Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 16-10-2014, 13.55.08   #11
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

@Galvan

Intervengo in ritardo perché, anche avendo letto il quesito iniziale appena pubblicato, pensavo che la mia risposta: 'il suo Dio', a cosa fosse più importante dell'onore di un re, di un popolo, non sarebbe stata appropiata essendo la discussione in psicologia, ed io non riesco a discutere di processi psichici e mentali senza chiamare in causa i concetti trascendentali, ho dei limiti in questo.
Poi, sentendo il tuo finale: "la saggezza di Salomone", che altro non è il suo Dio ( Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda»), mi son detto:"...diamine, avevo vinto l'orsacchiotto!!..."


Citazione:
** scritto da Galvan
Citazione:
Ardua responsabilità per chi nel caso sia chiamato a premere il bottone… perlomeno di fronte alla storia, ammesso che continui… per provvidenza divina o per c..o, avendo qualcuno bunker più resistenti degli altri. Direbbe Duc che i conti si faranno alla fine, prima era storiografia… ma non è il mio campo, soprattutto quella dell’aldilà.

** scritto da nikelise
Citazione:
Sapete come in Malesia catturano le scimmie ?
Mettono un pugno di riso in una gabbia legata ad un albero , questa gabbia ha un'apertura di misura tale che la scimmia puo' fare entrare la mano aperta ma non la puo' fare uscire se e' chiusa a pugno .
Bene , la scimmia dopo aver preso il pugno di riso resta intrappolata per il tempo necessario ad essere catturata perché non comprende all'istante che la sua liberta' e' legata al perdere quello che ha afferrato .
Noi non facciamo lo stesso ??

Io dico che i conti si fanno già qui, adesso, basta osservare come in tanti pensano di essere liberi senza poter muoversi neanche di un centimetro perché hanno la mano (coscienza, anima, dignità) intrappolata, proprio come la scimmia.



-------------------------------------------------------------------------


** Credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che credi, vivi ciò che insegni.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 16-10-2014, 15.24.32   #12
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum!
@Galvan


sentendo il tuo finale: "la saggezza di Salomone", che altro non è il suo Dio ( Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda»), mi son detto:"...diamine, avevo vinto l'orsacchiotto!!..."




Posso fare (gratuitamente, ovvio) la segretaria anche precaria del 3d?

Duc...posa l'orsacchiotto (almeno fino a verifica)!

Sei certo di aver dato la dovuta importanza a questa di Galvan, prima di portare a casa il peluche? :

Narratore: ...inventata al momento, per te... non fare la guerra in casa tua, rinuncia a qualcosa…

P.s. : ringrazio Galvan ...di tutto.
Per "pari opportunità" , a questa precisazione tengo molto, intendevo e intendo quelle di tutti gli Umani. (pari opportunità che non sono neanche lontane parenti di "uno vale uno", oltre la culla, ma questo è decisamente OT)
Anzi... le "pari opportunità" in declinazione "maschio-femmina" ...almeno nell'Occidente del Globo le trovo squilibrate in favore del mondo femmina (per debolezza maschile) ; e infatti riesco anche a divertirmi interrogandomi nell'assistere al trionfo del classico "terzo che gode tra i due litiganti", felicemente interpretato dalla lobby Gay (ma anche questo è tutto OT, sorry) .
vanina is offline  
Vecchio 17-10-2014, 09.54.06   #13
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

@vanina

No, non le avevo dato la giusta importanza, ma, riflettendoci sopra, è la sintesi saggia del gesto, della decisione del Re, scelta presa intuitivamente grazie alla saggezza di Salomone, ricevuta per volontà divina.

L'orsacchiotto te lo regalo con la stessa generosità, è un piacere e un dovere, poiché in questo, anche se gioiosamente coniugato, sono molto debole verso il mondo femmina.



--------------------------------------------------------------------------------------


** Credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che credi, vivi ciò che insegni.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 17-10-2014, 15.34.31   #14
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum!
@vanina

No, non le avevo dato la giusta importanza, ma, riflettendoci sopra, è la sintesi saggia del gesto, della decisione del Re, scelta presa intuitivamente grazie alla saggezza di Salomone, ricevuta per volontà divina.

