Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 13-11-2006, 20.43.47   #1
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
Un po' di pratica...

Io sono molto curioso. Leggendo alcune discussioni qui in "spiritualità" vedo spesso comparire la parola amore, amore per gli altri, amore disenteressato, altruismo, compassione, etc.

Sembra che ognuno abbia la propria ricetta, o che almeno sia in cerca di uno Spirito che unifichi un po' tutto, il materiale col metafisico, ma anche gli uomini fra di loro.

Ebbene, vorrei sapere da ognuno di voi, qual è il vostro agire in base a questo principio? vi dedicate a voi stessi con quell'amore che credete ognuno debba avere? Ritenete che la salvezza sia quindi una cosa personale, e che ognuno debba fare la propria ricerca?

Oppure ritenete che l'azione sia importante anche come veicolo per gli altri, addormentati e annebbiati? Avete mai fatto opere di bene, volontariato, etc? Vi dedicate agli altri in che modo? Lo ritenete soddisfacente? Vorreste migliorare?

Per me sapere che voi vi impegnate veramente in qualcosa che ritenete utile per l'umanità intera, sarebbe un bell'esempio. Io credo che l'esempio sia contagioso. Se sempre più persone si adoperassero effettivamente per gli altri, potrebbe verificarsi un fenomeno di imitazione positiva, all'opposto della solita imitazione del più furbo.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 14-11-2006, 07.10.23   #2
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Un po' di pratica...

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian
Io sono molto curioso. Leggendo alcune discussioni qui in "spiritualità" vedo spesso comparire la parola amore, amore per gli altri, amore disenteressato, altruismo, compassione, etc.

Sembra che ognuno abbia la propria ricetta, o che almeno sia in cerca di uno Spirito che unifichi un po' tutto, il materiale col metafisico, ma anche gli uomini fra di loro.

Ebbene, vorrei sapere da ognuno di voi, qual è il vostro agire in base a questo principio? vi dedicate a voi stessi con quell'amore che credete ognuno debba avere? Ritenete che la salvezza sia quindi una cosa personale, e che ognuno debba fare la propria ricerca?

Oppure ritenete che l'azione sia importante anche come veicolo per gli altri, addormentati e annebbiati? Avete mai fatto opere di bene, volontariato, etc? Vi dedicate agli altri in che modo? Lo ritenete soddisfacente? Vorreste migliorare?

Per me sapere che voi vi impegnate veramente in qualcosa che ritenete utile per l'umanità intera, sarebbe un bell'esempio. Io credo che l'esempio sia contagioso. Se sempre più persone si adoperassero effettivamente per gli altri, potrebbe verificarsi un fenomeno di imitazione positiva, all'opposto della solita imitazione del più furbo.

Bella domanda!!!
Hai mai provato ad essere quello che sei? e cioè soltanto amore?
L'amore è contagioso è come una malattia che si diffonde a macchia d'olio.
Non è necessario parlarne, ma viverlo nel quotidiano.
A me non va di vanagloriarmi delle mie azioni d'amore. L'impegno di cui parli
potrebbe essere frutto di sforzo. Per me amare è ormai naturale.
E tutto è utile: anche essere ciò che sei in ciò che fai. Quando scopri di essere una piccola luce l'unica cosa che puoi fare è essere quella luce.
Buona vita!
paperapersa is offline  
Vecchio 14-11-2006, 09.31.04   #3
shanti
Ospite
 
Data registrazione: 24-10-2006
Messaggi: 22
Riferimento: Un po' di pratica...

Om Shanti

Per donare Amore al "mondo",bisogna prima amare se stessi.

Come si arriva ad amare se stessi.........?
shanti is offline  
Vecchio 14-11-2006, 14.37.51   #4
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: Un po' di pratica...

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian
Io sono molto curioso. Leggendo alcune discussioni qui in "spiritualità" vedo spesso comparire la parola amore, amore per gli altri, amore disenteressato, altruismo, compassione, etc.

Sembra che ognuno abbia la propria ricetta, o che almeno sia in cerca di uno Spirito che unifichi un po' tutto, il materiale col metafisico, ma anche gli uomini fra di loro.

Ebbene, vorrei sapere da ognuno di voi, qual è il vostro agire in base a questo principio? vi dedicate a voi stessi con quell'amore che credete ognuno debba avere? Ritenete che la salvezza sia quindi una cosa personale, e che ognuno debba fare la propria ricerca?

Oppure ritenete che l'azione sia importante anche come veicolo per gli altri, addormentati e annebbiati? Avete mai fatto opere di bene, volontariato, etc? Vi dedicate agli altri in che modo? Lo ritenete soddisfacente? Vorreste migliorare?

Per me sapere che voi vi impegnate veramente in qualcosa che ritenete utile per l'umanità intera, sarebbe un bell'esempio. Io credo che l'esempio sia contagioso. Se sempre più persone si adoperassero effettivamente per gli altri, potrebbe verificarsi un fenomeno di imitazione positiva, all'opposto della solita imitazione del più furbo.

Non penso che sia necessario vantarsi delle proprie azioni d’amore.
L’amore non si sceglie. L’amore arriva per maturità della nostra coscienza.
Quando si è nella via dell’amore, la direzione è una sola per consapevolezza di ciò che si è.
Non si sceglie di fare del bene, si fa perché si sente dentro. È uno stadio d’evoluzione dell’Essere.
Salvatore R


Chi semina Amore traccia il sentiero su cui gli altri impareranno ad amare.
salvatoreR is offline  
Vecchio 14-11-2006, 15.48.08   #5
shanti
Ospite
 
Data registrazione: 24-10-2006
Messaggi: 22
Riferimento: Un po' di pratica...

