Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 05-01-2003, 20.01.18   #21
Ossidiana
Ospite
 
L'avatar di Ossidiana
 
Data registrazione: 26-12-2002
Messaggi: 17
Per Deirdre

Bonsoir

Grazie per il tuo augurio di...benvenut-a- (woman).
Piccola precisazione...non ho limitato il tutto al semplice contesto
in cui l'uomo cresce, difatti ho utilizzato termini come soggettività
od originalità, superanti l'oggettività; però converrai che un edificio poggia su fondamenta, come un fiore
trova le proprie radici entro la terra.
Siamo dunque soggettività naviganti su base oggettiva (data).
Il problema principale consiste nel comprendere che le fondamenta (l'ambiente in cui un individuo nasce e cresce) imprimeranno a vita la loro impronta su una data creatura, e dico data poichè sono proprio i genitori che ti modellano l'anima.
Divenuto adulto, l'individuo proseguirà da solo il suo cammino ,ma come dimenticare gli echi del logos provenienti dal passato, come
spazzare lontano gesti e parole che hanno permeato ed intiso
la nostra mente per molti anni ? La risposta soffia nel vento,direbbe Bob Dylan...per me quella risposta corrisponde ad un...impossibile.

Serali Saluti

Ossidiana

P.S...Non siamo riflessi,ma soggettività con l'appendice sul cuore , sull'anima , o sullo stomaco , o sotto le suole delle scarpe ,etc... (dipende dal vissuto di ognuno).
Ossidiana is offline  
Vecchio 05-01-2003, 20.25.19   #22
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Re: Per Deirdre

Citazione:
Messaggio originale inviato da Ossidiana
Bonsoir

Grazie per il tuo augurio di...benvenut-a- (woman).
Piccola precisazione...non ho limitato il tutto al semplice contesto
in cui l'uomo cresce, difatti ho utilizzato termini come soggettività
od originalità, superanti l'oggettività; però converrai che un edificio poggia su fondamenta, come un fiore
trova le proprie radici entro la terra.
Siamo dunque soggettività naviganti su base oggettiva (data).
Il problema principale consiste nel comprendere che le fondamenta (l'ambiente in cui un individuo nasce e cresce) imprimeranno a vita la loro impronta su una data creatura, e dico data poichè sono proprio i genitori che ti modellano l'anima.
Divenuto adulto, l'individuo proseguirà da solo il suo cammino ,ma come dimenticare gli echi del logos provenienti dal passato, come
spazzare lontano gesti e parole che hanno permeato ed intiso
la nostra mente per molti anni ? La risposta soffia nel vento,direbbe Bob Dylan...per me quella risposta corrisponde ad un...impossibile.

Serali Saluti

Ossidiana

P.S...Non siamo riflessi,ma soggettività con l'appendice sul cuore , sull'anima , o sullo stomaco , o sotto le suole delle scarpe ,etc... (dipende dal vissuto di ognuno).

Allora...buonasera ...
si ammetto, condivido il tuo pensiero anche se non del tutto. Contesto la tua citazione in merito ai genitori...mi spiego subito, è vero che in parte riceviamo in "dote"..le caratteristiche che hanno reso i nostri genitori "esseri viventi"...ma ogni singolo è singolo perchè unico e come tale possiede un proprio io...che in parte è eredità in parte è qualcosa di "nuovo"...almeno, io la penso in codesto modo.
Una casa si costruisce dalle fondamenta... ma se queste non sono "buone"...si abbatte tutto o crolla da se ... in questi casi... si può ricostruire a nuovo...o sbaglio? ....

ciao e nuovamente benvenuta...
deirdre is offline  
Vecchio 05-01-2003, 21.08.25   #23
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Buona sera VanLag...
Citazione:
Calma…calma…..
La nostra interpretazione è soggettiva, ma questo non ci autorizza a negare la realtà del solido mondo che calpestiamo.
Una pietra luccicante, potrà essere per te uno stupido sasso, per me un gioiello di grande valore, (o viceversa), ma la diversa attribuzione di valore che gli diamo, non può arrivare a farci affermare che non esista un uguale pietra alla base delle nostre esperienze diverse.
A meno che tu non voglia stimare la “realtà del soggetto percepente” superiore alla “realtà dell’oggetto percepito”.