L'orsacchiotto te lo regalo con la stessa generosità, è un piacere e un dovere, poiché in questo, anche se gioiosamente coniugato, sono molto debole verso il mondo femmina.


Duc, Duc, Duc ..."sentivo" che fossi un Gentiluomo!

Solo che...io non ambivo al peluche (sono ancora alle prese con lo smaltimento di quelli non particolarmente significativi del mio bimbo che ha ormai 24 anni, e che mi ingombrano casa e soffitta!!).

Se proprio il peluche fosse mio lo porterei alla Caritas, con convinzione (oltretutto...il peluche non si mangia e non si deposita in banca, quindi...forse arriva a qualche Bimbo che ne trae sollievo e compagnia, e siamo tutti felici di questo).

Però...per dire che l'hai vinto tu e che lo regali (di conseguenza) a me (grazie ancora) mi manca un tassello, e cioè: in questo carinissimo 3d...la conclusione che il Narratore (Galvan) abbina a Salomone ...sarebbe di Galvan.

Ma anche facendo finta che fosse di Salomone (e questo lo puoi spiegare solo Tu, Duc) ...'ndò poggia l'equazione secondo cui Salomone avrebbe espresso tale illuminata soluzione ...avendola "ricevuta per volontà divina"

E' sempre un piacere, comunque.
vanina is offline  
Vecchio 18-10-2014, 11.38.11   #15
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

@vanina


Vanì, ma il tassello non esiste, sei tu che vedi i draghi al posto dei mulini.

Galvan, alias il narratore, scrive nel primo post:

Narratore:...il re rialzò la spada e chiese: cos'è più importante dell'onore di un re, di un popolo..?

Amica: … chi lo sa?


Tocca a voi, provate a rispondere…


Qual è stata la risposta del narratore, alias Galvan?

Ah, manca saper come finì la storia…

Narratore:...il re rialzò la spada e chiese: cos'è più importante dell'onore di un re, di un popolo..?

Amica: … chi lo sa?

Narratore: ... la saggezza… la famosa saggezza di Re Salomone.

GAME OVER

Il simpatico quesito è risolto, secondo il proggetista (Galvan/narratore) dell'enigma, la risposta esatta è la saggezza che Salomone chiede a Dio, quando l'Onnipotente gli chiede cosa volesse: '...In quei giorni a Gàbaon il Signore apparve a Salomone in sogno durante la notte. Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda»...'



Risponde il Re:
Dio dei padri e Signore di misericordia, *
che tutto hai creato con la tua parola,
che con la tua sapienza hai formato l’uomo, *
perché domini sulle creature che tu hai fatto,

e governi il mondo con santità e giustizia *
e pronunzi giudizi con animo retto,
dammi la sapienza, che siede accanto a te in trono *
e non mi escludere dal numero dei tuoi figli,

perché io sono tuo servo e figlio della tua ancella, †
uomo debole e di vita breve, *
incapace di comprendere la giustizia e le leggi.

Anche il più perfetto tra gli uomini, †
privo della tua sapienza, *
sarebbe stimato un nulla.

Con te è la sapienza che conosce le tue opere, *
che era presente quando creavi il mondo;
essa conosce che cosa è gradito ai tuoi occhi *
e ciò che è conforme ai tuoi decreti.

Mandala dai cieli santi, *
dal tuo trono glorioso,
perché mi assista e mi affianchi nella mia fatica *
e io sappia ciò che ti è gradito.

Essa tutto conosce e tutto comprende, †
e mi guiderà con prudenza nelle mie azioni *
e mi proteggerà con la sua gloria.

-- (SAPIENZA 9, 1-6. 9-11) --



Pace&Bene
Duc in altum! is offline  
Vecchio 18-10-2014, 13.52.54   #16
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum!
@vanina


Vanì, ma il tassello non esiste, sei tu che vedi i draghi al posto dei mulini.

Galvan, alias il narratore, scrive nel primo post:

Narratore:...il re rialzò la spada e chiese: cos'è più importante dell'onore di un re, di un popolo..?

Amica: … chi lo sa?


