Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 03-08-2006, 00.58.00   #1
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
la rabbia...

capita a tutti di provare rabbia credo..potrebbe definirsi un energia interiore di solito negativa,forse non sempre e questo dipende dall'uso che ne facciamo.
quando vi capita di avere questo sentimento,come fate fronte?!...qualcuno e' riuscito a indirizzare questa energia in qualcosa di costruttivo per se stesso?

any comments?
acquario69 is offline  
Vecchio 03-08-2006, 08.03.20   #2
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Riferimento: la rabbia...

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
capita a tutti di provare rabbia credo..potrebbe definirsi un energia interiore di solito negativa,forse non sempre e questo dipende dall'uso che ne facciamo.
quando vi capita di avere questo sentimento,come fate fronte?!...qualcuno e' riuscito a indirizzare questa energia in qualcosa di costruttivo per se stesso?

any comments?
Ciao acquario, se n'è parlato in questo thread

https://www.riflessioni.it/forum/psicologia/9251-gestione-dellira.html

Comunque, la rabbia potremmo definirla come la nostra energia interiore che in quel momento si è trasformata in rabbia; prima era amore e altre volte era stata odio, ma era sempre la stessa energia.
Noi non possiamo essere contemporaneamente arrabbiati e amorosi, arrabbiati e gioiosi; o siamo l'uno o siamo l'altro. Questo, perchè in noi c'è un'unica energia che si trasforma in un'emozione o in un'altra a seconda delle circostanze.
La rabbia può essere indirizzata verso qualcosa di costruttivo dopo che la si è compresa, e comprendere vuol dire averla "osservata", e per osservarla noi ci dobbiamo fare da parte, dobbiamo cioè essere spettatori della nostra rabbia.
Nel momento in cui si diventa testimoni della propria rabbia essa si trasformerà
cincin is offline  
Vecchio 03-08-2006, 08.27.26   #3
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: la rabbia...

Prima di tutto cerco di capire da cosa nasce questa rabbia..poi cerco di ascolatre il mio respiro,di buttare fuorri tutta l'aria che c'è in più nel mio corpo...se mi viene da piangere piango!
Riesco a buttare fuori tante negatività camminando nella natura..
klee is offline  
Vecchio 03-08-2006, 09.39.31   #4
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: la rabbia...

Citazione:
Originalmente inviato da cincin
Ciao acquario, se n'è parlato in questo thread

https://www.riflessioni.it/forum/

Comunque, la rabbia potremmo definirla come la nostra energia interiore che in quel momento si è trasformata in rabbia; prima era amore e altre volte era stata odio, ma era sempre la stessa energia.
Noi non possiamo essere contemporaneamente arrabbiati e amorosi, arrabbiati e gioiosi; o siamo l'uno o siamo l'altro. Questo, perchè in noi c'è un'unica energia che si trasforma in un'emozione o in un'altra a seconda delle circostanze.
La rabbia può essere indirizzata verso qualcosa di costruttivo dopo che la si è compresa, e comprendere vuol dire averla "osservata", e per osservarla noi ci dobbiamo fare da parte, dobbiamo cioè essere spettatori della nostra rabbia.
Nel momento in cui si diventa testimoni della propria rabbia essa si trasformerà

..si ma ira e rabbia forse dovrebbero avere delle distinzioni..la rabbia di cui parlo io forse e' qualcosa di piu profondo e nascosto,mentre l'ira come la interpreto io e' una cosa piu di getto dettata forse dall'impulsivita..credo
acquario69 is offline  
Vecchio 03-08-2006, 12.10.56   #5
Enea
ira
 
L'avatar di Enea
 
Data registrazione: 31-07-2006
Messaggi: 12
Riferimento: la rabbia...

Anchio ho molta rabbia, o come preferisco chiamarla io, ira.
Si perchè non so se c'è davvero una distinzione tra le due, o almeno per me.
Comunque voglio riportarvi qui sotto un testo che ho scritto che rappresenta la mia ira, per farvi capire cosa provo:

<<Ira,
calma rabbia,
dolce veleno,
musica silenziosa e silenzio assordante.
Dagli occhi si può vedere
il brivido ardente
che pulsa dentro di me.

