Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 06-06-2003, 09.09.01   #1
falcorum
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-01-2003
Messaggi: 66
Viaggio astrale: istruzioni per l'uso!!!

Considerato lo scalpore che il mio "monito" ha suscitato relativamente al voler intraprendere senza la giusta conoscenza un "viaggio astrale", ritengo opportuno dare qualche delucidazione in merito. So che nonostante ciò, qualcuno avrà sempre qualcosa da contestare o da dire in merito. So anche che molti di voi "sentiranno" vero ciò che leggeranno, perchè l'anima ha una sua "memoria" e sa riconoscere il vero dal falso. In ogni caso dirò la mia, che mia non è, essendo piuttosto frutto di una conoscenza antica, millenaria, dono di "maestri" di indiscutibile levatura, e dei quali adesso mi faccio indegno portavoce, nella sola speranza di fare un po di luce sull'argomento.

Limiterò questo discorso alla descrizione dei particolari piani del "Mondo Astrale", che riguardano la manifestazione dell'esistenza dello spirito libero dal corpo. La prima considerazione da fare è che il mondo astrale è superiore, nella scala vibratoria, al mondo fisico. Prima di continuare, è bene tener presente che il dire "scendere" o "salire" riferito ai piani astrali, non è un voler significare la salita/discesa di scalini, quanto piuttosto l'aumento o la diminuzione delle vibrazioni proprie dei piani presi in considerazione. Il passaggio da un piano più alto a quello più basso o viceversa, possono essere pensati come un mutamento o cambio di vibrazione dell'energia di cui tutte le cose sono composte. Il concetto appena descritto è quanto di meglio sia possibile esprimere per avvicinarsi il più possibile a ciò che concerne la vera natura dei fenomeni superiori. Purtroppo, infatti, non esistono parole adatte ad esprimere questi fenomeni che ribadisco sono di natura superiore, ed ogni spiegazione, per quanto vicina al vero, risulterebbe comunque imperfetta ed insoddisfacente. Ciò nonostante, la mente umana ben predisposta può cogliere l'essenza di quanto detto, oltre il potere di espressione del linguaggio comune. La vera natura dei Piani Superiori sfugge alla mente dell'uomo medio. Esso si compone di innumerevoli piani, sottopiani e divisioni dei sottopiani, che, secondo una scala gradualmente ascendente, si elevano da quelli che toccano e si mescolano con i più alti della materia a quelli che toccano e si mescolano ai piani più bassi (se così possiamo dire) fra i grandi piani spirituali. Fra questi due estremi si trova la più grande varietà possibile di fenomeni e di fasi dell'esistenza. Sui piani inferiori astrali si manifestano le attività psichiche che gli uomini conoscono come chiaroveggenza, telepatia, psicometria e così via dicendo. Su un altro piano si trovano alcune forme di "fantasmi", spettri ed altre apparizioni di spiriti incorporei, percepite alcune volte dall'uomo e da qualche animale inferiore. Su altri piani ancora, si trovano i corpi astrali di uomini ancora esistenti sulla terra che viaggiano e compiono attività ad esempio durante il sonno (del corpo fisico) oppure in certe condizioni di estasi, oppure ancora quando un uomo morendo abbandona definitivamente il proprio corpo (anche se resta in questo piano per poco tempo). Riferendoci