Citazione:
Originalmente inviato da salvatoreR
Non penso che sia necessario vantarsi delle proprie azioni d’amore.
L’amore non si sceglie. L’amore arriva per maturità della nostra coscienza.
Quando si è nella via dell’amore, la direzione è una sola per consapevolezza di ciò che si è.
Non si sceglie di fare del bene, si fa perché si sente dentro. È uno stadio d’evoluzione dell’Essere.
Salvatore R


Chi semina Amore traccia il sentiero su cui gli altri impareranno ad amare.

Quasi perfetto,Salvatore.
L'Essere non ha nessun stadio di evoluzione è ciò che E'. ETERNO AMORE


Om Shanti
shanti is offline  
Vecchio 14-11-2006, 16.46.05   #6
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: Un po' di pratica...

ogni Avatar "vero" è stato prima di tutto un esempio di vita.
indi è indubbio che sia importante la coerenza di chi manifesta apertamente un percorso luminoso.
principio dei vasi comunicanti...

ciao
turaz is offline  
Vecchio 14-11-2006, 21.18.31   #7
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un po' di pratica...

Citazione:
Originalmente inviato da shanti
Quasi perfetto,Salvatore.
L'Essere non ha nessun stadio di evoluzione è ciò che E'. ETERNO AMORE


Om Shanti

Sicuro?
E allora come spieghi la mia, e non solo, personale miseria e ignoranza?
Sono maledettamente costretto in una dimensione di dualita', al punto che se attraverso la strada senza guardare mi spiaccicano per terra

edit: Sono stato punito? Sono in una dimensione che non e' quella assoluta? Sono separato da dio in una eterna relazione duale? Mi fondero' un giorno con questo essere che e' amore - che tu dici - o lo sono gia'? Cosa intendi per Essere?
(non darmi risposte pre-confezionate...queste sono domande vecchie come il mondo...e ci sono tre risposte possibili che, per esempio in India hanno dato origine a diverse scuole di pensiero).

Lord Kellian wrote
Citazione:
Per me sapere che voi vi impegnate veramente in qualcosa che ritenete utile per l'umanità intera, sarebbe un bell'esempio. Io credo che l'esempio sia contagioso. Se sempre più persone si adoperassero effettivamente per gli altri, potrebbe verificarsi un fenomeno di imitazione positiva, all'opposto della solita imitazione del più furbo

Personalmente mi impegno in tutto cio' che ritengo utile per me e l'umanita', nella misura in cui le circostanze della mia vita me lo permettono, ma sono convinto di non essere indispensabile e insostituibile in questo mondo e anche che la morte, mia o altrui, non sia affatto un problema.
Il problema che puo' affliggere l'uomo e', invece, la mancanza di Coscienza che fa si che non ci sia reale solidarieta' con l'ambiente e i vari esseri viventi che lo compongono.....si l'ecosistema e' una sorta di essere vivente...per cui c'e' da chiedersi innanzitutto chi siamo noi...visto che morto il corpo la Vita continua.....e cioe' se la vita continua e il corpo muore...che cosa e' che continua?

Ultima modifica di Yam : 15-11-2006 alle ore 09.07.37.
Yam is offline  
Vecchio 15-11-2006, 09.01.10   #8
shanti
Ospite
 
Data registrazione: 24-10-2006
Messaggi: 22
Riferimento: Un po' di pratica...

Tu sai bene cosa voglio dire Yam.

Solo che vuoi dimostrare a tutti, come sempre,la tua infinita conoscenza delle scritture.
Om Shanti
shanti is offline  
Vecchio 15-11-2006, 10.17.34   #9
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Un po' di pratica...

Citazione:
Originalmente inviato da shanti
Tu sai bene cosa voglio dire Yam.

Solo che vuoi dimostrare a tutti, come sempre,la tua infinita conoscenza delle scritture.
Om Shanti

No, no nessuna scrittura....parliamo terra a terra.
Tu hai fatto una affermazione "assoluta"...volevo solo farti notare che non e' cosi....che non c'e' solo l'assoluto...ma entrambe le cose e che nel relativo c'e' evoluzione.
Le due verita', assoluta e relativa non si possono separare....
Yam is offline  
Vecchio 15-11-2006, 15.18.57   #10
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: Un po' di pratica...

Citazione:
Originalmente inviato da Lord Kellian
Se sempre più persone si adoperassero effettivamente per gli altri, potrebbe verificarsi un fenomeno di imitazione positiva, all'opposto della solita imitazione del più furbo.


Riflessioni sull’Amore.

La fiammella dell’Amore si accende quando si comincia a comprendere i bisogni degli altri, a tenere conto delle loro esigenze, a partecipare alle loro sofferenze e alle loro gioie.
Insomma quando si comincia a percepire un sentire diverso, a capire che gli altri sono noi e che noi siamo gli altri.
L’amore non si può descrivere.
Chi non sente l’ Amore dentro di sé, non può conoscerlo.
Molte persone dedicano il loro tempo libero al volontariato senza torna conto, gratificati dal piacere di aiutare il prossimo.
La loro opera non fa notizia, perché per propria natura chi vive sinceramente questa condizione non si metterà mai in mostra.

Comprendere per Amare e Amare per elevarsi.
Elevarsi non per sovrastare, ma per aiutare gli altri a salire.
Dicono i Saggi: ti eleverai alle più alte sfere dell’Amore se ti considererai uno col Tutto.




“Chi ama il prossimo può dire che ama “l’incommensurabile” ( Dio).
salvatoreR is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it