Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 01-11-2007, 16.11.47   #1
blackgin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2007
Messaggi: 45
Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?

Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?
la domanda è "solamente" questa..
Vorrei capire le ragioni della Chiesa che giudica gli ex coniugi..
blackgin is offline  
Vecchio 01-11-2007, 16.47.25   #2
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?

Se sciogli i cordoni della borsa e ti fai annullare il matrimonio dalla Sacra Rota mi pare che l'ostia la puoi prendere.
Se qualcuno risponde alla tua domanda, potrebbe motivare anche la questione del divorzio concesso dalla Sacra Rota?
kore is offline  
Vecchio 01-11-2007, 18.52.30   #3
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prende

Citazione:
Originalmente inviato da kore
Se sciogli i cordoni della borsa e ti fai annullare il matrimonio dalla Sacra Rota mi pare che l'ostia la puoi prendere.
Se qualcuno risponde alla tua domanda, potrebbe motivare anche la questione del divorzio concesso dalla Sacra Rota?

Ammettere i cristiani divorziati all'eucaristia o non ammetterli non è problema che si può risolvere facilmente: bisognerebbe, a mio avviso, cominciare col distinguere le diverse situazioni. C'è chi “subisce” un tradimento e un abbandono e c'è un altro che lo provoca, per esempio. Tante e diverse situazioni...
Sarebbe meglio secondo me, per cogliere la situazione individuale, che coloro che si trovano in questa situazione fossero invitati a seguire il consiglio della loro guida spirituale o del loro confessore. che aiuta a far luce sulla propria coscienza.

In ogni cosa è la fede che conta... e se qualcuno si avvicina alla eucaristia con una buona coscienza, cioè con cuore puro, è sicuramente in comunione con lo Spirito di Cristo...secondo me, e non c'è proibizione umana che conta.

La sacra rota cioè il supremo tribunale ecclesiastico non decreta il divorzio bensì può dichiarare che un dato matrimonio è da ritenersi nullo,non valido, mai legittimamente contratto. I motivi di nullità sono diversi e vanno dall'incapacità di procreare conosciuta da un coniuge e non rivelata all'altro...alla concussione...ecc. ecc.
Un criterio suggerito dal cardinal Ratzinger è questo: non è valido il sacramento del matrimonio se non c’è la fede. Mi sembra il criterio perfetto.

Se questo criterio verrà adottato ci sarà comunque chi ne approfitterà, chi comprerà o venderà un annullamento...come in molti casi avviene oggi.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 01-11-2007, 19.07.43   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?

Citazione:
Originalmente inviato da kore
Se sciogli i cordoni della borsa e ti fai annullare il matrimonio dalla Sacra Rota mi pare che l'ostia la puoi prendere.
Se qualcuno risponde alla tua domanda, potrebbe motivare anche la questione del divorzio concesso dalla Sacra Rota?

E l'annullamento del matrimonio da parte della chiesa non conosce mezze misure, non conosce pietà e compassione.

Colpo di spugna e tutto torna come prima. Se hai figli non ti devi più preoccupare di loro puoi buttarli in mezzo ad una strada. Se sei ricco puoi riprenderti tranquillamente tutto quello che è tuo e via un calcio nel sedere alla tua consorte. Ovviamente lei puo fare lo stesso.
Niente diritti, niente equità, niente di niente: scusate, non è successo nulla. Torniamo punto e a capo.

Ecco lo spirito del vaticano.

Per quanto ne so i divorziati possono prendere la comunione solo se dichiarano di praticare l'astinenza sessuale.
Una mia amica è stata trattata in malo modo quando ha cercato di confessarsi dichiarando di essere divorziata.

Non ci sono problemi di alcun genere per assassini, stupratori, pedofili, mafiosi di tutti i livelli, politici corrotti ecc.ecc.

Se Gesù era per la tolleranza, il perdono, l'accoglienza, la pietà, il buon senso quelli che si dichiarono successori dei Suoi discepoli la pensano diversamente.

