Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 22-10-2004, 20.37.02   #221
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando


E se c'è un tale processo diventa naturale trarre la conclusione che noi stiamo osservando un processo vitale macrocosmico, cioè un organismo di un essere vivente in cui noi "viviamo, muoviamo ed esistiamo" come ha detto Gesù.
Forse ci viviamo su un elettrone(la terra) in un sistema atomica microcosmico(il sistema solare), nel "polmone" di un essere macrocosmico, che sta ispirando l' area fresca sul mare una bella mattina in primavera?

Ciao

Più che aria fresca sul mare in una bella mattina di primavera direi che Quest'essere fuma sigarette come un dannato.

ciao

ermes
ermes is offline  
Vecchio 22-10-2004, 22.04.31   #222
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da Aribandus
Allora, per l'Uomo, non ha senso discutere di nessuna cosa, non ha senso porsi domande, non ha senso studiare e, soprattutto, non ha senso il "cercare di capire" in nessun ramo visto che la risposta è "Tutto è Dio"..

Anzi, l'Uomo non esisterebbe più da mo' perché quando la donna delle caverne diceva al suo uomo di spostarsi perché fiume in piena, l'uomo avrebbe risposto

"no problema tu no pensa pensa Dio". E zac! sommersi..


Carina.. questa, Aribandus!
Oddio.. mi sa che comunque l'abbiamo fatto.."tu no pensa.. Pensa Dio!" e purtroppo lo facciamo ancora e se non "Dio", lo "stato", gli "altri" etc..etc..

Anch'io sono per un buddha che condivida con gli altri..!
Forse è meglio ch'io faccia una piccola premessa, per non creare equivoci..
Sono anch'io per il Dio 'Tutto in Ogni'..
Cioè.. Chiamamola 'bellezza', chiamamola 'anima ('infinita')' o 'semplicemente' 'amore' (in senso lato e non).. Beh, questo Siamo Noi.. Ognuno di noi.. una parte infinita di 'Dio'..
Quindi alla domanda della compagna cavernicola avrei risposto:
' A pensù mì..!!!!'

Citazione:
Messaggio originale inviato da ermes
Più che aria fresca sul mare in una bella mattina di primavera direi che Quest'essere fuma sigarette come un dannato..

Ehm.. mi sa che ci hai ragione !
Magari.. riusciamo a disintossicarlo..



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 23-10-2004, 11.05.44   #223
Aribandus
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-07-2004
Messaggi: 44
x Rolando

Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
Ciao,
Non è provato che l´universo sia prodotto da un "big bang". Ciò che si può osservare è che le stelle e le galassie si alontanano l´uno dall´altro, e basato su questa osservazione si ha tratto la conclusione che questo movimento arriva da una "esplosione primordiale". Ma non è per niente sicuro che questa espanzione dipende da una tale esplosione.

È più probabile che c'è uno "ritmo" nell´universo, cioè che l´universo periodicamente si espande e si contrae. Ma siccome questo ritmo è macrocosmico, le sue verie fasi hano luogo durante milioni di anni, noi possiamo soltanto osservre un piccolissimo frammento di essi, e attualmente vediamo un frammento del processo d´espanzione.

E se c'è un tale processo diventa naturale trarre la conclusione che noi stiamo osservando un processo vitale macrocosmico, cioè un organismo di un essere vivente in cui noi "viviamo, muoviamo ed esistiamo" come ha detto Gesù.
Forse ci viviamo su un elettrone(la terra) in un sistema atomica microcosmico(il sistema solare), nel "polmone" di un essere macrocosmico, che sta ispirando l' area fresca sul mare una bella mattina in primavera?

Ciao


Guarda, adesso non ricordo di preciso, ma studiando il movimento, come giustamente dici tu di espansione, di galassie etc. risulta che provengono da un unico punto nello spazio datato, attualmente, 12-15 miliardi di anni fa, giusto? Mi pare pure che con l'Hubble siano andati (almeno così ho sentito e letto, ma qui avrei dei dubbi) a fotografare in direzione di quella "zona di partenza" dove si vedono ammassi di galassie che stanno nascendo. Conunque, scientificamente, fisicamente, fisicatomicamente e chimicamente parlando sembra sia provato...

Per quanto riguarda il ragionamento tuo sul fatto che il nostro Universo possa essere niente altro che un microsistema appartenente aduno più grande, l'ho pensato anch'io. Come noi siamo un'insieme di atomi-molcole e così via. Prendiamo un atomo... sembra una specie di sistema solare... Sono d'accordo con te. Per cui rimane, e confermiamo tutti e due la legittimità della mia domanda, che è puramente "materiale", e cioè: In che Luogo è Nato l'Universo? Giriamola così: dove si trova l'Universo? Boh!