Tocca a voi, provate a rispondere…


Qual è stata la risposta del narratore, alias Galvan?

Ah, manca saper come finì la storia…

Narratore:...il re rialzò la spada e chiese: cos'è più importante dell'onore di un re, di un popolo..?

Amica: … chi lo sa?

Narratore: ... la saggezza… la famosa saggezza di Re Salomone.

GAME OVER

Il simpatico quesito è risolto, secondo il proggetista (Galvan/narratore) dell'enigma, la risposta esatta è la saggezza che Salomone chiede a Dio, quando l'Onnipotente gli chiede cosa volesse: '...In quei giorni a Gàbaon il Signore apparve a Salomone in sogno durante la notte. Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda»...'



Risponde il Re:
Dio dei padri e Signore di misericordia, *
che tutto hai creato con la tua parola,
che con la tua sapienza hai formato l’uomo, *
perché domini sulle creature che tu hai fatto,

e governi il mondo con santità e giustizia *
e pronunzi giudizi con animo retto,
dammi la sapienza, che siede accanto a te in trono *
e non mi escludere dal numero dei tuoi figli,

perché io sono tuo servo e figlio della tua ancella, †
uomo debole e di vita breve, *
incapace di comprendere la giustizia e le leggi.

Anche il più perfetto tra gli uomini, †
privo della tua sapienza, *
sarebbe stimato un nulla.

Con te è la sapienza che conosce le tue opere, *
che era presente quando creavi il mondo;
essa conosce che cosa è gradito ai tuoi occhi *
e ciò che è conforme ai tuoi decreti.

Mandala dai cieli santi, *
dal tuo trono glorioso,
perché mi assista e mi affianchi nella mia fatica *
e io sappia ciò che ti è gradito.

Essa tutto conosce e tutto comprende, †
e mi guiderà con prudenza nelle mie azioni *
e mi proteggerà con la sua gloria.

-- (SAPIENZA 9, 1-6. 9-11) --



Pace&Bene

Io (che alla fine mi sei simpatico) non ti dico che sei Tu a vedere i mulini al posto dei draghi.

Dico solo che ...forse ora...tocca a Galvan, visto che la conclusione attribuita nella fortunata pierce di Galvan a Salomone, in realtà (come già detto) è di Galvan (che non risulta abbia chiesto a Dio o avuto Sue Illuminazioni) , e non di Salomone che narra di averne avute....

Vedi che ho fatto bene a chiedere di fare la segretaria (precaria) del 3d? ..... Io cerco di tenere in ordine gli archivi, e cerco di riferirne al Capo (Galvan...sia chiaro!) ...
Se Lui mi dice : no no , sbagliato faldone....ossequiente prendo atto e cerco di capire e di organizzarmi meglio per il futuro.
vanina is offline  
Vecchio 18-10-2014, 19.33.46   #17
sgiombo
Ospite abituale
 
L'avatar di sgiombo
 
Data registrazione: 26-11-2008
Messaggi: 1,234
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

Citazione:
Originalmente inviato da vanina
Io (che alla fine mi sei simpatico) non ti dico che sei Tu a vedere i mulini al posto dei draghi.

Dico solo che ...forse ora...tocca a Galvan, visto che la conclusione attribuita nella fortunata pierce di Galvan a Salomone, in realtà (come già detto) è di Galvan (che non risulta abbia chiesto a Dio o avuto Sue Illuminazioni) , e non di Salomone che narra di averne avute....

Vedi che ho fatto bene a chiedere di fare la segretaria (precaria) del 3d? ..... Io cerco di tenere in ordine gli archivi, e cerco di riferirne al Capo (Galvan...sia chiaro!) ...
Se Lui mi dice : no no , sbagliato faldone....ossequiente prendo atto e cerco di capire e di organizzarmi meglio per il futuro.



A me sembra che Galvan abbia lasciato volutamente (ed argutamente) in dubbio il finale, con quella voce che si sente dalla porta e che lo stramaledice in romanesco per la pretesa che si tagli il dito, che io ho interpretato come di Salomone (va beh, a Gerusalemme non parlavano romanesco, ma potrebbe essere una licenza poetica).

