Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS  - Utenti connessi

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
 Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
Vecchio 01-08-2005, 09.29.53   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Internet tra realtà e immaginario, autenticità e finzione

A cominciare da un amore tra verità e finzioni confessato agli esperti della psiche sempre scettici verso gl'incontri internettiani.
L'ultimo parere è di Risè (Io donna del Corriere della sera, 30,7,05) che si riferisce ai siti specifici. Secondo lo psicoanalista questi proggetti sono privi del fascino ceh di solito accompagna un evento seduttivo e l'incontro per l'uno o per l'altro sarebbe sempre deludente. Tutte le reciproche informazioni e fantasie tipiche di una dimensione vitrtuale non si sovappongono alla verifica faccia a faccia ed ai rivelatori indizi non verbali della prima impressione. Inoltre non si regge alla prova per la propria indeguatezza all'incontro fisico spesso alla base della stessa scelta di Internet, luogo dell'immaginazione e non della realtà.

Io farei comunque rilevare una diversità qualora l'incontro non sia programmato come può avvenire nei forum in cui si partecipa mossi da interessi comuni ma a volte affascinati da una personalità suggestiva anche perchè trascendente ed inaccessibille.

Ho già raccontato che cinque anni fa entrai in un forum con 6 o 7 nick contemporaneamente - allora si poteva – cercando di creare per ciascuno un “personaggio” Il gioco durò finchè mi tradii con un lapsus. Qualcuno s'indignò, altri ne sorrisero e si complimentarono. Ora sottolineo ancora che si trattò di un gioco perchè credo sia molto difficile fingere caratteristiche che ci sono del tutto estranee e le personalità multiple sono rare.

La scelta dei topic, gli stili e la qualità delle interazioni raccontano molto di noi anche nostro malgrado, ed allo stesso tempo sono un'occasione di autoscoperta.
Qualcuno dice che il frequentare un forum gli concede di essere più autentico nell'estrinsecare potenzialità e zone adombrate nella vita off-line e frequente è il bisogno di autorivelarsi.
Sulla propria cultura non so quanto si possa barare perchè certi artifici non incantano tutti. Si dice che le menzogne diventano realtà e le verità menzogne. Ad es. chi si autoinganna con millanterie per suscitare interesse finisce per crederci e viceversa certe verità inverosimili potrebbero non essere credute.
Se s'imbroglia in vista di un incontro ci si potrebbe aspettare un incredulo stupore come quello della fioraia in “Luci della città” di Chaplin quando alla fine vede che il suo straordinario amico era solo un vagabondo. Ricordando a tal proposito che l'essenza della seduzione è sempre l'obliquità, il mistero, l'inesplicito. Come si accorse Psiche stessa quando volle vedere in faccia Eros.

Internet ripropone il dilemma di quanto coincida l'essere con l'apparire. Quanto può concedere il medium internettiano all'autenticità?
arsenio is offline  
Vecchio 01-08-2005, 09.55.59   #2
silvindia
Ospite
 
Data registrazione: 27-07-2005
Messaggi: 14
hai letto
"le cose dell'amore"
di Umberto Galimberti...?

molto interessante...

parla anche dei rapporti via web....come proiezioni dei desideri...
appena ce l'ho fra le mani ti riporto alcuni estratti se vuoi...

in ogni caso secondo me è da leggere

silvindia is offline  
Vecchio 01-08-2005, 11.11.31   #3
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Re: Internet tra realtà e immaginario, autenticità e finzione

Citazione:
Messaggio originale inviato da arsenio


Internet ripropone il dilemma di quanto coincida l'essere con l'apparire. Quanto può concedere il medium internettiano all'autenticità?


Ciao Arsenio,
anche stavolta ottimo spunto per la riflessione.
Il forum, questo forum, indubbiamente offre spunti per la conoscenza e l’autoconoscenza.
In questo anno e qualcosa in più che mi confronto con voi mentirei se dicessi che non mi sono appassionata alle discussioni, che non sono rimasta affascinata da alcune presenze e – soprattutto – che non ho capito tante cose di me che non avevo così chiare in precedenza.
Certo poi la personalità “virtuale” è, per quanto mi riguarda, personalità reale ma più difficile da far venire fuori perché si cristallizzano nel post certi discorsi o espressioni che possono non corrispondere a pieno al vero sentire o al vero pensare, specie di una personalità inquieta ed in continua evoluzione quale la mia ritengo sia.