Bhe...tu hai detto qualcosa di vero nel tuo esempio e questo mi basta per stabilire che la realtà non esiste...meglio, ne esiste una oggettiva che è fatta di materialità... ma sappiamo bene che il termine "realtà" comprende non solo il lato materiale ma anche un lato interpretativo che ha origine nel soggetto... quindi per me un pezzo di carta rosso è rosso, per te può essere marrone... quale delle due ipotesi è valida? credo ambedue..oggettivamente è un pezzo di carta colorato..soggettivamente è un pezzo di carta rosso per me, marrone per te... questo dimostra che anche il concetto di realtà è relativo...
Non attribuisco maggiore valore alla "realtà del soggetto percepente"...li considero in ugual misura... questo è il dilemma.... e la conferma che la realtà non esiste....

Citazione:
Non sono riuscito a spiegarti cosa intendo per intelligenza.
L’intelligenza sei tu, essa è il tuo legame bidirezionale con la vita, è qualche cosa di molto più profondo e molto più importante della memoria

Ok... concordo...potrei dirti che ciò che tu chiami intelligenza io chiamo anima....

Citazione:
Nella mente umana cos’altro c’è secondo te oltre che la religione? Tutti i sistemi di pensiero, derivano dal pensiero religioso. Bibbia e Mahabarata, il codice di Hammurabi e tutti i primi grandi scritti affondano le loro radici in quel pensiero.
Le nostre incomprensioni forse nascono dal fatto che tu stimi molto l'uomo e la sua mente, mentre io stimo di più la bellezza del mondo che mi circonda.


Alt...nonono...mica vero!

Allora...la religione è nata per dare un senso all'esistenza umana... credo che prima sia nata la forma pensiero...poi la religione che altro non è che il contesto in cui mettere ciò che l'uomo non capiva....non concepiva..non riusciva a spiegare....

vero...io timo molto la mente umana e l'uomo in se..ma allo stesso modo la bellezza del mondo, meglio universo che mi circonda... ricorda Van lag...come citato nella tavola smeraldina all'inizio della chiave di salomone.... "come sopra cosi sotto"...esiste uno stretto legame tra l'anima dell'uomo e l'anima dell'universo...come due vie parallele ma in continuo contatto... se amo ed ammiro l'anima umana..automaticamente gli stessi sentimenti li provo nei confronti dell'universo....

deirdre is offline  
Vecchio 05-01-2003, 21.57.31   #24
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Grazie Deirdre.....

Non attribuisco maggiore valore alla "realtà del soggetto percepente"...li considero in ugual misura... questo è il dilemma.... e la conferma che la realtà non esiste.........

.........vero...io timo molto la mente umana e l'uomo in se..ma allo stesso modo la bellezza del mondo, meglio universo che mi circonda...


Molto saggio ed equilibrato considerarli in ugual misura…..

......Ok... concordo...potrei dirti che ciò che tu chiami intelligenza io chiamo anima....

Ho compreso che, ciò che io chiamo intelligenza tu la chiami anima. Per me anima si presta a contenuti e risvolti che non condivido e continuo a rifiutarla. Come ho detto dall’inizio stò con la terra, con la materialità, con la concretezza.
Personalmente sento di avere ampliato a sufficienza l’argomento. Direi che ci sono parecchie convergenze anche se, non c’è una visione omogenea. Al di la di tutto mi ha fatto piacere confrontarmi con te, mi hai dato modo di ampliare dei concetti che, come dissi all’inizio mi intrigano molto ed anche di ascoltare i tuoi....
VanLag is offline  
Vecchio 06-01-2003, 12.56.05   #25
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Ringrazio VanLag...è sempre piacevole conversare con persone intelligenti e che sanno dimostrare voglia di confronto....
mi hai fatto ragionare e quasi fondere il cervello..per questo ti ringrazio...

un caro saluto.
deirdre is offline  
Vecchio 06-01-2003, 23.19.02   #26
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
E' la terza volta che provo a scrivere stò messaggio, ogni volta che provo a inserirlo non và, "torna indietro", ma indietro ormai non c'è nulla!! computers infernali!!!