ai colori astrali, ad esempio, esse sono aure che circondano il corpo fisico di tutti gli esseri umani e si manifestano anche su alcuni sottopiani dell'Astrale. Alcuni sottopiani, possono essere chiamati "piani delle forze psichiche" ed è qui che le forme di pensiero, le onde di pensiero, le nubi di pensiero promanati dalle menti umane influenzano, vagando, pensieri ed emozioni di coloro che le "attirano" (ponete l'attenzione su questo concetto) e che sono in armonia con la loro tonalità psichica. E' importante sapere che alcuni sottopiani sono luoghi che non costituiscono affatto un posto piacevole per le persone inesperte, da visitare o su cui agire. L'occultista accorto cerca di evitare in ogni modo questi sottopiani ed invita anzi coloro che desiderano "viaggiare" ad evitare accuratamente questi luoghi. Molte persone si sono gravemente ammalate nel tentativo di penetrare questi piani inferiori senza averne un'esatta conoscenza. Come dice un vecchio adagio "i pazzi si accalcano dove gli angeli temono di passare!".
Su questi piani inferiori, ad esempio, vivono esseri umani dissociati dal corpo (quindi nella loro forma eterea) che sono ancora molto legati alla terra dall'attrazione del mondo materiale. Si tratta di entità prive di una spinta interiore verso l'alto. E' penoso vedere come molti "medium" si compiacciono di comunicare con tali entità, considerandole addirittura "spiriti benedetti" o "belle anime" Pensando al carattere di queste "entità" è facile capire come molte persone vengano letteralmente "truffate" sia da esse stesse, sia da coloro che mettono queste entità in contatto con esseri ancora in vita sulla terra. Alcune di queste entità arrivano spesso a contraffarsi per parenti o amici defunti di chi li interroga. Immaginate quali siano gli effetti di tutto ciò. Ma salendo di grado, si entra del regno delle anime dotate di più alta spiritualità. Sempre più in alto sale la scala dei piani e sottopiani fino a raggiungere il regno dei beati. Paradiso, purgatorio ed inferno, altro non sono che illusioni. Si tratta di "condizioni" dell'anima, che cmq anche riferendoci ai piani più bassi dell'Astrale, non sono condizioni definitive. Anche loro sono destinate ad evolversi e salire la scala dei piani astrali. Probabilmente molti dei concetti qui esposti vi sono noti, ma ho reputato per una questione di linearità fare una sorta di veloce ripasso. Ciò che deve sempre essere tenuto a mente,
concludendo, è che non si deve confondere l'idea di Piano Astrale con quella di luogo o di luoghi. Non c'è nessun luogo che possa chiamarsi "piano astrale". Questo non è ne a nord ne a sud, ne ad est ne ad ovest e neppure in alto o in basso. Tuttavia è in tutte le direzioni. Esso è al principio, alla fine, sempre, uno stato o condizione, e non un luogo. E', se volete, una fase o un grado di vibrazione, piuttosto che una parte di spazio. Le sue dimensioni sono quelle del tempo, non dello spazio. Quando usiamo le parole "regione", "regno", "superiore o inferiore", "sopra o sotto", lo facciamo in senso figurativo, così come parliamo di "un'altra misura di vibrazione", o di "una misura di vibrazione al di sopra di.". Non c'è e non ci deve essere quindi tra l'idea di "piano" e quella di "luogo" nessuna associazione mentale.