Il clero non tollera che la gente abbia una propria coscienza, che viva dignitosamente con la propria coscienza e non con la loro.
Mary is offline  
Vecchio 01-11-2007, 23.29.07   #5
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prende

Prendere l'ostia identifica la celebrazione dell'ultima cena, dove Gesù prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: "Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me". Non mi sembra che Gesù abbia aggiunto di non dare il pane (dell'Eucaristia) ai divorziati o ad altri in particolari condizioni sociali. Questo è un'altro punto a sfavore del clero che dovrebbe "guidare" i fedeli con gli insegnamenti di Cristo mentre, a mio avviso, travisa e, a volte, sovverte quanto detto e fatto da Gesù. Non parliamo poi della sacra rota : istituzione vergognosa quanto controproducente per lo stesso clero. Gesù è semplice nel suo operato e nelle sue indicazioni: è tutto lì, alla luce del sole. Ecco perchè non riconosco tramiti tra me e Dio se non la sola persona del Figlio.
Pace a tutti.
Rising Star is offline  
Vecchio 02-11-2007, 01.27.44   #6
aile
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-04-2007
Messaggi: 169
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prende

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
E l'annullamento del matrimonio da parte della chiesa non conosce mezze misure, non conosce pietà e compassione.

Colpo di spugna e tutto torna come prima. Se hai figli non ti devi più preoccupare di loro puoi buttarli in mezzo ad una strada. Se sei ricco puoi riprenderti tranquillamente tutto quello che è tuo e via un calcio nel sedere alla tua consorte. Ovviamente lei puo fare lo stesso.
Niente diritti, niente equità, niente di niente: scusate, non è successo nulla. Torniamo punto e a capo.

Ecco lo spirito del vaticano.

Per quanto ne so i divorziati possono prendere la comunione solo se dichiarano di praticare l'astinenza sessuale.
Una mia amica è stata trattata in malo modo quando ha cercato di confessarsi dichiarando di essere divorziata.

Non ci sono problemi di alcun genere per assassini, stupratori, pedofili, mafiosi di tutti i livelli, politici corrotti ecc.ecc.

Se Gesù era per la tolleranza, il perdono, l'accoglienza, la pietà, il buon senso quelli che si dichiarono successori dei Suoi discepoli la pensano diversamente.

Il clero non tollera che la gente abbia una propria coscienza, che viva dignitosamente con la propria coscienza e non con la loro.

Si ma..allora che si è cattolici a fare?Che ci si sposa a fare?Perchè si divorzia e poi si va a confessarsi?
Lo sbaglio è che in giro la gente pensa che si può essere cattolici e fare come si vuole.Secondo me,se uno è cattolico,lo deve essere,e deve osservare le indicazioni,altrimenti può stare tranquillo, e credere nella sua fede,in qualsiasi cosa,a casa sua,senza sentirsi in dovere di andare in chiesa,senza sentirsi in dovere di osservare delle cose in cui non crede,senza sentirsi sbagliato.Vedete che controsensi?
Perchè una divorziata va a confessarsi?Se crede veramente in quello che dice la chiesa,nella confessione..ecc..allora perchè ha divorziato?
Niente da fare,per me tanto strano non è.Che c'entrano i delinquenti?
Allora siccome al mondo ci sono delinquenti,chiunque abbia la fedina pulita può dire di essere un buon cattolico,che si meriti una medaglia dalla chiesa?
Io quando mi rivolgo ai cattolici e alla loro fede,almeno mi aspetto che conoscano le regole,prima di sposarsi in chiesa.Comprese quelle previste dalla rota,e comprese le regole sui divorziati.Allora è vero,si è cattolici e ci si sposa per tradizione,
e poi si rimane male a vedere quanto è dura ,e spesso,insensata,la regola da seguire.

La rota annulla il matrimonio se uno dei due ha problemi sessuali (tipo depravazioni,perchè ovviamente se si arriva vergini al matrimonio e poi scopri che i desideri sessuali dell'altro sono..inaccettabili..è una fregatura!)
se uno dei due è sterile
se uno dei coniugi ha problemi mentali..
e per altri motivi connessi alla riproduzione,se ben ricordo.E' normale che lo annulli.
Chi si sposa nella chiesa cattolica si sposa per accoppiarsi,(finalmente!!) per fare i figli,se questa cosa non la può fare,ovviamente gli è data un altra possibilità..
A volte proprio quelli che si professano cattolici queste cose neanche le sanno,e allora lo vedete...quanti seguaci ignari??

Scusate l'enfasi ma certe cose non le sopporto.
aile is offline  
Vecchio 02-11-2007, 12.27.42   #7
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?

Citazione:
Originalmente inviato da blackgin
Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?
la domanda è "solamente" questa..
Vorrei capire le ragioni della Chiesa che giudica gli ex coniugi..

