Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-05-2002, 00.18.19   #1
karol
Ospite abituale
 
L'avatar di karol
 
Data registrazione: 28-05-2002
Messaggi: 40
avete un consiglio da darmi?

ciao a tutti, sono nuova di qui e felice di aver trovato un sito che risponde così bene ai miei attuali bisogni.
sapete, sono sempre stata una persona piuttosto riflessiva con notevoli capacità di introspezione (almeno così tutti mi dicono...)
eppure in questi ultimi tempi vivo un problema serio ed importante a cui non so trovare una soluzione e che mi ha messa in crisi, sotto tutti i punti di vista.
perciò scrivo a questo forum ...perché spero di poter avere qualche suggerimento di possibili soluzioni da qualcuno di voi o almeno di sapere come hanno affrontato altri un problema analogo al mio.
dunque...ho 35 anni, un figlio di 8 anni e sono separata da 3 anni ormai...aggiungo felicemente separata. fin qui niente di strano,direte voi, ce ne sono tante come me.
verissimo.
ma mi chiedo se anche loro hanno tutte le difficoltà che mi trovo a dover affrontare nella vita quotidiana ed affettiva.
in poche parole la mia età ed il mio status di separata mi precludono tantissime possibilità di vivere una vita socialmente soddisfacente, è come se fossi tagliata fuori da moltissime situazioni....e vi giuro che con un figlio da crescere è tutto amplificato!
tra l'altro ammetto di avere enormi difficoltà a riallacciare delle amicizie significative con gli altri visto che il matrimonio, putroppo per me, è stato un esperienza di totale chiusura verso il mondo esterno...e proprio ora che finalmente so dare, credo, il giusto valore a me stessa, alla mia vita e sto cercando faticosamente di dare un senso a questa vita, e sto tentando in tutti i modi di vivere secondo ciò in cui credo...faccio esperienze a volte penose in cui mi ritrovo totalmete sola, in un italia piena di gente affaccendata a vivere sulla superficie della sua vita.
ma cosa devo fare per riuscire ad incontrare davvero gli altri?
quali situazioni, quali posti, quali occasioni secondo voi?
vi prego un aiuto
non so più dove mettere le mani....
karol is offline  
Vecchio 29-05-2002, 02.36.35   #2
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
riassunto...

del riassunto, dal riassunto dei miei pensieri leggendoti:
per tirarmi sù il morale penso sempre che c'è chi stà peggio di me, e di solito funziona.
Una scelta, se mi rende felice, certo non la rimpiango.
Credevo fossi straniera scrivendo di un'Italia che vive in superficie.
Ogni mondo è paese.
Il posto migliore per fare nuove conoscenze è....stare in mezzo alla gente, non prima di sapere chi si vuol realmente conoscere.
ciao e auguri
tammy is offline  
Vecchio 29-05-2002, 09.09.30   #3
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
x karol...

Ciao collega!

Mi sembra di leggere la mia vita nel tuo scritto...solo che io di anni ne ho 26 e mio figlio ne ha 6, ed è mulatto...

Ora vado di fretta che devo uscire, poi mi metto con calma a scriverti, anche se non ti sarò molto utile visto che ho i tuoi stessi identici problemi...

Almeno stiamo nella stessa barca a farci compagnia...


Pie
 
Vecchio 29-05-2002, 09.34.37   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Karol, secondo me il problema non è quello dei posti o delle persone ma l’atteggiamento di fondo che un po’ tutti abbiamo nei rapporti umani.

In pratica se a pilotare i nostri rapporti c’è una logica di “mi serve”, “non mi serve”, gli altri che incontreremo saranno solo una creazione dei nostri bisogni.

Se viceversa andiamo incontro agli altri per pura curiosità o interesse dell’altro, senza pensare a cosa l’altro può darmi, i nostri rapporti saranno più belli ricchi e significativi ed in quel procedere, è più facile, che i nostri bisogni siano colmati.
VanLag is offline  
Vecchio 30-05-2002, 14.22.33   #5
Gigi
Ospite abituale
 
L'avatar di Gigi
 
Data registrazione: 11-04-2002
Messaggi: 91
Cara Karol,
io credo che tu sia solamente un pò confusa.
Ci fai tante domande.....
Davvero nn sai che le risposte sono dentro di te?
Chiediti dove vuoi andare.
Vedrai che arriveranno le risposte.
Un saluto
Gigi is offline  
Vecchio 30-05-2002, 18.14.19   #6
Claudio
Ciò che è, è!
 
L'avatar di Claudio
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 202
Citazione:
Originally posted by VanLag
Karol, secondo me il problema non è quello dei posti o delle persone ma l’atteggiamento di fondo che un po’ tutti abbiamo nei rapporti umani.

In pratica se a pilotare i nostri rapporti c’è una logica di “mi serve”, “non mi serve”, gli altri che incontreremo saranno solo una creazione dei nostri bisogni.