Se é così, propongo un pelouche a testa "pari merito", da devolvere entrambi alla Caritas (ma effettivamente solo Galvan può dirimere la questione; e sono anch' io curioso di sapere come).
sgiombo is offline  
Vecchio 19-10-2014, 10.59.51   #18
nikelise
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 28-05-2012
Messaggi: 198
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).

Citazione:
Originalmente inviato da sgiombo
A me sembra che Galvan abbia lasciato volutamente (ed argutamente) in dubbio il finale, con quella voce che si sente dalla porta e che lo stramaledice in romanesco per la pretesa che si tagli il dito, che io ho interpretato come di Salomone (va beh, a Gerusalemme non parlavano romanesco, ma potrebbe essere una licenza poetica).

Se é così, propongo un pelouche a testa "pari merito", da devolvere entrambi alla Caritas (ma effettivamente solo Galvan può dirimere la questione; e sono anch' io curioso di sapere come).
Mi permetto di fare il Galvan prima del suo intervento : ma vi pare che un personaggio del calibro di Salomone si sarebbe fermato lasciando l'iniziativa ad altri , nel grave frangente in cui si trovava , per un anello che non si sfilava e si sarebbe così affidato all'indicazione di quel suo dito lasciando che a decidere non fosse lui ,il piu' saggio di tutti perché ispirato dal suo Dio , ma uno qualsiasi che gli stava in quel momento davanti ? E' evidente che non poteva essere così : Salomone ,quello vero ,non avrebbe di certo esitato un istante a tagliarsi il dito se fosse stato necessario . E' dunque Galvan o chi per lui che ha dato al racconto il taglio diverso che ha dato , celando , con l'interrogativo che ha posto , il vero obiettivo del dialogo che è' dimostrare quanto sia importante la capacità di rinunciare o di privarsi di qualcosa di proprio oggi per un bene più prezioso che si spera arrivi domani . Quindi il tema e' la saggezza e nello specifico il tema della rinuncia non fine a se stessa ma per un fine nobile ; con l'ulteriore astuzia di aver fermato il racconto ad un punto in cui sembrava proprio l'opposto : cioè' che Salomone/Galvan preferisse il proprio dito alla propria responsabilità ........come spessissimo e' accaduto e accade . E' così Galvan?
nikelise is offline  
Vecchio 19-10-2014, 15.20.56   #19
Galvan 1224
Nuovo ospite
 
L'avatar di Galvan 1224
 
Data registrazione: 30-01-2014
Messaggi: 189
Riferimento: L'anello di Re Salomone (... versione interattiva).





… c’erano innumerevoli, lunghi corridoi che si intersecavano tra loro… e porte, una selva di porte che s’opponevano alla curiosità e altre intenzioni a mezzo di grossi lucchettoni le cui chiavi non era dato d’aver a chi non fosse autorizzato…

Io non lo ero, e proprio non sapevo com’era possibile che mi ritrovassi a girar in quei luoghi…

...forse la ragione stava nel mio camminar il giorno prima (o stavo leggendo…) e al farlo sentir la mia giacca impigliarsi in qualcosa, e al guardar come liberar il drappo, non scorger nulla di reale, di esistente, che ne fosse causa…

Qualcosa d’irreale, allora?
E come può quello agir e aver forza sul reale… non c’è dunque un ordine, una priorità?
Quindi non qualcosa d’irreale, di non conosciuto come noi si conosce, ma pur qualcosa capace di un’azione, al minimo di un effetto.

Qualcosa che ha valenza ed esistenza in altra che non la realtà cui siam avvezzi; e non la realtà del sogno poiché ero sveglio, e neppur quella modificata dall’uso d’una qualche sostanza lenitiva dell’insostenibile leggerezza dell’essere.
Codeste non m’aggradano, e la coscienza, che già non dura a lungo, sento congeniale averla com’è di suo.


Forse mi trovavo in una differente realtà , chissà mai dove situata e tuttavia in precedenza capace a mezzo d’un attrito… di veicolar un segnale, un messaggio… e attender risposta…

Fosse come fosse e chissà dove fossi… vagavo in quel labirinto… con la sensazione, tuttavia, che al vederla avrei riconosciuto la mia meta.