Ira,
dolce rabbia interiore,
signora dei sentimenti oscuri.
VEnto gelido
che trapassi il mio cuore,
attraversando la mia anima
come una freccia scoccata dalla sofferenza.

Le mie emozioni bruciano come in un fuoco ardente
come aceto su una ferita aperta;
ma io sono ira e non sento il dolore.

Lacrime, urla e pugni
per dar sfogo alla marea che mi annega.
E' come una bella bevuta,
le pulsazioni a mille
e quella pelle d'oca per tirar fuori
quella molta rabbia inspiegabile.

Le mie emozioni bruciano in un fuoco ardente
come aceto su una ferita aperta;
ma io sono ira e non sento il dolore.

La musica è libera e grida, ascoltala.
Il tuo cuore batte un ritmo, seguilo
e arrabbiati!

Ira, ora siamo una cosa sola
fai parte di me come una cicatrice,
sei la mia ferita,
una ferita che non sanguina.

Ira,
guardami e ridi!
Poichè io possa ridere con te.
Cara signora,
dimmi se i miei sogni sono infiniti,
portami con te nell'oblio delle persone
perchè questo mondo potrebbe essere migliore.
Perchè non tutto ciò che è ira è cattivo.

Anger McDust,
quest'ira che scorre nelle mie vene,
desiderio di mostrare l'io nascosto
plasmato dalla sete d'amore e di Rock'n'roll.
Dunque, vedrete..

Le mie emozioni bruciano in fuoco ardente
come aceto su una ferita aperta;
ma io sono ira e nons ento il dolore.

Si, le mie emozioni bruciano in un fuoco ardente
come aceto su una ferita aperta, si.
Ma io sono ira e non sento il dolore.
Già io ira,
ma troppo sensibile per sfuggire al dolore.>>
Enea is offline  
Vecchio 07-08-2006, 08.25.19   #6
cincin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Riferimento: la rabbia...

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
..si ma ira e rabbia forse dovrebbero avere delle distinzioni..la rabbia di cui parlo io forse e' qualcosa di piu profondo e nascosto,mentre l'ira come la interpreto io e' una cosa piu di getto dettata forse dall'impulsivita..credo
Ciao acquario, la rabbia è data come sinonimo di ira nei dizionari.

In ogni caso, ammettendo la distinzione, si tratta di emozioni negative che quando arrivano danneggiano la nostra salute psico-fisica.

Ogni volta che ci arrabbiamo/adiriamo, i livelli di cortisolo si impennano e se questa situazione permane nel tempo, si hanno tre effetti: aumento dell'insulino-resistenza (con conseguente aumento del grasso viscerale, solo per citarne una), morte delle cellule nervose (chi è stressato ha una capacità di memoria ridotta), e immuno depressione (ci si ammala più spesso).
A livello relazionale, poi, queste emozioni negative non fanno che peggiorare i rapporti con gli altri innescando una spirale perversa: ci arrabbiamo sempre di più.

E la rabbia non può essere repressa, perchè sappiamo che diventa come una bomba a orologeria.
Cosa ci rimane da fare allora, se la repressione e la espressione della rabbia sono negative?

Dobbiamo comprendere la rabbia, e per poterla comprendere dobbiamo fare quello che facciamo quando ad arrabbiarsi è qualcun altro.
Quando c'è qualcuno che si arrabbia (che non sia una persona a noi cara), noi osserviamo quell'arrabbiarsi e non ne veniamo coinvolti emotivamente.
Questo accade perchè in quel momento stiamo "osservando".
Quando sta per arrivare la rabbia, acquario, diventa un osservatore, diventa un testimone della tua rabbia. Così facendo crei "distanza" tra te (la tua Consapevolezza) e l'emozione (la rabbia).
Se riuscirai a fare questo, la rabbia ti abbandonerà senza danneggiare te nè gli altri
cincin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it