Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 12-07-2007, 07.55.51   #1
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
don Amedeo Gaetani

Copio e incollo da

http://www.italialaica.it/cgi-bin/ne...w.pl?id=007389
Alcune parti di una lettera di don Amedeo Gaetani.
Ci sono molti passaggi che mettono in luce errori dottrinali della chiesa, oramai risaputi, dovuti ad errate traduzioni, fantasiose interpretazioni e altro che molti cristiani, che si son presi la briga di leggere i testi evangelici in greco, o hanno comunque studiato su testi di autori che l’hanno fatto, conoscono bene.

Citazione:
servirsi di presunte apparizioni mariane, dove la madonna di turno parla e sparla di cose che non hanno alcun fondamento evangelico. Intanto gli esorcisti li denuncerei tutti per sfruttamento della credulità popolare.
Citazione:
per troppi secoli oscurato da una teologia negativa fondata sul pessimismo nei confronti dell’uomo, ritenuto peccatore e continuamente tentato da un presunto demonio, inventato di sana pianta, per l’ignoranza dei testi originali in greco che non parlano mai del demonio o del diavolo e, ancor meno, dell’inferno .
Citazione:
Intanto il papa dovrebbe sapere che, ormai, la teologia biblica, quella positiva, fondata sull’Incarnazione e non quella medievale a cui sua santità è legato a filo doppio, ritiene che il diavolo e l’inferno siano dei falsi storico-letterari, legati a cattive traduzioni da parte dei LXX, quando tradussero in greco “daimon” quegli esseri immaginari che popolavano la Bibbia
Citazione:
che “Lucifero” è il nome che Girolamo, nella traduzione dal greco in latino, affibbia alla “stella del mattino”, nomignolo con cui il profeta Isaia rimprovera e prende in giro Nabucodonosor, per la caduta del suo regno: Isaia capitolo 14,12. I LXX tradussero il termine ebraico “hèlel” con il termine greco “eosphoros”, che Girolamo tradusse in latino “Lucifero”. Girolamo , così, traduce con un nome proprio ciò che i LXX avevano inteso tradurre con “eosphoros”, cioè la luminosità di una stella, riferita a Nabucodonosor.
Citazione:
E che dire della traduzione in latino, del termine “ade”, con “inferno” invece di “inferi”( regno dei morti )? Da qui l’inferno diventa il luogo di permanenza di questo Lucifero immaginario, che tanti guai ha creato nelle menti dei cristiani, dal IV secolo in poi. Giovanni Paolo II disse che chi non crede nel diavolo non crede nel Vangelo? Se fosse vivo gli direi che il suo vangelo è stato scritto da Costantino e non dagli evangelisti
E ci sono delle domande alle quali il cristianesimo popolare o la teologia medioevale di Ratzinger non risponde e che invece in molti si pongono e anche Don Gaetani
Citazione:
Dobbiamo ancora esortare l’attuale papa a ragionare un po’, attraverso la logica, per capire che è un affronto alla ragione cercare di conciliare l’esistenza di un inferno eterno con la visione evangelica di un Dio infinitamente misericordioso e amorevole nei confronti dell’Uomo? Come può, un peccato commesso da una creatura causare una pena eterna? Non c’è troppa sproporzione tra la colpa e la pena conseguente? Può un peccato, anche se grave, causare un danno eterno? E se chi pecca ha la possibilità di ravvedersi e dunque è ancora libero di decidere per il bene, perché, stando in un ipotetico inferno, non ha più la libertà di ravvedersi? Forse gli viene tolta la libertà? E Dio toglie la libertà ad un suo figlio dopo avergliela data? Dobbiamo continuare con le domande che sua santità certamente non si pone o non vuole porsi? E dobbiamo forse pensare che egli se le ponga e, siccome non sa cosa rispondere, si difende attaccando?
Attaccando i cristiani? Proibendo tutto? Come può, egli, arrogarsi il diritto di dire a noi che, se pecchiamo e non c’è pentimento, si va all’inferno? Chi è lui per dire questo? E’ una nuova inquisizione? Molto più potente perché più sottile? Quella di tenere a bada le coscienze con lo spettro di un ipotetico inferno per chi non ragiona come lui? Basta santità!
La_viandante is offline  
Vecchio 12-07-2007, 23.03.09   #2
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: don Amedeo Gaetani

