’intero, tutto ciò che si pensa. In special modo non sono adeguate a comunicare le emozioni. Le lasciano filtrare, trasparire, le annunciano, ma non le dichiarano mai compiutamente. L’arte letteraria si avvale di questo suo intimo limite invalicabile. La grande arte non dichiara, ma lascia intuire, non usurpa lo spazio emotivo altrui imponendo le emozioni del suo autore, ma sollecita, nella trasparenza, il germogliare di quelle del lettore. Le parole sono le propaggini di un nucleo intangibile, la cui superficie esterna, che appunto s’irraggia attraverso la dizione o la grafia, è composta di materiale poroso che lascia filtrare vapori d’emozioni, bagliori di sentimenti, riflessi di verità, ma mai queste propaggini affabulatorie sono in condizione di esprimere compiutamente il tutto. Non già per carenze espositive, o per volontà di chi esprime le proprie sensazioni, piuttosto, più semplicemente, per intima inadeguatezza congenita. Un testo qualsiasi, anche una lista della spesa, lascia adito a più di un’interpretazione. La comunicazione risente fortemente di questo naturale limite che colloca i dialoganti in un limine che è cesura fra dicente a colui che percepisce.

Sono spesso autorappresentative, in altre parole un’esposizione fieristica del proprio suono; talvolta, invece, pretendono d’essere rappresentative dell’animo, eleggendosi autonomamente messaggere e testimoni esclusive delle emozioni.

Le parole recano con sé parte di verità, ma mai tutta la verità; così pure trasmettono al prossimo frammenti d’emozioni, ma mai la loro compiutezza. Potrei quasi dire, sempre che non appaia eccessivamente blasfemo, che l’anima preserva se stessa proprio attraverso l’apparenza tratteggiata dalle parole, definita dalla loro immediatezza insita nel significato stesso, impedendo loro di essere eccessivamente rivelatrici. Le parole assolvono una duplice funzione, in tal senso sono un farmaco, poiché anch’esso è veleno e al tempo stesso medicinale, l’etimologia del termine farmaco ne tradisce la doppia funzionalità. Per un verso, comunicando, svelano un animo, per l’altro, celandone l’essenza più pura, lo preservano… ma sono indispensabili, sono il filo d’Arianna che unisce le genti. Le emozioni nascono nel cuore e si sposano, in un matrimonio spurio, con le parole che le comunicano; il rito nuziale è celebrato nella mente, infaticabile fucina di pensieri. L’arte è questo: emozione trasfusa in parole e segni, e si esalta attraverso i colori e la musica, perché le parole sono anche delicati tratteggi di pennello e melodia. L’anima quando capta parole altrui, che parlino d’emozioni altrui, compie un’operazione di sintesi, ovverosia amalgama quanto percepito con quanto è già all’interno del proprio nucleo: quel che capta dall’esterno lo unisce con il proprio intimo contenuto, arricchendosi comunque. Affidarsi unicamente alle parole è però sempre un errore, Il mondo virtuale, che implica l’esclusivo utilizzo di parole e ad esse affida l’intero messaggio che s’intende trasmettere, seppur affascinante, è un mondo assolutamente monco: manca tutto il resto, è ricolmo di sole parole che trasmettono parti del tutto.

La comunicazione, se affidata alle sole parole, sconta il peccato d’origine insito nel linguaggio. Se per un verso ed in una qualche misura tengono teso il filo che unisce le persone, mettendole in contatto, dall’altro isolano i due antipodi del filo teso, poiché nella comunicazione è sempre implicato il rischio del fraintendimento, che è presente anche quando non appare e quando tutto sembra scorrere quietamente. Il dubbio è un elemento incombente, e la chiarificazione successiva spesso sconfina nell’escusatio non petita. Ben difficilmente, dunque, assolvono il compito per il quale riteniamo siano preposte: non delineano la compiuta immagine di quel che effettivamente siamo (ammesso di essere in grado di sapere con perfetta cognizione quel che siamo), trasferendo al prossimo solo il nostro profilo parziale, mai profondo, mai essenziale.