Ed ecco, arrivato nel mezzo del mio cammin, il segnale… e doveva per forza esser tale, che altri non v’erano.
Simile a quello riportato nel disegno, una mano coll’indice a indicar una direzione; ma quello ch’io vidi pur non essendo troppo diverso aveva una peculiarità che vi descrivo: l’intera mano era del color della carne rosea… ma il dito, l’indice, era senza colori, in bianco e nero… quasi la vita ne fosse sfuggita e chissà come ancor avesse alloggio nella mano…

Tosto imboccai la direzione e dopo periglioso viaggio alfin una porta… senza lucchetto, dunque la mia… e alla destra un’insegna come quelle d’un professionista: Dr. Salomone – differenti consulenze.

Non feci a tempo a chiedermi il significato di tal inconsueta attività che la porta si aprì e allargato il varco, una figura si volse ad accogliermi, dandomi segno con ciò d’esser atteso…

Orbene son costretto per amor di verità a darvi conto di chi fosse quell’uomo che m’aprì, pur se m’immagino il sorriso di qualcuno all’udirlo… che invito a ricercar la verità che s’asconde dietro le parvenze delli nomi strani… ebbene era proprio David Bowie… il famoso cantante…

Ma lì, in quella che ormai ero certo trattarsi di una differente realtà (e ciò spiegava le differenti consulenze…) egli era servitor del suo fattore, incarico che svolgeva con dedizione… e mentre mi accompagnava ebbi modo di capir la solerzia che poneva nel suo nuovo ruolo, nel descrivermi a profusione le qualità del suo Dottore…

E quello dunque incontrai…

Dottor Salomone: benvenuto… non son molti quelli che mi raggiungono, le indicazioni lasciano a desiderare… vorrei dar incarico di rinnovarle ed anche di aggiungerne… ma alfine, perché..?
Chi deve giunger, giunge… signor..?

Galvan: Galvan, Dottore… quasi mi par che m’attendesse, può essere?

Dr. – oh sì… infatti mi è stata preannunciata la sua visita… il motivo, tuttavia, gradirei udirlo dalla sua voce, pur se l’immagino…

G.- … il motivo è presto detto… qualcosa, nella mia realtà umana… m’ha tirato per la giacca… so che son banalità, quisquilie…magari m’è parso e ne ho dato soverchia importanza… ma la cosa ha richiamato la mia attenzione e non ne son venuto a capo... poi mi son ritrovato qui e capisco che lo sono a causa di quel fatto, per trovar una spiegazione… e anche vorrei chiederle il senso di quel che qui mi circonda, vedo, sento e provo…

Dr.- nondimeno… il senso del suo trovarsi al mondo (in questo differente mondo) e la risposta a quel che le accade… vedremo cosa si può fare… un professionista non si toglie di torno i casi difficili…

Dunque l’hanno tirata per la giacca… segno che deve risponder a qualcuno, sulla base di quel che ha fatto… che ha fatto..?

G.- … ah, adesso lo vedo..!
Mah, nulla d’importante, ho avviato una discussione prendendo spunto da un tema biblico… per veder come altri avrebbero dato risposta alla questione… mi sa che la conosce…

Dr.- sì, il mio collaboratore mi ha informato prima della sua visita … e quindi?

G.- … e quindi saprà che la cosa ha dato origine a differenti interpretazioni, ragion per la quale si chiede il mio parere…

Dr.- … e dunque lo dia, dov’è il problema?

G.- … evidentemente la questione travalica le mie possibilità, posto che la mia condotta mira ad unire e in tal sentire ricerco risposta…

Dr.- … mmh… capisco… veniamo al dunque… qual è il cuor della questione?

G.- senz’altro la saggezza… s’essa provenga dal divino o l’uomo l’acquisisca da sé..