Agli albori di internet, inizio nuovo millennio, e alla perenne ricerca dell’anima gemella ho sperimentato qualche trasformazione della conoscenza da virtuale a reale… una sorta di idea che fosse necessario far conoscere a qualcuno il mio modo di essere “dentro” prima di lasciarlo condizionare dal “fuori”.
D’altra parte oggi non nascondo più che essere e apparire siano inscindibili per me prima che per chi ho di fronte: ricercavo qualcuno che mi stimolasse intellettualmente volendolo però conforme ai miei canoni estetici che esistono (sebbene in un modo non ben definibile né particolarmente ancorati al bello oggettivo) e sono difficilmente superabili.
Insomma, nel ricercare qualcuno prescindendo dal suo aspetto o da aspetti del carattere non palesabili in un post, non rendevo giustizia alla completezza della persona e a tanti altri aspetti caratteriali che possono esserci o non esserci ma che certo non sempre sono intuibili dal susseguirsi dei caratteri.
Gli incontri si sono rivelati deludenti, da entrambe le parti, cosa che io in tutta franchezza non mi sarei aspettata.
Questo perché ognuno ha i suoi immaginari e li fa correre liberi mentre legge racconti di altri.
In internet, inoltre, trovano la loro massima espressione solo coloro che amano scrivere. Ricordo una mattina aver trovato accanto al letto un biglietto che mai avrebbe ricevuto considerazione nel virtuale ma che toccava il cuore nel reale, per la persona da cui proveniva.
La capacità di superare il virtuale e tuffarsi nel reale con chi non si è mai visto è forse più facile dopo poche battute (come in una chat) in cui non si hanno grosse aspettative, esattamente come in un qualsiasi appuntamento al buio procurato da amici.
Credo che, per tanti motivi, nella nostra vita ci siano momenti in cui si preferisce l’una cosa e momenti in cui si preferisce l’altra…
Ricordo un libro… credo si intitolasse Chat-ti-amo, vorrei essere più precisa ma non l’ho più… era carino e non impegnativo..


Approfitto per augurare a tutti buone vacanze

nevealsole is offline  
Vecchio 01-08-2005, 11.27.06   #4
Estragone
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-06-2003
Messaggi: 58
Re: Internet tra realtà e immaginario, autenticità e finzione

Citazione:
Messaggio originale inviato da arsenio
Internet ripropone il dilemma di quanto coincida l'essere con l'apparire. Quanto può concedere il medium internettiano all'autenticità?

Non è solo il mondo virtuale a recare in sé questo dilemma. Già l’essere è apparenza in sé, Internet accentua solo questo lato tragicomico, facendolo esplodere, funge da catalizzatore ed estensore dell’immaginazione perché è ridondante di ‘assenze’. Le ‘assenze’, cioè i lati in ombra, sono un’aberrazione, un decadimento che induce e determina il delirio dell’immaginazione. Sono un’indelicatezza perpetrata nei confronti della nostra necessità istintiva di rendere tutto entro uno schema decodificabile, per cui si diviene quel che è rappresentazione scenica. Si riempiono questi vuoti con tanta evanescenza, costruendo così il personaggio che stà oltre il monitor, così come il cervello completa autonomamente, per simmetria o analogia, quel che è parzialmente assente entro un contesto già noto, attingendo ciò che è necessario a completare il quadro dai propri schemi mnemonici, rendendo così la raffigurazione il più coerente possibile. Ma in internet le cose si complicano alquanto. In Internet, l’impossibilità d’interagire compiutamente, evoca il nostro desiderio di reperire quel che è assente in noi, ma che noi bramiamo: per cui il mistero che circonda un interlocutore virtuale, è una nostra risposta alla necessità e al piacere che traiamo dalla fascinazione e dalla stupefazione di fronte al celato, all’esoterico, che comunque cerchiamo di rendere leggibile attraverso nostre costruzioni. In tal senso si tratta di un sistema che reca in sé una buona dose di autereferenzialità, perché mai potrà ottenere riscontri compiuti, almeno fintanto che non si rende concreto questo incontro mediato dal monitor, ed anche il quel caso non è mai possibile eliminare completamente questo elemento di autoreferenzialeità, al più attenuarlo soltanto.
Questo processo non è però unidirezionale, anche al di qua del monitor si mettono in scena le proprie rappresentazioni. Internet, nell’agevolare i rapporti, nel facilitare l’incontro fra persone distanti, è anche causa di decadimento nella qualità del rapporto che si viene ad instaurare… ma è lo scotto che si deve pagare.

