Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 27-11-2006, 23.30.02   #1
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Papa in Turchia: "Sono preoccupato"
"Ma anche convintissimo del viaggio"
Il Papa è "preoccupato" per il viaggio apostolico in Turchia ma nello stesso tempo è anche "molto fiducioso". Benedetto XVI è concentrato a "limare i suoi discorsi punto per punto". Il Pontefice, "fortemente convinto della necessità e della utilità" della visita, si augura che "l'ira accesa dalle contestazioni" degli ultimi giorni tendenti a "politicizzare" il viaggio "non trovi troppa esca per alimentare il fuoco".


Benedetto XVI è pronto per la sua missione, "fortemente convinto della necessità e della utilità" di questo importantissimo viaggio. La fiducia del Papa, spiegano autorevoli fonti della Santa Sede, si è andata rafforzando anche in seguito "alle espressioni di stima dei cristiano-ortodossi" che attendono il Pontefice, certi che la sua presenza in Turchia servirà ad aiutare il dialogo tra le comunità religiose. Durante la visita per il Pontefice sarà determinante per il dialogo anche l'incontro che avrà con il patriarca Bartolomeo I.

Benché fiducioso, Joseph Ratzinger non nega tuttavia la "la preoccupazione" e sa che deve tener conto delle "strumentalizzazioni" create ad arte da una frangia del mondo islamico contraria alla sua visita.
Immagini allegate
Tipo file: jpg papa02g.jpg (22.9 KB, 21 visite)
massylety is offline  
Vecchio 28-11-2006, 11.22.26   #2
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

perchè il Papa non si preoccupa di aiutare i bambini del terzo e quarto mondo invece di andare in Turchia??lui sta sempre in Vaticano con tutte le persone al suo servizio e milioni di bambini ogni giorno muoiono di fame!mah...
dany83 is offline  
Vecchio 28-11-2006, 12.23.02   #3
MIMMO
Ospite abituale
 
L'avatar di MIMMO
 
Data registrazione: 21-11-2006
Messaggi: 349
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
perchè il Papa non si preoccupa di aiutare i bambini del terzo e quarto mondo invece di andare in Turchia??lui sta sempre in Vaticano con tutte le persone al suo servizio e milioni di bambini ogni giorno muoiono di fame!mah...


TU LO FAI? Questo ti dovresti chiedere?
semplice giuducare gli altri! anche se avessi ragione non puoi esprimerla se prima non lo fai con te stesso.
e non rispondere e tu? perche io non giudico chi è come me!
se pensi ma io non posso.........ti stai ingannando,,,,,,non vuoi! non è un rimprovero ma uno spunto per la meditazione!
MIMMO is offline  
Vecchio 28-11-2006, 12.32.32   #4
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Citazione:
Originalmente inviato da massylety
Papa in Turchia: "Sono preoccupato"
"Ma anche convintissimo del viaggio"
Il Papa è "preoccupato" per il viaggio apostolico in Turchia ma nello stesso tempo è anche "molto fiducioso". Benedetto XVI è concentrato a "limare i suoi discorsi punto per punto". Il Pontefice, "fortemente convinto della necessità e della utilità" della visita, si augura che "l'ira accesa dalle contestazioni" degli ultimi giorni tendenti a "politicizzare" il viaggio "non trovi troppa esca per alimentare il fuoco".


Benedetto XVI è pronto per la sua missione, "fortemente convinto della necessità e della utilità" di questo importantissimo viaggio. La fiducia del Papa, spiegano autorevoli fonti della Santa Sede, si è andata rafforzando anche in seguito "alle espressioni di stima dei cristiano-ortodossi" che attendono il Pontefice, certi che la sua presenza in Turchia servirà ad aiutare il dialogo tra le comunità religiose. Durante la visita per il Pontefice sarà determinante per il dialogo anche l'incontro che avrà con il patriarca Bartolomeo I.

Benché fiducioso, Joseph Ratzinger non nega tuttavia la "la preoccupazione" e sa che deve tener conto delle "strumentalizzazioni" create ad arte da una frangia del mondo islamico contraria alla sua visita.

La visita del papa in Turchia comporta molti rischi. Non era il caso di farla in questo periodo, dove ancora c’era il ricordo delle polemiche di qualche mese fa.