La risposta, generica, è: no, non possono.
Il motivo è l'indissolubilità del matrimonio, che è un sacramento che non può essere sciolto a discrezione dell'uomo.
Poi c'è la Sacra Rota, che a certe condizioni scioglie il vincolo.
La Sacra Rota, da cattolica e con dispiacere affermo, è vero che dispensa talvolta con criterio, talvolta con minor criterio, l'annullamento.
Tanto che l'attuale Pontefice non molto tempo fa ne ha richiamato i membri (troppi annullamenti privi di giustificazioni concrete).
Che il procedimento dinanzi alla Sacra Rota, poi, sia costosissimo è altra cosa vera che può frenare molti.
E' anche vero ciò che dice Mary, che la Chiesa non impedisce a chi ha subito il divorzio di comunicarsi, a condizione che non abbia altre relazioni.
Io però, rilevo due cose, importanti. Le rilevo da cattolica.
La prima è che Dio legge il cuore delle persone, quindi la differenza la fa come ci rapportiamo al sacramento.
La seconda è che la Chiesa detta principi generali, ma i sacerdoti guardano al caso individuale. E lo fanno con attenzione, se sono bravi.
Prima di sentirvi rifiutati dalla Chiesa, cercate il vostro confidente spirituale, quello che crede realmente in Cristo, nell'errore umano e nel perdono. Perché i sacerdoti sono uomini, e come tali possono sbagliare, proprio come noi... però ci sono anche quelli che credono in ciò che fanno, e sono capaci di vera accoglienza.
nevealsole is offline  
Vecchio 02-11-2007, 14.24.25   #8
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?

L'altro giorno ne parlavo con gli amici. C'è un esponente politico cattolico padre di due figli che ha fatto annullare il matrimonio dalla Sacra Rota.
E' questo che non mi torna: padre di due figli!!! E allora, avranno consumato o saranno andati all'estero a farseli in provetta?
kore is offline  
Vecchio 02-11-2007, 18.25.40   #9
berenger11
Ospite abituale
 
L'avatar di berenger11
 
Data registrazione: 10-08-2007
Messaggi: 222
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prendere l'ostia?

Il fatto che qualcuno possa anche solo pensare di farsi dare regole spirituali da un altro mi sconvolge. Ma chi se ne frega della comunione! Probabilmente neppure è mai stata istituita, Giovanni nel suo vangelo neppure la nomina, e dedica all'ultima cena più capitoli di tutti gli altri. Il corpo e il sangue erano impuri per gli ebrei; vi pare possibile che avrebbero accettato un simile rituale i discepoli?!!!
Ma a parte questo, nessuno al mondo può fare da tramite fra l'uomo e Dio, men che meno un'altro uomo.
Gesù stesso dice" QUANDO PREGHI RITIRATI DA SOLO E CHIUDI LA PORTA"...altro che chiese e comunioni.
Nessuno, ne preti, ne cardinali, ne papi hanno il minimo diritto di dare regole in nome di Dio o di Gesu.
Loro hanno distrutto il suo messaggio, se Gesu tornasse li caccerebbe dal vaticano come fece coi mercanti del tempio, con le loro tonache su misura, le loro scarpe da mille euro, loro che dal pulpito negano il funerale religioso ad un poveraccio che devastato dalla SLA ha preferito l'eutanasia all'orrore a cui era costretto. Loro che proibiscono gli anticoncezionali in un pianeta dove siamo ormai 6,4 miliardi in aumento, e tra poco non ci saranno più risorse a sufficenza. E qualcuno sta qui a chiedersi se le loro regole sono giuste o meno.
Se le tengano le loro regole!
berenger11 is offline  
Vecchio 02-11-2007, 21.41.36   #10
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Divorzio legale, dopo di esso gli ex coniugi possono continuare a prende

Citazione:
Originalmente inviato da aile
Si ma..allora che si è cattolici a fare?Che ci si sposa a fare?Perchè si divorzia e poi si va a confessarsi?
Lo sbaglio è che in giro la gente pensa che si può essere cattolici e fare come si vuole.Secondo me,se uno è cattolico,lo deve essere,e deve osservare le indicazioni,altrimenti può stare tranquillo, e credere nella sua fede,in qualsiasi cosa,a casa sua,senza sentirsi in dovere di andare in chiesa,senza sentirsi in dovere di osservare delle cose in cui non crede,senza sentirsi sbagliato.Vedete che controsensi?
Perchè una divorziata va a confessarsi?Se crede veramente in quello che dice la chiesa,nella confessione..ecc..allora perchè ha divorziato?
Niente da fare,per me tanto strano non è.Che c'entrano i delinquenti?
Allora siccome al mondo ci sono delinquenti,chiunque abbia la fedina pulita può dire di essere un buon cattolico,che si meriti una medaglia dalla chiesa?
Io quando mi rivolgo ai cattolici e alla loro fede,almeno mi aspetto che conoscano le regole,prima di sposarsi in chiesa.Comprese quelle previste dalla rota,e comprese le regole sui divorziati.Allora è vero,si è cattolici e ci si sposa per tradizione,
e poi si rimane male a vedere quanto è dura ,e spesso,insensata,la regola da seguire.