Ciao
Estragone is offline  
Vecchio 01-08-2005, 14.31.21   #5
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Internet tra realtà e immaginario, autenticità e finzione

Citazione:
Messaggio originale inviato da arsenio
A cominciare da un amore tra verità e finzioni confessato agli esperti della psiche sempre scettici verso gl'incontri internettiani.
L'ultimo parere è di Risè (Io donna del Corriere della sera, 30,7,05) che si riferisce ai siti specifici. Secondo lo psicoanalista questi proggetti sono privi del fascino ceh di solito accompagna un evento seduttivo e l'incontro per l'uno o per l'altro sarebbe sempre deludente. Tutte le reciproche informazioni e fantasie tipiche di una dimensione vitrtuale non si sovappongono alla verifica faccia a faccia ed ai rivelatori indizi non verbali della prima impressione. Inoltre non si regge alla prova per la propria indeguatezza all'incontro fisico spesso alla base della stessa scelta di Internet, luogo dell'immaginazione e non della realtà.

Io farei comunque rilevare una diversità qualora l'incontro non sia programmato come può avvenire nei forum in cui si partecipa mossi da interessi comuni ma a volte affascinati da una personalità suggestiva anche perchè trascendente ed inaccessibille.


Io farei comunque rilevare come, parlando di cose completamente diverse, il tuo collegarti a un articolo di Claudio Risè c'entri come i cavoli a merenda. Che l'hai messo a fare quel cappellino sull'opinione di Risè sui siti dedicati alla ricerca di un patner se poi parli di un'altra cosa?

Comunque secondo me la stessa cosa vale in un forum. Il 99,9 (periodico) per cento delle volte, passare dalla conoscenza virtuale a quella reale è deludente perché "Tutte le reciproche informazioni e fantasie tipiche di una dimensione vitrtuale non si sovrappongono alla verifica faccia a faccia ed ai rivelatori indizi non verbali della prima impressione. Inoltre non si regge alla prova per la propria inadeguatezza all'incontro fisico spesso alla base della stessa scelta di Internet, luogo dell'immaginazione e non della realtà."
E non perché l'essere coincida con l'apparire io per altri elevati "cosi" filosofici, ma proprio perché internet, luogo dove il corpo e anche l'immagine è assente, lascia troppo spazio all'immaginazione. Quando una relazione virtuale acquista una certa profondità, non possiamo fare a meno di riempire con la mente i vuoti che internet lascia. L'incontro con l'altro tutto intero è quindi èper forza di cose anche la demolizione del fantasma affascinante che abbiamo costruito nella nostra mente. E sono davvero rari i casi in cui quello vero è meglio!
Gli incontri con persone conosciute via internet "funzionano" solo se l'attrazione inizia dopo l'incontro reale. Quelli in cui l’attrazione è nata nel mondo immaginario, in alcuni casi, per un breve tempo, sembra che funzionino, se non permettiamo al fantasma di morire e lo teniamo vivo a forza. Ma prima o poi, costretta al confronto quotidiano con la realtà, la nostra immagine mentale è destinata a frantumarsi. Perché non è tanto questione di essere o apparire. E’ che l’attrazione (e anche l’amore!) è fatta anche di fisicità. In una relazione in cui il corpo è assente può nascere condivisione intellettuale ma non amore.
Fragola is offline  
Vecchio 01-08-2005, 16.17.20   #6
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
Talking sì già lo sò che ci azzeccherà poco.... cmq

