Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 22-02-2005, 16.39.58   #1
brouillard
Ospite
 
Data registrazione: 20-02-2005
Messaggi: 4
Stimolare le percezioni

Salve a tutti, sono nuovo del forum, nuovo anche alla psicologia se vogliamo, anche se ho da sempre un certo fascino al riguardo.

Quello che voglio sottoporre alla vostra attenzione e' se esistono degli esercizi, o comunque esiste qualcosa per ad esempio migliorare la propria "attenzione" o la propria "concentrazione".

Sarebbe bello poter allenare la propria volonta a volte, ma a quello non penso ci sia un gran rimedio se non imporsi di fare cio' che si deve.. o sbaglio?
brouillard is offline  
Vecchio 22-02-2005, 22.37.59   #2
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Ciao.
Potresti focalizzare meglio la domanda?
Parli di percezioni, di attenzione, di concentrazione e di volontà. Sono cose completamente diverse. Che cosa hai in mente esattamente?

Per quanto riguarda la concentrazione (e di conseguenza l'attenzione) esistono moltissime tecniche, anche la meditazione lavora anche (scusa la ripetizione) sulla concentrazione.
Per la volontà il problema è più complesso, bisogna capire che cosa intendi e cose sia secondo te una mancanza di volontà.

Sulle percezioni, se intendi le percezioni sensoriali, non sono molto competente. Ci sono certamente esercizi e tecniche per usare le capacità percettive che abbiamo al meglio. Per aumentarle, non saprei.
ciao


Fragola is offline  
Vecchio 23-02-2005, 20.45.23   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Stimolare le percezioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da brouillard
Quello che voglio sottoporre alla vostra attenzione e' se esistono degli esercizi, o comunque esiste qualcosa per ad esempio migliorare la propria "attenzione" o la propria "concentrazione".

Sarebbe bello poter allenare la propria volonta a volte, ma a quello non penso ci sia un gran rimedio se non imporsi di fare cio' che si deve.. o sbaglio?
Non so se ti rispondo propriamente e ciò che dico, non credo, che abbia connessioni con la psicologia, diciamo che è quanto ho verificato io, osservando le mie reazioni.
Sulla volontà credo che l’unico sistema per renderla forte, sia chiarificarsi quello che realmente si vuole e si desidera. Meno abbiamo chiaro l’obbiettivo e più disperdiamo le nostre energie in tanti desideri diversi e magari contrastanti.
Sull’attenzione credo che noi diventiamo più attenti quando smettiamo di cercare in quello che ci circonda l’”utilità”. Questo vale per le cose, come per le persone. Se noi vogliamo qualche cosa l’attenzione si focalizza sul nostro obbiettivo ed iniziamo a compulsare e pensare in merito a quello, (cioè in merito all’obbiettivo). Pensiamo come possiamo raggiungerlo, come sarà quando l’avremo raggiunto e via dicendo. Questa attenzione a realizzare l’obbiettivo, previene la possibilità che noi vediamo l’obbiettivo nella sua interezza. Infatti se cessa quella tensione tutta la nostra attenzione va sull’”obbiettivo” ed allora vediamo veramente.
La concentrazione credo sia attenzione reiterata, credo che serva solo quando dobbiamo raggiungere un obbiettivo pratico, altrimenti è bello permettere alla testa di andare a zonzo, lasciando che l’attenzione si posi dove più le piace. (almeno questo è ciò che piace più a me).

Forse ho fatto un po’ di minestrone ma spero di averti dato qualche dritta.

VanLag is offline  
Vecchio 25-02-2005, 19.09.47   #4
brouillard
Ospite
 
Data registrazione: 20-02-2005
Messaggi: 4
Innanzitutto, grazie delle risposte.

Si, in effetti ho buttato un po' tutto dentro sta domanda.. vediamo di andare un po' sullo specifico.. tipo.. presente il video dove ci sono delle persone divise in magliette bianche e nere che si passano la palla a squadre.. tu devi contare quanti passaggi di palla fra le persone fa la squadra bianca.. e alla fine ti si puo' chiedere.. hai visto il gorilla? e di solito la gente attenta ai passaggi non ci fa caso essendo attento solo ai passaggi.. oppure.. guardi un film.. in un cambio di scena un tizio e' vestito diverso, per errore di chi ha girato il film, magari nessuno se ne accorge, non ci si fa caso..

ecco.. penso sia una questione di 'attenzione' (penso).. stare attenti ai dettagli.. non farsi sfuggire niente() .
E volevo chiedere se c'erano degli esercizi (anche di logica, magari, boh) per migliorarsi. Ma probabilmente basta stare appunto piu.... 'attenti'. Sforzarsi.

