Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 14-02-2008, 05.53.43   #1
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
La corsa al possesso.

Che cosa ci da' il possesso? L'occasione di sentirci piu' grandi e "possenti"? o piu' sicuri in un mondo imprevedibile ? E se pure certi rapporti sessuali rispondono al bisogno di possedere?
Ho letto a suo tempo qualcosa che non posso dimenticare: quando l'uomo orientale trova un bel fiore, lo ammira e lo lascia al suo posto perche' continui a fiorire e pure altri lo possano ammirare. Ma quando l'occidentale moderno trova il fiore, lo coglie per poi gettarlo quando fra poco sara' avvizzito.
E che cosa significa la smania di fotografare posti e persone che incontriamo durante i nostri viaggi?
Fotografiamo e continuiamo a farlo, forse per impossessarci dei panorami piu' remoti? E poi facciamo circolare le foto alle quali nessuno ha interesse, forse come testimonianza del nostro successo.
Gli esempi non mancano, eppure sappiamo che non e' il possesso a farci felici.
hava is offline  
Vecchio 15-02-2008, 13.34.59   #2
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: La corsa al possesso.

Citazione:
Originalmente inviato da hava
Che cosa ci da' il possesso? L'occasione di sentirci piu' grandi e "possenti"? o piu' sicuri in un mondo imprevedibile ? E se pure certi rapporti sessuali rispondono al bisogno di possedere?
Ho letto a suo tempo qualcosa che non posso dimenticare: quando l'uomo orientale trova un bel fiore, lo ammira e lo lascia al suo posto perche' continui a fiorire e pure altri lo possano ammirare. Ma quando l'occidentale moderno trova il fiore, lo coglie per poi gettarlo quando fra poco sara' avvizzito.
E che cosa significa la smania di fotografare posti e persone che incontriamo durante i nostri viaggi?
Fotografiamo e continuiamo a farlo, forse per impossessarci dei panorami piu' remoti? E poi facciamo circolare le foto alle quali nessuno ha interesse, forse come testimonianza del nostro successo.
Gli esempi non mancano, eppure sappiamo che non e' il possesso a farci felici.

gentile hava, m'è piaciuto il tuo 3d "La corsa al possesso" t'avrei inviato un post, ma da molto tempo quasi non rispondo più ai temi altrui, perchè so che vengo "saltato", in quanto come noti, qui il mio stile risulta, alla maggioranza,difficoltoso da leggere e da capire. Tuttavia è ormai un mio stile piuttosto personale, e mi sarebbe difficile rinunciarvi.
So anche che tali argomenti, da qualche anno e in tutti i forum, come quelli di soggetto amoroso, non sono seguiti, se non per polemizzare , stroncare, travisare, prendere altri percorsi che poco c'entrano con il tema di partenza, ecc. La società occidentale si sta proprio sempre più inaridendo, come tu noti, se non esibendo false coscienze
Volevo solo ringraziarti perchè oggi il possesso, il denaro assunto a simbolo di ogni "valore", il successo e l'efficienza sono i miti della società postmoderna e mi hai dato l'idea di riprendere un argomento che anni fa avevo proposto altrove, con largo seguito.
Comunque l'ho molto arricchito, anche alla luce di una mia riflessione e di ulteriori conoscenze nel frattempo acquisite. Non oso invitarti a leggerlo; mi rendo conto che è un po' specialistico. Infatti fa parte di quei topic che m'impegnano in vari confronti, perchè di mio particolare interesse.

saluti
arsenio is offline  
Vecchio 15-02-2008, 15.59.08   #3
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: La corsa al possesso.

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
gentile hava, m'è piaciuto il tuo 3d "La corsa al possesso" t'avrei inviato un post, ma da molto tempo quasi non rispondo più ai temi altrui, perchè so che vengo "saltato", in quanto come noti, qui il mio stile risulta, alla maggioranza,difficoltoso da leggere e da capire. Tuttavia è ormai un mio stile piuttosto personale, e mi sarebbe difficile rinunciarvi.
So anche che tali argomenti, da qualche anno e in tutti i forum, come quelli di soggetto amoroso, non sono seguiti, se non per polemizzare , stroncare, travisare, prendere altri percorsi che poco c'entrano con il tema di partenza, ecc. La società occidentale si sta proprio sempre più inaridendo, come tu noti, se non esibendo false coscienze
Volevo solo ringraziarti perchè oggi il possesso, il denaro assunto a simbolo di ogni "valore", il successo e l'efficienza sono i miti della società postmoderna e mi hai dato l'idea di riprendere un argomento che anni fa avevo proposto altrove, con largo seguito.
Comunque l'ho molto arricchito, anche alla luce di una mia riflessione e di ulteriori conoscenze nel frattempo acquisite. Non oso invitarti a leggerlo; mi rendo conto che è un po' specialistico. Infatti fa parte di quei topic che m'impegnano in vari confronti, perchè di mio particolare interesse.

saluti


Grazie Arsenio.
Ho letto il tuo 3d "chi e'... "l'uomo che e' ", e penso che tu abbia approfondito il tema del "possesso" imboccando nuove direzioni importanti per se stesse, attinenti alla filosofia piuttosto che alla psicologia.
La mia intenzione e' piu' modesta e vorrebbe proporre l'immagine di un uomo moderno che mancando di sicurezza cerca invano di rinforzarsi "guadagnando territorio". Perche' col possesso si illude di controllare se stesso e gli altri, ed in molti casi di dominarli.
Ma a pensarci bene questo e' un bisogno che possiamo individuare nel corso della storia umana. Ci illudiamo di trovare la felicita' col possesso di terre e ricchezze e dominando gente e territori.
Molti filosofi si occupano di questa illusione [per esempio Spinoza], ma io preferisco limitarmi alle reazioni dei singoli cercandone i significati nelle mie esperienze quotidiane.
L'argomento mi interessa e sono lieta che interessi pure te.