Manifestazione - Nel frattempo un movimento islamico (il «Partito della Felicità») ha organizzato per domenica una manifestazione per le strade di Istanbul. Sarebbero stati noleggiati più di 2mila pullman per far convergere in riva al Bosforo militanti da tutto il Paese. Lo slogan della manifestazione, che si svolgerà a 48 ore dall'arrivo di Benedetto XVI a Efeso, è: «il Papa falso e ignorante non è il benvenuto».
Corriere della sera.
salvatoreR is offline  
Vecchio 28-11-2006, 13.10.41   #5
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

"Non viaggio politico,ma pastorale"
Il Papa sull'aereo diretto in Turchia

Dialogo fra "Chiesa e l'Islam" e "con i nostri fratelli cristiani", impegno per la pace e la fraternità. Saranno questi i temi centrali della visita di Benedetto XVI in Turchia. A bordo dell'aereo che lo condurrà ad Ankara, il Papa ha dichiarato ai giornalisti: "Questo non è un viaggio politico ma un viaggio pastorale e ha come sua determinazione il dialogo e l'impegno comune per la pace".


Lo scopo del viaggio del Papa in Turchia è è quindi "il dialogo, la fraternità, l'impegno per la comprensione fra le culture, l'incontro tra culture e religioni per la riconciliazione". Lo ha sottolineato lo stesso Benedetto XVI intrattenedosi con i giornalisti a bordo del volo papale prima del decollo dall'aeroporto di Fiumicino.

"Tutti sentiamo la stessa responsabilità in questo momento difficile della storia e collaboriamo", ha aggiunto il Papa. E poi, rivolto alla stampa, ha detto: "il vostro lavoro è di grande importanza". Quanto al "popolo turco", per Papa Ratzinger esso è "ospitale, aperto, desidera la pace". "La Turchia è sempre stata un ponte tra le culture e un luogo di incontri e di dialogo", ha commentato.
massylety is offline  
Vecchio 28-11-2006, 13.13.02   #6
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Erdogan:Lieto ricevere Sua Santita'
Il Papa in Turchia in tempo reale

12.47 - Benedetto XVI si è detto favorevole all'ingresso della Turchia nell'Unione europea. E' stato lo stesso Pontefice ad assicurarlo al premier turco Recep Tayyip Erdogan, nell'incontro avuto all'aeroporto di Ankara.

12.22 - E' durato 15 minuti il colloquio tra il Papa ed Erdogan.

12.20 - "Vengo in Turchia anche per approfondire l'amicizia tra la Santa Sede e il popolo turco e aiutare l'incontro delle culture. Il lavoro della pace, è questo il nostro dovere". sono le prime parole del Papa al premier turco. Siete - ha aggiunto Papa Ratzinger - un paese imnportante, ponte e sintesi tra democrazia occidentale e cultura islamica, potete aiutare se volete il Papa nel suo lavoro per il dialogo tra le culture e per la pace" A queste Erdogan ha risposto: "Vorrei prima di tutto esprimere il mio benvenuto a Sua Santità e anche a tutta la delegazione che l'accompagna" ricordando poi che "oggi si apre il vertice della Nato a Riga in Lettonia: io purtroppo - ha spiegato - devo partire subito dopo il nostro incontro per questa riunione". Erdogan ha poi sottolineato che la visita del Papa si compie in "un'epoca diversa e particolare: trovo - ha detto - che abbia ancora piu' senso in questo momento perché il mondo attraversa una fase di controversie tra le civiltà". Queste prime battute sono state trasmesse dalla Tv turca. Subito dopo il Papa ed Erdogan si sono recati nella saletta Vip dell'aeroporto per il colloquio a porte chiuse. Sono presenti i cinque cardinali che accompagnano il Papa e, per parte turca, il vicepremier Beshir Atalay ed altri dignitari del protocollo.

12.04 - All'arrivo all'aeroporto il Papa viene accolto dal premier turco Tayyip Erdogan, che è il primo a stringergli la mano sotto la scaletta dell'aereo. La stretta di mano tra i due viene commentata come un fatto eccezionale.

11.58 - L'aereo con il Pontefice e la delegazione Vaticana atterra all'aeroporto di Ankara. Durante il viaggio Papa Ratzinger ha dichiarato ai giornalisti: "Questo non è un viaggio politico ma un viaggio pastorale e ha come sua determinazione il dialogo e l'impegno comune per la pace".
Immagini allegate
Tipo file: jpg papa_saluta_inf--200x150.jpg (6.6 KB, 24 visite)
massylety is offline  
Vecchio 28-11-2006, 13.57.01   #7
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Ciao Ragazzi.
Vi sembrera' anche sciocco, ma io temo per la sua vita...non so'!!!
Non era momento e forse non e' nemmeno il posto giusto!
Ricordiamoci che l'attentatore di Giovanni Paolo II era un turco.
Speriamo in bene, magari sono solo paure infondate..voi di che parere siete?
Poi osservate qui e leggete gli ultimi due Papi..cioe' se dovessimo crederci alla lettera beh....