Ciao


Caro visechi ti risparmio ulteriori considerazioni sulla parola ,che mi sembra tu abbia capito
Anche alla luce dei numerosi 3d che ho lanciato questi giorni sui limiti e virtù della parola parlata e scritta; luci ed ombre, patologia del pensiero e imbroglio, manipolazione persuasoria e conforto per l'anima, ecc. ecc.
La poesia di Montale è conforme alla sua poetica e manifesto morale del tempo anche storicizzato.”La più vera ragione è di chi tace” è un altro suo verso signifiativo per il suo scetticismo di certe funzioni che attribuiamo troppo facilmente alla parola. L'idea ispiratrice di Non chiederci la parola è il suo limite nel poter indicare prescrizioni morali sempre valide, né può decidere cosa è “bene” e cosa è “male”. Infatti in “Piccolo testamento” ,che conoscerai, afferma: “Giusto era il segno ... né lume di chiesa, nè lume di officina. Come dire che il suo orgoglioso individualismo lo ha tenuto ben distante da ogni sorta di credenza ideologica o fede assoluta dogmatica, sia religiosa che politica.
Allora la parola è inutile, superflua, dannosa? Non lo credo,come tutte le cose dipende dall'uso che se ne fa. A parer mio va sempre usata quella dialogica, ma la premessa dev'essere un intento collaborativo per ricercare condivise ipotesi che avvicinino a certe verità: tante, mai solo una. Solo le parole della poesia,, in ampia accezione, vorrei quasi dire uno sguardo poetico, possono veicolare emozioni. Se un'immagine vale mille parole, un verso solo può valerne 10.000. Possiamo esemplificarne quali hanno suscitato in noi autentiche emozioni, parlando al nostro inconscio, toccando corde segrete, di totale adesione.

ciao
arsenio is offline  
Vecchio 30-01-2008, 15.37.20   #17
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Carissimo Arsenio, Nonostante io sia sempre stato un ferreo assertore del saper colloquiare,cioè,ascoltare,ana lizzare e poi rispondere, mi è spesso stato rinfacciato che in me si intravedeva spesso questa incapacità, motivandola da parte mia che le risposte del mio interlocutore erano da me già state analizzate, vagliate e spesse volte anche scartate,tutto questo creava una specie di muro tra me ed il mio interlocutore togliendo spesse volte la possibilità di raggiungere conclusioni. Dopo averti letto e riletto devo prendere atto che le tue parole sono riuscite ad effetuare tante riparazioni al mio modo di esprimermi, sentendomi ora meno evitato dalla mia comunità.
Per tutto questo accetta il mio grazie che ti esprimo di vero cuore
Ciao espert37
espert37 is offline  
Vecchio 30-01-2008, 17.24.13   #18
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
La poesia di Montale è conforme alla sua poetica e manifesto morale del tempo anche storicizzato.”La più vera ragione è di chi tace” è un altro suo verso signifiativo per il suo scetticismo di certe funzioni che attribuiamo troppo facilmente alla parola. L'idea ispiratrice di Non chiederci la parola è il suo limite nel poter indicare prescrizioni morali sempre valide, né può decidere cosa è “bene” e cosa è “male”. Infatti in “Piccolo testamento” ,che conoscerai, afferma: “Giusto era il segno ... né lume di chiesa, nè lume di officina. Come dire che il suo orgoglioso individualismo lo ha tenuto ben distante da ogni sorta di credenza ideologica o fede assoluta dogmatica, sia religiosa che politica.

Bell'intervento, Ars
Bellissimo anche quello di Visechi.
Quanto mi piace Montale...

la tua parola così stenta e imprudente
resta la sola di cui mi appago.
Ma è mutato l'accento, altro il colore.
Mi abituerò a sentirti e a decifrarti
nel ticchettio della telescrivente, nel volubile fumo dei miei sigari
di Brissago.


Ascoltare era il tuo solo modo di vedere.
Il conto del telefono s'è ridotto a ben poco.


Eugenio Montale da "Xenia"
nevealsole is offline  
Vecchio 31-01-2008, 10.04.37   #19
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Citazione:
Originalmente inviato da Maura
Ciao Arsenio,
sono spiacente di dover postare questo mio breve intervento dopo quello così intenso di Visechi, ma i miei tempi e mezzi sono questi: leggo su cellulare tre o quattro parole alla volta,senza distinguere quotato da non quotato, scrivo con word su un computer senza connessone e poi non appena è possibile spedisco il tutto.
Ti ringrazio, ancora una volta, per le tue risposte ampie e ben articolate.