Se viceversa andiamo incontro agli altri per pura curiosità o interesse dell’altro, senza pensare a cosa l’altro può darmi, i nostri rapporti saranno più belli ricchi e significativi ed in quel procedere, è più facile, che i nostri bisogni siano colmati.

VanLag, queste sono parole sante!
Non è per elogiare un amico, ma in breve hai sintetizzato il nostro dramma: prima di vivere in sintonia con le persone che incontriamo pensiamo "a cosa mi serve conoscerla?". Purtroppo viviamo nell'era dell'uso e del consumo e trattiamo noi stessi come oggetti.

Gigi dice che tutti sanno che le risposte sono dentro di noi? Ma in che misura?!
Sì, se sai che hai fame, qualcosa dentro ti dice dove cercare il cibo o come procurartelo, ma se ti trovi in un luogo sconosciuto dovrai pur chiedere a qualcuno, o no?
La stessa cosa vale per la propria ricerca di sollievo alla sofferenza o per trovare un certo grado di felicità...

Se trovi un ambiente sano trovi già una strada da percorrere, l'energia ce la metti tu, con le tue forze interiori, ma fra il dentro ed il fuori non farei una netta distinzione, perchè non c'è.
Da dove prendi l'aria per respirare? e se è aria di montagna ed è in montagna non ti senti già meglio? Più felice oserei dire.

Anche qui puoi trovare sollievo, certo, un forum è un ambiente limitato, ma ricco di spunti per la propria vita reale.

Claudio is offline  
Vecchio 30-05-2002, 21.13.50   #7
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
Re: avete un consiglio da darmi?

Eccomi qua!


Ho riflettuto parecchio prima di decidere di e cosa scriverti...come ti dicevo siamo sulla stessa barca e quindi quello che dico a te vale anche per me! Difficile essere obbiettivi (non mi ricordo mai con quante "B" si scrive...).

Guarda, se già sei arrivata darti il giusto valore e hai la consapevolezza di quello che sei hai già fatto un grande passo avanti! E' importantissimo perchè una situazione come la nostra ti porta a svalutarti, a sottostimarti implacabilmente...
Quindi, mantieni come punto fermo nella tua nuova esistenza il tuo valore e parti da lì, non avere fretta di rapportarti a tutti i costi con qualcuno in maniera profonda perchè è il miglior modo di fallire...lascia che le cose facciano il loro corso da sole!

Prenditi tempo per costruire te stessa e rafforzarti, comincia a coltivare (se già non lo fai) degli hobby gratificanti così poi magari ti puoi iscrivere a qualche corso o gruppo di altre hobbiste e chissà...qualche anima buona la incontri, ma non buttarti a capofitto!
Ho imparato che la maggior parte delle persone non sa affrontare le confidenze e quando "una come noi" si apre e racconta la sua vita si sente spesso rispondere con un "non so che dirti"...oppure con un distacco e il silenzio, non per cattiveria, ma perchè non avendolo provato in prima persona fanno fatica a capire, ad immedesimarsi e sotto sotto si sentono spiazzati!

Ma tu stai sempre calma e vigile e lasciati trasportare dalla corrente, non scaricare su chiunque incontri tutta la tua vita passata! Ricordati, tu cominci da qui, da come sei ora, da quello che ora vali per te e questa è l'idea che devono farsi anche le persone che incontri e con cui allaccerai dei rapporti.

E' un casino lo so! Io per prima sono (quasi) incapace di fare così anche se mi sforzo di brutto!

Ah per quanto riguarda le situazioni penose, non fartene un problema, davvero, anche quelle fanno parte della tua vita, in quel momento hai avuto bisogno di fare quel tipo di esperienze e a qualcosa di sicuro ti sono servite (se non altro a capire che così non ti piace vivere!), non disprezzarle ma mettile nel tuo bagaglio insieme al resto.
Fanno parte di te...! Nessuno ti può giudicare per uno sbaglio e tu per prima non farlo se non hai fatto del male gratuito a nessuno, ok?


Beh, per ora credo sia tutto, spero di esserti stata utile in un modo o nell'altro....vado a mettere a nanna il mio bambolo!


Pie
 
Vecchio 30-05-2002, 21.56.15   #8
karol
Ospite abituale
 
L'avatar di karol
 
Data registrazione: 28-05-2002
Messaggi: 40
Re: Re: avete un consiglio da darmi?

Citazione:
Originally posted by Pie'oh'pah
Eccomi qua!


Ho riflettuto parecchio prima di decidere di e cosa scriverti...come ti dicevo siamo sulla stessa barca e quindi quello che dico a te vale anche per me! Difficile essere obbiettivi (non mi ricordo mai con quante "B" si scrive...).