San Malachia

Malachìa O'Morgair nacque ad Armagh, in Irlanda, nel 1094 da nobili e pii genitori che lo educarono alla religione cristiana e l’avviarono fin dalla fanciullezza per le vie del sapere, sotto la guida di dotti maestri. Venne battezzato col nome di Maelmhaedhoc (poi latinizzato in Malachia). Ancora giovanissimo scelse una vita da eremita, sotto la direzione di Imaro (Imar O'Hagan), uomo insigne nella santità e nella penitenza.

L’arcivescovo di Armagh, Ceolloch, giudicandolo degno di ricevere i Sacri Ordini, lo ordinò sacerdote all’età di 25 anni, anche se l’età canonica a quel tempo era di 30 anni. Nel 1124 divenne vescovo di Connor e quindi arcivescovo di Armagh (1132). Introdusse nella Chiesa irlandese il rito romano e appoggiò la riforma cistercense. In un viaggio che fece a Roma, ricevette la potestà di Legato Apostolico d’Irlanda.

Sono attribuite al santo numerose guarigioni, fenomeni di levitazione e il dono della profezia.

Nel 1148, mentre era in viaggio per Roma, Malachia si ammalò gravemente e morì a Clairvaux il 2 novembre di quello stesso anno. S. Bernardo ne fece l’elogio funebre e ne scrisse la vita. E’ stato canonizzato nel 1190 da Clemente III (festa: 3 novembre).

Le profezie attribuibili con certezza a San Malachia hanno per oggetto essenzialmente i destini dell’Irlanda e preannunciano oppressione e persecuzioni da parte dell’Inghilterra e calamità di ogni tipo.

Le celebri profezie sui Papi, ritrovate nel 1590, sono certamente quelle più note, ma secondo molti studiosi non sono attribuibili a Malachia ma piuttosto a un anonimo (alcuni ipotizzano perfino Nostradamus) che le avrebbe redatte non molto tempo prima del loro ritrovamento. Padre François Cucherat, che nel XIX secolo ebbe modo di studiare approfonditamente il caso (cfr. "La prophétie de la succession des Papes", M. F. Cucherat, cap. XV), sostiene invece che sarebbero state scritte durante un viaggio a Roma, nel quale Malachia ebbe una strana visione in cui vide la lista dei Pontefici che avrebbero governato la Chiesa fino alla fine dei tempi. Malachia, sempre secondo Cucherat, affidò poi il manoscritto a Innocenzo II e il documento rimase nascosto negli archivi vaticani fino alla sua scoperta avvenuta dopo 400 anni esatti dalla sua morte. Il documento venne pubblicato da Arnold de Wyon nel 1595, da quel momento continue diatribe si sono susseguite fra gli esperti sulla sua reale autenticità.

Queste profezie sono costituite da 112 motti scritti in latino nei quali vengono profetizzati altrettanti pontefici, da Celestino II fino al Papa che governerà la Chiesa nel tempo in cui Dio "giudicherà il suo popolo".

E’ sorprendente l’esatta corrispondenza di molti di questi motti con alcuni aspetti della vita e della storia di vari pontefici vissuti dalla morte di Malachia fino a oggi.

Secondo gli studiosi di profezie, col motto "De Medietate Lunae" ("Della Metà della Luna") viene indicato Papa Giovanni Paolo I, il cui pontificato durò soltanto 33 giorni, cioè una lunazione, dal 26 agosto 1978 al 29 settembre 1978; morì alla metà del mese lunare.

Sempre secondo questi interpreti, Giovanni Paolo II viene designato col motto "De Labore Solis" ("Del Lavoro del Sole" o anche "Della Fatica del Sole"). "Del Lavoro del Sole" potrebbe essere riferito alla consacrazione del suo pontificato alla Madonna, la quale nell’Apocalisse di Giovanni viene indicata come la "donna vestita di sole". "Della Fatica del Sole" potrebbe avere invece a che vedere con due eclissi di sole particolarmente significative per questo pontefice: la prima verificatasi il 18 maggio 1920 (giorno della sua nascita), l'altra il giorno dei suoi funerali (15 aprile 2005).