Ciao alla prossima, sto leggendo di Maria in “11 minuti” di P. Coelho.
Maura

Cara maura non preoccuparti, fai tutto secondo le tue possibilità. Anch'io uso il Pc in modo molto discontinuo e devo differire i post (per fortuna non molto numerosi ) specie se richiedono risposte non sincrone , riflessive e un po' articolate.
Per le prescrizioni di ogni tipo di farmaco devi attenerti ai pareri medici, perchè vanno monitorati verificandone dosi ed efficacia, talora anche attraverso opportuni esami clinici. Gli effetti collaterali a volte si manifestano in qualche misura, ma più rischiose sono le controindicazioni e l'incompatibilità con altre patologie,sempre valutabili da parte di specialisti. In certi casi pure gli psicofarmaci sono necessari, non cadendo in dipendenze dall'assumerne senza controllo. Conta molto lo stile di vita che hai adottato: dieta e movimento.

E' vero che generalmente la comunicazione in famiglia raramente diventa un equilibrato scambio di opinioni: ipercriticismo e problemi elusi la rendono disfunzionale. Si soltanto presume di saper comunicare, nel senso che abbiamo indagato. Non possono , per loro natura,avere una funzione di terapia, nemmeno come colloquio empatico che reca sollievo. Anche per differenze di genere un marito è raro che dia quel tipo di sostegno prima o poi richiesto da timori tipicamente femminili. So che è diffusa una di quelle frasi terribilmente sbagliate: “E ' tutto questione di volontà”; classica risposta controempatica. Ma espressa pure senza un deliberato malanimo.
Inoltre con gli anni è inevitabile che si dicano sempre le stesse cose trite e ritrite; c'è resistenza a lasciar emergere parti nuove di noi stessi e non succede che rovesciamo collaudati ruoli, per cui si potrebbe scoprire qualcosa di non già detto. Per voi donne giova la solidarietà confidenziale che avviene tra amiche che sanno “far gruppo”. Nel senso che si scambiano emozioni con chi sentono simile. Ampliando i propri spazi emotivi, anche se non tutti sono immediatamente esprimibili. Comprendendo le proprie emozioni si percepiscono più correttamente quelle altrui.

Un diario per l' autoraccontarsi e per meglio conoscere il proprio monologo interiore è utile, ma come hai capito non può sostituire un dialogo, attraverso il quale si attenuano le nostre sofferenze psichiche. Anche gl' incontri professionali, più che sulla padronanza di teorie - tra l'altro oggi usate in modo eclettico - per essere efficaci si devono basare sul tipo di relazione che si riesce instaurare, dalla capacità di contenimento, con un coinvolgimento senza eccessi disturbanti. Da parte di qualcuno che metta a disposizione con flessibilità la sua persona e non un “personaggio” di ruolo. Non si tratta di ristrutturare caratteri, ma immagini della realtà,attribuendo loro nuovi possibili significati. Con il linguaggio si rispecchia, e indirettamente si può “creare”.

Vivificanti interazioni arricchiscono reciprocamente e sono l'antidoto per le relazioni meccaniche e aride. Sono d'accordo con te quando dici che assimilare nuove parole serve per comprendersi e migliorare. E' ciò che siamo in grado di dire che delimita e organizza il nostro pensiero.; sarebbe opportuno sradicare frasi fatte e vecchi modi di pensare. Sono da evitare pure le astruserie e gl' indebiti specialismi. Conta la significatività pregnante delle parole: come dicevo ultimamente, dieci parole possono dire ciò che non viene detto in un libro. Perchè siamo abituati a parlare con termini superflui, circonlocuzioni, digressioni;amplificando luoghi comuni, fornendo bugie edulcorate che non possono convincere né recare conforto.
E' utile pure dialogare e saper giocare con le proprie stesse parole. Si tratta d'intraprendere un'avventura delle idee,cercando parole inusuali, non usurate dall' abitudine.

E' pur vero che la sofferenza ci predispone a intravedere un senso altrimenti mai rivelato. Una crisi può essere l'occasione per un cambiamento,e l'inizio di nuovi percorsi conoscitivi. Ogni emozione, anche quelle che si declinano nella normale vita quotidiana,sono un fattore di conoscenza, come amore, odio, vergogna, nostalgia, ecc. I sintomi sono spia di qualche conflittualità ambientale da indagare prima che reprimere.
Il disagio della mente è una risposta impropria a problemi umani. Il dolore appartiene alla condizione esistenziale,che è riflessa nel nostro male di vivere, e come ho scritto, nell' alta poesia.