Poi verissimo che, in questo momento, notiamo che l'Universo si sta espandendo. Sembra anche che, in un certo momento di questo movimento armonico, tornerà indietro e si contrarrà.
Questo, oltretutto, ci dimostra che non è infinito. Se non è infinito, vuol dire che c'è qualcosa di più grande che lo contiene. Quindi la penso come te. Suppongo bene o male le stesse cose.

Magari un giorno osserveremo la punta di un ago di siringa, lungo miliardi di anni luce, entrare nel nostro universo e "iniettare" un vaccino cosmico contro la formazione dei buchi neri dannosi
Aribandus is offline  
Vecchio 23-10-2004, 18.40.53   #224
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Re: x Rolando

Citazione:
Messaggio originale inviato da Aribandus
Guarda, adesso non ricordo di preciso, ma studiando il movimento, come giustamente dici tu di espansione, di galassie etc. risulta che provengono da un unico punto nello spazio datato, attualmente, 12-15 miliardi di anni fa, giusto? Mi pare pure che con l'Hubble siano andati (almeno così ho sentito e letto, ma qui avrei dei dubbi) a fotografare in direzione di quella "zona di partenza" dove si vedono ammassi di galassie che stanno nascendo. Conunque, scientificamente, fisicamente, fisicatomicamente e chimicamente parlando sembra sia provato...
Ciao, Non penso che sia giusto che si può fotografare "in direzione di quella "zona di partenza" dove si vedono ammassi di galassie che stanno nascendo" siccome non si sa dove ha avuto luogo il presunto "big bang".
Al contrario, contrariamente a ciò che i scienziati si aspettavano, l´osservazione con Hubble non ha confermato l´ipotesi che le galassie più lontano come conseguenza del big bang, sarebbero meno concentrate più lontano nell´universo si osserva. E questo fatto è stato una grande sorpresa per loro, che non si possono spiegare.
Citazione:
Per quanto riguarda il ragionamento tuo sul fatto che il nostro Universo possa essere niente altro che un microsistema appartenente aduno più grande, l'ho pensato anch'io. Come noi siamo un'insieme di atomi-molcole e così via. Prendiamo un atomo... sembra una specie di sistema solare... Sono d'accordo con te. Per cui rimane, e confermiamo tutti e due la legittimità della mia domanda, che è puramente "materiale", e cioè: In che Luogo è Nato l'Universo? Giriamola così: dove si trova l'Universo? Boh! Poi verissimo che, in questo momento, notiamo che l'Universo si sta espandendo. Sembra anche che, in un certo momento di questo movimento armonico, tornerà indietro e si contrarrà.
Questo, oltretutto, ci dimostra che non è infinito. Se non è infinito, vuol dire che c'è qualcosa di più grande che lo contiene. Quindi la penso come te. Suppongo bene o male le stesse cose.
Io penso che l´universo sia infinito ed eterno anche se le sue forme si trasformano costantemente. Altrimenti l´universo sarebbe stato nato da "nulla". Ma se fosse stato un vero "nulla", chi avrebbe potuto creare qualcosa, e da che cosa? Qualcosa non può nascera da "nulla", e siccome l´universo quindi esiste, è ovvio che è sempre esistito. Se Dio esiste penso che la sua creazione consiste della perpetua trasformazione in cui tutta la materia e tutti gli esseri viventi si trovano. Però se viviamo in un corpo di un essere macrocosmico, è chiaro che questo corpo non è infinito ma, come dici anche tu, esso vive in un corpo ancora più grande. Ma la totalità deve necessariamente essere infinta altrimenti si dovrebbe arrivare all´opinione che l´universo "dimora" in niente o in un "nulla". Quindi segue dalla logica che l´universo nella sua totalità dev´essere necessariamente infinito ed illimitato.
Citazione:
Magari un giorno osserveremo la punta di un ago di siringa, lungo miliardi di anni luce, entrare nel nostro universo e "iniettare" un vaccino cosmico contro la formazione dei buchi neri dannosi
Terrificante Però penso che se l´universo sia un organismo, i "buchi neri" costituiscono una parte normale di qualche processo vitale di questo organismo contro cui non si deve vaccinarsi. Ciao

Ultima modifica di Rolando : 23-10-2004 alle ore 18.48.44.
Rolando is offline  
Vecchio 23-10-2004, 18.44.27   #225
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
Messaggio originale inviato da ermes
Più che aria fresca sul mare in una bella mattina di primavera direi che Quest'essere fuma sigarette come un dannato.

ciao

ermes
Perché questo "negativismo"?
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 23-10-2004, 20.14.43   #226
Aribandus
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-07-2004
Messaggi: 44
Re: Re: x Rolando

Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
Io penso che l´universo sia infinito ed eterno anche se le sue forme si trasformano costantemente. Altrimenti l´universo sarebbe stato nato da "nulla". Ma se fosse stato un vero "nulla", chi avrebbe potuto creare qualcosa, e da che cosa? Qualcosa non può nascera da "nulla", e siccome l´universo quindi esiste, è ovvio che è sempre esistito. Se Dio esiste penso che la sua creazione consiste della perpetua trasformazione in cui tutta la materia e tutti gli esseri viventi si trovano. Però se viviamo in un corpo di un essere macrocosmico, è chiaro che questo corpo non è infinito ma, come dici anche tu, esso vive in un corpo ancora più grande. Ma la totalità deve necessariamente essere infinta altrimenti si dovrebbe arrivare all´opinione che l´universo "dimora" in niente o in un "nulla". Quindi segue dalla logica che l´universo nella sua totalità dev´essere necessariamente infinito ed illimitato.

Se la totalità, macrocosmo e sottocosmi compresi, la vuoi chiamare universo, allora sì. Ma il nostro universo no, sarebbe come una cellula per il nostro corpo.

Comunque, anche se una cosa è infinita, visto che noi abbiamo contatto con le 3 dimensioni, ci viene per forza di cose da chiederci DOVE, è situato. Almeno a me viene così. E darmi come risposta Dio o Amore di Dio è solo sbagliato. O almeno Dio è la causa, l'Universo è l'effetto. Dove c. si svolge questo effetto visto che è composto di materia? punto infinito. basta.

Adesso mi leggo Topolino. No mannaggia! E' una puntata spaziale!
Aribandus is offline  
Vecchio 23-10-2004, 20.17.21   #227
Aribandus
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-07-2004
Messaggi: 44
Re: Re: x Rolando

Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
...Io penso che l´universo sia infinito ed eterno anche se le sue forme si trasformano costantemente....

Si trasformano in base alle leggi della Fisica
Aribandus is offline  
Vecchio 24-10-2004, 00.25.49   #228
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Re: Re: Re: x Rolando

Citazione:
Messaggio originale inviato da Aribandus
Se la totalità, macrocosmo e sottocosmi compresi, la vuoi chiamare universo, allora sì. Ma il nostro universo no, sarebbe come una cellula per il nostro corpo.

Comunque, anche se una cosa è infinita, visto che noi abbiamo contatto con le 3 dimensioni, ci viene per forza di cose da chiederci DOVE, è situato. Almeno a me viene così. E darmi come risposta Dio o Amore di Dio è solo sbagliato. O almeno Dio è la causa, l'Universo è l'effetto. Dove c. si svolge questo effetto visto che è composto di materia? punto infinito. basta.

Adesso mi leggo Topolino. No mannaggia! E' una puntata spaziale!
Se l'Universo è infinito e illimitato non si può parlare di luogo o "dove è situato". Se si capisce veramente il concetto di "infinito" è chiaro che è infatti il contrario di tempo e luogo. Una "cosa" che comprende o costituisce tutto che esiste, cioè abbraccia Tutto che esiste sia nel micro- che nel macrocosmo non può esistere in un determinato "luogo". Si può definire un "luogo" soltanto in realazione con un altro "luogo", cioè i luoghi circostanti. Ma siccome l'Universo occupa tutti i luogi esistenti, cioè l´infinità, non c'è nessun luogo in relazione a cui può essere determinato. Quindi dell'Universo non si può in realtà dire nient'altro che esiste. Quindi il tuo "Dove?" non è usabile quando si tratta del concetto di Universo.
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 24-10-2004, 02.19.51   #229
Aribandus
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-07-2004
Messaggi: 44
Re: Re: Re: Re: x Rolando

Citazione:
Messaggio originale inviato da Rolando
Se l'Universo è infinito e illimitato non si può parlare di luogo o "dove è situato". Se si capisce veramente il concetto di "infinito" è chiaro che è infatti il contrario di tempo e luogo. Una "cosa" che comprende o costituisce tutto che esiste, cioè abbraccia Tutto che esiste sia nel micro- che nel macrocosmo non può esistere in un determinato "luogo". Si può definire un "luogo" soltanto in realazione con un altro "luogo", cioè i luoghi circostanti. Ma siccome l'Universo occupa tutti i luogi esistenti, cioè l´infinità, non c'è nessun luogo in relazione a cui può essere determinato. Quindi dell'Universo non si può in realtà dire nient'altro che esiste. Quindi il tuo "Dove?" non è usabile quando si tratta del concetto di Universo.
Ciao

Tu mi avevi fatto l'esempio di un universo microcosmo parte di un macrocosmo, mi riferivo a quell'esempio. Hai ragione, ma per la scienza è infinito? Scientificamente parlando non lo so. Adesso come è adesso mi viene da dire sì. Ma se è nato mi chiedo dove. Oh, è così Se è nato vuol dire che è nato in un determinato "posto". Se è nato in quel "posto", in quel punto particolare di quel volume (solo come esempio) vuol dire che ha poi cominciato ad espandersi proprio li dentro. Forse è infinito nel senso che ... "tende" all'infinito, visto che è in continua espansione... Mah. Io mi fermo li.

