Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 28-12-2002, 22.19.46   #1
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
pensiero?

"tutto quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato"

Il pensiero....

fonte di benessere e malessere...
tutto parte dal significato di questo termine...
del singolo...e della collettività....

fonte di ogni piccola...grande evoluzione....

pozzo dal quale attingevano gli alchimisti...
da cui è nata la psicoanalisi....

una parola che racchiude un concetto "immenso".....

cos'è....
deirdre is offline  
Vecchio 29-12-2002, 13.12.16   #2
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Pensiero(almeno,nella sua forma più "elevata"):La consapevolezza di cosa si è,e di cosa si vuol' essere.
Questo è il pensiero più pesante,di cui a volte ci vorremmo liberare....
sisrahtac is offline  
Vecchio 02-01-2003, 19.39.05   #3
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
"tutto quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato"

può essere anche un processo solamente meccanico, ad ingranaggio (come si vede nei cartoni animati), che elabora e assembla input esterni ed interni, in un'ordine che possiede la logica predeterminata creata dai precedenti pensieri, anch'essi determinati e mai scelti.

"tutto quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato"
Non liberi di pensare, non liberi di essere.
Niente più di un intreccio occasionale.

L'unica libertà del pensiero potrebbe nascere dalla ricerca consapevole di strade meno battute dalla logica. Ma questo non vuol dire sottratte al ferreo intreccio...

Potrebbe essere anche così...




.....
r.rubin is offline  
Vecchio 02-01-2003, 20.25.06   #4
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110

Concordo pienamente,anzi,di più!
E a dirla tutta,è triste che l'unica libertà sia l'irrazionalità.La pazzia nasconde prigioni ben peggiori,anzi,nemmeno...è solo un illusione di libertà.L'unica cosa da fare è prendere atto che la libertà non esiste,e andare con coraggio e fino in fondo a quella vincolante strada chiamata vita.
Per questo spesso il pensiero di ciò che vogliamo essere è doloroso,perchè noi non possiamo,dobbiamo...l'unica libertà è agire spontaneamente...cammello,leon e,fanciullo...

Ultima modifica di sisrahtac : 02-01-2003 alle ore 20.27.07.
sisrahtac is offline  
Vecchio 02-01-2003, 21.30.53   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Un ingrediente dell'Io sono...

………"tutto quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato"…

Cos’è quel flusso che si snoda nei nostri cervelli ininterrotto e che chiamiamo pensiero?…. Secondo me è l’elaborazione del contenuto della memoria per raggiungere qualche obbiettivo….

Qualcuno ha detto: - siamo tutto ciò che abbiamo sentito, sperimentato, esperito, dal momento della nostra nascita al momento in cui siamo ora.
Quindi la nostra identità, ciò che pensiamo di essere, è “memoria” di cui il pensiero è la manifestazione dinamica…..

Mi sembra più preciso......
VanLag is offline  
Vecchio 03-01-2003, 16.07.46   #6
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Grande Van!
Voglio un'attimo collegarmi all'intelligenza...può essere allora la capacità di scorrere e rivedere, riassemblare a seconda del bisogno, tutto questo materiale mnemonico?
Un'abile velocità nel trovare una soluzione ad un problema, no?

Ricordo che Einstein diceva che il suo pensiero avveniva fondamentalmente per immagini...un pensiero per immagini, una memoria di immagini, la grandissima capacità di gestirla e ricombinarla in modi nuovi, trovando soluzioni originali. Che possa essere questo il genio?

r.rubin is offline  
Vecchio 03-01-2003, 18.52.29   #7
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
:-)))

…..Voglio un'attimo collegarmi all'intelligenza...può essere allora la capacità di scorrere e rivedere, riassemblare a seconda del bisogno, tutto questo materiale mnemonico? Un'abile velocità nel trovare una soluzione ad un problema, no?