@VanLag "Sulla volontà credo che l’unico sistema per renderla forte, sia chiarificarsi quello che realmente si vuole e si desidera."

concordo appieno.


Sono un po' di fretta, non riesco a rileggere il mess, spero di non aver fatto di nuovo confusione
brouillard is offline  
Vecchio 25-02-2005, 20.55.59   #5
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Re: Stimolare le percezioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da brouillard
Salve a tutti, sono nuovo del forum, nuovo anche alla psicologia se vogliamo, anche se ho da sempre un certo fascino al riguardo.

Quello che voglio sottoporre alla vostra attenzione e' se esistono degli esercizi, o comunque esiste qualcosa per ad esempio migliorare la propria "attenzione" o la propria "concentrazione".

Sarebbe bello poter allenare la propria volonta a volte, ma a quello non penso ci sia un gran rimedio se non imporsi di fare cio' che si deve.. o sbaglio?

Esiste un modo semplicissimo e difficilissimo, divenire consapevoli di se stessi e fare silenzio nella propria mente.
Il fluire incessante dei pensieri impedisce di avere una percezione alta di quel che ci circonda e di noi stessi.
Provare per credere.

Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 25-02-2005, 21.08.47   #6
brouillard
Ospite
 
Data registrazione: 20-02-2005
Messaggi: 4
Citazione:
Esiste un modo semplicissimo e difficilissimo, divenire consapevoli di se stessi e fare silenzio nella propria mente.


Mi piace.
Un po' come quando si legge molto 'attentamente' un libro.
brouillard is offline  
Vecchio 26-02-2005, 01.54.37   #7
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: Re: Stimolare le percezioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mary
Esiste un modo semplicissimo e difficilissimo, divenire consapevoli di se stessi e fare silenzio nella propria mente.
Il fluire incessante dei pensieri impedisce di avere una percezione alta di quel che ci circonda e di noi stessi.
Provare per credere.

Ciao
Mary

una volta mi è succeso, di avere la mente vuota.
una delle rare volte in cui mi sono sentito stranamente reale, tridimensionale, un corpo tridimensionale in uno spazio tridimensionale, capace di percepire la realtà circostante senza sfasature sensoriali, la vista, i sensi, stavano nella realtà, accompagnandomi nel mio movimento dentro la realtà, a cui ero sempre presente(mentre normalmente, gli occhi si muovono, e la vista coglie la realtà su cui gli occhi si sono posati solo dopo qualche momento, qualche momento necessario per mettere a fuoco... il pensiero si attarda nel passato qualche istante prima di ritornare nel presente sensoriale, come le immagini al rallenty di una telecamera in movimento, spostandosi crea quella scia sfocata in cui la realtà si annebbia, perchè le immagini del passato perdurano ancora nel presente, e lo offuscano, ma il passato può essere trattenuto nel pensiero, oppure subito rilasciato, e il presente appare vivido, puro, reale)

bello.
però la testa vuota mi ha causato qualche problema, non mi sentivo di dialogare, mi sentivo anche un pò scemo.

poi, reale come mi appariva la realtà, vividissima in tutta la sua importanza, mentre è quotidianamente slavata, e poi questo mio essere presente a me stesso, perfettamente consapevole di ogni mio movimento, e perfettamente consapevole che ogni cosa poteva essere anche diversa, consapevole della molteplicità delle possibilità di azione che potevo scegliere (mentre quotidianamente il comportamento è automatizzato, è espressione presente dell'apprendimento passato)... sono rimasto un pò paralizzato: tutto, qualsiasi minima cosa, presente in tutta la sua insostenibile grandezza, mi sembrava troppo grande per essere modificata. ero schiacciato dalla realtà.
forse si è manifestata nella realtà un po della mia bassa autostima.

poi mi sono chiesto: ma gli uomini che mi circondano, in quale mondo vivono?


...qualcuno ha capito quello che ho scritto?

