Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 11-07-2007, 12.00.59   #1
Jerry87
Ospite
 
Data registrazione: 06-07-2007
Messaggi: 4
Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo condividere in questo luogo la mia recente esperienza che ho avuto in ambito di fede ma sopratutto di fanatismo.Premetto che sono un ragazzo che da 20 anni è appassionato di scienza, filosofia, psicologia (anche se ovviamente a livello ancora superficiale)e molte altre materie che spingono l'uomo a pensare, e a sforzarsi di capire l'universo circostante solo con la propria forza mentale e fisica.L'esperienza accadutami è stata per me una sorta di crollo delle certezze Pirandelliano, in quanto lobotomizzato da quelle suggestioni mentali, ero caduto in una sorta di dipendenza assoluta e fanatica verso qualcosa che in sè non esiste, ma è da sempre figura filosofica e psicologica...ovvero Dio. Premetto che non voglio criticare NESSUN credente, io ora rispetto moltissimo le persone che hanno il coraggio di affidare la propria vita e le proprie domande a un "qualcosa", ma personalmente dopo aver rischiato la pazzia nel fare questo, oggi posso tranquillamente dire: Grazie a Dio sono un Ateo!
Dopo un lungo periodo di debolezza emotiva, dato da fatti personali, conobbi una ragazza nella mia scuola, evangelica, che anche esternamente dimostrava una calma e una serenità molto invidiabili.Io da sempre ateo la reputavo però una semplice "pecora" ma iniziai col tempo a lasciarmi sopraffarre da un sentimento di innamoramento verso questa dolce e tenera creatura che mi portò, dopo molto indugio, a cercare di parlarle anche di argomenti spirituali, e cercare di capire qualcosa d + sull'argomento.Da premettere che seppur ateo, prima ero un ignorante riguardo la cultura cristiana e tutto ciò che orbita attorno ad essa, ma fui colpito da quel suo comportamento, dalla sua storia, e debole per com'ero in quella circostanza accettai di leggere, sotto suo consiglio, il famoso libro di cui tutti parlano, la Bibbia.
Preso questo malloppo in mano lo iniziai a leggere, e col tempo, spinto da un'ingenua spernza in qualcosa di a me sconosciuto, suggestionato dal mistero e dall'amore, non passò molto tempo che quelle storielle,veramente ben strutturate, avessero la meglio sul mio scetticismo, e solo alcune settimane dopo mi facevo già chiamare cristiano.Iniziavo a leggere ogni giorno, preso da quella "verità" che mi cambiava la vita, cambiai atteggiamento in ogni cosa, ne parlai a tutti amici e parenti e tutti videro ke ero diventato una sorta di clone...ma nell'inconscio avevo ancora quel desiderio di conciliare la mia nuova condizione alla tanto agognata confidenza con quella ragazza.Più passava il tempo e più mi lasciavo catturare dalla "speranza" che tutto quello che stava succedendo poteva essere un miracoloso piano di Dio che stava per portarmi all'amore tanto desiderato, e così inconsciamente servivo Dio per un mio tornaconto personale, ma tale pensiero lo sopprimevo volutamente in quella specie di "massacro intellettuale" che avevo iniziato in me.Non vi annoierò con tutta la storia ma vi dico solo ke molti eventi, purtroppo anche tragici, avevano consolidato la mia suggestione che tutto ciò ke stava accandendo, la mia conversione ecc, poteva essere veramente volontà di Dio.Finchè, preda ormai anche di ansia seppur celata da una fittizzia serenità, mi decisi di parlarle scoprendo che in fondo in fondo non c'era nulla di tutto ciò che avessi sognato.Lì per fortuna ritornai con i piedi per terra, mi risvegliai piano piano, ma avevo troppo soppresso la mia mente, e avevo letteralmente modificato i miei pensieri e la mia capacità di ragionare, ero ancora schiavo di concetti assurdi quali: se ti allontani dalla fede è Satana che vuole sottrarti dalla verità...oppure...se ti lasci andare entreranno altri 7 demoni nella tua vita...(tutto ciò è veramente scritto nel nuovo testamento, quindi in ambito cristiano è la verità).Immagginate un ragazzo di 20 anni, che dopo aver cambiato letteralmente la propria vita, colpa della sua debolezza certo, dopo essersi lasciato fare il lavaggio del cervello, dopo aver sacrificato amicizie e capacità intellettiva, dopo essersi affidato ad una fittizzia e colossale illusione come Dio, doveva sentirsi dire queste cose, preda anche di una normale depressione emotiva ed affettiva...Così dovetti ricominciare a ricostruire i miei pensieri, le mie convinzioni, le mie certezze MATERIALI. Ma non tutto viene per nuocere, ora che sono stato attivamente dentro quella mentalità che prima criticavo senza nemmeno conoscere, so con certezza incosa esagerano e quali sono i meccanismi psicologici che spingono un essere umano a comportarsi in quel modo....e sostanzialmente sono 2 : l'amore e la paura...ovvero i sentimenti cardine dell'irrazzionalità dell'esistenza umana.Io ho il torto di essere sempre un estremista nelle cose che faccio...ma adesso molte cose mi sono + chiare. Ribadisco di non voler criticare o offendere nessuno, perdonate i miei toni un pò accesi, ma sono reduce da questa esperienza che mi è costata molto stress e ha richiesto molta forza di volontà nell'uscirne.Adesso devo seguire una psicoterapia che mi riporti all'equilibrio mentale. A parte pensare che sono pazzo, vorrei sapere cosa ne pensate voi di tutto ciò Vi ringazio!
Jerry87 is offline  
Vecchio 11-07-2007, 14.44.23   #2
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Citazione:
Originalmente inviato da Jerry87
......................
A parte pensare che sono pazzo, vorrei sapere cosa ne pensate voi di tutto ciò Vi ringazio!

