Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 06-07-2006, 18.59.07   #1
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Inappropriata....

CREDO CAPITI A TUTTI,
CHI IN CERTE CIRCOSTANZE E CHI IN ALTRE...
QUINDI...
COME VIVETE LE VOSTRE SITUAZIONI DI INAPPROPRIATEZZA?

Beh in realtà non son certa che capiti proprio a tutti...
in ogni caso mi sento inappropriata quando sono con i miei coetanei... quasi fuori luogo...

Quindi... le mie domande, Vi capita di sentirvi inappropriati?
In quali circostanze e come reagite?!?
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 06-07-2006, 20.39.28   #2
mark rutland
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2004
Messaggi: 343
Re: Inappropriata....

Citazione:
Messaggio originale inviato da MocassinoH2O
CREDO CAPITI A TUTTI,
CHI IN CERTE CIRCOSTANZE E CHI IN ALTRE...
QUINDI...
COME VIVETE LE VOSTRE SITUAZIONI DI INAPPROPRIATEZZA?

Beh in realtà non son certa che capiti proprio a tutti...
in ogni caso mi sento inappropriata quando sono con i miei coetanei... quasi fuori luogo...

Quindi... le mie domande, Vi capita di sentirvi inappropriati?
In quali circostanze e come reagite?!?


una volta su un volume sui fiori di bach avevo letto una frase che mi ha molto rincuorato in merito, qualcosa come

' nessuno e', in fin dei conti ,esattamente nel posto giusto per lui così come non esistono, nel ventaglio delle possibilità concrete che spesso ci si presentano, le scelte in assoluto giuste che possiamo operare'.

se questo e' vero(parlerei però più di senso di inadeguatezza che di inappropriatezza che personalmente, scusa la mia ignoranza, non so cosa sia)siamo tutti un po' fuori posto; se il male e' comune ci si ricava un mezzo gaudio (che male non e')e si passa oltre .

più che altro la vedo come una proposta stimolante ; ci si può chiedere perche' ci si senta inadeguati, se c'è qualcosa su cui lavorare al limite, o se invece si è andati oltre certi contesti, persone, ecc tanto da poterli, con quieta e benevola comprensione, lasciar andare.
si cambia, si cresce

Ultima modifica di mark rutland : 06-07-2006 alle ore 20.40.45.
mark rutland is offline  
Vecchio 06-07-2006, 21.09.47   #3
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
ciao mocassino
i tuoi coetanei portano le zeppe, per forza ti senti inappropriata
vabbeh....non mi sono mai riuscite bene le battute, lascia stare.

A me capita di sentirmi inadeguata, abbastanza spesso. Mi è capitato giusto ieri, che ho fatto un errore di valutazione sul lavoro, e ovviamente mi è stato fatto notare dai colleghi. Odio sbagliare. Mi dà proprio fastidio

un po' sull'onda di mark, vien da dire anche a me che forse non esiste una situazione in cui ci si possa sentire perfettamente adeguati; e se questa situazione esiste, allora stiamo sbagliando qualche cosa, perchè siamo in un contesto dove (per qualche motivo) crediamo di non avere nulla da imparare, nessun possibile errore da compiere, ci sentiamo "intoccabili". Mi pare una situazione pericolosa in quanto è quella dove è più facile compiere errori madornali, e che poi non ci dà neanche nulla a livello personale.

ovviamente poi dobbiamo pur avere i nostri capisaldi a cui aggrapparci, e su cui sappiamo di poter far leva in qualunque situazione; conoscendo noi stessi, possiamo fare una specie di stima: fin lì possiamo arrivare, fin lì possiamo svolgere il compito, fin lì possiamo integrarci.....il resto è un punto di domanda.

Secondo me essere appropriati significa avere una sufficiente conoscenza di se, che ci permetta di renderci flessibili a tal punto da integrarci sufficientemente in un contesto. Questo non possiamo farlo se non c'è flessibilità (e conoscenza di se), la volontà reale di essere appropriati in quella situazione, e un pizzico di umiltà....dagli altri qualche cosa da imparare c'è sempre, e anche da apprezzare.

ciao
odissea is offline  
Vecchio 06-07-2006, 21.33.51   #4
Axiom
Ospite
 
Data registrazione: 26-06-2006
Messaggi: 20
io mi sentivo fuori luogo ed a disagio con molti dei miei coetanei... per dirla tutta, con molta della gente del posto in cui vivo. Alla fine, ho deciso di vedere il bicchiere mezzo pieno.. ed ho iniziato a divenire molto selettivo, in modo da stare con chi mi garba piuttosto che le solite "comitive" per far numero.

