Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 31-08-2006, 15.08.54   #1
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Il tempo che passa...

Sentite, ogni tanto, il ticchettio del tempo che passa...?

Che effetto vi fa?
Vedere allo specchio i primi capelli bianchi, le prime rughe, vi deprime, oppure la cosa non vi tange più di tanto!?

Il signor tempo passa indisturbato,per tutti (meno male)

Voi...
come vivete tutto ciò

Pantera Rosa is offline  
Vecchio 31-08-2006, 20.44.57   #2
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Il tempo che passa...

Il tempo che passa ci rende più maturi..maturi dentro e più belli fuori!Le rughe ci sono ma il "fiore" che cresce dentro di noi diventerà con gli anni un

Frutto..un frutto succoso..un frutto che ci nutrirà di saggezza durante gli anni "dei capelli bianchi"..
Ogni tanto ci penso,mi guardo allo specchio e cerco di accettare ogni cambiamento..Non è facile ma

è bello potersi ancora e ancora guardare allo specchio..e sorridere e ridere

Cercherò di andare anvanti così..cercherò sempre di passeggiare e prendere per la mano la serenità..
klee is offline  
Vecchio 02-09-2006, 23.35.25   #3
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Riferimento: Il tempo che passa...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
Il tempo che passa ci rende più maturi..maturi dentro e più belli fuori!Le rughe ci sono ma il "fiore" che cresce dentro di noi diventerà con gli anni un

Frutto..un frutto succoso..un frutto che ci nutrirà di saggezza durante gli anni "dei capelli bianchi"..
Ogni tanto ci penso,mi guardo allo specchio e cerco di accettare ogni cambiamento..

Grazie Klee, per queste tue parole ...,

tempus volat, (questa è una verità non relativa)! e ci cambia ,ci trasforma, ci raffina, ci fa scoprire aspetti che non consideravamo magari a vent'anni...

anche se alcune volte mi capita di aver nostalgia per quegli anni spensierati, quando l'entusiasmo volava ai massimi livelli, quando tutto era possibile, nuovo, ancora da fare,
allora ce n'era di tempo...

Adesso invece, ci sono mille cose da fare e in un tempo ridotto,

cosa potrebbe essere il bello dei quarant'anni
Pantera Rosa is offline  
Vecchio 03-09-2006, 04.51.06   #4
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Riferimento: Il tempo che passa...

Vedete, care amiche, il tempo non passa attraverso il ticchettio dell'orologio, bensì allo scandirsi del vostro polso, dei vostri palpiti cardiaci.
Nessuno ha ancora osato revocare in dubbio questi ultimi: persino chi dichiarò e dimostrò illusorio il "tempo dell'orologio".

E' breve il percorso, credetemi.
A quale impronta, dunque, dare corso alla vita che, pure, ci scivola via tra pensieri, incombenze ed emozioni?
Esiste un sentimento "eroico" della vita, assolutamente romantico, che ci prescrive di operare per noi stessi: ossia per riconoscerci "degni" del senso che le nostre intenzioni imprimono al percorso dei nostri progetti.
E' un sentimento "alto", nobile e raro.

Ma, nella sua brevità, questo neppure ci accontenta.
Occorre che alle nostre azioni possa essere dato un senso che cada "armonicamente" dentro un'Idea "storica", ossia dialettica, del nostro stesso agire.
Superare il sentimento stolido e bruto dell'esserci per esserci.
Una volta fatto proprio questo limite, esso, per sua natura imprime il suo corso all'agire, impregnandolo di una densità che ne travalica intenzioni e scopi.
E, poichè è un limite, esso si dispone per sua natura allo "scardinamento".

E' il nostro stesso agire che prega un Dio.
L'impossibilità armonica di far collimare scopi e attese, intenzioni e progetti, con le istanze più intime e profonde delle nostre azioni.
Questa "incompletezza" nella linearità, è la possibilità del "peccato", religioso e morale.
E il mio ripensamento, purtroppo, "cade" dentro il pozzo nero del narcisismo.

Bene sarebbe accompagnarle, invece, con la fisicità del dolore.
Con una rabbia profonda, intima.
Quella rabbia che ogni uomo destina all'incapace che lo minaccia e lo deruba, "forte" del senso dimenticato e millenario delle manipolazioni cui ha diritto.
Richieda La mia Presenza
Weyl is offline  
Vecchio 03-09-2006, 09.27.45   #5
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Il tempo che passa...