Comunque ci tenevo a dire fondamentalmente solo una cosa, cioè che..

riferimento:

Trovo il quadro fatto da VanLag razionale e logico, niente da dire, fila liscio; bello, mi piace! (quante pippe mentali vi fate?!

non ti smentisci mai....con quale lato del tuo io hai elaborato questo meraviglioso pensiero rubin? "

..non era assolutamente offensivo!!! Tutt'altro, è un complimento scherzoso, e carico di stima (è questo il modo in cui qui esprimiamo, senza voler risultare troppo seri e pesanti, un sentimento di stima e amicizia..ecco semmai posso aver sbagliato in quest'ultima cosa...ma sono certo che per questo mi perdonerete


Cmq Deirdre forse ho capito quello che vuoi dire...forse....
tu vuoi dire che esiste qualcosa di superiore a noi che ci muove, che ci spinge al pensiero e all'azione, un'energia che muove tutto e non ci appartiene, quasi, ma noi apparteniamo a lei...la "Vita", si potrebbe chiamare...

..sempre se ho capito....

ps: credimi non ho assolutamente nulla contro la cabala..e poi come potrei aver qualcosa da ridire su questo..visto che su questo (e non solo) sono completamente ignorante..?

Tanti
r.rubin is offline  
Vecchio 07-01-2003, 21.10.38   #27
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Rubin rubin...mi fai sentire una vecchia bacchettona...hehhehe..

comunque sia..detto in breve...si..hai azzeccato... molti, quell'energia la chiamano Dio...
Ci dona la vita... la regola lasciandoci alcune libertà e possibilità.... ma non appartiene a noi...meglio, è in noi...intorno a noi...e noi apparteniamo a lei...perchè a lei torneremo....

non so dirti se è folle questo modo di pensare....ma è quello che mi pare più verosimile.

hahahha..la Cabala... bhe il mio modo di pensare si discosta un po' dal pensiero cabalistico...la cabala è uno strumento... non è un dogma.. almeno ... io la vedo cosi.....

Non preoccuparti Rubin..non è successo nulla, anche il mio era un tono giocoso..cercavo di capire se la tua reazione proveniva dall'emisfero razionale o emozionale..hehhhe.....dai scherzo..
smak
deirdre is offline  
Vecchio 08-01-2003, 23.10.37   #28
Ossidiana
Ospite
 
L'avatar di Ossidiana
 
Data registrazione: 26-12-2002
Messaggi: 17
Bonsoir Deirdre,

Se rimanessimo nel campo dell'edilizia potrei anche darti ragione, ma le fondamenta nell'essere umano non possono essere
cambiate,perchè il passato non è cancellabile.
Se le fondamenta (sempre nell'essere umano) non sono buone,ciò che resta da fare è partire da quelle tristi fondamenta e andare avanti, magari costruendone delle proprie e diverse , ma sarebbe sempre una sovrastruttura,poichè il passato è,semplicemente,indelebile.

Bye,Ossidiana

P.S...Nuovamente...non mi sembra d'aver detto che noi non possediamo un nostro io o che non siamo delle originalità...non so pourquoi continui ad attribuire al mio scritto una visione dicotomica...mi-mi-mi-mistero e un sorriso
Ossidiana is offline  
Vecchio 12-01-2003, 23.51.40   #29
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Bene, posso dire di essere d'accordo con quello che dici Deirdre, e trovo difficile non esserlo, perchè proprio non mi sembra per nulla folle!
Per qunto riguarda le fondamenta...qualcosa di nostro e solo nostro c'è, senza dubbio, ma senza dubbio siamo profondamente decisi da quella che è la nostra famiglia ed il nostro ambiente; con un pò di fortuna qualcuno può essere in grado di dirigere abbastanza autonomamente la propria vita, quanto è difficile dirlo, dipende...dipende credo anche dalle doti di ognuno:ma più di tanto non ci si discosta.
Figuratevi la mia espressione quando, leggiucchiando l'introduzione di un libro di R.M.Rilke e la sua biografia, leggo che la madre gli aveva infuso la sua ambizione letteraria ed il suo ideale di cultura, ed era profondamente convinta che fosse nato destinato alla letteratura!(ps: tutte le madri di solito hanno grandi progetti, questo poi non vuol dire..si sa..anzi...a volte causano gravi nevrosi al figlio..in qualche modo cmq lo determinano).
r.rubin is offline  

 

« Psicologia | Follia »


Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it