Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 07-03-2015, 17.41.14   #1
sym.zx
 
Messaggi: n/a
Significato reale dei tatuaggi

Buonasera a tutti. Guardandomi in giro non ho potuto non costatare che il numero delle persone tatuate é aumentato considerevolmente da 10 anni a questa parte; si é sensibilmente abbassata l'età media dei "tatuati" e per di più sono in aumento i casi di ragazzi che si fanno il primo tatuaggio a 14 anni. Mi domandavo quindi se questo non fosse un sintomo della crisi di identità che sta affliggendo la gioventù del 21esimo secolo. Secondo me (riallacciandomi al topic sui social network) questa identità liquida, che il mondo dei social ci fa passare per buona e genuina, ma che in realtà non é altro che il fantasma delle vecchie comunità decedute, fa credere ai ragazzi di appartenere a qualcosa ma genera a livello sub cosciente un senso perenne di insicurezza e paura: i ragazzi attuano molti comportamenti per scacciare questa insicurezza e uno di questi é proprio il tatuarsi. Scrivendosi sulla pelle qualcosa che non andrà mai via, credono di identificarsi davvero in qualcosa che non li abbandonerà mai, che quel simbolo farà parte di loro, ma soprattutto che loro saranno parte di quel simbolo. Ma l'identità, a mio parere, non può nascere senza il confronto/scontro diretto con una o più persone: il tatuaggio andrà quindi solo ad aumentare la nevrosi collettiva nel lungo periodo. Voi cosa ne pensate?
 
Vecchio 08-03-2015, 14.10.42   #2
jolly666
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 23-11-2014
Messaggi: 168
Riferimento: Significato reale dei tatuaggi

Penso che il tatuaggio sia più che altro una questione di moda i motivi per cui uno si tatua sono diversi a mio parere concordo con te che ci sia di mezzo in alcuni anche insicurezza che tentano di coprire o usano il tatuaggio come mezzo per esprimere qualcosa che normalmente non riuscirebbero a fare, io ho 32 anni e sono rimasto uno dei pochi senza tatuaggio e non penso che me ne ffarò mai, sono uno che tendenzialmente seguo poco le mode e non ho mai puntato tanto sul lato estetico per avere conquiste..cmq generalmente penso che più che problemi psicologici il tatuaggio sia solo una moda del momento e il gregge e sempre pronto a far ciò che fanno gli altri sensa rifletterci più di tanto..
jolly666 is offline  
Vecchio 17-03-2015, 19.03.32   #3
Coscienza
Ospite
 
Data registrazione: 16-07-2011
Messaggi: 44
Riferimento: Significato reale dei tatuaggi

Anch'io credo sia solo una moda, anche se... della moda si potrebbe dire lo stesso che l'autore del thread dice sui tatuaggi.
Un'altra possibilità è che uno si faccia un tatuaggio solo perché davvero gli piacciono i tatuaggi, non in senso banale, ma quasi artistico. Ma di nuovo, anche in questo caso non si esclude necessariamente ciò che si dice nel primo post: infatti, perché piace il tatuaggio? Tanto più piace per ragioni estetico-artistiche, tanto più rispecchia il nichilismo delle ultime generazioni.
Una volta si disegnava su una tela, non sulla pelle. La pelle adesso non conta più nulla, è merce.
Coscienza is offline  
Vecchio 18-03-2015, 16.26.03   #4
jolly666
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 23-11-2014
Messaggi: 168
Riferimento: Significato reale dei tatuaggi

Non è vero il disegnare la pelle è una delle cose più storiche che esista insieme alla musica in tantissime regioni del mondo già 2000 anni fa si usava disegnare la pelle vedi indiani, popoli africani ecc. Il fatto che da noi non era usanza e ora lo è non significa che sia nato ora il bisogno di disegnare la pelle..è soltanto una moda culturale che fino a poco tempo fa non faceva parte della nostra cultura..domani ne verrà un altra di moda, probabilmente più stupida di questa..
jolly666 is offline  
Vecchio 22-08-2015, 17.45.23   #5
plexiglas
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 19-08-2015
Messaggi: 3
Riferimento: Significato reale dei tatuaggi

Mi sembra che nelle culture storiche e preservate di popoli indigeni il disegnarsi sulla pelle non sia una cosa permanente. Tali usanze antiche mi farebbero pensare più al trucco che ai tatuaggi. Nella società occidentale una volta i tatuaggi erano considerati negativamente e avevano funzioni diverse, come ad esempio quella di coprire marchi inflitti in schiavitù, prerogativa delle classi meno abbienti.
E' il fatto che un tatuaggio sia per sempre che mi fa riflettere, dal punto di vista psicologico l'esigenza di avere un marchio indelebile la considero molto diversa dal mero abbellirsi il corpo. Perché si oppone alla realtà, essendo la vita un mutamento in divenire incontrastabile. Marchiarsi mi sembra non accettare l'inevitabilità che tutto cambi. Non mi stupirebbe se nella maggior parte dei tatuati ci fosse una grande paura della morte.
plexiglas is offline  
Vecchio 03-09-2015, 10.43.34   #6
GiacomoArt
Ospite
 
L'avatar di GiacomoArt
 
Data registrazione: 14-10-2008
Messaggi: 9
Riferimento: Significato reale dei tatuaggi

Ci si tatua per omologazione o per il suo esatto opposto, per 'essere contro'.
Non credo sia una questione puramente estetica e fine a se stessa, ma questa è una visione personale, altri possono vederla diversamente, immagino.
Comunque ognuno è libero di fare quello che vuole, senza pregiudizi, o così dovrebbe essere.
Verrebbe da chiedersi allora perché su internet ci si identifica con un avatar. Forse il tatuaggio può essere questo, una tappa nel processo di individuazione di sé, tramite immagini archetipiche. Una sorta di affermazione (narcisistica?) del sé.
O forse, come le emoticon, sono una scorciatoia per 'spiegarsi' agli altri meglio , per 'stimolare' l'empatia negli altri? (che poi sia simpatia o antipatia questo dipende dal ricevente l'impulso)
Beh poi ci sono culture orientali, come quella thai, dove i tatuaggi sono vere e proprie preghiere buddiste, una sorta di amuleto contro la malasorte. Qui si potrebbe aprire un altro dibattito, chiedendosi se è giusto che persone occidentali si approprino di simboli non appartenenti alla loro cultura.. (per me non c'è problema, ognuno è libero di fare quello che vuole.. però sempre nel rispetto degli altri, i buddisti potrebbe sentirsi offesi nella divulgazione di immagini appartenenti alla loro cultura, con abbinamenti alle volte disastrosi.. chissà.. )

GiacomoArt is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it