lo posto lo stesso

Sostengo una volta di più che dipende sempre e molto dall’utilizzo che si vuol fare di questo Internet Santo
Ho sempre pensato che chi cerca il partner di tutta la vita (non l’avventura occasionale) sui siti attrezzati a questo sia da rinchiudere Che poi questo accada è l’eccezione che conferma la regola, ma io parlerei più di fortuna che di altro.
Inoltre anche le “aspettative” di eventuali incontri solo perché “mi sento affine o attratta dal tuo modo di scrivere o di pensare”… bè io qualche pensierino che qualcosa dentro di me non vada…. lo farei.
Eesperienze di incontri su questo forum le abbiamo fatte organizzando delle pizzate o delle gite, sono state divertenti, per niente traumatiche, né deludenti, nessuno si aspettava niente da qualcuno, gente simpatica, allegra, conviviale e disponibile ad incontrarsi solo per il piacere di stare insieme e vedere finalmente quella brutta faccia di .....eh, eh, eh, non lo posso dire.
Cmq vi dirò che con qualcuno è nata anche una bella amicizia che ancora dura e ne sono contenta.
Utilizzare questa opportunità di scambi di opinioni, riflessioni, spunti di ricerca e altro può essere anche crescita personale, e personalmente non ho mai “sognato” che il mio interlocutore fosse kevin Costner….. come Lui c’è solo Lui…………….

tammy is offline  
Vecchio 02-08-2005, 01.10.50   #7
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: sì già lo sò che ci azzeccherà poco.... cmq

Citazione:
Messaggio originale inviato da tammy
lo posto lo stesso

Sostengo una volta di più che dipende sempre e molto dall’utilizzo che si vuol fare di questo Internet Santo
Ho sempre pensato che chi cerca il partner di tutta la vita (non l’avventura occasionale) sui siti attrezzati a questo sia da rinchiudere Che poi questo accada è l’eccezione che conferma la regola, ma io parlerei più di fortuna che di altro.

Che venga rinchiuso? Sì, pura fortuna!!!

Purtroppo però un sacco di persone si fanno un sacco di aspettative "amorose" sugli incontri su internet. Soprattutto i frequentatori alle prime armi. Perchè questo succeda sarebbe anche una cosa molto interessante da analizzare. (Credo che ci farò la tesi sulle relazioni virtuali )
Anche a me è capitato di partecipare a pizzate divertentissime (non di riflessioni, di un altro sito), di trovare buoni amici, di recuperare vecchi amici incrociati per caso e anche di trovare un fidanzato. Il fidanzato però, fino a che lo frequentavo su internet, mi stava un po' antipatico! Conoscerlo dal vero è stata, se vuoi, una delusione al contrario.
Il tipo di aspettative che ci facciamo in un incontro su internet è lo stesso che ci facciamo per un incontro reale. Solo che qui riempiamo gli spazi vuoti con la fantasia. Nello stesso identico modo in cui, ad esempio, leggendo un libro, ci immaginiamo l'aspetto dei personaggi.
C'è il fatto che chi desidera disperatamente trovare un amore, si fa chili, anzi tonnellate, di aspettative anche sul tizio che incontra alla fermata del tram tutte le mattine. E' che sul tizio ti fai i film basandoti sull'aspetto. E se poi parlarci ti delude, è una delusione lieve. Sulla persona conosciuta in internet ti fai i film sulle affinità elettive!!!! E se poi dal vivo ti delude, il lutto da elaborare è molto più profondo!
Mamma com'è tardi! Meglio che vada a nanna e smetta di dire bestialità.