La rota annulla il matrimonio se uno dei due ha problemi sessuali (tipo depravazioni,perchè ovviamente se si arriva vergini al matrimonio e poi scopri che i desideri sessuali dell'altro sono..inaccettabili..è una fregatura!)
se uno dei due è sterile
se uno dei coniugi ha problemi mentali..
e per altri motivi connessi alla riproduzione,se ben ricordo.E' normale che lo annulli.
Chi si sposa nella chiesa cattolica si sposa per accoppiarsi,(finalmente!!) per fare i figli,se questa cosa non la può fare,ovviamente gli è data un altra possibilità..
A volte proprio quelli che si professano cattolici queste cose neanche le sanno,e allora lo vedete...quanti seguaci ignari??

Scusate l'enfasi ma certe cose non le sopporto.


Scusami, ma il matrimonio sacro è un contratto per fare figli?
Se non puoi fare figli non sei degno di avere un compagno?

Sarà, è certamente come tu dici, ma questo mi fa venire i brividi!

Vuol dire che quel che sospettavo è vero, in tutto questo ambaradam l'ultima cosa che conta e degna di rispetto è l'amore?

Chi divorzia e va in chiesa è perchè è come tutti gli altri cristiani che cerca un po' di aiuto spirituale che Dio e coloro che parlano in Suo nome non dovrebbero negare.

Mi riferivo ai mafiosi che hanno persino cappelle private in casa e sacerdoti che celebrano privatamente per loro.
Mi riferivo al bandito della Magliana, De Pedis, sepolto in una chiesa di Roma (non ricordo quale) sotto un altare.

Quando si parla di "l'uomo non separi quel che Dio ha unito" il riferimento non è ad un contratto notarile ma ad una unione d'amore fra due persone che hanno unito le loro anime. E il vero amore per davvero non può essere diviso da nessuno, nemmeno dalla morte.

Essendo il clero fatto da uomini è facile la confusione fra sesso, matrimonio e amore.

Gli uomini facilmente confondo il sesso con l'amore, per una donna è più difficile fare confusione. In un coppia che si ama ci può essere anche il sesso.
In un matrimonio d'amore ci può essere anche il sesso.

Ma in un matrimonio per procreare può facilmente non esserci amore.

Il vero, indissolubile rito matrimoniale può avvenire solo dopo diversi anni di conoscenza, di convivenza di una coppia che ha imparato a conoscersi veramente (se ci riesce, molti non riescono) sia sessualmente che spiritualmente. Quando il vero amore (che non è il semplice innamoramento) c'è e si consolida sempre di più con il tempo, quello può ritenersi un vero matrimonio, una vera unione fra due individui. E l'uomo non potrà mai dividerli perchè l'amore è il suggello di Dio.

Tutto il resto è solo burocrazia, contratto, convenienza, necessità, usanza, bisogno, tradizione niente a che vedere con l'amore.

Non era forse tradizione consolidata fino a qualche decennio fa combinare i matrimoni da parte dei genitori? Se dare un suggello religioso ad un atto notarile vi sembra volontà di Dio, io resto con qualche dubbio.

Aggiungo solo che anche il mio matrimonio dovrebbe essere annullato dalla sacra rota perchè io quando ho sposato mio marito ho sposato uno sconosciuto, e me ne sono accorta solo diversi anni dopo.

Ma ho due figli, mi sono affezionata a lui, ora lo accetto per quello che è. Non divorzio, non lo lascio ma questo non vuol dire niente.

Allora per la chiesa io sono in peccato quando faccio sesso?
Devo andare alla sacra rota è ritornare donzella?

No, la sostanza è trascurabile, quel che conta è l'apparenza! così mi è stato insegnato. Ma io credo nella sostanza e non nell'apparenza.
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it