Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 06-02-2006, 18.15.38   #1
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
autocommiserazione

secondo voi da dove nasce l'autocommiserazione, come si sviluppa e perché? Può essere una forma di riccatto?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 06-02-2006, 18.21.56   #2
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
a parer mio nasce dall'EGO
è una "trappola mentale" che può assumere una forma di "ricatto" verso se stessi...
ma in fin dei conti è EGO...

mi piace l'immagine di un diavoletto che parla nell'orecchio della persona...
ecco ... si tratta di quello...
se ci si "blocca" nell'autocommiserazione non si evolve...
turaz is offline  
Vecchio 07-02-2006, 00.02.32   #3
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
auto-commiserazione.

commiserare significa 'compatire l'altrui miseria'.


Quando soffri, a volte puoi essere sollevato dalla vicinanza compassionevole di altri. Ti dedicano attenzioni, ti senti al centro della loro attenzione. A volte si fanno carico dei tuoi problemi per alleviarti, perchè amandoti, soffrono essi stessi del tuo dolore.

Quindi può anche funzionare come ricatto: se non ti fai carico dei miei problemi soffro, quindi tu soffri. Perciò datti da fare al posto mio.

In questo caso, può anche nascere dall'abitudine a delegare i propri problemi. Ad esempio si parla di 'vantaggio secondario' che deriva al malato dalla sua condizione di malato: consiste appunto nella soddifazione da parte di altri delle sue necessità. Qualcuno potrebbe intuire l'affare e protrarre più a lungo del necessario il suo stato di insufficienza.
r.rubin is offline  
Vecchio 07-02-2006, 15.24.29   #4
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Re: autocommiserazione

[quote]Messaggio originale inviato da Mr. Bean
[b]secondo voi da dove nasce l'autocommiserazione, come si sviluppa e perché? Può essere una forma di riccatto?


ciao fabri! non posso ora..vedo più tardi di impegnarmi in una risposta

feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 07-02-2006, 16.24.42   #5
Essere
Ospite abituale
 
L'avatar di Essere
 
Data registrazione: 22-12-2005
Messaggi: 320
Ciao secondo me è autodifesa
Essere is offline  
Vecchio 07-02-2006, 16.39.49   #6
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: autocommiserazione

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
secondo voi da dove nasce l'autocommiserazione, come si sviluppa e perché? Può essere una forma di riccatto?

Può. Ma anche no. Ne ho scritto abbastanza recentemente nella discussione sulle dipendenze affettive.

Fragola is offline  
Vecchio 07-02-2006, 16.52.03   #7
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Autocommiserazione...brutta faccenda.

A mio avviso nasce nella persona propensa a scaricare le proprie colpe a terzi. L'agire non andato a buon fine che sfocia nell'autocommiserazione è il tentativo ultimo, inconscio e di difesa per pensare che in fondo, in fondo la colpa potrebbe essere di qualcun altro.
Autocommiserarsi per le normali faccende e problemi della vita instaura un blocco che a volte non ti permette di affrontare la situazione con la giusta grinta...quella che ad un certo punto ti fa dire....la colpa è solo mia ma ce la posso e ce la devo fare.
maxim is offline  
Vecchio 07-02-2006, 17.02.30   #8
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
una giustificazione

Citazione:
persona propensa a scaricare le proprie colpe a terzi


forse nasce dal rapporto che si ha avuto con le persone importanti nella prima infanzia.

Se un bambino viene compatito, con amore e non con disprezzo, dal genitore, quando non riesce a raggiungere certi obiettivi, può essere che, una volta diventato adulto, quando si ritrova nella stessa situazione di fallimento, egli reagisca, nella solitudine della sua anima in cui alloggiano le immagini\ricordi dei genitori del passato, identificandosi col ghenitore compassionevole, e dicendosi "poverino, infelice".

L'autocommiserante non si attribuisce colpa dell'accaduto, perchè abituato, da altri, a non attribuirsene.

Ultima modifica di r.rubin : 07-02-2006 alle ore 17.03.50.
r.rubin is offline  
Vecchio 07-02-2006, 17.19.21   #9
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Re: una giustificazione

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
L'autocommiserante non si attribuisce colpa dell'accaduto, perchè abituato, da altri, a non attribuirsene.

Per quello dicevo che l'autocommiserazione è brutta faccenda assai.
In qualunque momento, in qualunque situazione è essenziale partire, ragionevolmente, dalle proprie colpe. Meglio attribuirsene qualcuna in più che scaricarle a terzi.
L'autocomiserazione prevede inoltre una risposta da parte di chi ti dovrebbe ascoltare. Una mancata risposta è ulteriore fonte di malessere che provoca a sua volta ulteriore autocommiserazione.

L'unica forma di autocommiserazione che concepisco è quella rivolta alla mortalità dell'essere alla quale non ci possiamo sottrarre...ovviamente per chi intende la morte in maniera negativa.
maxim is offline  
Vecchio 07-02-2006, 17.41.04   #10
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
scaricare le colpe=EGO

scusate la sinteticità

ciao
turaz is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it