Fragola is offline  
Vecchio 02-08-2005, 10.44.23   #8
Estragone
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-06-2003
Messaggi: 58
Non sempre si creano aspettative sul versante “amoroso”. Capita, talvolta, fra due persone lontane, che per giorni si scambino confidenze, opinioni, chiacchiere attraverso questo filo immaginario, che si determini così un affiatamento, un rapporto affettivo non “amoroso”. Ci si conosce, per quanto è possibile conoscersi in tali condizioni, per cui pian piano sorge quasi spontaneo il desiderio di guardarsi negli occhi, senza che ciò implichi necessariamente anche il piacere estetico. Non si è alla ricerca di un partner con cui ipotizzare di dividere la propria vita, si cerca, spesso, solo qualcuno con cui condividere pensieri, emozioni, si cercano amicizie.
Capita anche che qualche volta ciò accada. Si entra in contatto con qualcuno, si trascorrono ore ed ore a confidarsi ciascuno la propria vita, ad esporre sensazioni, a sezionare e farsi sezionare dall’interlocutore… in definitiva, a raccontarsi. Magari accade pure che si menta, che si mistifichi un pochino se stessi, ma senza alcun malanimo… forse così, per crearsi un personaggio che piaccia più di quello ‘reale’. Ci si sente anche per telefono, s’inizia a confidare nella persona che stà dall’altra parte del filo mediatico. Si entra in contatto con dolori, con solitudini, col desiderio di incontro fra persone diverse, con sofferenze infisse nel fondo del cuore.
Internet, in tal senso, è un obbrobrio. Nella vita ‘reale’ queste amicizie, perché di questo sto’ parlando, si coltivano alla presenza di un corpo, di una fisicità, del calore di una presenza concreta, di una voce che ti parla, di un sorriso che si dischiude, di lacrime che grondano, di dolori che urlano in ‘modalità presente’ rispetto a te; puoi tendere una mano e toccare un volto, porgere un braccio ed offrirlo all’amico/a per camminare insieme, valutare lo stato emotivo dal tono della voce e dalla gestualità. Nella vita ‘reale’ un’amicizia si coltiva attraverso contatti reali che permettono anche un ‘tempestività’ e ‘contemporaneità’ nel rapporto. Nella ‘vita’ reale è meno semplice scomparire. Internet è un obbrobrio perché spesso il rapporto nasce, evolve e si conclude tutto su un monitor, anche solo per volontà di una delle due parti in causa. Spesso non ci si ritiene all’altezza di sostenere la fisicità, di relazionarsi concretamente.
Mi è accaduto di conoscere una donna in una chat, ci siamo scambiati il contatto messenger, ed abbiamo iniziato a conoscerci pian piano. Avvertivo la sua profonda solitudine, ma anche il piacere di discorrere in serenità con una persona che percepivo comunque vitale, con una gran voglia di vivere, quasi allegra, una persona sfuggente, difficile da inseguire nelle sue repentine peregrinazioni nel mondo di Internet. Quel che mi colpiva di lei era la sua assoluta libertà di movimento: accenderva il contatto quando voleva, quando lo riteneva piacevole e necessario, per poi spegnerlo, altrettanto improvvisamente, quando riteneva di volerlo fare. Questo suo modo di comportarsi mi rassicurava sul fatto che non trascorresse del tempo con me dovendo subire la mia presenza: quando chiacchieravamo insieme, ero certo così di non recarle noia o fastidio. Percepivo la sua età, mai voluta confessare: una donna adulta, probabilmente pensionata (poi scoprii che la mia percezione era esatta). Trascorrevamo le prime ore della sera, quelle che vanno dalle 21.00 alle 22.00-22,30, in chiacchiere e confidenze. Non volle mai rendere concreto questo rapporto in modo diverso dal virtuale. Percepii la sua insicurezza, il suo timore di non essere accettata. Per me non cambiò nulla, accettai questa sua scelta e tenemmo aperto e vivo questo trait d’union per oltre 8 mesi (da ottobre 2004 a maggio 2005). Un giorno le sfuggì una frase che mi colpì molto. Compresi da quel che le era sfuggito che doveva essere malata, poi mi confidò che si trattava di una malattia del sangue molto seria, che se non seguita opportunamente poteva anche provocarne la morte. Da quel giorno vissi il rapporto con la netta sensazione di vederla sparire all’improvviso, con la presenza della morte, la quale, come un convitato di pietra, s’insinuò fra di noi. Ciò determinò in me l’accrescere del desiderio di conoscerla, di starle vicino. Ovvio che il rapporto a quel punto era diventato molto confidenziale, amichevole e ‘sincero’ (a parte le comprensibilissime bugie legate alla sua necessità e bisogno di riservatezza). Oramai si trattava di un appuntamento quasi quotidiano: io aprivo messenger ed attendevo che mi contattasse, accadeva quasi tutti i giorni.
Un giorno ricevetti un suo messaggio sul cellulare, interrompeva, almeno momentaneamente, qualsiasi contatto virtuale con tutti perché riteneva di dover dedicare del tempo a se stessa, mi pregava di non cercarla fintanto che non fosse stata lei a ricontattarmi. Era maggio del 2005, il 19 maggio del 2005 (ho ancora il suo ultimo sms). Il primo periodo accettai serenamente questa sua decisione, successivamente subentrò in me una stato di inquietudine. Intuivo o presumevo che le fosse accaduto qualcosa, che il suo male avesse prodotto in lei gli effetti che tanto temevo, insomma che potesse star male. Ero, e sono affezionatissimo a questa persona, non riuscii a rassegnarmi e iniziai a cercarla per i siti che sapevo frequentava di solito. Riuscii a scovare per caso una persona che la conosceva bene, con cui ora ho un bel rapporto. Tramite un’altra persona riuscimmo ad ottenere sue notizie certe: stava morendo. Minata da un tumore, si stava spegnendo, se ne stava andando definitivamente, senza nulla reclamare, senza nulla chiedere, senza nulla dire… neppure un saluto, senza un saluto da parte di chi le voleva bene. E’ morta nella notte fra il 14 e il 15 di luglio, senza darmi neppure la possibilità di conoscerla, di tenerle la mano, di dirle grazie, sinceramente grazie per quello che mi aveva donato. Piansi alla notizia, piansi per strada. Sento ancora il vuoto per quell’assenza. E’ stata per me un’amica sincera, spero solo di aver rappresentato per lei altrettanto. Ho di lei le poesie, il suo ricordo bellissimo ma triste.
Internet, in tal senso, è proprio un obbrobrio
Ciao