Guarda, se già sei arrivata darti il giusto valore e hai la consapevolezza di quello che sei hai già fatto un grande passo avanti! E' importantissimo perchè una situazione come la nostra ti porta a svalutarti, a sottostimarti implacabilmente...
Quindi, mantieni come punto fermo nella tua nuova esistenza il tuo valore e parti da lì, non avere fretta di rapportarti a tutti i costi con qualcuno in maniera profonda perchè è il miglior modo di fallire...lascia che le cose facciano il loro corso da sole!

Prenditi tempo per costruire te stessa e rafforzarti, comincia a coltivare (se già non lo fai) degli hobby gratificanti così poi magari ti puoi iscrivere a qualche corso o gruppo di altre hobbiste e chissà...qualche anima buona la incontri, ma non buttarti a capofitto!
Ho imparato che la maggior parte delle persone non sa affrontare le confidenze e quando "una come noi" si apre e racconta la sua vita si sente spesso rispondere con un "non so che dirti"...oppure con un distacco e il silenzio, non per cattiveria, ma perchè non avendolo provato in prima persona fanno fatica a capire, ad immedesimarsi e sotto sotto si sentono spiazzati!

Ma tu stai sempre calma e vigile e lasciati trasportare dalla corrente, non scaricare su chiunque incontri tutta la tua vita passata! Ricordati, tu cominci da qui, da come sei ora, da quello che ora vali per te e questa è l'idea che devono farsi anche le persone che incontri e con cui allaccerai dei rapporti.

E' un casino lo so! Io per prima sono (quasi) incapace di fare così anche se mi sforzo di brutto!

Ah per quanto riguarda le situazioni penose, non fartene un problema, davvero, anche quelle fanno parte della tua vita, in quel momento hai avuto bisogno di fare quel tipo di esperienze e a qualcosa di sicuro ti sono servite (se non altro a capire che così non ti piace vivere!), non disprezzarle ma mettile nel tuo bagaglio insieme al resto.
Fanno parte di te...! Nessuno ti può giudicare per uno sbaglio e tu per prima non farlo se non hai fatto del male gratuito a nessuno, ok?


Beh, per ora credo sia tutto, spero di esserti stata utile in un modo o nell'altro....vado a mettere a nanna il mio bambolo!


Pie


cara pie...
la separazione per me è stata un ottimo strumento di crescita e di riflessione sulla mia vita, su ciò che conta per me, sul valore da dare a quello che sono e che ho...
ed ora mi ritrovo con occhi nuovi ad osservare un modo fatto troppe volte di gente che fugge da se stessa, che bara con se stessa, che ha anche paura di essere se stessa fino in fondo...
non ho fretta di rifarmi una vita....
no...
non cerco un nuovo marito o un nuovo chissà cosa...
no...
cerco solo me stessa
cerco solo di trovare quel filo che mi unisce agli altri
e che tanti spezzano
annodano
strappano
nascondono...
(a volte sono io la prima a non volerlo quel filo...)
cerco solo di capirci qualcosa...
ed in questo mi sento terribilmente sola
...tutto qua...

ma le tue parole sono arrivate come una pioggia dopo la siccità
ed ora mi sento un pò meno sola.
grazie. davvero.

karol
karol is offline  
Vecchio 01-06-2002, 00.46.08   #9
Luca
Ospite abituale
 
L'avatar di Luca
 
Data registrazione: 24-05-2002
Messaggi: 71
Anch'io mi sono sentito solo molto spesso, e ho capito che molte volte e' meglio soli che con certe persone. Te lo assicuro. Purtoppo quella da te descritta e' una realta' indiscutibile. Il mondo e' ancora governato (nel senso che occupano la grande maggioranza) da persone che si aggrappano a ideali illusori, banali, esteriori; vivendo nel caos e nell'indisciplinatezza che porta pero' all'infelicita' interiore. Infelicita' che crea disagi, che creano nuove illusioni, ecc... Come vedi si entra in un circolo vizioso. Purtroppo in questa realta' chi invece e' sensibile e con una certa consapevolezza viene come soffocato dalla massa.
L'unico consiglio che posso darti ed e' stata la mia salvezza e' di fregartene altamente degli altri e pensare alla tua crescita personale, e trovati una disciplina forte che ti fa trovare la gioia dalla vita, che puo' essere anche il lavoro; e vedrai che presto, forse per il tuo cambiamento, per la felicita' di vivere che trasmetterai all'esterno, arrivera' il momento in qui tutto intorno a te si sistema e diventa tutto piu' puro e felice. Con me ha funzionato, cmq sia sappi che non sei la sola ad essersi dovuta fare il culo perche' le persone sono ignoranti e per non soffrire con loro e soprattutto sappi che per cambiare la realta' bisogna sempre partire da noi stessi. In bocca al lupo!
A presto

Ultima modifica di Luca : 01-06-2002 alle ore 00.49.55.
Luca is offline  
Vecchio 01-06-2002, 00.51.19   #10
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Per Pie'


OK!
visechi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it