Cerca di assaporare tutto..perchè i quarantanni per una donna è molto importante.E' un passaggio....a 40 anni costruiamo un ponte...per un'altra maturità!Esistono diverse maturità...

Tu respira...respira... allontana le nuvole nere...
klee is offline  
Vecchio 03-09-2006, 12.10.59   #6
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: Il tempo che passa...

Mi inserisco in questo interessante argomento con un brano dai Diari di H. David Thoreau:

"28 agosto 1856

La giovane tartaruga passa l'infanzia nel suo guscio. Fa esperienza e, attraverso quel muro, impara a conoscere il mondo.
Mentre lei riposa indolente sull'orlo della tana, piani avventati e fallimentari, vengono architettati dagli uomini. Gli imperi francesi cadono e risorgono, ma la tartaruga è cambiata di poco.

Che cos'è una estate? Il tempo che ci mette un uovo a schiudersi.

E così si è evoluta la tartaruga, concepita per durare ...
Non hanno preoccupazioni, nè affanni, eppure questo mondo non è stato fatto per loro tanto quanto è stato fatto per noi?"
---
Ecco, tornando qui, credo che anche noi abbiamo le nostre stagioni:
Passa la primavera dolcissima, burrascosa - ci troviamo nella estate fulgida, calda, lussureggiante, le brezze ci accarezzano la pelle, i capelli, i vestiti leggeri.
Dobbiamo goderla il più possibile: respirarla a pieni polmoni e contemporaneamente centellinarne ogni momento; poi si sa verrà l'autunno, un declino verso l'inverno in cui la natura tace. Ma l'autunno ha i suoi colori fiammeggianti, la magia delle nebbie, le ombre sempre più lunghe .. e tra ombre e nebbie, ci avviamo dentro l'inverno e dentro noi stessi. Si chiude un ciclo: non sappiamo altro.
Forse quello che importa è averlo vissuto, con tutte le nostre energie consapevoli.

Ciao,
Patri15 is offline  
Vecchio 03-09-2006, 12.21.14   #7
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Il tempo che passa...

Forse quello che importa è averlo vissuto, con tutte le nostre energie consapevoli.

Concordo con te..è molto importante come viviamo i nostri momenti sia positivi che negativi..
klee is offline  
Vecchio 04-09-2006, 14.57.30   #8
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Riferimento: Il tempo che passa...

Citazione:
Originalmente inviato da Patri15
---

Dobbiamo goderla il più possibile: respirarla a pieni polmoni e contemporaneamente centellinarne ogni momento; poi si sa verrà l'autunno, un declino verso l'inverno in cui la natura tace. Ma l'autunno ha i suoi colori fiammeggianti, la magia delle nebbie, le ombre sempre più lunghe .. e tra ombre e nebbie, ci avviamo dentro l'inverno e dentro noi stessi. Si chiude un ciclo: non sappiamo altro.
Forse quello che importa è averlo vissuto, con tutte le nostre energie consapevoli.

Ciao,

Anche queste parole, cara Patri, sanno di dolce saggezza,
grazie,
i colori delle stagioni, dipenderanno da noi...

per adesso, viviamo
Pantera Rosa is offline  
Vecchio 05-09-2006, 13.54.17   #9
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Il tempo che passa...

Perché dovrei buttar via le mie rughe? Ho impiegato tanto per farmele, tutta una vita.

Jeanne Moreau (Parigi, 1928)
klee is offline  
Vecchio 20-09-2006, 18.42.19   #10
flyfree
Ospite
 
L'avatar di flyfree
 
Data registrazione: 20-09-2006
Messaggi: 29
Riferimento: Il tempo che passa...

Certo è che il passaggio dall'estate all'autunno è forse il più travagliato.
Mi piace la vostra saggezza assennata e mi dispiace non poterla vedere cosi, perché mi aiuterebbe molto.
I percorsi dei nostri progetti diventano + tortuosi proprio perché cambiano le nostre intenzioni e i loro presupposti. Non so se questo è dovuto al tempo che passa o al periodo storico che viviamo, fatto di troppe incertezze. Personalmente avevo + certezze in "estate" che non ora.
flyfree is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it