Comunque aprirei una variante al dibattito della quale mi piacerebbe discutere. Poi si ricollega, forse.
Avevo letto del fatto che l'Hubble era riuscito a vedere stelle o galassie distanti 15 miliardi di anni luce in direzione del Big Bang. Dicevano quindi che aveva visto indietro nel tempo... Nel senso che aveva visto la nascita di queste galassie. Ora, anche se parliamo di distanze luce, quindi velocità luce, e quindi tempo, io penso che non sia possibile che sia avvenuta questo tipo di osservazione. Ma proseguo domani perché sono stanco e non riesco più a riprendere il ragionamento. (sono le 2 e 20 di notte..)

Ciao
Aribandus is offline  
Vecchio 24-10-2004, 13.50.03   #230
ConteOliver
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 13-10-2004
Messaggi: 55
un piccolo suggerimento ...

Egregi Colleghi,
vorrei ricordare a lor Signori che il nostro universo ha leggi ben precise. Di queste leggi alcune ci sono più o meno note, altre attualmente ancora ci sfuggono e tuttavia, per quanto sfuggenti siano queste ultime, restano sfacciatamente sotto i nostri occhi mentre solo nostra è la colpa di non saperle “cogliere”.
Sulla questione della nascita dell’universo, molti di noi stanno effettuando ricerche in direzioni palesemente errate, a mio modesto avviso, giacchè si comportano come chi, per studiare il fenomeno della fotosintesi clorofilliana espone un uovo di gallina ad un bombardamento di particelle.
Nella fattispecie, nella ricerca del meccanismo di rinnovamento dell’universo, abbiamo assodato quanto basta a trarre le nostre conclusioni.
Riassumo alcuni dati salienti:

- L’universo per noi visibile e percepibile è in fase di espansione e che tale espansione è riferibile ad un determinato punto al centro dell’espansione;
- abbiamo stimato con ragionevole approssimazione il punto sorgente di tale espansione;
- abbiamo supposto che la natura di tale espansione fosse di tipo esplosivo e, pertanto, abbiamo ipotizzato almeno un Big Bang, il più recente dei quali sarebbe poi quello che avrebbe generato l’attuale configurazione dell’universo.

Qualcuno di noi, al quale siamo tutti grati, ha poi fatto notare che la disposizione della materia nell’universo rispetto al centro di dilatazione, ovvero rispetto al punto di origine del più recente supposto Big Bang, non è coerente con quanto teorizzato per via del fatto che una esplosione nel vuoto è un fenomeno di breve durata e comporta una sola onda di propagazione in fuga dal centro, tale onda contiene sia la materia, sia le radiazioni elettromagnetiche, sia le emissioni quantiche generate dal fenomeno. Con velocità differenti tutto si allontana dal centro lasciando la materia in coda alla fuga.
Il fatto che la materia non sia disposta in modo sufficientemente accettabile, come avrebbe dovuto essere, ossia sulla superficie di una bolla in dilatazione, esclude che ci sia mai stata una esplosione unica.
Oggi ci rimane da teorizzare, perciò, che la materia dell’universo per noi percepibile è emersa da quel nostro determinato punto d’origine e nel corso del tempo attraverso un fenomeno che abbiamo deciso di chiamare “Litle Bangs Stream”, fenomeno che per il nostro settore di universo è ormai cessato definitivamente da tempo.
Abbiamo osservato che i corpi astrali hanno dimensioni estremamente varie, tutti, ad eccezione dei Black Holes, che invece hanno pressappoco tutti un formato standard pur continuando ad assorbire materia in quantità differenti l’uno dall’altro a seconda della densità di materia nel loro intorno. Da questo abbiamo teorizzato che l’enorme pressione al centro dei Black Holes deve necessariamente generare un fenomeno di trasmutazione della materia in uno stato energia/tempo che si sottrae alla massa presente lasciando i Black Holes in una condizione di costanza di massa.
Ci resta ora un solo anello mancante nella teoria sul “ciclo della vita” dell’universo ed è quello riguardante il come avvenga la mutazione della materia dalla forma energetico-temporale prodotta dai vari Black Holes alla forma particellare prodotta dai vari Litle Bangs Strems.
ConteOliver is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it