Il successore di "De Labore Solis" è indicato come "De Gloriae Olivae" ("Della Gloria dell’Ulivo") e corrisponderebbe all'attuale papa Benedetto XVI. Ammettendo che la profezia di Malachia sia vera, questo motto potrebbe spiegarsi col fatto che Papa Ratzinger potrebbe dimostrarsi un grande uomo di pace (l'ulivo è notoriamente il simbolo della pace per eccellenza). Lo stesso Benedetto XVI, il 27 aprile del 2005, motivò così la scelta di quel nome: «Desidero porre il mio ministero a servizio della riconciliazione e dell'armonia tra gli uomini e i popoli [...] Sarò un Papa al servizio della pace». Per altro San Benedetto da Norcia - di cui questo papa ha assunto il nome e al quale è particolarmente devoto - è noto per essere stato un grande "messaggero di pace" (così lo definì Paolo VI quando nel '64 lo proclamò Patrono d'Europa). Inoltre il motto dei Benedettini è proprio "PAX" (= "PACE").

Il papa seguente (l'ultimo nella lista di pontefici) viene indicato come "Pietro il romano" (si farà chiamare Pietro II?). Ecco cosa dice la profezia di Malachia a proposito di questo pontefice: "Durante l’ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa siederà Pietro il romano che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dei sette colli sarà distrutta e il temibile Giudice giudicherà il suo popolo. Amen" ("In persecutione extrema sacrae romanae ecclesiae sedebit Petrus romanus, qui pascet oves in multis tribulationibus; quibi transactis, civitas septis collis diruetur, ed Judex tremendus judicabit populum suum. Amen.").
massylety is offline  
Vecchio 28-11-2006, 14.05.43   #8
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
perchè il Papa non si preoccupa di aiutare i bambini del terzo e quarto mondo invece di andare in Turchia??lui sta sempre in Vaticano con tutte le persone al suo servizio e milioni di bambini ogni giorno muoiono di fame!mah...


Ciao Dany.
Non credo che dipenda dal Papa.
C'e' un istituzione dietro di Lui, penso che la volonta' a questi Papi non sia mai mancata, volonta' di portare la pace e la giustizia tra i popoli.
massylety is offline  
Vecchio 28-11-2006, 15.13.36   #9
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Citazione:
Originalmente inviato da MIMMO
TU LO FAI? Questo ti dovresti chiedere?
semplice giuducare gli altri! anche se avessi ragione non puoi esprimerla se prima non lo fai con te stesso.
e non rispondere e tu? perche io non giudico chi è come me!
se pensi ma io non posso.........ti stai ingannando,,,,,,non vuoi! non è un rimprovero ma uno spunto per la meditazione!

io non sono mica ricco come il Papa con tutta la gente che sta al mio servizio...e poi soprattutto scusami,ma io mica sono il Papa!!!ma che discorsi sono???Lui dovrebbe imparare da gente come Madre Teresa di Calcutta...lei si che era un esempio!ma il papa ci sta a fare la vita che faceva lei??non credo proprio..
dany83 is offline  
Vecchio 28-11-2006, 17.56.27   #10
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Papa e Turchia..missione di Pace o suicidio?

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
io non sono mica ricco come il Papa con tutta la gente che sta al mio servizio...e poi soprattutto scusami,ma io mica sono il Papa!!!ma che discorsi sono???Lui dovrebbe imparare da gente come Madre Teresa di Calcutta...lei si che era un esempio!ma il papa ci sta a fare la vita che faceva lei??non credo proprio..



Ciao Dany.
Volevo solo sottolineare che sono ruoli diversi.
Cioe' Madre Teresa di Calcutta non era il Papa, ma una semplice religiosa, il Papa e' capo della Chiesa, ha incarichi diversi, Il Papa nei secoli scorsi firmava solo documenti e stilava qualche Enciclica,tutto qui!
Invece negli ultimi 150 anni i Papi si sono esposti a tutto quello che non concerneva il loro compito e hanno davvero compiuto cose straordinare di fronte agli occhi del mondo intero.
Vedi anche in una famiglia esiste il Padre e poi tutti i membri della famiglia, tutti si devono adoperare per lo stesso scopo,altrimenti la famiglia sara' divisa e andra' in pezzi.
Hanno saputo portare la pace, l'amore, il rispetto, basti pensare a Giovanni Paolo II nel giorno della sua morte lo si e' visto chiaramente, mai un Papa nella storia aveva saputo compiere cose così grandi come Lui.
Il Papa e' anche e sopratutto piu' esposto degli altri.
Non so se condividi.
Ciao alla prossima.
massylety is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it