fine prima parte...........continua...... ......
falcorum is offline  
Vecchio 06-06-2003, 09.12.16   #2
falcorum
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-01-2003
Messaggi: 66
Re: Viaggio astrale: istruzioni per l'uso!!!

continua........

Tra i molti fenomeni tipici del piano astrale uno dei più penosi è quello relativo agli involucri astrali. Essi sono i logori corpi astrali delle anime risvegliatesi dal “letargo” del Piano Astrale. Questi “abiti logori” vengono spesso scambiati per l’anima stessa, creando così molta confusione. Ogni essere umano ha nella vita terrena, oltre il corpo fisico, una più fine e sottile forma di corpo chiamata “corpo astrale” o tal volta “doppio eterico”.. questo corpo astrale è l’esatta riproduzione del corpo fisico in forma molto più raffinata e sottile. L’anima si diparte dal corpo fisico in questo veicolo che è appunto il corpo astrale, e ci resta e dimora durante il letargo, abbandonandolo solo quando si risveglia e passa alle più alte condizioni dell’astrale. Il corpo astrale diviene a quel punto ciò che gli occultisti chiamano “involucro astrale”. Esso quindi non è altro che un cadavere di materia più fine del suo “doppio fisico”. Non possiede né vita, né intelligenza, ed è niente più che una nube che nel cielo rassomigli ad una forma umana. Abbandonato dall’anima comincia a dissolversi, fluttua nell’atmosfera inferiore astrale, finchè si dissolve nei suoi elementi originali.
Sembra che questo involucro subisca una sorta di attrazione verso il suo antico “doppio fisico”, e spesso ritorna a dissolversi presso di esso. Le persone dotate di vista psichica, sia normali, sia influenzate dalla paura o da simili emozioni, spesso vedono questi “involucri astrali” fluttuare intorno alle tombe, o in luoghi dove si svolsero delle battaglie, e le scambiano per gli “spiriti” dei morti, mentre non rappresentano l’anima delle persone più di quanto la rappresenti il corpo fisico sotterrato.
Questi “involucri” possono essere galvanizzati in una sembianza di vita venendo in contatto con l’energia di qualche “medium” il cui prana li anima, ed il cui sub-cosciente vi induce segni di vita e di intelligenza. In alcune sedute spiritiche, questi involucri vengono materializzati dalla vitalità del medium e fatti parlare in maniera stupida e sconnessa ai presenti, ma non è la persona che parla, ma un vuoto involucro animato dal principio vitale del medium e degli stessi presenti, che parla ed agisce come un automa. Ci sono naturalmente altre forme di “ritorno dello spirito”, ma è bene essere attenti a non confondere questi “involucri astrali” con la vera anima di persone non più in vita.
È ovvio che “galvanizzare” se pur momentaneamente un involucro astrale è uno scherzo a dir poco macabro. Eppure questa terribile esperienza è capitata anche a numerosi ed intelligenti studiosi di fenomeni psichici e ad altre persone che l’amore ha spinto a voler ancora comunicare con i cari scomparsi.
Sarebbe veramente opportuno far sapere alla gente la verità. In molti si eviterebbero inutili tentativi, spesso costosi oltre che dolorosi ed inutili.
Lo spiritualismo moderno, sia in oriente che in occidente, si occupa ben poco di questi fenomeni, cercando invece di svelare le verità della vita nelle più alte sfere dell’esistenza dell’anima. È purtroppo risaputo, però, che ai margini di questo movimento di seri studiosi, vi sono molti che sono attratti solo dai fenomeni più sensoriali, attratti forse dalla “novità” o in cerca di forti emozioni. Inutile dire quanto sarebbe opportuno che queste persone, spesso ignare e sprovvedute (curiosi o semplicemente amanti della materia), conoscessero i veri rischi che corrono nell’aprire le porte della mente e dell’anima alle influenze Astrali inferiori. Ci sono paludi e sabbie mobili nel mondo astrale, nelle quali l’incauto può affondare impietosamente. Attenzione quindi “alle vibrazioni astrali inferiori”. Per evitarle si deve “concentrare la mente e l’anima sulle più alte verità” e resistere alla tentazione di impantanarsi nei fenomeni degli strati inferiori. Non c’è nessuna soddisfazione in essi, ma solo molti e molti pericoli! VOLGETE IL VISO AL SOLE!!! Vivete sulle vette dello spirito, evitando le fetide paludi del bassopiano dello psichismo.
Questi avvertimenti, disse un Saggio, non saranno mai abbastanza ripetuti da chi ha a cuore gli interessi dell’umanità!
Per concludere ed al fine di precedere una ovvia domanda aggiungo solamente un'altra cosa, sebbene ci sarebbe ancora molto e molto da dire sull'argomento "Piano Astrale"!
Tutti "viaggiamo" durante il sonno accedendo al Piano Astrale. Lo facciamo inconsciamente e naturalmente, ma proprio per questo è come se salissimo un un taxi, dove noi non siamo "il conducente" ma semplici passeggeri. Non corriamo quindi rischi di sorta, poichè il nostro "conducente" sa sempre dove condurci e cosa farci vedere o visitare. Quando invece ci accingiamo a fare un "viaggio astrale" in modo cosciente, è come se salissimo sulla nostra auto, ci mettessimo alla sua guida ed andassimo a zonzo per il piano astrale. E' ovvia, dunque la enorme differenza che c'è tra il primo viaggiatore (inconscio) ed il secondo (conscio).
Ciò detto, buon pro vi faccia.
Saluti,
Falcorum
falcorum is offline  
Vecchio 06-06-2003, 09.52.57   #3
Blu
Ospite
 
Data registrazione: 18-02-2003
Messaggi: 11
Ciao Falcorum,
ti ringrazio tanto per le tue spiegazioni, ti leggo con piacere anche se ti devo confessare che dovrò rileggere con attenzione tutto quello che hai scritto per cercare di capire meglio...E' un argomento che mi "prende" molto, ma essendo del tutto nuovo per me, ho qualche difficoltà a capire bene....
Ti ringrazio comunque per avermi fatto scoprire tutte queste cose e per aver "aperto" la mia mente.....
Blu
Blu is offline  
Vecchio 06-06-2003, 21.59.26   #4
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Ciao Falcorum,
mi è parso molto chiaro l'esempio del taxista che porti per spiegare l'esperienza in veste onirica.

