Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 30-05-2003, 12.10.38   #1
falcorum
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-01-2003
Messaggi: 66
Tavola Rubino (hermes Trismegisto)

Non è certo né verissimo quanto la mente della creatura concepisca.
Incomprensibile vero è il Creatore.
Ciò che è in alto non è come ciò che è in basso.
All’alto la magnificenza dell’Unità;
al basso la miseria della molteplicità
che sembra tutto ed è nulla.
E poiché tutte le cose partecipano della molteplicità
esse tanto meno sono Verità, Vita, Bene,
quanto più si distanziano dall’Uno.
Ecco il numero, il molteplice, l’involucro, il cadavere dell'Uno:
sua madre è il desiderio della terra, sua madre è l'ignoranza.
Il Sole dissolse la carogna ed il vento disperse il fetore del frutto dei due.
Questo desiderio ha creato gli eroi, i demoni e gli dei;
questa ignoranza si è riversata su tutto il possibile,
confondendo ogni tradizione ed il Tre.
Ed ha regnato il male, nel sangue,
fuori dalla Rosa, nell'abominio del Quattro.
Unirai l'Uno con il Due, l'Uno con i molti, il soffio con il Sé,
delicatamente, con grande cura, fino al Nove, saltando il Cinque.
Perché discende dal Cielo alla Terra
e risale in Cielo disperdendo le Forze inferiori
nella Forza superiore indefinibile, che si compie nel Sei.
Allora, figlio del desiderio, sarai come gli dei, i demoni e gli eroi,
padrone dell'oscurità e della luce dei Sette.
In ciò consiste la sapienza, sapiente di ogni sapienza;
e sarai tanto grande da essere indefinito ed indefinibile.
Vincerà chi pesa di più sulla bilancia dell'Otto.
Così il mondo inventò i suoi ideali.
Si può adattare questo Arcano a qualunque cosa:
serpeggiando vibra come corda di cetra
e si fa numero caduco. Anche ogni causa seconda.
Pertanto io fui chiamato annunciatore di Thot,
più schiavo della causa della ragione,
che amico della ragione stessa.
Quanto detto delle umili operazioni di Urano e di Saturno serva di guida ai desiderosi: Osiride è un Dio Nero.

H.T.
falcorum is offline  
Vecchio 08-09-2004, 11.29.31   #2
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
E di questa non ne parliamo? Che ne dici Kri?
Paolo77 is offline  
Vecchio 08-09-2004, 14.07.32   #3
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
non si può parlare di questa se la smeraldo non è realizzata

kri is offline  
Vecchio 08-09-2004, 19.32.55   #4
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
La paradossale verità è questa:solo chi sottostà alla legge è libero.La maggiorparte degli uomini tenta però di raggiugere la libertà attraverso l'arbitrio,e questa via conduce alla perdita della libertà.Il dolore è seplicemente l'attrito che si instaura tra gli uomini e la legge dl mondo.
obbedendo a questa legge non si percepisce più alcun attrito.
Per raggiungere la libertà assoluta(quella della materia) bisognerebbe eseguire queste auree regole

1)Conosci te stesso(il microcosmo)

2)Conosci le leggi di questo universo(il macrocosmo)

3)Riconosci che le leggi sono buone(in armonia)

4)Sottoponiti volontariamente e completamente alle leggi che hai riconosciuto buone.

Chi compie questi passi raggiunge automaticamente la quintessenza che significa libertà.Chi si pone liberamente nei limiti della legge,diviene legge lui stesso,e allora non c'è più nulla che possa bloccarlo.
Alesteir Crowly si è espresso così"Ogni persona deve essere come una stella e seguire la sua orbita"Una stella è libera solo se segue la sua orbita,la sua mancanza di libertà comincia quando abbandona l'orbita.
Anche l'uomo possiede un'orbita che deve seguire nel cosmo:questa orbita deve però conoscerla ,altrimenti avverte l'attrito del percorso sbagliato.Non bisogna dare il predominio né all'attività né alla passività:solo tutte e due insieme formano il ritmo.Prima l'uomo deve mettersi in silenzio e ascoltare,per imparare a conoscere la sua orbita,in seguito però dovrebbe seguirla attivamente.questa attività deriva dalla fiducia,non dal predominio dell'ego,non dal concetto"io voglio,quindi faccio"l'uomo raggiunge la sua massima libertà,quando può pronunciare le parole"Signore,sia fatta la tua volontà,non la mia"

Ciao

ermes
ermes is offline  
Vecchio 08-09-2004, 20.09.05   #5
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
Scusami ermes ma pare (secondo quello che disse rajneesh chandra mohan) che conoscendo se stessi si realizzino automaticamente le altre tre regole che citi.
Forse intendi anche tu quello che dico io, secondo me il dolore è causato dall'identificazione con le cose che mutevoli...
Sempre secondo rajneesh chandra mohan non è necessario fare tutto quello che dici, ma solamente essere consapevoli di se stessi, dimenticandosi quelle regole...
Paolo77 is offline  
Vecchio 08-09-2004, 20.10.11   #6
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
kri, un po di storia di questa tavola di rubino me la fai?
Ma da dove arriva, dal corpus hermeticum?
Paolo77 is offline  
Vecchio 08-09-2004, 20.28.14   #7
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
Vi sono diversi approcci per arrivare alla consapevolezza del sé universale,determinismo e libertà sono due poli che si condizionano reciprocamente e sono legati assieme,non si escludono a vicenda come spesso si ritiene.Come avviene in ogni polarità noi riusciamo male a capire questa contemporaneità e coesistenza dei due poli,e per questo la libertà non può esistere senza il determinismo,come non può esistere amore senza odio,pace senza guerra lgiorno senza notte,sonno senza veglia ecc... ogni polo presuppone l'altro.
Per quanto riguarda il conoscersi,c'è tanta gente che è convinta del fatto di essere se stessa a volerlo<<io voglio,quindi faccio>>ecco perchè lo fa nella maniera più sbagliata.Mi dispiace di non conoscere il rajanesh che citi tu,il mio rajanesh(osho)dice..
"i sogni ti impediscono di dormire e i pensieri ti impediscono di svegliarti"
Ciao

ermes
ermes is offline  
Vecchio 09-09-2004, 09.15.23   #8
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
per quel poco che ne so ... sono frammenti ...

.. sai però che mi han fatto sempre venire in mente queste due tavole !? Beh pensa ai colori .. verde e rosso ... alchemicamente mancano due colori : bianco e blu .... dove saranno !? Esisteranno !?

kri is offline  
Vecchio 09-09-2004, 19.17.53   #9
ermes
Utente bannato
 
Data registrazione: 26-08-2004
Messaggi: 388
Tu devi capire,
da uno fai dieci
il due lascialo andare
il tre prendilo subito,
così sei ricco.
Il quattro lascialo perdere
e poi il cinque e il sei,
così dice la strega,
fai sette e otto
così e perfetto,
il nove è uno,
il dieci è niente,e questa è la filastrocca delle streghe.
Ciao

ermes
ermes is offline  
Vecchio 09-09-2004, 19.33.26   #10
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Citazione:
Messaggio originale inviato da ermes

Osho: "i sogni ti impediscono di dormire e i pensieri ti impediscono di svegliarti"

Bellissima affermazione!
Mirror is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it