Egregia testimonianza di una persona che dalla Realtà è tornata alla realtà.

Lor signori spirituali…cristiani, credenti, fedeli nonché partecipanti al Tutto Cosmico di questo Universo che sembrerebbe non prevedere sofferenza, sono stati molto ma molto più fortunati di te.
Loro viaggiano ancora sospesi tra le beate nuvole del nulla e sempre più in alto, vicini al loro personalissimo dio, ti guarderanno ora con particolare occhio di riguardo.
…che forse la tua non si stata Vera Spiritualità?...vedrai consigli che ne seguiranno da coloro che, come una vincita alla lotteria, son riusciti a fermare la ruota sul punto più elevato di questa vita…quello del raggiro mentale!

Ti do il mio benvenuto in questa particolarissima sezione che non trova eguali in tutto il web. Qui ci trovi di tutto. Dalle tradizionali religioni le quali discussioni vengono combattute a suon di versetti, alle personalissime spiritualità “fai da te”. Ti confido che queste ultime son le mie preferite perché rimangono di un vago divertente e spensierato che spazia dal demoniaco ego, ai preziosissimi consigli di vita tratti direttamente dalla sorgente della felicità metafisica cui i partecipanti affondano le radici del proprio essere. Ultimamente ho anche assistito a casi opposti al tuo. I passaggi dalla realtà alla Realtà sembrerebbero molto più frequenti rispetto all’improvvisa caduta dalla nuvola del nulla. Qui è tutto bello! Qui son tutti sereni…qui si trasforma la sofferenza (quella altrui) in sublime poesia di ringraziamento a quella candida nuvola alla quale viene affidata la conduzione della propria esistenza. Qui si vede la Realtà caro il mio Jerry…altro chè! Qui riusciamo a vedere Nietzsche quale portatore portante della spiritualità orientale e se fa caldo non ce ne importa nulla perché esso non esiste. Qui si insegna la via della meditazione e le più alte forme di conoscenza divina attraverso gli insegnamenti dei grandi maestri…insomma qui non si ha paura della morte!

Dimmi ora…quanto pagheresti per non essere caduto da quella nuvola?

maxim is offline  
Vecchio 11-07-2007, 15.01.48   #3
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Io ho una mia personale visione delle cose:
Esiste ciò che pensi esistente!
E di questo te ne darà certo prova la terapia psicoanalitica..!
Il lavaggio del cervello accade quando il cervello è succube dei propri frutti e non ne partecipa solar-mente (=attivamente).. Ma tutto <fa brodo> ed anche le cadute insegnano al procedere!

Ma ho un quesito per te: Cos'è che in sé esiste?
[ed ancor prima: che significato dai a <esistente> ?]