Una cosa volevo capire: il taxista siamo comunque noi? è una parte che sta dentro di noi? Allora già è insita nella nostra natura questa capacità di pilotare l'esperienza. Oppure non è così ed ho inteso male?

Ne approfitto per chiederti se conosci qualche bibliografia che spieghi l'argomento ad un assoluto principiante. Non per praticare ma per conoscere e capire.

Ciao e grazie.
Attilio is offline  
Vecchio 09-06-2003, 08.15.50   #5
falcorum
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-01-2003
Messaggi: 66
ti ho risposto.....

sull'altro post.
un saluto,
falcorum
falcorum is offline  
Vecchio 29-08-2003, 14.28.48   #6
madhavii
Ospite
 
Data registrazione: 26-08-2003
Messaggi: 30
E' vero che il piano astrale è fatto di vibrazioni, eppure lo visualizzo come un luogo dove ci sono fiori con colori fortissimi e meravigliosi, e tutt'intorno delle luci che brillano. Gli esseri che vi abitano sono semi-angelici, con forma più o meno umana, ma è tutto più ovattato, ed intorno hanno un'aura color celeste.
Non sono sicura del fatto che il piano astrale non sia visitabile come la nostra terra.

Namaskar e grazie Falcorum per le tue spiegazioni.
madhavii is offline  
Vecchio 15-10-2003, 03.57.03   #7
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Unhappy

Ahimé...ahimé. Mi consola solo il fatto che si stanno intravedendo (il corpo ci mette la sua intelligenza appena può) dei rischi autentici. Su queste aberrazioni indotte non c'è da scherzare. Per questo ci metto il mio: >> Come mai dovremmo stare lontani dalle paludi psichiche o non dalle alte vette spirituali? Se cadi ti uccidi in modo anche peggiore, lo sai questo falcorum?, o non hai fatto ancora esperienze dove tu guidi la tua auto..., o non hai un auto davvero potente... Con l'ayhuaska e le cerimonie sciamaniche e la respirazione olotropica etc etc. ho rischiato il crepacuore per la percezione in quel momento vera di bruciare di illuminazione; sai com'è, il contatto con un Arcangelo non è cosa da poco...Il rischio quindi c'è non appena uno vuole indagare in modo serio e da eroico ricercatore queste aberrazioni del normale funzionamento dell'organismo (questo ricercatore cerca comunque un suo soddisfacimento, e che sia del sé basso o del sé alto, è pur sempre egoista). Poi mi devi spiegare queste due frasi -1)"Ciò nonostante, la mente umana ben predisposta può cogliere l'essenza di quanto detto"-
-2)"La vera natura dei Piani Superiori sfugge alla mente dell'uomo medio."- come fanno a stare insieme. Appunto faccio un appunto riferito alla 1): con quale strumento di te stesso percepisci o ti accorgi che stai facendo-cogliendo quella esperienza? Sembra che affermi che sia il pensiero..., ma, ah, già, forse anche tu intendi 'mente' come qualcosa che anch'essa ha dei livelli sebbene non gerarchici come ti sforzi di dimostrare (scusa ma anchio rivedo quando mi perdevo in questi penosi tentativi). E quindi in rif. alla 2) tiri in ballo come al solito che se non giungiamo all'uomo non-medio, di piani superiori, nada.., manco l'ombra. Dici anche che ci siano questi autentici e indiscutibili maestri che ci guidano fino 'lassù' (dai, sennò sei in contraddizione quando citi 'paludi' e 'vette' ) , beh..mi fai i nomi? Se vuoi te ne faccio anchio, visto che l'ho già fatto, di codesti falsari ingannatori. E guarda che li ho seguiti bene, anche troppo, come ho detto all'inizio, e ora non ci metto nulla a distruggerli e ridimensionare il tutto, e vedo anche che non mi capita nulla di così tremendo come karmicamente promesso se avessi abbandonato la 'vetta', anzi... Tutte queste bellezze brillanti sono un fatto del pensiero, derivato dalle immagini culturali, non c'è nulla di mistico nelle energie che vibrano a frequenza più o meno elevata, nessunissimo livello-nonlivello; solo la straordinaria intelligenza della Vita che opera senza tutte queste caricature di cui il nostro pensiero (che è l''io')ha bisogno perché vuole continuare come ora, anzi più lucente, a tutti i costi. E se hai la sfortuna di imbatterti in chi, più autorevolmente, ti fa sentire cos'è davvero lo Spirito, altro che angelini, c'è da morire, lo ripeto, in molti modi stupidi anche. Ecco i due estremi dell'inganno spirituale: l'astrale astratto della mente (visualizzazioni, meditazioncine, channeling...) e lo Spirito Mayor, dove purtroppo varie auto-induzioni o sostanze esterne attivano entrambe meccanismi interni che altro non fanno che farti sentire anche nel corpo cose pericolosissime e altra funzione non hanno che quella di rischiare di distruggere irreparabilmente la sensibilità naturale dell'organismo: ATTENZIONE!. paludi e vette è la stessa cosa: dalle mi parti si dice: Poggio e Bua fa pari = finisci steso orizzontale comunque!
Sté-detonator is offline  
Vecchio 27-10-2003, 16.05.28   #8
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
http://www.viaggioastrale.it/
Rolando is offline  
Vecchio 07-11-2003, 17.19.56   #9
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile Dunque...