Citazione:
Originalmente inviato da La Viandante
Ci sono molti passaggi che mettono in luce errori dottrinali della chiesa, oramai risaputi, dovuti ad errate traduzioni, fantasiose interpretazioni e altro che molti cristiani, che si son presi la briga di leggere i testi evangelici in greco, o hanno comunque studiato su testi di autori che l’hanno fatto, conoscono bene.

In realtà basta molto meno, cioè basta leggersi ad esempio la Nuova Riveduta di versione, al posto della versione CEI.
Lì non troverai né Lucifero né il termine inferno (si parla o di Ades, o di Soggiorno dei morti).

Alcuni esempi:

Come mai sei caduto dal cielo, astro mattutino, figlio dell'aurora?
Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni?

(Isaia 14:12, versione Nuova Riveduta)

E nell'Ades, essendo nei tormenti, alzò gli occhi e vide da lontano Abraamo...
(Luca 16:23, versione Nuova Riveduta)

Guardai e vidi un cavallo giallastro; e colui che lo cavalcava si chiamava Morte; e gli veniva dietro l'Ades.
(Apocalisse 6:8, versione Nuova Riveduta)

Il SIGNORE fa morire e fa vivere; fa scendere nel soggiorno dei morti e ne fa risalire.
(1 Samuele 2:6, versione Nuova Riveduta)

Non tutte le traduzione hanno lo stesso valore, ma questo credo che sia ben noto.
Io non consiglierei mai una traduzione della Bibbia fatta da dei testimoni di geova, anche se non ho nulla di personale contro di loro. Solo che non condivido il loro modo di tradurre determinati passi.

Io comunque non parlerei con così tanta negatività nei confronti della versione della Bibbia che si legge in ambito cattolico, anche perché secondo me non ha troppo senso scagliarsi contro, quando basta semplicemente consigliare altre versioni, o rendere consapevoli le persone che alcune credenze sono dovute alla traduzione di Gerolamo in latino (non bisogna dimenticarsi che la Vulgata è stata la versione ufficiale e veritiera per tantissimo tempo, quindi cambiare non è troppo semplice).

Curioso è ad esempio il motivo per cui si parla della mela che avrebbe mangiato Eva nel giardino dell'Eden, quando leggendo la Bibbia è chiaro che non si dice di che frutto si tratta, ma si nomina solo l'albero, cioè l'albero della conoscenza del bene e del male.
Come mai allora si sente parlare della mela (in particolare nell'iconografia)?
Beh... "malum" (=male) in latino ha un doppio significato.
Oltre a significare "male" (albero della conoscenza del bene e del male), può significare anche "mela".

Ecco spiegato il motivo, che io trovo simpatico da sapere.

Anzi, se uno mi parla di mela, io non gli dico: "No, guarda che sbagli." Ma gli rispondo che la risposta è esatta, se si pensa a...

Citazione:
Originalmente inviato da La Viandante riporta
... dei testi originali in greco che non parlano mai del demonio o del diavolo e, ancor meno, dell’inferno.

Uhm...
Qui bisognerebbe vedere cosa significa in greco "o diabolos", termine più che presente nel Nuovo Testamento (vedi ad esempio Matteo 4:1 ecc.), come anche "o satanas" (cfr. ad esempio Marco 1:13) ecc.
E anche cosa sia la Geenna e altro ancora.

