Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 11-12-2007, 10.39.54   #21
Martino Giusti
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-10-2007
Messaggi: 98
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Rising Star
Non mi hai detto da dove nasce la forza di gravità: mi hai dato solo delle ipotesi. L'uomo è ben lungi da scoprire come nasce la forza di gravità! Non è così?
E nella realtà, Martino Giusti è solo una ipotesi non ancora verificata sperimentalmente?

"O generazione incredula! Fino a quando starò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi?" (Mc 9,19).


IO ti ho dato almeno una ipotesi . La tua ipotesi qual'è?
Martino Giusti is offline  
Vecchio 11-12-2007, 17.48.57   #22
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Martino Giusti
IO ti ho dato almeno una ipotesi . La tua ipotesi qual'è?
Tu mi offri una ipotesi, alquanto limitata, io ti offro una certezza che, anche se sicuramente non accetterai, per me è quella definitiva: anche la forza di gravità è una manifestazione di Dio e nasce da Lui.
Rising Star is offline  
Vecchio 12-12-2007, 11.21.58   #23
Martino Giusti
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-10-2007
Messaggi: 98
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Rising Star
Tu mi offri una ipotesi, alquanto limitata, io ti offro una certezza che, anche se sicuramente non accetterai, per me è quella definitiva: anche la forza di gravità è una manifestazione di Dio e nasce da Lui.

Egregio, non si tratta di accettare o meno "certezze" come dici. Di certezza in ciò in cui credi ce ne quanta può essercene in chi crede in altri dei, tutti con la medesima dignità del tuo. Io do risposte fino a quando la scienza, il metodo scientifico, me lo permettono, poi... aspetto. Aspetto che il progresso (scientifico, tecnologico, di pensiero soprattutto) possa dare altre risposte e porsi altre domande senza abbracciare sic et simpliciter ipotesi? favole? teorie? non saprei come definirle, che indicano dogmaticamente un essere superiore creatore di tutto.
Talmente superiore che ha avuto bisogni di MILIARDI di anni (secondo il computo umano) per creare il non plus ultra del suo lavoro: l'uomo.
Avrebbe potuto fare prima l'uomo e poi tutto il resto. Così la teoria antropica sull'universo avrebbe un appiglio su cui poggiare.
Oh già, dimenticavo, il disegno divino è troppo grande per menti limitate come la nostra!
Care cose.
Martino Giusti is offline  
Vecchio 12-12-2007, 15.32.02   #24
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
Libertà...

Sento che le stelle, il cielo, possano anch'essi far avvicinare le persone a se stessi ed agli altri, gente che al limitare dell'orizzonte si apre ad accogliere quella luce così delicata e misteriosa e per attimi, credo, per attimi possa toccare l'essenza che scorre dentro ognuno ed in ogni cosa, sciogliersi lontano dai nomi che dividono, dalle culture differenti, dalle cave conoscenze, dai farfugli di una mente a volte molto piccola; il cuore ad un tratto si apre nel silenzio ed ogni attesa è vana, ogni pretesa inconsistente, ogni giudizio vuoto e per un istante si rimane nudi, nudi e liberi, non c'è più alcuna sponda, si è lasciato il porto sicuro e la vertigine di sentirsi senza lati, senza opposti, senza limiti, rapisce le nostre menti spaesate senza più un luogo dove andare, sentiero dove far correre i propri pensieri; ma il silenzio sarà rotto, perchè sono lì, sempre lì ed allora ci si chiederà come vengono chiamati quegli astri, come la luce repentina muterà all'alba, ci si dividerà su quale musico stia creando questa melodia... ma credo nel cuore si porti tale nutrimento, tale apertura di libertà che goccia a goccia si insinua tra i pensieri d'identità a renderli non dico inconsistenti, ma via via più fluidi. Seppur si osservino oggetti pensati come lontanissimi, questa bellezza e questa preziosità la si rechererà a se stessi ed agli altri, come ad indicare una terra vergine dove aliena è ogni distanza.