Luca
Axiom is offline  
Vecchio 07-07-2006, 06.05.03   #5
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Citazione:
Messaggio originale inviato da Axiom
io mi sentivo fuori luogo ed a disagio con molti dei miei coetanei... per dirla tutta, con molta della gente del posto in cui vivo. Alla fine, ho deciso di vedere il bicchiere mezzo pieno.. ed ho iniziato a divenire molto selettivo, in modo da stare con chi mi garba piuttosto che le solite "comitive" per far numero.

Luca


io le comitive le odiavo,mi sentivo inadeguato,me la prendevo con me stesso,avevo una vita a quell'eta che non avrebbe mai trovato riscontro con i miei coetanei dell'epoca.
..poi pero' ho capito che molto spesso dietro una bella facciata ce' sempre qualcosa che puo arrivare a sorprenderci e i gruppi specie quelli adolescenziali si formano anche per fare compattezza,quella che poi manca ai singoli dello stesso presi uno per uno...l'inadeguatezza penso sia legata molto all'eta e al grado di maturazione della persona,poi perche no,puo benissimo capitare anzi credo ci saranno sempre situazioni e circostanze che ci faranno sentire inadeguati,puo darsi che succede perche come e' stato esposto da mark le scelte e le circostanze alla fine non saranno mai "giuste"..secondo appunto al nostro criterio limitato del giusto
acquario69 is offline  
Vecchio 07-07-2006, 11.49.10   #6
Bunny
Ospite abituale
 
L'avatar di Bunny
 
Data registrazione: 15-02-2006
Messaggi: 222
in passato mi sentivo inappropriata quasi ovunque, a scuola, alle feste, a casa, ovunque!! ma perchè ero insicura di me stessa.
adesso vedo gli altri a volte inappropriati, che si comportano in modo troppo formale...o simili-malattia mia?-
Bunny is offline  
Vecchio 07-07-2006, 12.21.12   #7
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
mi capitava.
quando ho compreso che la "re-azione" è una distorsione egoica ho cercato di comprendere come "agire" amorevolmente prima di tutto su me stesso andando a fondo nell'autoanalisi, raggiungendo il "punto" da cui si originava la mia "re-azione"e superandolo attraverso un "perdono" amorevole di me stesso.

Ciao
turaz is offline  
Vecchio 07-07-2006, 14.55.10   #8
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Leggendo ciò che avete scritto... mi sento un po' più confusa!

Xò in compenso ho scoperto di essere un po' tardiva....
il messaggio della battutina di Odissea mi è arrivato a relento... dai.. ho sentito battute peggiori!

Probabilmente mi sento inappropriata xkè vedo i miei coetani lontani da me e son certa ke da loro non posso trarre nessun beneficio, nè culturalmente ne socialmente.... questo va contro ciò ke dite... ci si senti fuori luogo in un ambiente dove si può apprendere...
mmmh.. io non so neanche dove abita l'umiltà...

Bunny... a quanto pare c'è molto di soggettivo... io forse mi sento inapproriata proprio per il comportamento informale di queste persone...
Non è "malattia tua"... questo è poco ma sicuro!!!

mark rutland: siamo tutti un po' fuori posto;
Sarà proprio vero... allora xò, io mi chiedo, xkè molti di noi si sentono al proprio posto e solo in talune circostanze avviene quel "sentire contrario"?
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 07-07-2006, 15.20.56   #9
mark rutland
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2004
Messaggi: 343
Citazione:
Messaggio originale inviato da MocassinoH2O


mark rutland: siamo tutti un po' fuori posto;
Sarà proprio vero... allora xò, io mi chiedo, xkè molti di noi si sentono al proprio posto e solo in talune circostanze avviene quel "sentire contrario"?

probabilmente perche' siamo in continuo cambiamento, in un continuo flusso di pensieri e il senso di adeguatezza si applica parzialmente ad alcune sfere della nostra esistenza e in altre non molto
mark rutland is offline  
Vecchio 07-07-2006, 15.43.52   #10
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Mark Rutland grazie...
Mi son data una spiegazione, leggendo nuovamente i vostri post e riflettendo sono arrivata all'origine... al "punto"...
praticamente mi sento inappropriata xkè...
ho notato che mi circondo sempre di persone colte, intelligenti, sveglie... e i miei coetanei non lo sono, sembra una banalità e forse posso sembrare anche un po' snob xò credo sia dovuto da questo quel senso di inappropriatezza...
Da qui partono altre mille riflessioni... perchè aver trovato il punto non è aver concluso il "cammino riflessivo" della questione...
E riflettendo ancora posso dire che il mio senso di inappropriatezza è dovuto dal "contrario" dal mio essere superiore... o meglio, dal mio sentirmi superiore a molti...
Questo mi porta a considerare poco o addirittura a non considerare affatto gli altri... e questo era già visto, ma mi porta anche ad un senso di inappropriatezza ma inverso...
allora son io a trovare inappropriati gli altri al mio cospetto?!?

mmh... terribile!
MocassinoH2O is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it