Ultima modifica di Estragone : 02-08-2005 alle ore 10.47.37.
Estragone is offline  
Vecchio 02-08-2005, 11.38.28   #9
silvindia
Ospite
 
Data registrazione: 27-07-2005
Messaggi: 14
Citazione:
Messaggio originale inviato da Estragone

Internet, in tal senso, è proprio un obbrobrio

la tua storia mi colpisce molto....moltissimo....per vari motivi...

internet può essere un obbrobrio, come dici tu, e lo è...
ma anche nella vita "reale" le persone si danno, non si danno, mistificano, sono autentiche, spariscono da un giorno all'altro....
e non c'è niente da fare, nessun intervento, parola, gesto che serva a riavvicinare le persone quando c'è chiusura almeno da una delle due parti.

è il gioco della vita.

terribile, a volte...

silvindia is offline  
Vecchio 02-08-2005, 13.03.25   #10
mark rutland
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2004
Messaggi: 343
Spiacevole situazione, Estragone; tuttavia credo sia stato meglio così.
Hai rispettato la sua volontà e credo che questo sia il migliore atteggiamento che tu potessi mantenere, sia per lei che per te.

Generalizzando, su internet nascono amicizie che possono concludersi, così come nella vita reale, unilateralmente ;credo sia un rispetto in prima istanza di se stessi accettare questa chiusura senza affannarsi a riallacciare rapporti , senza poi sentirsene toccati più di tanto.
Non è durezza,è autostima, rispetto di se e, trasversalmente anche rispetto delle decisioni dell'altro, per quanto possano apparire senza molto senso.


Se la decisione dell'altro, come nel tuo caso, cela motivi privi di astio si accetta con affetto,partecipazione e amore.Si partecipa alla decisione con profondo rispetto per la persona che molto coraggiosamente l'ha operata, accrescendo il senso di stima nei suoi confronti e di gratitudine per la piacevolezza della bella amicizia mostrata

Eventuali perduranti rancori dall'altra parte, invece, ci rasserenano sulla correttezza dell'allontanamento del nostro ex amico e non so quanto ci inducano a rattristarcene ....anzi ce ne rallegrano per la provvidenzialità e la felicità di scelta ,sia che si sia oggetti passivi che soggetti attivi della decisione di chiusura

Ultima modifica di mark rutland : 02-08-2005 alle ore 13.21.21.
mark rutland is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it