Grande r.rubin….. speravo che qualcuno chiamasse in causa l’intelligenza….. Mi intrigano questi argomenti, perché è un po’ uno scavare dentro noi stessi.

L’intelligenza indubbiamente è un fattore che non è ne memoria ne pensiero. Direi che è quella parte di noi che ci permette di intelligere la vita, discriminando gli eventi. Dico discriminando gli eventi e non valutando gli eventi. La valutazione infatti prevede l’uso della memoria nella quale sono inserite le categorie dicotomiche di merito.
Questo è bene, questo è male, questo è bello questo è brutto non è altro che quanto ci hanno insegnato essere rispettivamente bene, male, bello, brutto, etc….. La memoria accumula tutte le informazioni e crea infinite tabelle, che suddividono ogni input acquisito in categorie di utilizzo.
L’utilizzo è funzionale per raggiungere gli obbiettivi che sono anch’essi racchiusi nella memoria. Per esempio essere un grande ingegnere, un leader di successo, un maestro spirituale realizzato, un grande scrittore, non è certo un bisogno naturale dell’uomo, ma è chiaramente l’ambizione che ci è stata passata dall’ambiente dove siamo cresciuti, (tipicamente dai nostri genitori).
Quelle ambizioni finiscono per fare sovrapporre alla nostra identità basilare, cioè al puro senso “io sono”, un’identità secondaria fatta di memoria.
“Io sono l’ingegner X”, o “io sono il maestro Y”, finiscono per essere superiori al semplice “io sono” ed in quella ricerca di diventare qualche cosa di sempre maggior peso, ci infiliamo in tunnel nei quali finiamo per sostituire il “conoscere” col “riconoscere”, in quanto l’omologazione di ciò che percepiamo attraverso categorie mnemoniche ci sembra più funzionale ai nostri obbiettivi.

Io credo che tutto va bene finché l’intelligenza usa la memoria per vivere bene e per ottenere obbiettivi pratici e realizzabili, quando, viceversa, la nostra identità, si cristallizza su un’immagine di noi stessi basata sulla memoria, finisce che si capovolge lo schema delle cose e la memoria inizia ad usare l’intelligenza determinando di fatto un’ingente perdita di “conoscenza”.

Credo che per ora basti……
VanLag is offline  
Vecchio 03-01-2003, 20.46.42   #8
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
bene bene.... ...allora...buonasera.....
pensiero...azione...filtro tra questi due fattori...l'anima....

pensiero=forza
Elaborazione mediante l'anima dell'uomo= forma
l'unione di questi genera l'azione....

i cabalisti sostengono che le percezioni esterne vengono filtrate dall'anima che rappresenta l'io dell'uomo.... questa si compone di diversi aspetti... l'emozionalità, la logica, la compassione, la distruzione....il sacrificio....e anche il "lato oscuro" di cui si parla spesso....insomma un insieme di "sensazioni" che si generano dentro di noi in base a ciò che percepiamo tramite i sensi....
la trasformazione in azione avviene quando la forza si unisce alla forma....

secondo voi..è solo questione di memoria? Bagaglio mnemonico....??????
Oppure c'è qualcosa..una forma di "memoria" archetipale che languidamente "vive" nei reconditi meandri del nostro io? qualcosa che tutti hanno...ma che difficilmente si riconosce dalla memoria della "vita terrena"?

deirdre is offline  
Vecchio 03-01-2003, 22.12.02   #9
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Deirdre, non vale….. Non gioco più……

se si porta sulla scena una variabile, es l’anima, indimostrata ed indimostrabile tutto diventa possibile a scapito della chiarezza del discorso.
Parlando di pensiero, intelligenza, memoria, identità, conoscenza e riconoscimento, siamo già sul filo del rasoio. Qualcuno più pragmatico di noi, potrebbe dire che stiamo dando nome e forma a pure onde elettromagnetiche e sarebbe già dura dimostrargli che ha torto e che abbiamo il nostro bel perché se lo facciamo….

