Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 13-09-2005, 18.41.15   #11
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Il cataclisma e' qualcosa che avviene piu' che altro durante una terapia psicoanalitica....distruzione e ricreazione....sofferenza e piacere...ma puo' succedere anche nella vita reale.... quando
ti puo' crollare un tuo mondo, puo' essere un lutto, una separazione...



Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 13-09-2005, 23.50.27   #12
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Diciamo che il cataclisma in analisi dovrebbe essere una demolizione controllata...

Il problema e che son piuttosto scettico nei confronti degli specialisti.

Un cataclisma preventivo della mente del cliente vuol dire assicurarsi la parcella per tutto il periodo di ricostruzione.

La nostra mente gli da il pane. Va contro i loro interessi il fatto che noi diventiamo da loro indipenenti.

Dobbiamo fidarci del fatto che vadano contro il loro interessi per fare i nostri...

Per una persona diffidente come me è difficile.
Per questo non ci sono mai andato fino ora.
Chimera is offline  
Vecchio 14-09-2005, 08.22.01   #13
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Messaggio originale inviato da Chimera
Diciamo che il cataclisma in analisi dovrebbe essere una demolizione controllata...

Il problema e che son piuttosto scettico nei confronti degli specialisti.

Un cataclisma preventivo della mente del cliente vuol dire assicurarsi la parcella per tutto il periodo di ricostruzione.

La nostra mente gli da il pane. Va contro i loro interessi il fatto che noi diventiamo da loro indipenenti.

Dobbiamo fidarci del fatto che vadano contro il loro interessi per fare i nostri...

Per una persona diffidente come me è difficile.
Per questo non ci sono mai andato fino ora.

L'analisi e' distruzione e ricostruzione della personalita'...ti devi affidare ad una persona esperta nel settore perche' e' un processo molto delicato e tutto si basa sul transfert tra medico e paziente...e' naturale che questo training duri degli anni...ma e' anche naturale che ci sia una fine...quando il paziente diventa autonomo e non piu' dipendente da chi c'e' dietro il lettino...

Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 14-09-2005, 14.21.28   #14
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Io sono bastardo e fastidioso olte che irragionevolmente orgoglioso mi son sempre arrangiato o mi son appoggiato a parenti ed amici.

Appena ora con il più del lavoro fatto pensavo di adare a farmi dare una sistematina da uno psicologo e neurologo amico di fafamiglia che ha la mia massima stima e fiducia.
Giusto per provare l'esperienza e imparare qualcosa da qualcuno che del cervello umano sa molto più di me.

Almeno so per certo che non lo farebbe per la parcella.
Chimera is offline  
Vecchio 14-09-2005, 16.13.24   #15
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Si, gli analisti sono come i taxisti. Per arrivare dietro l'angolo ti fanno fare tutto il giro della città!
sisrahtac is offline  
Vecchio 14-09-2005, 17.41.24   #16
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
Si, gli analisti sono come i taxisti. Per arrivare dietro l'angolo ti fanno fare tutto il giro della città!

Io per arrotondare faccio assistenza informatica... molti miei colleghi sono uguali.
Quando vedono un cliente che non ha idea di quello che stai facendo gli sistemano il computer nel triplo del tempo necessario inventando scuse e problemi inesistenti quando invece il problema era banale.

I più bastardi lasciano da parte qualche piccolo problema o lo creano appositamente in modo che questo con il tempo cresca e poi renda necessario un secondo intervento...

Sono uomin anche gli psicologi. Ci sono quelli onesti sicuramente ma melgio non avere fiducia cieca anche perché
un lavoro a contatto con problemi umani, come la salute fisica o mentale tende ad "anestetizzare" il professionista.
Dopo che un dottore vede morire o ammalarsi tantissime persone nella sua vità sara sempre meno affranto e coinvolto con il passare del tempo.

Per gli psicologi succede la stessa cosa.
Se una nostra amica entra in depressione noi ne siamo colpiti. Quando uno psicologo visita il suo 1000esimo caso di depressione è solo lavoro.
Chimera is offline  
Vecchio 14-09-2005, 17.57.09   #17
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Beh, i distacco nella loro professione è oro. Se no se si facessero prendere da tutti i problemi dei loro clienti non so quanto durerebbero...
sisrahtac is offline  
Vecchio 14-09-2005, 19.22.01   #18
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Messaggio originale inviato da Chimera
Io per arrotondare faccio assistenza informatica... molti miei colleghi sono uguali.
Quando vedono un cliente che non ha idea di quello che stai facendo gli sistemano il computer nel triplo del tempo necessario inventando scuse e problemi inesistenti quando invece il problema era banale.