Citazione:
Originalmente inviato da La Viandante riporta
Può un peccato, anche se grave, causare un danno eterno? E se chi pecca ha la possibilità di ravvedersi e dunque è ancora libero di decidere per il bene, perché, stando in un ipotetico inferno, non ha più la libertà di ravvedersi?
Sul perché non si rivelano certe cose, lo si può trovare scritto nell'Apocalisse di Pietro:

Quando questi peccatori udranno ciò, sicuri di trovare misericordia, dopo quei peccati nessun peccatore, che avrà udito e compreso, praticherà il bene e si pentirà. E' per questo che ti ho interdetto di parlarne e ti dissi che non bisogna che i peccatori lo sappiano e vi pensino: affinché non pecchino contro il loro prossimo.
Se tu non avessi pianto e gridato, io non te ne avrei parlato; te l'ho manifestato affinché non ti venga meno la speranza. Però inizia tu stesso a offrire ai peccatori la penitenza. Esortali affinché il castigo tra le fiamme susciti in essi paura, e compiano la giustizia, non si facciano reciproche ingiustizie, peccando contro il prossimo affinché non pratichino la violenza contro la vedova e l'orfano nella loro indigenza.

(Gesù a Pietro nell'Apocalisse di Pietro 28)
Elijah is offline  
Vecchio 15-07-2007, 05.00.49   #3
NERO_DAVOLA
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 01-07-2007
Messaggi: 4
Riferimento: don Amedeo Gaetani

Caro Elijah
ti prego dacci un suggerimento
Quale bibbia dobbiamo leggere?
Giustamente dici " non cosigli la bibbia dei tg...Giusto?"
ma allara dimmi una versione che secondo te è la più attendibile
ed io leggerò quella.

intanto leggiti questo doc.


LA CITAZIONE della Casa Editrice E&P
Notificata luglio 2006
Alcuni omissis […] per la Legge sulla Privacy
ATTI DEL PROCESSO
Prima Udienza di Comparizione
11.01.2007




TRIBUNALE CIVILE DI ROMA
ATTO DI CITAZIONE




Per il dott. Alfredo Alì, nato a Catania il 13/02/1953, nella qualità di legale rappresentante della Casa Editrice "Editing & Printing", corrente in Napoli alla Via Depretis 5, […] P. IVA […] C.C.I.A.A. […] codice di attività economica 22110 (Edizione libri) dal 24.06.1996, iscritta nel registro prefettizio degli editori presso la Prefettura di Napoli, rappresentata e difesa, congiuntamente e disgiuntamente, in virtù di mandato a margine del presente atto dagli Avv.ti Domenico Cirillo, Ernesto Maria Cirillo e Francesco Cirillo del foro di Napoli, tutti elett.te dom.ti in Roma, presso lo studio dell'Avv. Giuseppe Petti in Roma - viale Guglielmo Marconi, 618