Ultima modifica di r.rubin : 26-02-2005 alle ore 01.58.28.
r.rubin is offline  
Vecchio 26-02-2005, 08.45.02   #8
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Re: Re: Re: Stimolare le percezioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
una volta mi è succeso, di avere la mente vuota.
una delle rare volte in cui mi sono sentito stranamente reale, tridimensionale, un corpo tridimensionale in uno spazio tridimensionale, capace di percepire la realtà circostante senza sfasature sensoriali, la vista, i sensi, stavano nella realtà, accompagnandomi nel mio movimento dentro la realtà, a cui ero sempre presente(mentre normalmente, gli occhi si muovono, e la vista coglie la realtà su cui gli occhi si sono posati solo dopo qualche momento, qualche momento necessario per mettere a fuoco... il pensiero si attarda nel passato qualche istante prima di ritornare nel presente sensoriale, come le immagini al rallenty di una telecamera in movimento, spostandosi crea quella scia sfocata in cui la realtà si annebbia, perchè le immagini del passato perdurano ancora nel presente, e lo offuscano, ma il passato può essere trattenuto nel pensiero, oppure subito rilasciato, e il presente appare vivido, puro, reale)

bello.
però la testa vuota mi ha causato qualche problema, non mi sentivo di dialogare, mi sentivo anche un pò scemo.

poi, reale come mi appariva la realtà, vividissima in tutta la sua importanza, mentre è quotidianamente slavata, e poi questo mio essere presente a me stesso, perfettamente consapevole di ogni mio movimento, e perfettamente consapevole che ogni cosa poteva essere anche diversa, consapevole della molteplicità delle possibilità di azione che potevo scegliere (mentre quotidianamente il comportamento è automatizzato, è espressione presente dell'apprendimento passato)... sono rimasto un pò paralizzato: tutto, qualsiasi minima cosa, presente in tutta la sua insostenibile grandezza, mi sembrava troppo grande per essere modificata. ero schiacciato dalla realtà.
forse si è manifestata nella realtà un po della mia bassa autostima.

poi mi sono chiesto: ma gli uomini che mi circondano, in quale mondo vivono?


...qualcuno ha capito quello che ho scritto?


Ho compreso quel che hai scritto.
La prima volta che sono riuscita a restare più secondi senza pensieri mi sono molto spaventata, credevo di impazzire di non riuscire più a tornare nel mondo delle illusioni.

Quella dimensione può spaventare tantissimo, perché non la conosciamo. Ma quella è la realtà. I nostri sensi ci ingannano continuamente, anche a fin di bene. La nostra mente ci inganna, e noi ne siamo felici e contenti perché crediamo di essere normali.
Ci sentiamo rassicurati dalla compagnia del branco, degli altri.

Ma cosa ne sappiamo, in verità, degli altri?! niente, se niente sappiamo di noi stessi. Ci comportiamo come macchine programmate che vanno avanti senza sapere perché.
Il programma di per sè non è negativo, è come avere un ottimo autista a bordo di un'auto di cui noi siamo i passeggeri.

Ma siamo passeggeri addormentati che non usano nè l'auto nè l'autista. Allora chi guida l'auto diventa il padrone e noi i servi, o meglio, gli schiavi.

Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 26-02-2005, 16.15.33   #9
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
[Bpoi mi sono chiesto: ma gli uomini che mi circondano, in quale mondo vivono?
...qualcuno ha capito quello che ho scritto? [/b]

Credo anch'io di aver capito, riuscire a svuotare la mente, sia pure per pochi istanti, fa paura, la realtà appare più limpida e più nitida, ferma sul presente.
Forse fa paura perchè ci si rende conto che avere la testa piena di pensieri, come avviene normalmente, equivale in realtà a non pensare.
In quale mondo viviamo di solito? In un mondo fatto di automatismi, la normalità ha dei canoni ai quali ci si adegua più o meno facilmente, perchè restarne fuori spaventa.

dana is offline  
Vecchio 26-02-2005, 19.07.29   #10
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Re: Re: Stimolare le percezioni

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
...qualcuno ha capito quello che ho scritto?
Noi interpretiamo la realtà per difendere il nostro io, (cioè l’idea che abbiamo di noi stessi), se non lo facessimo cioè, se non parcellizzassimo le percezioni interpretandole, basterebbe la bellezza di un semplice fiore per mandare a catafascio tutto il nostro sistema di pensiero e con lui la nostra identità.

Se questa frase, (che avevo scritto il 12-09-2003 in risposta ad un 3d di SonoGiorgio), ha nesso con la tua esperienza allora ho capito quello che hai scritto. Potrei averlo capito anche se questa frase non ha nesso, ma allora ho misinterpretato l'esperienza che hai descritto.

VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it