Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.
Vecchio 11-04-2006, 19.48.31   #1
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Hitler,il Führer e le sue Leggi

è incredibile come tutt'oggi ci siano tantissime persone ad ammirare e adirittura a venerizzare quella persona, senza dubbio Carismatica, che è Adolf Hitler....

Voi cosa ne pensate?
Soprattuto come vedele le sue ideologie?

Forse è la diplomazia che gli mancava....
Una forma di diplomazia meno esplicita... e... che apparisse più moderata!!!
con un po' più di diplomazia probabilmente sarebbe riuscito a far rispettare ancora e ancora le famosissime Leggi di Norimberga....


e... di quest'ultime cosa ne pensate?
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 11-04-2006, 20.00.15   #2
Jack Sparrow
Pirate of the Caribbean
 
L'avatar di Jack Sparrow
 
Data registrazione: 23-05-2005
Messaggi: 363
Re: Hitler,il Führer e le sue Leggi

Citazione:
Messaggio originale inviato da MocassinoH2O
Forse è la diplomazia che gli mancava....
o magari l'umanità...

Citazione:
Messaggio originale inviato da MocassinoH2O
e... di quest'ultime cosa ne pensate?

...agghiaccianti...
Jack Sparrow is offline  
Vecchio 12-04-2006, 19.07.34   #3
winged_red_tear
Ospite abituale
 
L'avatar di winged_red_tear
 
Data registrazione: 21-04-2005
Messaggi: 132
Jack Sparrow ha sintetizzato benissimo la mancanza di Hitler: un uomo carismatico, lavoratore, voleva il bene della sua gente, deciso...ma gli mancava l'umanità!!! La ragione senza sentimento delinea un atteggiamento schizoide. Ciò è avvenuto con i leader di tutti i totalitarismi in modo più o meno evidente.

La gente venera Hitler, Mussolini e co e quello che rappresentano (Patria, Razza, Famiglia, Dio) perché sono bambini nati da poco e cercano di fuggire alla solitudine tramite l'unione simbiotica passiva (masochismo, sottomissione). In questa venerazione dove il leader è tutto e io sono nulla, mi rendo conto che posso "essere" solo se entro a far parte della grandezza del leader: e qui nasce il nazionalismo isterico nazista, da questa voglia di fuggire dall'insicurezza e dalla solitudine tramite una concetto di amore incompleto (amore simbiotico). Il masochista ora non è più solo, non ha la responsabilità di prendere decisioni e non può correre rischi.

Definisco fascista e nazista quell'essere umano di evoluzione arretrata, in quanto ha perso l'istinto animale che lo vincolava ad un unica scelta e che non ha sviluppato la ragione (che è fondamentale per rimpiazzare l'istinto con l'autonomia della scelta). Quindi in assenza di instinto guida e ragione delega la scelta ad un leader indiscutibile.
winged_red_tear is offline  
Vecchio 12-04-2006, 20.14.28   #4
mariobasler
Ospite abituale
 
L'avatar di mariobasler
 
Data registrazione: 29-06-2005
Messaggi: 48
Essere nazista non vuol dire essere arretrata ... il nazismo è soltanto un lato oscuro ma dietro questo è un insieme di filosofia orientale e occidentale ... di spiritualità , angeli della morte cmq per chi avesse letto il libro '' Satana e la Svastica'' né capirà cosa voglio dire .
mariobasler is offline  
Vecchio 13-04-2006, 08.36.20   #5
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Citazione:
Messaggio originale inviato da winged_red_tear
Jack Sparrow ha sintetizzato benissimo la mancanza di Hitler: un uomo carismatico, lavoratore, voleva il bene della sua gente, deciso...ma gli mancava l'umanità!!! La ragione senza sentimento delinea un atteggiamento schizoide. Ciò è avvenuto con i leader di tutti i totalitarismi in modo più o meno evidente.

La gente venera Hitler, Mussolini e co e quello che rappresentano (Patria, Razza, Famiglia, Dio) perché sono bambini nati da poco e cercano di fuggire alla solitudine tramite l'unione simbiotica passiva (masochismo, sottomissione). In questa venerazione dove il leader è tutto e io sono nulla, mi rendo conto che posso "essere" solo se entro a far parte della grandezza del leader: e qui nasce il nazionalismo isterico nazista, da questa voglia di fuggire dall'insicurezza e dalla solitudine tramite una concetto di amore incompleto (amore simbiotico). Il masochista ora non è più solo, non ha la responsabilità di prendere decisioni e non può correre rischi.

Definisco fascista e nazista quell'essere umano di evoluzione arretrata, in quanto ha perso l'istinto animale che lo vincolava ad un unica scelta e che non ha sviluppato la ragione (che è fondamentale per rimpiazzare l'istinto con l'autonomia della scelta). Quindi in assenza di instinto guida e ragione delega la scelta ad un leader indiscutibile.

Davvero molto affascinanti le tue parole......... in ogni caso vorrei leggere il libro accennato da mariobasler ........
Puoi dirmi l'autore per cortesia?
MocassinoH2O is offline  
Vecchio 13-04-2006, 19.47.43   #6
mariobasler
Ospite abituale
 
L'avatar di mariobasler
 
Data registrazione: 29-06-2005
Messaggi: 48
Peter Levenda .

Questo libro è molto bello interessante per chi è amante del nazismo e la storia della Germania .

Ultima modifica di mariobasler : 13-04-2006 alle ore 19.50.43.
mariobasler is offline  
Vecchio 13-04-2006, 20.00.09   #7
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Angeli della morte...mi viene in mente la tanto criticata canzone Angel of death degli Slayer che parla proprio di Mendel (si chiamava così, vero?), il medico nazi...

Tanta cattiveria e sadismo senza il minimo sentimento di colpa mi lasciano tra l'incuriosito ed il perplesso.
sisrahtac is offline  
Vecchio 13-04-2006, 20.18.43   #8
mariobasler
Ospite abituale
 
L'avatar di mariobasler
 
Data registrazione: 29-06-2005
Messaggi: 48
Leggi questo libro e non né pentirai ...
mariobasler is offline  
Vecchio 13-04-2006, 21.09.10   #9
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Mancanza di umanita'?-----Dal momento che si classifica un gruppo etnico come non--umano, la crudelta' diventa lecita ed i piu' bassi istinti messi in liberta'.
Ho letto ultimamente il diario di uno schiavo scritto nel periodo della schiavitu' dei negri in America. E' un racconto raccapricciante con descrizioni che sembrerebbero impossibili nei rapporti umani. Anche in questo caso i negri vengono considerati come non-umani e trattati peggio di bestie.
La definizione di non-umani [untermenschen] ideata da hitler ed i suoi seguaci, rende possibile l'esplosione di crudelta' senza freni, e come i negri nel 19 secolo gli ebrei e gli zingari nel ventesimo sono serviti da vittime legittime per sfoghi brutali.
Gli stessi nazisti spietati erano capaci di sentimenti amorevoli verso la famiglia e rispetto per quelli che ritenevano loro simili [gli ariani], e si commuovevano a sentire la musica classica.
La forza [o carisma?] di hitler e' stata quella di definire le vittime legittime, e permettere uno sfogo a molte persone non necessariamente anormali.
hava is offline  
Vecchio 14-04-2006, 12.17.03   #10
MocassinoH2O
io Panda
 
L'avatar di MocassinoH2O
 
Data registrazione: 28-03-2006
Messaggi: 469
Grazie per il tuo intervento Hava....
Per il resto leggerò quel libro...
Grazie a tutti!
MocassinoH2O is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it