Scrive Hermann Hesse:

<<Il Dio nel quale dobbiamo credere dimora nel nostro intimo.
Chi dice no a se stesso non può dire sì a Dio>>




Gyta
gyta is offline  
Vecchio 11-07-2007, 15.21.10   #4
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Citazione:
Originalmente inviato da Jerry87
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo condividere in questo luogo la mia recente esperienza che ho avuto in ambito di fede ma sopratutto di fanatismo.Premetto che sono un ragazzo che da 20 anni è appassionato di scienza, filosofia, psicologia (anche se ovviamente a livello ancora superficiale)e molte altre materie che spingono l'uomo a pensare, e a sforzarsi di capire l'universo circostante solo con la propria forza mentale e fisica.L'esperienza accadutami è stata per me una sorta di crollo delle certezze Pirandelliano, in quanto lobotomizzato da quelle suggestioni mentali, ero caduto in una sorta di dipendenza assoluta e fanatica verso qualcosa che in sè non esiste, ma è da sempre figura filosofica e psicologica...ovvero Dio. Premetto che non voglio criticare NESSUN credente, io ora rispetto moltissimo le persone che hanno il coraggio di affidare la propria vita e le proprie domande a un "qualcosa", ma personalmente dopo aver rischiato la pazzia nel fare questo, oggi posso tranquillamente dire: Grazie a Dio sono un Ateo!
Dopo un lungo periodo di debolezza emotiva, dato da fatti personali, conobbi una ragazza nella mia scuola, evangelica, che anche esternamente dimostrava una calma e una serenità molto invidiabili.Io da sempre ateo la reputavo però una semplice "pecora" ma iniziai col tempo a lasciarmi sopraffarre da un sentimento di innamoramento verso questa dolce e tenera creatura che mi portò, dopo molto indugio, a cercare di parlarle anche di argomenti spirituali, e cercare di capire qualcosa d + sull'argomento.Da premettere che seppur ateo, prima ero un ignorante riguardo la cultura cristiana e tutto ciò che orbita attorno ad essa, ma fui colpito da quel suo comportamento, dalla sua storia, e debole per com'ero in quella circostanza accettai di leggere, sotto suo consiglio, il famoso libro di cui tutti parlano, la Bibbia.
Preso questo malloppo in mano lo iniziai a leggere, e col tempo, spinto da un'ingenua spernza in qualcosa di a me sconosciuto, suggestionato dal mistero e dall'amore, non passò molto tempo che quelle storielle,veramente ben strutturate, avessero la meglio sul mio scetticismo, e solo alcune settimane dopo mi facevo già chiamare cristiano.Iniziavo a leggere ogni giorno, preso da quella "verità" che mi cambiava la vita, cambiai atteggiamento in ogni cosa, ne parlai a tutti amici e parenti e tutti videro ke ero diventato una sorta di clone...ma nell'inconscio avevo ancora quel desiderio di conciliare la mia nuova condizione alla tanto agognata confidenza con quella ragazza.Più passava il tempo e più mi lasciavo catturare dalla "speranza" che tutto quello che stava succedendo poteva essere un miracoloso piano di Dio che stava per portarmi all'amore tanto desiderato, e così inconsciamente servivo Dio per un mio tornaconto personale, ma tale pensiero lo sopprimevo volutamente in quella specie di "massacro intellettuale" che avevo iniziato in me.Non vi annoierò con tutta la storia ma vi dico solo ke molti eventi, purtroppo anche tragici, avevano consolidato la mia suggestione che tutto ciò ke stava accandendo, la mia conversione ecc, poteva essere veramente volontà di Dio.Finchè, preda ormai anche di ansia seppur celata da una fittizzia serenità, mi decisi di parlarle scoprendo che in fondo in fondo non c'era nulla di tutto ciò che avessi sognato.Lì per fortuna ritornai con i piedi per terra, mi risvegliai piano piano, ma avevo troppo soppresso la mia mente, e avevo letteralmente modificato i miei pensieri e la mia capacità di ragionare, ero ancora schiavo di concetti assurdi quali: se ti allontani dalla fede è Satana che vuole sottrarti dalla verità...oppure...se ti lasci andare entreranno altri 7 demoni nella tua vita...(tutto ciò è veramente scritto nel nuovo testamento, quindi in ambito cristiano è la verità).Immagginate un ragazzo di 20 anni, che dopo aver cambiato letteralmente la propria vita, colpa della sua debolezza certo, dopo essersi lasciato fare il lavaggio del cervello, dopo aver sacrificato amicizie e capacità intellettiva, dopo essersi affidato ad una fittizzia e colossale illusione come Dio, doveva sentirsi dire queste cose, preda anche di una normale depressione emotiva ed affettiva...Così dovetti ricominciare a ricostruire i miei pensieri, le mie convinzioni, le mie certezze MATERIALI. Ma non tutto viene per nuocere, ora che sono stato attivamente dentro quella mentalità che prima criticavo senza nemmeno conoscere, so con certezza incosa esagerano e quali sono i meccanismi psicologici che spingono un essere umano a comportarsi in quel modo....e sostanzialmente sono 2 : l'amore e la paura...ovvero i sentimenti cardine dell'irrazzionalità dell'esistenza umana.Io ho il torto di essere sempre un estremista nelle cose che faccio...ma adesso molte cose mi sono + chiare. Ribadisco di non voler criticare o offendere nessuno, perdonate i miei toni un pò accesi, ma sono reduce da questa esperienza che mi è costata molto stress e ha richiesto molta forza di volontà nell'uscirne.Adesso devo seguire una psicoterapia che mi riporti all'equilibrio mentale. A parte pensare che sono pazzo, vorrei sapere cosa ne pensate voi di tutto ciò Vi ringazio!
Ti capisco perchè a me anni fa è successo qualcosa di simile con un gruppo
esoterico.....la perdita dell'equilibrio è un sintomo molto grave.
La risalita è lunga ma possibile, fatti aiutare ma soprattutto renditi conto
che finchè viviamo in questa dimensione, non ci è permesso di volare.
La terra è un luogo in cui dobbiamo ancorarci per tutta la durata della nostra breve vita, è il nostro campo di esperienze, in cui imparare l'equilibrio e l'amore. Le esaltazioni, i fanatismi, sono sempre in agguato...... La purezza
del diamante che abbiamo dentro è soltanto velata e non sono necessarie
autoflagellazioni per ritrovarla.
Buona vita
paperapersa is offline  
Vecchio 11-07-2007, 16.16.01   #5
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Ad ognuno la sua realtà (!)

