Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 29-10-2006, 09.12.23   #1
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Bhagavad-Gita e Vangelo

Trovo questi due testi se ben letti, compresi, meditati, fondamentali
per comprendere la nostra vera natura, per procedere nel cammino eterno della spiritualità.
Qualcuno di voi è d'accordo?
paperapersa is offline  
Vecchio 29-10-2006, 10.27.32   #2
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Bhagavad-Gita e Vangelo

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
Trovo questi due testi se ben letti, compresi, meditati, fondamentali
per comprendere la nostra vera natura, per procedere nel cammino eterno della spiritualità.
Qualcuno di voi è d'accordo?
Li ho letti entrambi diverse volte, (non so quale dei due ho letto maggiormente), ma in tempi diversi e con presupposti diversi. La differenza principale è che forse il Vangelo è più immediato, per certi versi più semplice, sintetizzabile in quel comandamento nuovo che Gesù ha voluto lasciare come sua ultima eredità: - amatevi gli con gli altri come io ho amato voi – mentre la Gita si rifà ad una tradizione sapienziale che in un certo senso va più nel profondo toccando diversi aspetti della spiritualità. Non a caso gli insegnamenti di Krishna ad Arjuna si rifanno alle tre grandi vie della spiritualità indiana ai tre grandi Yoga:
Il Bakti yoga, cioè lo yoga dell’amore e della devozione, (simile al messaggio evangelico)
Il Karma lo yoga lo yoga dell’azione disinteressata.
Il Gnana yoga, lo yoga della conoscenza.

La Gita è una sintesi potentissima di questi insegnamenti.

Ma per comprendere la nostra vera natura, per procedere nel cammino eterno della spiritualità occorre, forse, avere il coraggio di lasciare tutte le Gite e tutti i Vangeli per andare incontro, con animo scevro da pregiudizi, alla nostra anima che non sempre è luminosa e nobile come ci hanno fatto credere e come abbiamo voluto credere. Quell’atto di accettazione e di perdono verso noi stessi è, la soglia che dischiude l’accesso alla sconfinata terra dello spirito il cui pallido riflesso cogliamo nelle parole dei libri sacri.



P.S. ammiro la tua intelliegnza....

Ultima modifica di VanLag : 29-10-2006 alle ore 12.07.16.
VanLag is offline  
Vecchio 29-10-2006, 12.12.35   #3
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Bhagavad-Gita e Vangelo

Buon giorno!
ammiro la vostra cultura.....ho letto poco ma avere il coraggio di lasciare tutte le Gite e tutti i Vangeli ] per andare incontro, con animo scevro da pregiudizi, alla nostra anima che non sempre è luminosa e nobile come ci hanno fatto credere e come abbiamo voluto credere., dove per anima si vuole intendere la parte emozionale che lega la manifestazione impermanente all'E' sicuramente sconfinata terra dello spirito
fallible is offline  
Vecchio 02-11-2006, 10.02.56   #4
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: Bhagavad-Gita e Vangelo

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
Trovo questi due testi se ben letti, compresi, meditati, fondamentali
per comprendere la nostra vera natura, per procedere nel cammino eterno della spiritualità.
Qualcuno di voi è d'accordo?


pienamente d'accordo.
almeno per quanto riguarda la mia esperienza si intende.
ciao
turaz is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it