Un abbraccio a tutti voi...

nexus6 is offline  
Vecchio 12-12-2007, 16.00.03   #25
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Martino Giusti
Egregio, non si tratta di accettare o meno "certezze" come dici. Di certezza in ciò in cui credi ce ne quanta può essercene in chi crede in altri dei, tutti con la medesima dignità del tuo. Io do risposte fino a quando la scienza, il metodo scientifico, me lo permettono, poi... aspetto. Aspetto che il progresso (scientifico, tecnologico, di pensiero soprattutto) possa dare altre risposte e porsi altre domande senza abbracciare sic et simpliciter ipotesi? favole? teorie? non saprei come definirle, che indicano dogmaticamente un essere superiore creatore di tutto.
Talmente superiore che ha avuto bisogni di MILIARDI di anni (secondo il computo umano) per creare il non plus ultra del suo lavoro: l'uomo.
Avrebbe potuto fare prima l'uomo e poi tutto il resto. Così la teoria antropica sull'universo avrebbe un appiglio su cui poggiare.
Oh già, dimenticavo, il disegno divino è troppo grande per menti limitate come la nostra!
Care cose.

Il disegno divino è una nostra invenzione, naturalmente a questa invenzione deve seguire una teoria, e alla teoria segue il senso di onnipotenza nostro per aver scoperto il senso divino mi sa che non ci siamo o forse si ci siamo immersi ancora una volta nei concetti pur di non ammettere che sarà un mistero eterno e credimi immergersi nel mistero è davvero conoscenza
crepuscolo is offline  
Vecchio 12-12-2007, 21.10.22   #26
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Martino Giusti
Aspetto che il progresso (scientifico, tecnologico, di pensiero soprattutto) possa dare altre risposte e porsi altre domande senza abbracciare sic et simpliciter ipotesi? favole? teorie? non saprei come definirle, che indicano dogmaticamente un essere superiore creatore di tutto.
Considerare, proprio per la nostra limitatezza, la sola scienza, è come considerare la nostra casa l'intero mondo! Se ci focalizziamo solo sulle conquiste dell'uomo nel campo scientifico, rischiamo di fossilizzarci sulla realtà fisica, il che rappresenterebbe l'annichilimento dell'essenza stessa dell'uomo. Lo stesso Albert Einstein aveva una visione più ampia della realtà proprio perché conferiva alla esistenza di Dio una chiave di lettura dei fenomeni scientifici, quindi naturali, tale da poterli equiparare ad una stupenda armonia. Celebre la sua frase: "Quello che mi piacerebbe conoscere e' cio' che Dio pensa. Tutto il resto sono dettagli". Questa nostra realtà può essere percepita come "coerente", come la luce di un laser, oppure "incoerente", come la luce di una lampadina: sta all'occhio umano scoprirne la vera natura ed i molteplici segreti.

Citazione:
Originalmente inviato da Martino Giusti
Talmente superiore che ha avuto bisogni di MILIARDI di anni (secondo il computo umano) per creare il non plus ultra del suo lavoro: l'uomo.
Avrebbe potuto fare prima l'uomo e poi tutto il resto. Così la teoria antropica sull'universo avrebbe un appiglio su cui poggiare.
Scusa, ma tu ti metti prima le scarpe e poi i calzini?

Saluti.
Rising Star is offline  
Vecchio 14-12-2007, 14.41.22   #27
crepuscolo
viandante
 
Data registrazione: 19-11-2006
Messaggi: 199
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Rising Star
Tu mi offri una ipotesi, alquanto limitata, io ti offro una certezza che, anche se sicuramente non accetterai, per me è quella definitiva: anche la forza di gravità è una manifestazione di Dio e nasce da Lui.

sono daccordo è la manifestazione di Dio ed è la prova/difficoltà che noi stessi vogliamo per giustificare la lontananza da lui. La gravità è una fatica del corpo a congiungersi con l'universo. Ma lo spirito sgravato di quel peso raggiunge ogni luogo ovvero "Quel luogo", là dove la gravità non esiste
crepuscolo is offline  
Vecchio 17-12-2007, 16.36.20   #28
Martino Giusti
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-10-2007
Messaggi: 98
Riferimento: Il telescopio spaziale... direte voi: che c'entra?