Saluti.
hava is offline  
Vecchio 15-02-2008, 18.40.06   #4
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: La corsa al possesso.

Citazione:Espresso da Hava:
Che cosa ci da' il possesso? L'occasione di sentirci piu' grandi e "possenti"? o piu' sicuri in un mondo imprevedibile ? E se pure certi rapporti sessuali rispondono al bisogno di possedere?
Ho letto a suo tempo qualcosa che non posso dimenticare: quando l'uomo orientale trova un bel fiore, lo ammira e lo lascia al suo posto perche' continui a fiorire e pure altri lo possano ammirare. Ma quando l'occidentale moderno trova il fiore, lo coglie per poi gettarlo quando fra poco sara' avvizzito.
E che cosa significa la smania di fotografare posti e persone che incontriamo durante i nostri viaggi?
Fotografiamo e continuiamo a farlo, forse per impossessarci dei panorami piu' remoti? E poi facciamo circolare le foto alle quali nessuno ha interesse, forse come testimonianza del nostro successo.
Gli esempi non mancano, eppure sappiamo che non e' il possesso a farci felici.

Carissima hava, l'argomento che hai proposto,oltre che interessante è anche molto importante,ed è uno degli argomenti che molto spesso mi tengono occupato con amici e con tutto il prossimo che mi sta vicino.
Per cui,secondo mè si deve innanzitutto distinguere tra le varie tipologie e qualità del possesso,perchè anche San Francesco, il Poverello di Assisi,che è l'emblema,la più vera testimonianza del non possesso, ha dovuto possedere quando dopo essere stato sfrattato dovette accettare in regalo La Porziuncola,e vari altri beni per l'alloggio ed il sostentamento Suo e dei suoi amici che lo seguivano. La quantità del possesso è molto relativa, e purtroppo è stata spesse volte causa di molte ed anche calde discussioni tra mè ed i vari miei interlocutori. Io ho sempre insistito che l'uomo di fede dovrebbe limitarsi al possesso del tanto che gli è necessario per poter asistere nella società di cui fa parte,mantenendosi così la possibilità di trasmettere ciò che ha di buono al suo prossimo. Però prendiamo ad esempio un industriale,che con le sue probabili maggiori facolta intellettive,è riuscito a fondare uno stabilimento,questi deve per forza maggiore possedere di più di mè perchè in lui sta una maggior responsabilità nonchè investimento di capitali. Ciò nonostante, a mio avviso,se in noi esistesse una maggior educazione morale, saremmo tutti invogliati a non correre per il possesso del superfluo,verso il quale siamo quotidianamente spinti da questa distorta società materialista e consumistica, e ci limiteremmo all'essenziale godendo così dei veri ed appaganti piaceri dello spirito e non di quelli estremamente effimeri del materialismo. Scusami se mi sono un pò troppo dilungato,ora smetto subito, affermando che fino a che l'uomo non si deciderà a migliorarsi moralmente e capire i veri valori della vita,andremo inesorabilmente sulla via del baratro.

Un caro saluto espert37
espert37 is offline  
Vecchio 15-02-2008, 21.39.40   #5
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: La corsa al possesso.

Possesso equivale sempre a violenza e morte. Non può esservi alcun possesso senza la morte di ciò che si vuole possedere e di chi lo possiede.

L'esempio del fiore che facevi è bellissimo e calzante e più che le parole occorre che siano i fatti della nostra vita a parlare.

Non colgo più fiori, non amo i fiori recisi perchè per me simboleggiano la morte. Ed io amo la vita.

Ed è vita quando incontri un fiore e cominci a guardarlo e poi diventi fiore ed il fiore diventa te. Non c'è foto, asporto, descrizione che possa rappresentare un tale unico e meraviglioso evento.

E' la pulsione verso la morte caratteristica di molte civiltà, quella attuale ne è completamente impregnata, a spingere al possesso e non al semplice uso di un qualcosa.

Esempio io ho un'auto perchè mi serve (raramente) per andare in un posto (uso la bici di solito) e purchè cammini e sia efficiente per me va bene. Non è un bene che mi rappresenta in alcun modo.

Tutto ciò che possiedo in realtà non mi appartiene, ne ho solo l'uso. Quando entro in auto so che mi porterà qui e lì ma so che l'auto appartiene a se stessa.
Berlusconi che possiede miliardi di euro e case e ville e non sa neppure lui cosa, che se ne fa? Arricchiscono forse il suo spirito? o invece lo impoveriscono?
Il possedere nel suo senso più letterale e profondo del termine, inglobare in se stessi "la cosa" porta a distruggere una parte di se stessi per lasciare il posto alla cosa posseduta, che sia un'auto, un conto in banca, una donna, un uomo, un figlio, un amico, un potere.

Il gabbiano che leva in volo ha persino le ossa cave per potersi librare in alto.

Così noi se non siamo vuoti, se non siamo liberi, se non siamo leggeri non possiamo elevarci in alcun modo.
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it