Dr.- avrà già letto le definizioni al riguardo… la saggezza per i filosofi, per i credenti… valori condivisi, etica, bene comune… e il suo opposto, la follia…

Come per tutte le cose non v’è un sentire condiviso.
L’esperienza d’ognuno condurrà la nave in porti diversi, pur se tutti faranno il viaggio… chi avrà manovrato vele e timone con perizia, ben comandato all’equipaggio le manovre che abbian tratto d’impaccio, potrà contar un domani su tal esperienza e ad essa render merito… e quelli la cui preparazione non basta a dar conto d’averla scampata che si son rivolti a qualcosa che avvertono o sperano o suppongano… posson a quel loro domandar, a quella loro disposizione interna, dar conto dell’evento… ricordandosi d’agir in tal modo per l’avvenire.

G.-sì, capisco… ma ancora non è la risposta adeguata… a dir così par più Pilato che Salomone… mi perdoni…

Dr.- non c’è da scusarsi… stiamo discutendo e man mano arriviamo al punto… l’unico punto fermo…

G.- … che sarebbe..?

Dr.- … che sarebbe, che è… lei…

Vede, lei si trova qui a causa della sua domanda che le ha dato spunto per creare questa differente realtà, perché ha sentito che solo in questa può trovar la sua risposta.

Non vuol prenderla dalla tradizione, dalle conoscenze di questo o quell’uomo, dalle esperienze… perché riporterebbe la risposta a quelle, la collegherebbe inevitabilmente a quel sentire… e lei, pur se sarà poca cosa, desidera dar voce a quel qualcosa che resta quando si è dimenticato tutto… Parta da quello…

G.-… esatto… ha centrato il punto… e finalmente vedo la risposta…
Ma adesso è tardi… mi sa che devo proprio andare… come posso compensarla..?

Dr.- … eh sì, è tardi… per il compenso non si preoccupi… basta che passi in uno degli uffici qui accanto, troverà la segretaria… le dica che è tutto a posto…

G.- grazie di tutto, arrivederci…

Dr.- grazie a lei della visita… arrivederci…

G.- … ah, quale ufficio..?

Dr.- …c’è l’insegna…”Vanina, segretaria per differenti occasioni… ”


………..



Il titolo della discussione “L’anello di Salomone - versione interattiva” dà conto del motivo per cui l’ho iniziata, prender spunto da una storia e modificarla per permettere appunto d’interagire tra noi.

Se ogni parola si può interpretare in modi diversi, figuriamoci una storia… così come è avvenuto… ognuno ne mette in risalto quel che gli è peculiare.

La saggezza di chi legge sta nel comprendere che quel che resta quando si è letto tutto, compreso i diversi punti di vista… è qualcosa che non si può afferrare ma tuttavia rimane… nel tessuto infinito ed insondabile della memoria, nelle scie di vita delle persone a cui corrispondono, dove si è impresso un collegamento con quelle d’altri, per averli incontrati, toccati… amati o avversati… o semplicemente parlato con loro, anche a mezzo di parole scritte.

Dategli il nome che vi aggrada o non nominatelo se vi sembra meglio… per me, qualunque cosa sia, è qualcosa che da un senso alla mia vita.


un caro saluto a tutti
Galvan 1224 is offline  
Vecchio 19-10-2014, 16.22.43   #20
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Raccomandata A.R. al Capo

Citazione:
Originalmente inviato da Galvan 1224
Se ogni parola si può interpretare in modi diversi, figuriamoci una storia… così come è avvenuto… ognuno ne mette in risalto quel che gli è peculiare.

La saggezza di chi legge sta nel comprendere che quel che resta quando si è letto tutto, compreso i diversi punti di vista… è qualcosa che non si può afferrare ma tuttavia rimane… nel tessuto infinito ed insondabile della memoria, nelle scie di vita delle persone a cui corrispondono, dove si è impresso un collegamento con quelle d’altri, per averli incontrati, toccati… amati o avversati… o semplicemente parlato con loro, anche a mezzo di parole scritte.

Dategli il nome che vi aggrada o non nominatelo se vi sembra meglio… per me, qualunque cosa sia, è qualcosa che da un senso alla mia vita.


un caro saluto a tutti

In ogni caso geniale.

Tanto che rinuncio a rivendicazioni sindacali di ogni sorta (ben motivabili, volendo! ).

Chiederei (in omaggio a Salomone) che il peluche non fosse tagliato per far contenti tutti i contendenti.

Basta che vada intero alla Caritas....
vanina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it