Soma e psiche sono in reciproca interdipendenza perchè in un disagio delle mente entrano in gioco fattori biologici, psicologici e sociali.

Spero di aver risposto a quanto richiesto.

Come sai che ho apprezzato il personaggio di Maria in “11 minuti” di Cohelho? Mi è piaciuto anche Lo Zahir. Se rintraccio una mia piccola recensione te la incollo






un personaggio di undici minuti

Del bestseller di P.Coelho mi soffermo sulla psicologia del personaggio principale, Maria, giovane brasiliana che pure ha già compreso molto della vita, come si ricava dal suo diario.
Non si chiede di nascere, è difficile amare e farsi amare, non si perde nessuno perchè non si possiede nessuno, si sbaglia e non esiste una seconda opportunità, tutti hanno qualche aspirazione delusa, un solo giorno felice oggi è quasi un miracolo.
Tuttavia il suo progetto è conoscersi e conoscere il mondo attraverso il sesso che si riduce a quegli "undici minuti", tempo medio di ogni rapporto sessuale.
Non vorrebbe mai innamorarsi perchè l'amore è tormento e non sa se sia meglio sottrarsi o abbandonarsi alle passioni; se sperimentarle senza inibizioni o ritirarsi in una tranquilla routine familiare.
Pur riconosce che lo scopo dell'essere umano è comprendere l'amore condividendone le emozioni.

Giudica gli uomini fragili, inconstanti, insicuri, e timorosi delle donne. Per sfuggire la realtà con una felicità fittizia, incapaci di vivere intensamente, pagano le donne: ne ha conferma quando si prostituisce in Svizzera e inoltre riconosce la rarità e breve durata di un amore totalizzante che unisca erotismo e sentimento:
"Chi ha toccato la mia anima non ha risvegliato il mio corpo; chi ha accarezzato il mio corpo non ha raggiunto la mia anima". I percorsi dell'eros sono tortuosi anche per il maschio e può succedere che pure dissoci l'amore per la donna "angelicata" e il desiderio per la donna che non stima. Le donne possono scoprire l'inesperienza maschile anche per quanto riguarda la loro anatomia. Maria mi ricorda un'altra eroina dell'esperienza erotica con funzione autoesploratrice: Catherine ("La storia di Catherine Millet"), che sperimenta ogni bizzaria sessuale appagandosi alla fine solo con l'autoertismo e le fantasticherie.

Vengono sollevati alcuni problemi reali che la maggior libertà sessuale non ha risolto.
La sessualità, fragile e indecifrabile, frequentemente è fonte di conflitti, intolleranze e incomprensioni; si pone per tutti il problema della polarità tra l'esigenza di un'evasione passionale e quella di una prevedibile sicurezza di coppia; eros e sentimento possono riunisrsi e convivere solo per breve tempo, l'eros deluso dalla realtà, ecc.
Che ne pensate di questo personaggio femminile, al di là di considerazioni sulla letterarietà del romanzo?

*
arsenio is offline  
Vecchio 31-01-2008, 12.15.51   #20
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: La parola è farmaco e veleno

Citazione:
Originalmente inviato da espert37
Carissimo Arsenio, Nonostante io sia sempre stato un ferreo assertore del saper colloquiare,cioè,ascoltare,ana lizzare e poi rispondere, mi è spesso stato rinfacciato che in me si intravedeva spesso questa incapacità, motivandola da parte mia che le risposte del mio interlocutore erano da me già state analizzate, vagliate e spesse volte anche scartate,tutto questo creava una specie di muro tra me ed il mio interlocutore togliendo spesse volte la possibilità di raggiungere conclusioni. Dopo averti letto e riletto devo prendere atto che le tue parole sono riuscite ad effetuare tante riparazioni al mio modo di esprimermi, sentendomi ora meno evitato dalla mia comunità.
Per tutto questo accetta il mio grazie che ti esprimo di vero cuore
Ciao espert37


Grazie caro expert37. E' vero, soprattutto noi maschi, invece di ascoltare pensiamo impazienti più alla risposta che daremo, che poi potrebbe non c'entrare molto con ciò che intendeva dire l'interlocutore. Anche per decidere se si è d'accordo o meno, si deve prestare attenzione. Così come nei forum una lettura attenta concede di ricavare l'essenza di quanto detto, anche se talora è celata da troppe parole.
Per apprendere a comunicare si deve proprio porsi tale problema, e poi cercare qualche fonte informativa.

arsenio is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it