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Ti confido che queste ultime son le mie preferite perché rimangono di un vago divertente e spensierato che spazia dal demoniaco ego, ai preziosissimi consigli di vita tratti direttamente dalla sorgente della felicità metafisica cui i partecipanti affondano le radici del proprio essere.

Dimmi ora…quanto pagheresti per non essere caduto da quella nuvola?

E tu quanto.. per non essere caduto dalla tua?

Chissà perché ultimamente quando ti leggo mi sovvien Fedro e la sua favola
sulla volpe e l'uva che <ahì era -di certo!- troppo acida> (!)
Interessante la lettura della fiaba in chiave psicanalitica
"La volpe e l'uva" a cura di Vincenzo Del Piano
<<Una difesa nevrotica ... e l'istinto di morte>>

http://www.hyle.it/articoli/articoli...& artipvis=AR
la cui lettura ti suggerisco caldamente..
Mentre <noi> <quelli della nuvoletta> ci cibiamo in realtà
con miglior gusto de "gli abiti nuovi dell'imperatore"
e "la bella addormentata nel bosco".. Ad ognuno la sua fiaba!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 11-07-2007, 16.29.22   #6
paolo di abramo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-03-2007
Messaggi: 162
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

una situazione analoga l'ho vissuta anche io e sono finito nel reparto psichiatrico come schizofrenico.Ora sono in cura,prendo anche i fiori di bach,oltre a leggere dosi di psicofarmaci,ma non ho i soldi per andare da uno psicologo.Dio?Mi è rimasta la paura dei fulmini,perchè è così che io pretesi di conoscerlo,scampando da un fulmine mentre ero in preghiera e digiuno,docce fredde in pieno inverno nel periodo successivo e la speranza mai più appagata di ritornare con la mia ex ,ma la cosa più cattiva è stata quella di condizionare la mia mente in base alle scritture parlando solo il necessario ed evitando di dire qualsiasi parola portasse male(la lingua incendia la ruota naturale della vita,mi pare sia scritto).Ciao.
paolo di abramo is offline  
Vecchio 11-07-2007, 16.40.35   #7
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Citazione:
Originalmente inviato da gyta
Esiste ciò che pensi esistente!

Ma ho un quesito per te: Cos'è che in sé esiste?
[ed ancor prima: che significato dai a <esistente> ?]
[/color]

Gyta

Mi piace quell’”Esiste ciò che pensi esistente”
…è confortevole, incoraggiante, agevole e soprattutto, pratico!