P R E M E S S O

1) che la Casa Editrice "Editing & Printing" istante, nell'ambito della propria produzione editoriale [all. 22 - Scheda Editore con accluse partecipazioni e presenze] aveva deciso di pubblicare il testo della Bibbia con allegato CD-ROM (unico file testuale integrale con 3 motori di ricerca) ad uso della scuola secondaria di primo grado, nel rispetto del protocollo d'intesa sottoscritto il 26 maggio 2004 tra il Ministero dell'Istruzione e la Conferenza Episcopale Italiana e successivo D.P.R. del 14 ottobre 2004 n. 305 [all. 1] che ha inserito la Bibbia come libro di testo del programma scolastico nell'ora di religione (Piano di studio nazionale);
2) che trattandosi di un testo-base di adozione da commercializzarsi per le scuole pubbliche e private parificate, conditio sine qua non per la pubblicazione era che il testo dovesse essere conforme al "Programma di insegnamento della religione cattolica" sottoscritto tra Ministro dell'Istruzione e CEI in relazione alla legge 28 marzo 2003 n. 53 sugli "obiettivi specifici di apprendimento propri dell'insegnamento della religione cattolica" [all. 3 pag. 5];
3) che "Il libro della Bibbia" indicato nel Piano di studi nazionale legittimato per l'insegnamento della religione cattolica [all. 1+ all. 2] è attualmente "La Sacra Bibbia - Versione ufficiale CEI", Pasqua 1974 - come ribadito nel sito ufficiale CEI [all. 23];
4) che a seguito di riscontri tra la Bibbia CEI e i testi canonici delle precedenti Bibbie ufficiali della Chiesa cattolica, così come citate e accreditate nella stessa presentazione della Bibbia CEI [all. 4], è emerso che numerosi brani della Bibbia CEI sono completamente discordanti dalle precedenti Bibbie ufficiali [indicate nella presentazione della CEI come "testo/i base"]; addirittura, appaiono lampanti manipolazioni nonostante che la "Bibbia versione CEI" sarebbe stata "…fatta sui testi originali" e nella "esattezza nel rendere il testo originale" [Prot. N. 710/74 a pag. V dell'all. 5 e "Presentazione" a pag. VII dell'all. 4], ossia sulla stessa fonte e con lo stesso criterio delle precedenti Bibbie ufficiali;
5) che in particolare, il riscontro interlineare tra la Bibbia CEI [all. B-1] e le quattro Bibbie ufficiali
1. Volgata - San Girolamo del 405 (Recognitio Concilio di Trento e Vaticano I) [all. B-2 + all. 6]
2. Biblia Vulgata del 1592 (Approvata dal papa Sisto V e Clemente VIII - Testo liturgico in latino della Chiesa cattolica) [all. B-3 + all. 7]
3. La Sacra Bibbia di Mons. Martini del 1778 (Placet pontefice Pio VI) - La prima versione cattolica in lingua italiana canonica e di rilievo - [all. B-4 + all. 8]
NERO_DAVOLA is offline  
Vecchio 15-07-2007, 05.04.44   #4
NERO_DAVOLA
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 01-07-2007
Messaggi: 4
Riferimento: don Amedeo Gaetani

a comparire innanzi il Tribunale di Roma in persona del legale rapp.te p.t., dom.to per la carica presso la sede sita in
1) Conferenza Episcopale Italiana - Roma (…)
2) Cooperativa di Promozione Culturale a R. L. - Roma (…)
3) Fondazione di religione Santi Francesco d'Assisi e Caterina da Siena - Roma (…)
4) Ancora S.r.l. - Milano (…)
5) Impresa Tecnoeditoriale Lombarda S.r.l. - Milano (…)
6) Cittadella Multimediale - Perugia (…)
7) Pia Associazione Maschile Opera di Maria - Roma (…)
8) Centro Editoriale Dehoniano S.p.a - Bologna (…)
9) Associazione Religiosa Maschile Istituto San Gaetano - Vicenza (…)
10) Provincia Padovana dei Frati Minori Conventuali - Padova (…)
11) Associazione Carmelo Teresiano Italiana - Roma (…)
12) Edizioni San Paolo S.r.l. - Cuneo (…)
13) Edizioni Studium S.r.l. - Roma (…)
14) Istituto Bernardi Seteria - Asti (…)
15) Servizio Missionario Soc. Coop. a R.L. - Bologna (…)
16) Piero Gribaudi Editore S.r.l. - Milano (…)
17) Libreria Editrice Il Pozzo di Giacobbe - Trapani (…)
18) Ente Religioso Madonna della Scala - Bari (…)
19) La Scuola S.p.a. - Brescia (…)
20) Editrice Massimo della Mescat S.r.l. - Milano (…)
21) Editrice Morcelliana - Brescia (…)
22) Libreria Coletti S.r.l. - Roma (…)
23) Istituto della Pia Società delle Figlie di San Paolo - Roma (…)
24) Congregazione della Sacra Famiglia di Nazareth - Brescia (…)
25) S.E.I. Società Editrice Internazionale S.p.a. - Torino (…)
26) Editrice Velar S.r.l. - Bergamo - Bergamo (…)
27) Vivere In S.r.l. - Bari (…)
28) Ministero della Pubblica Istruzione c/o l'Avvocatura di Stato - Roma (…)

a comparire innanzi al Tribunale di Roma Sezione e Giudice a designarsi per il giorno 11/01/2007, ora del regolamento col prosieguo, con invito a costituirsi in giudizio ai sensi e nelle forme stabilite dall'art. 166 c.p.c., almeno venti giorni prima dell'udienza indicata, con espressa avvertenza che la costituzione oltre il suddetto termine implicherà le decadenze dell'art. 167 c.p.c. ed inoltre che non comparendo il giudizio proseguirà in loro contumacia per ivi sentir accogliere le seguenti