I più bastardi lasciano da parte qualche piccolo problema o lo creano appositamente in modo che questo con il tempo cresca e poi renda necessario un secondo intervento...

Sono uomin anche gli psicologi. Ci sono quelli onesti sicuramente ma melgio non avere fiducia cieca anche perché
un lavoro a contatto con problemi umani, come la salute fisica o mentale tende ad "anestetizzare" il professionista.
Dopo che un dottore vede morire o ammalarsi tantissime persone nella sua vità sara sempre meno affranto e coinvolto con il passare del tempo.

Per gli psicologi succede la stessa cosa.
Se una nostra amica entra in depressione noi ne siamo colpiti. Quando uno psicologo visita il suo 1000esimo caso di depressione è solo lavoro.


Non voglio essere polemica...ma il discorso sui tuoi colleghi informatici non e' onesto...per me non e' onesto "fregare" persone in buona fede...il discorso sulla medicina o sulla psicologia e' lo stesso...io conosco molti medici e molti psichiatri e psicologi, miei amici, ma li ritengo estrememente "professionali", cioe' tendono a svolgere il loro "lavoro"nel modo piu' serio...certo nella realta' in tutti i settori c'e' la persona che si comporta onestamente e la persona che si comporta "disonestamente"....e, poi, scusa, se tu ti devi rivolgere ad un medico ...cosa fai?...



Vaniglia

Ultima modifica di Vaniglia : 14-09-2005 alle ore 19.24.27.
Vaniglia is offline  
Vecchio 14-09-2005, 19.45.37   #19
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Nel loro ambiente questi miei colleghi sono considerati "professionali".

Se uno si rivolge a loro vuol dire che non conosce bene il computer e qualsiasi cosa facciano loro sembrerà "professionale".

Esempio: Un tizio aveva problemi con la scheda audio. Sono andato da lui e ho notato che aveva attaccato in modo invertito i cavi di microfono e casse. Li ho messi giusti e tutto funzionava. Gli ho anche spiegato che era solo per quello...
Lui strabuzza gli occhi perché si ricorda di averli attaccati in quel modo anche un altra volta ma un altro tecnico gli aveva detto che la scheda non funzionava e gliene aveva venduta una nuova... fino a quel momento non aveva mia messo in dubbio la "professionalità" di quel tecnico.

Morale della favola?
Se tu non sei psicologo non sai se per risolvere il tuo problema serve veramente un cataclisma con cambio di scheda audio... quando invece basta invertir i due spinotti.
Quello che vedi è il problema risolto... e paghi.
Non saprai mai se si poteva far la stessa cosa con meno soldi ne metterai mai in dubbio la professionalità di chi ti ha aiutato.

Tutti gli scandali sui viaggi e regali offerti dalla case farmaceutiche ai dottori sono cose reali.
Il fatto che molti dottori prescrivano più farmaci del dovuto, o più analisi e controlli del necessario è prassi normale. Le ditte farmaceutiche non regalano... hanno un ritorno superiore a quello che spendono per questi convegni in paradisi delle vacanze.

Allora visto che lo fanno dottori che hanno la tua vita in mano... perché sei sicura che qualcuno che curi una depressione non lo faccia?

Il mio accanimento deriva anche dal fatto che ho una zia che ora è in una clinica specializzata.
Depressione degenerata negli anni. La sua sfortuna è di avere una volontà debole... e di essere ricca.
L’hanno truffata per anni.
Partendo da un po’d’ansia, diventando ipocondria, assecondata dal sui medici che gli faceva fare analisi di tutti i tipi gli dava farmaci di ogni tipo. Sana come un pesce ma che prendeva medicine di continuo. Peggiorata fino a diventare non auto sufficiente e incontrollabile.
Perché una persona che si sigilla in casa con le serrande abbassate per 5 anni per non fare entrare nemmeno un microbo, che si lava le mani ogni volta che tocca qualsiasi cosa e che mangia solo omogeneizzati direi che non è normale...
Il suo dottore la andava a trovare la visitava prendeva la parcelle le prescriveva le medicine.
Tutto questo ben sapendo che aveva responsabilità penali per non aver segnalato alla assistenza sociale la situazione tragica.

Ho conosciuto molti medici rinnomati e professionali che sono delle vere schifezze di persone.
La laurea in medicina dopo tutto attesta che hai studiato medicina non che sei una persona onesta.
Chimera is offline  
Vecchio 14-09-2005, 19.47.56   #20
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Si, infatti, poi come ho già detto in passato la gente vede di cattivo occhio la psichiatria e la psicoanalisi perchè ci proietta sopra i propri skleri (ogni tanto mi piace cambiare parole).
sisrahtac is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it