Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.
Vecchio 14-12-2006, 11.26.24   #1
Caesar84
Ospite
 
Data registrazione: 12-12-2006
Messaggi: 3
Partito Socialista Italiano

Salve,
sono uno studente di Storia Contemporanea.

In una lezione si parlava del Partito Socialista Italiano nei primi anni del '900 e presisamente intorno agli anni '10, quando iniziano a formarsi i primi nuclei di nazionalisti.

La professoressa ha detto che durante le prime manifestazioni di violenza da parte dei nazionalisti contro i socialisti, quest'ultimi non reagirono perchè loro rifiutavano la violenza!

Il Partito Socialista Italiano dei primi del '900 rifiutava la violenza????


Io credo proprio di NO, visto che era un partito marxista che predicava la lotta di classe, e dubito che si faccia lotta di classe senza violenza.

Comunque ne vorrei sapere di più!
Caesar84 is offline  
Vecchio 16-12-2006, 14.56.22   #2
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Non si fa storia elaborando filosofia su poche cose apprese. Prendi nota, caro amico, che Mussolini era socialista prima che iniziasse la Prima Guerra Mondiale. Essendo inteventista in guerra, abbandonò i socialisti che non la volevano. Dirai che preferivano la lotta di classe, ed hai ragione. Ma non è sufficiente per argomentare quello che dici. Il solidarismo è il cemento delle lotte socialiste e, normalmente, non è violenza; è più un 'tutti contro uno'.
Si può dire, con documentata argomentazione, che il socialismo ateista, una volta vinta la lotta di classe e andato al potere allora ha mostrato la violenza del potere senza limiti del socialismo di Stato (URSS, Cina maoista, Pol Pot...).
Carlo Forin is offline  
Vecchio 17-12-2006, 12.19.03   #3
Caesar84
Ospite
 
Data registrazione: 12-12-2006
Messaggi: 3
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Io non credo che i partiti marxisti fossero stati "non violenti" fino alla presa del potere in Russia, e ad esempio il primo Mussolini, sostenuto dalle idee del sindalismo rivoluzionario, considerava la violenza uno strumento di lotta politica.

E fatico a credere che Il Partito Socialista, fino alla Prima Guerra Mondiale sia stato un partito di "gandhi" che predicava la lotta di classe e la dittatura del proletariato senza violenza.

Anche perchè fatico a credere ad una lotta di classe in cui non si sarebbe dovuto combattere.
Caesar84 is offline  
Vecchio 17-12-2006, 14.24.09   #4
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Se 'fatico a credere' significa 'cercherò ancora' allora troverai che c'era la non violenza assieme a punte di lotta violenta. Un po' quello che succede nelle manifestazioni sindacali di oggi.
Se significa 'sono convinto che' allora hai già deciso tu.
ciao,
Carlo
Carlo Forin is offline  
Vecchio 17-12-2006, 14.38.59   #5
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Citazione:
Originalmente inviato da Carlo Forin
.....
Si può dire, con documentata argomentazione, che il socialismo ateista, una volta vinta la lotta di classe e andato al potere allora ha mostrato la violenza del potere senza limiti del socialismo di Stato (URSS, Cina maoista, Pol Pot...).


Perdonami amico, per la mia grande ignoranza in storia moderna, ma la rivoluzione russa ed il decollamento dell'impero e degli Zar, da chi fu operata?
E fu una azione pacifica e moderata, semplice "lotta di classe" poiché, a tuo dire, la violenza sarebbe "nata" dopo?...
grazie!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 17-12-2006, 17.08.08   #6
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Questo è il modo giusto per proseguire un ping pong infinito. Io, magari, a raccontarti i massacri degli zar, a partire da Ivan il terribile e tu a ribattere con i massacri stalinisti.
Il socialismo nasce dalle lotte popolari di chi non poteva limitare la propria vita a lavorare per dormire nel letto posto nella stessa fabbrica per poi alzarsi solo per riprendere a lavorare, fin dall'età di otto-dieci-undici anni (e questo accade ancora oggi in Cina -che ha imparato le basi per l'accumulazione del capitale e le continua ad applicare su larga scala oggi). Questo socialismo che ha fatto nascere la socialdemocrazia tedesca, ad esempio, non è altro che il sindacalismo moderno: organizzazione del lavoro su basi contrattualmente accettate. Non voglio fare ping pong con te. Se tu sei consapevole che hai di fronte una materia che puoi approfondire sia benvenuto il dialogo. Se tu vuoi confermarti su due idee semplici semplici in cui vuoi solo credere fai pure, ma da solo però!
ciao
Carlo Forin is offline  
Vecchio 17-12-2006, 21.49.19   #7
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Citazione:
Originalmente inviato da Carlo Forin
Questo è il modo giusto per proseguire un ping pong infinito. Io, magari, a raccontarti i massacri degli zar, a partire da Ivan il terribile e tu a ribattere con i massacri stalinisti.
Il socialismo nasce dalle lotte popolari di chi non poteva limitare la propria vita a lavorare per dormire nel letto posto nella stessa fabbrica per poi alzarsi solo per riprendere a lavorare, fin dall'età di otto-dieci-undici anni (e questo accade ancora oggi in Cina -che ha imparato le basi per l'accumulazione del capitale e le continua ad applicare su larga scala oggi). Questo socialismo che ha fatto nascere la socialdemocrazia tedesca, ad esempio, non è altro che il sindacalismo moderno: organizzazione del lavoro su basi contrattualmente accettate. Non voglio fare ping pong con te. Se tu sei consapevole che hai di fronte una materia che puoi approfondire sia benvenuto il dialogo. Se tu vuoi confermarti su due idee semplici semplici in cui vuoi solo credere fai pure, ma da solo però!
ciao


No,no!... amico, niente ping pong!...
di partiti e politica e materie connesse non ne capisco e non me ne interesso!

Mi aveva solo stupito la tua affermazione secondo cui la violenza sarebbe nata dopo... verso Stalin credo che dicessi, o cose simili! e che prima non ci fosse!

Ho capito male?... come non detto! scusa! Alzo la racchetta e lascio cadere la pallina!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 18-12-2006, 07.05.50   #8
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Bene! Così andiamo d'accordo!
Purtroppo la comunicazione Internet è cosa diversa da quella faccia a faccia, dove col corpo si chiarisce quello che la bocca ha lasciato oscuro.
Io cerco di migliorarmi, ma ne ho di strada davanti!
Tornando al nostro tema: la storia è un intreccio di violenza e di pace. Io sono entrato nel tuo angolo perchè hai titolato Partito Socialista Italiano. Io sono stato iscritto al PSI dal 1975 al 1985 e sono un sociologo. Conosco la storia di questo partito che è dominata da una prevalenza di processi solidarizzanti con pochi episodi di scoppio di violenza. Per questo motivo sono rimasto stupito dalle tue riflessioni incentrate su socialismo->violenza!
Mi sono spiegato meglio?
ciao
Carlo Forin is offline  
Vecchio 18-12-2006, 08.16.06   #9
Caesar84
Ospite
 
Data registrazione: 12-12-2006
Messaggi: 3
Riferimento: Partito Socialista Italiano

Invece di rimanere nell'ambito delle opinioni opinabili, iniziamo seriamente ad argomentare.

Diamo un giudizio ed argomentiamolo, con ovviamente fornendo prove, documenti e testmonianze.

Forse così riusciamo ad avere un quadro più professionale della situazione
Caesar84 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it