C O N C L U S I O N I

Voglia l'adito Tribunale
I) promuovere giudizio di legittimità costituzionale del D.P.R. del 14 ottobre 2004 n. 305 - relativamente all'articolo 1, allegato unico, secondo riquadro "Conoscenze" - nella parte in cui decreta "Il libro della Bibbia" come testo di adozione della "scuola secondaria di primo grado" [all. 1], e del D.P.R. del 16.01.2006 n. 39 - relativamente all'articolo 1, primo allegato, terzo riquadro "Conoscenze" - nella parte in cui decreta "La Bibbia" come testo di adozione "del secondo ciclo scolastico" [all. 2], stante la presenza nella Bibbia medesima di almeno cento brani - meglio descritti nell'allegato 17 - in palese contrasto con gli "Artt. 1, 2, 3, 7, 9, 10, 11, 13, 19, 21, 24, 27, 29, 30, 31, 32, 33, 37, 48, 51, 70 e 111 della Costituzione della Repubblica Italiana";
II) provvedere, in attesa della pronuncia, all'immediato ritiro e sequestro dalle Bibbie adottate dalle scuole pubbliche e private parificate secondarie di primo ed anche di secondo grado (ultima Intesa del 13 ottobre 2005 Ministero Istruzione e CEI con D.P.R. del 16.01.2006 n. 39 - G. U. del 15 febbraio 2006 - all. 2) aventi l'attestazione come da… "versione ufficiale CEI", inibendone temporaneamente l'utilizzo, al fine di evitare ulteriori danni nella cognizione e nella formazione educativa degli studenti;
III) accertare la responsabilità solidale o esclusiva dei convenuti nella manipolazione e nella non conforme traduzione di alcuni brani della Bibbia CEI rispetto alle precedenti Bibbie ufficiali [all. 10 + all. 11];
IV) accertare se, sulla base dei parametri traduttivi adoperati dalla CEI, la peculiarità delle alterazioni fondamentali rientri nelle circostanze inconsce della buona fede o nella consapevole e professionale premeditazione;
V) accertare la responsabilità solidale o esclusiva dei convenuti nella pubblicazione di un testo che - per l'uso scolastico - è in contrasto con la Costituzione;
VI) condannare in solido o alternativamente i convenuti - in persona dei legali rappresentanti p.t. - al risarcimento del danno patito dall'istante per i motivi di cui in premessa, pari a € 2.404,57 [all. 12] per i costi già sostenuti e ad € 14.198,48 [all. 13] per il lucro cessante oltre interessi legali e rivalutazione monetaria - o in quella minore o maggiore somma che il Tribunale vorrà determinare - e infine al simbolico risarcimento del danno che si quantifica in € 1,00. Il tutto nei limiti di € 25.000,00;
VII) condannare, altresì, le convenute al pagamento delle spese, diritti ed onorari del presente giudizio, oltre IVA, CPA e rimborso spese generali, con attribuzione ai sottoscritti avvocati antistatari;
VIII) emettere gli ulteriori provvedimenti ritenuti idonei;