quando avverto un attenuarsi della coscienza
come un forte ronzio alle tempie
e mi stacco dal mio corpo
e posso muovermi liberamente,volando per casa
o anche uscendone
provo un tipo di sensazioni
che non hanno niente in comune coi sogni
dove invece,seppur interagendo lucidamente
mi sento trasportato dagli avvenimenti.

Il viaggio astrale per me è questo.

Alle volte vado anche in altre nazioni
e volendo,so che potrei visitare altri mondi
ma in genere preferisco
non allontanarmi troppo dal luogo
dove so essere il mio corpo.

Non ho mai fatto degli studi in proposito
né seguito particolari indicazioni o tecniche.
Praticamente fino a poco tempo fa
nemmeno conoscevo il termine "viaggio astrale"
per me era solo un'esperienza particolare
da non raccontare a nessuno.

Ho avuto la certezza che non si tratta di sogni
quando una volta sono riuscito ad andare nella realtà
in un posto raggiunto prima in astrale
e riconoscendolo nei minimi particolari.

Ma questa non è la sola cosa "strana"
che mi succede...

Io mi abbandono alla magia
in modo naturale - nello stesso modo
in cui mi abbandono alla vita.
Non ho mai pensato d'usarla per scopi
che non servissero esclusivamente
a rafforzare il mio equilibrio.

Quelli che s'illudono
di poter lanciare palle di fuoco contro i nemici
mi fanno solo ridere.

Ma tutte queste cose
chi ha provato
le sa già.

wahankh .
dawoR(k) is offline  
Vecchio 10-11-2003, 18.25.41   #10
Sté-detonator
SiamoUniciPezzi di N.. :D
 
L'avatar di Sté-detonator
 
Data registrazione: 23-08-2003
Messaggi: 426
Re: Dunque...

"Quelli che s'illudono
di poter lanciare palle di fuoco contro i nemici
mi fanno solo ridere."

Se a te ti fanno ridere, forse fa meno ridere a chi sapendo che è in colpa non ha il coraggio neanche di rispondere a e-meil che chiedono spiegazioni. Questi che si dicevano seppur strategicamente miei 'maestri-amici', a cui adesso lancio solo quello che loro lanciarono a me, non si sono degnati di rispondere MAI. Quando fra amici semplici e VERI di paese succede uno screzio, questo prima o poi si ripara, senza bisogno di andarlo a trovare in viaggio astrale e chiederlo al suo spirito o chissacché. Un semplice 'scusa', come mai è tanto peso o 'istruttivamente impossibile' in questi percorsi di merda che insegnano queste schifezze aberranti e pericolosissime per l'organismo? E se a te, dawork, capitaserro senza che tu ne avessi mai letto nulla, come faresti a sapere che si chiamano così e a classificarli come tali? Tali poteri esistono in natura, ma non sono così dipinti come qualcuno li dipinse, e quindi uno poi li rivive su tale base, infatti questi fatti se davvero a uno capitano senza interferenza del pensiero e quindi di cultura non avvengono nel modo che tu indichi! Mi spiace dawork, se vuoi ancora farti bello a mio scapito non la spunti.
Sté-detonator is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it