Citazione:
Originalmente inviato da Rising Star
Considerare, proprio per la nostra limitatezza, la sola scienza, è come considerare la nostra casa l'intero mondo! Se ci focalizziamo solo sulle conquiste dell'uomo nel campo scientifico, rischiamo di fossilizzarci sulla realtà fisica, il che rappresenterebbe l'annichilimento dell'essenza stessa dell'uomo. Lo stesso Albert Einstein aveva una visione più ampia della realtà proprio perché conferiva alla esistenza di Dio una chiave di lettura dei fenomeni scientifici, quindi naturali, tale da poterli equiparare ad una stupenda armonia. Celebre la sua frase: "Quello che mi piacerebbe conoscere e' cio' che Dio pensa. Tutto il resto sono dettagli". Questa nostra realtà può essere percepita come "coerente", come la luce di un laser, oppure "incoerente", come la luce di una lampadina: sta all'occhio umano scoprirne la vera natura ed i molteplici segreti.


Scusa, ma tu ti metti prima le scarpe e poi i calzini?

Saluti.

Scusate il ritardo, ma un virus si è impossessato di me alla stregua di un demone però sconfitto non già da esorcismi ma da una sana cura farmacologica!

Asserire che siamo “limitati” solo perché alcuni considerano la scienza l’unica cosa che possa dare risposte è “limitante”! Certo le scienze sono ancora lontane dallo spiegare con leggi definitive alcuni “misteri” inerenti l’Universo compreso l’uomo. Cionondimeno penso che fermarsi davanti agli enigmi che man mano si potrebbero presentare con un semplicistico ed opportuno “disegno divino” che non siamo in grado di comprendere è certamente limitante. Significa fermare il progresso delle idee, lo studio.
L’essenza stessa dell’uomo quale è? Sfido chiunque a dare una risposta esauriente e definitiva che non sia infarcita di religiosità.
Albert Einstein ha detto molte altre cose come questa: « Io non credo in un Dio personale e non l'ho mai negato, anzi, ho sempre espresso le mie convinzioni chiaramente. Se qualcosa in me può essere chiamato religioso è la mia sconfinata ammirazione per la struttura del mondo che la scienza ha fin qui potuto rivelare. » oppure: «Dio non gioca a dadi» o anche «Non sono i frutti della ricerca scientifica che elevano un uomo ed arricchiscono la sua natura, ma la necessità di capire e il lavoro intellettuale.» e anche «E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio
In realtà, la realtà (scusa il bisticcio) è l’intelligenza, il pensiero dell’uomo, la sua capacità di andare in fondo ai problemi a fare di noi quello che siamo. Il resto sono dettagli.
Scarpe e calzini…
Perché un dio supremo, onnisciente onnipotente eccetera avrebbe creato milioni di specie per farle estinguere, rimpiazzandole con altre e ripetendo il processo varie volte?
Perché ha dato delle ali non funzionali ai pinguini? O occhi inutili agli animali che vivono nelle grotte? A questo tipo di obiezioni che risposte si danno? Che non siamo in grado di comprenderne i motivi?

Per crepuscolo

“Il disegno divino è una nostra invenzione, naturalmente a questa invenzione deve seguire una teoria, e alla teoria segue il senso di onnipotenza nostro per aver scoperto il senso divino mi sa che non ci siamo o forse si ci siamo immersi ancora una volta nei concetti pur di non ammettere che sarà un mistero eterno e credimi immergersi nel mistero è davvero conoscenza”

La teleologia (disegno divino) è una delle argomentazioni utilizzare per desumere a favore dell'esistenza di un creatore, prendendo a giustificazione il percepire un ordine, uno scopo, un progetto o una direzione nello stato delle cose.
E’ una “ipotesi” ,la supposizione tutta da dimostrare e verificare che esista uno scopo o un principio direzionale nei processi della natura.
Penso che tali teorie siano a carico di chi supporta tale supposizione.
Il “disegno divino” non è una “nostra invenzione” è l’invenzione, appunto, della religione, solitamente oscuro all’uomo. Ed è incomprensibile proprio perché se non lo fosse, non avrebbe più ragione d’essere.

Care cose
Martino Giusti is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it