IN VIA ISTRUTTORIA

l'istante, riservandosi eventuali altre richieste all'esito del comportamento processuale di controparte, sin d'ora chiede disporsi C.T.U., da eseguirsi eventualmente a mezzo di collegio peritale, che accerti la discordanza e la discrepanza dei 43 brani della Bibbia Versione CEI con le altre quattro Bibbie ufficiali portate in giudizio. Chiede inoltre che la CEI esibisca una copia conforme dei "testi originali" della Bibbia - come asserito nel protocollo n. 710/74 a pag. V della Bibbia CEI [all. 5] - relativamente ai 43 brani oggetto delle manipolazioni, per avvalorare "ulteriormente" l'alterazione dei testi e di conseguenza la non "esattezza nel rendere il testo originale" [all. 4]. A tal proposito, sin d'ora si precisa che, nel rispetto delle parole e dei significati, per "testi originali" deve intendersi "testi originali" e non "trascrizione di trascrizione di trascrizione di trascrizioni…".

Si producono in atti
All. 1 D.P.R. 14/10/2004 n. 305 - Intesa Ministero/CEI - scuola I grado
All. 2 D.P.R. 16/01/2006 n. 39 - Intesa Ministero/CEI - scuola II grado
All. 3 Legge 28 marzo 2003 n. 53 - Legislazione scolastica
All. 4 Presentazione della CEI sulla versione ufficiale della Sacra Bibbia
All. 5 Prot. N. 719/74 CEI - Attestazione CEI della traduzione sui testi originali
All. 6 Recognitio Bibbia San Girolamo, 405
All. 7 Recognitio Biblia Vulgata, 1592 - Papa Sisto V e Clemente VIII
All. 8 Placet Bibbia Martini, 1778
All. 9 Imprimatur Bibbia Ed. Paoline, 1969
All. 10 Elenco di 43 manipolazioni - confronto interlineare su 5 Bibbie
All. 11 Elenco di 43 manipolazioni - testi fotografati sulle pagine dei volumi
All. 12 Fatture e costi dell'editore Editing & Printing
All. 13 Conto economico e preventivo dell'editore Editing & Printing
All. 14 Elenco Editori Bibbia Versione Ufficiale CEI - Ed. ottobre 2005
All. 15 Legge del 20 maggio 1985 n. 222 - personalità giuridica civile CEI
All. 16 Scheda bibliografica e reperibilità delle 5 Bibbie portate in prova
All. 17 Elenco dei 100 brani incostituzionali con annotazione delle illegittimità
All. 18 Elenco dei 100 brani incostituzionali evidenziati sulle pagine della Bibbia CEI
All. 19 CD-ROM accluso al volume della Bibbia scolastica della Editing & Printing
All. 20 Statuto della Conferenza Episcopale Italiana
All. 20/bis Documenti sulla "Edizioni Conferenza Episcopale Italiana S.r.l."
All. 21 Fotografia d'insieme dei testi e dei documenti allegati
All. 22 Scheda professionale "Editing & Printing"
All. 23 Documento dal sito ufficiale CEI

B-1 1 volume "La Sacra Bibbia", Versione Ufficiale CEI [+ All. 4]
B-2 1 pen drive "Bibbia "Volgata", San Girolamo, 405 - stampa Gutenberg [+ All. 6]
B-3 1 volume "Biblia Vulgata", 1592 - pubbl. dalla Edizioni San Paolo [+ All. 7]
B-4 2 tomi "Sacra Bibbia", Mons. Martini, 1778 [+ All. 8]
B-5 3 tomi "La Sacra Bibbia", Ed. Paoline, 1969 [+ All. 9]

con riserva di depositare ulteriore documentazione probante e di meglio articolare e controdedurre anche all'esito del comportamento processuale di controparte.
S. J.

Avv. Domenico Cirillo
Avv. Ernesto Maria Cirillo
Avv. Francesco Cirillo

Roma, luglio 2006

Ad istanza degli avv.ti Domenico Cirillo, Ernesto Maria Cirillo e Francesco Cirillo procuratori come in atti, elett.te dom.ti in Roma presso lo studio dell'Avv. Giuseppe Petti - in Roma 00146 viale Guglielmo Marconi, 618 - si notifichi a:

[…] Segue l'elencazione delle 28 notifich

ciao con affetto
NERO_DAVOLA is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it