Perché allora mi chiedo io, a volte viene perso di vista?

Gyta…non ti pare che se teniamo buona quell’affermazione, anche le tue ulteriori domande trovano immediata risposta?
Chiedi...Cos’è che in sé esiste?
Semplice…esiste ciò che penso sia esistente. Quante volte, pur’io, ho affermato che dio esiste? Ovvio…dio esiste se pensi che esista.

…e che significato dai alla parola “esistente”?...semplice pure questa domanda. Possiamo attribuirci tutti i più svariati significati, proprio in virtù di quel “Esiste ciò che pensi esistente”.

Il “salto di qualità”, quello che a me affascina di più, è quando trascendiamo, perdendo di vista quell’affermazione. Quando si arriva a pensare che non esiste solo ciò che si pensa e che quel “non penso” è la Realtà, allora siamo saliti sulla nuvola del nulla. In tal caso la progettazione del nuovo pensiero ha raggiunto il suo massimo livello…cioè quella di mettere a nudo il pensiero, spogliandolo del suo scopo. Qui v’è l’Assoluto, la Realtà, la Consapevolezza.

Perché, chiede Jerry, si arriva a tale livello? Perché non se ne può più di pensare che esista solo ciò che si pensa!

maxim is offline  
Vecchio 11-07-2007, 17.39.07   #8
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Mi piace quell’”Esiste ciò che pensi esistente”
…è confortevole, incoraggiante, agevole e soprattutto, pratico!

Perché allora mi chiedo io, a volte viene perso di vista?

Gyta…non ti pare che se teniamo buona quell’affermazione, anche le tue ulteriori domande trovano immediata risposta?
Chiedi...Cos’è che in sé esiste?
Semplice…esiste ciò che penso sia esistente. Quante volte, pur’io, ho affermato che dio esiste? Ovvio…dio esiste se pensi che esista.

…e che significato dai alla parola “esistente”?...semplice pure questa domanda. Possiamo attribuirci tutti i più svariati significati, proprio in virtù di quel “Esiste ciò che pensi esistente”.

Il “salto di qualità”, quello che a me affascina di più, è quando trascendiamo, perdendo di vista quell’affermazione. Quando si arriva a pensare che non esiste solo ciò che si pensa e che quel “non penso” è la Realtà, allora siamo saliti sulla nuvola del nulla. In tal caso la progettazione del nuovo pensiero ha raggiunto il suo massimo livello…cioè quella di mettere a nudo il pensiero, spogliandolo del suo scopo. Qui v’è l’Assoluto, la Realtà, la Consapevolezza.

Perché, chiede Jerry, si arriva a tale livello? Perché non se ne può più di pensare che esista solo ciò che si pensa!



esiste/non esiste
cogito ergo sum
penso quindi sono ?
ciauzz
turaz is offline  
Vecchio 11-07-2007, 17.42.39   #9
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Maxim..: i pensieri e la mente umana.. sono mezzi!

I sensi sono.. mezzi!
Questa è la lieta novella!
Comprendere questo è "il salto di qualità"



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 11-07-2007, 21.32.00   #10
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Esperienza personale di fondamentalismo religioso

Caro jerry87, spero la tua esperienza sia autentica e il personaggio vero e non inventato da qualcuno che qui dentro sta letteralmente delirando in preda a morbose avversioni per tutto cio' che sa di spiritualita'.

Hai quindi l'eta' di mio figlio.
Sappi che la religione o la spiritualita' con l'esperienza che hai vissuto non centrano un fico secco di niente.

E' a livello psicologico che ti devi interrogare per capire cosa e' successo.
E' stata una ideologia di stampo religioso ma poteva benissimo essere una qualsiasi altra ideologia a causarti quel terremoto interiore.

La spiritualita', quella vera, e' al di la di ogni ideologia perche' e' al di la dell'aderire a questa o quella convinzione, a questo o quel paradigma di pensiero.
Per questo motivo una sensibilita' di tipo spirituale passa attraverso l'esperienza del silenzio, dell'ascolto.

L'ideologia e' fatta di pensieri e parole che divengono oggetti della mente.

L'esperienza spirituale e' l'opposto ed accade spontaneamente quando mettiamo da parte noi stessi, le nostre convinzioni ed apriamo il nostro cuore alla vita.

Allora un nuovo mondo appare ai nostri occhi .....auguri!
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it