Comunque sono in ballo e voglio ballare, almeno anche questo giro di valzer….

secondo voi..è solo questione di memoria? Bagaglio mnemonico....??????
Oppure c'è qualcosa..una forma di "memoria" archetipale che languidamente "vive" nei reconditi meandri del nostro io? qualcosa che tutti hanno...ma che difficilmente si riconosce dalla memoria della "vita terrena"?


Io vedo in me, memoria che si esprime in pensiero. Vedo che l’identità tende ad formarsi sulle basi della memoria mettendo in secondo piano l’intelligenza che invece esperirebbe ogni evento come se fosse nuovo. La mia “lotta”, se di lotta si può parlare, è di cercare di rimettere la memoria al suo posto, che poi è il posto che le compete, in modo da liberare la percezione pura, cioè senza interpretazione, ed arrivare a vivere così in modo più realistico….. Non più maschera e corpo d’ombra, fantasma di me stesso, ma ciò che sono nelle profondità del mio animo.
La seduzione che ci possa essere qualche cosa di più della dura terra che calpesto, e che io possa essere un essere fatto di spirito, anima, lanciato verso paradisi terrestri, destinato ad illuminazioni permanenti, o a beatitudine eterne, fa parte della memoria e delle promesse che ci sono state fate.

Se dovessi dirlo in metafora, direi che preferisco stare con “la madre terra” perché da quando sono con lei sto bene…. È dolce, mi protegge, mi coccola, persino mi vizia, …. Ma, soprattutto non mi mente mai…
VanLag is offline  
Vecchio 04-01-2003, 10.18.50   #10
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
hehehhe...caro Van Lag...il gioco è bello quando è contorto... ....
tu dici in rif. all'anima.... qualcosa di indimostrato.....o indimostrabile.... ok... tua opinione, ma...allora...i sentimenti, le passioni, l'ispirazione mistica, la logica, la capacita di razionalizzare e ponderare...sotto cosa le classifichi? Se le classifichi?...io racchiudo tutto questo in un unico termine...cioè anima. La vedo come "filtro"... che permette di avere una visione personale o generale di ciò che ci circonda... la memoria di cui tu parli..non è altro che un enorme magazzino ove l'uomo stipa tutto ciò che ritiene opportuno "tenere per se"... ma a mio avviso esiste un "qualcosa" di superiore, che induce l'uomo al ragionamento..all'elaborazione del pensiero che poi, altro non è che pura energia... non so se è chiaro... .....
Citazione:
Io vedo in me, memoria che si esprime in pensiero. Vedo che l’identità tende ad formarsi sulle basi della memoria mettendo in secondo piano l’intelligenza che invece esperirebbe ogni evento come se fosse nuovo.


memoria che si esprime in pensiero... non male..ma non mi convince... l'identità dell'uomo, il suo io...ciò che realmente è..non è dato solo dal bagaglio mnemonico...se cosi fosse, errori già fatti non verrebbero più commessi.... almeno..in teoria.....

l'intelligenza cos'è? dammi una definizione di questo termine che nell'evoluzione poni in secondo piano.... dico evoluzione perchè ogni cambiamento che si genera in noi è una forma evolutiva...ed il cambiamento puoi vederlo come la nascita di un figlio... due idee/pensiero in antitesi generano una "soluzione" che diventa innovazione poichè acquisisce le caratteristiche di ambedue le parti in gioco ... originando un nuovo "fattore"...nuovo perchè mai esistito prima in quanto possiede gli attributi ereditati dai due più l'origine.
Citazione:
La seduzione che ci possa essere qualche cosa di più della dura terra che calpesto, e che io possa essere un essere fatto di spirito, anima, lanciato verso paradisi terrestri, destinato ad illuminazioni permanenti, o a beatitudine eterne, fa parte della memoria e delle promesse che ci sono state fate.


mmmmm... riduci il tutto ad una semplice promessa ricevuta?
e da chi VanLag?

deirdre is offline  

 

« Psicologia | Follia »


Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it