Home Page Riflessioni.it

Lettere On LineLettereOnLine  Indice

- Raccolta di lettere inviate dai visitatori

 

Che cosa dipinge un pittore?

Di Giacomo Crivellaro

Febbraio 2018

 

Che cosa dipinge un pittore?
Di cosa scrive uno scrittore?
Di cosa parla un narratore o modella lo scultore?

 

Per lungo tempo si è pensato che le rappresentazioni mentali che ci creiamo fossero frutto del tentativo di ognuno di noi di riflettere, nel modo più accurato possibile aspetti del mondo esterno - un mondo esterno conoscibile, misurabile, indipendente dall’osservatore... esisterebbero quindi rappresentazioni migliori e peggiori, dipinti più adeguati, sculture più realistiche. La Ragione (con la “R” maiuscola) traccia la differenza.

 

La psicologia non è stata esente da queste credenze - teorie delle teorie, o epistemologie.

 

In alternativa, abbiamo avuto una serie di studiosi che hanno provato a porre il problema in diversi termini: la cognizione e la conoscenza astratta sono, secondo questi autori, frutto dell’azione incarnata di un corpo e di una mente in relazione (Varela et al., 1991). Non esisterebbero quindi idee giuste o sbagliate in sè, ma idee viabili, in grado quindi di permettere azioni adattive, dirette a scopi, ed in grado di raggiungerli (von Glaserfeld, 1995). L’unica ragione (questa volta, con la “r” minuscola) in grado di fornire un giudizio parziale è quella deputata a giudicare il risultato.

 

Che cosa dipinge, allora, un pittore? Da questo punto di vista, dipinge una relazione. La relazione fra sè e l’oggetto del suo dipinto, a sua volta costruito, nella rappresentazione mentale dell’artista, dall’atto stesso di dipingerlo. Modellare il mondo aiuta a conoscerlo, o come sostiene von Foerster (1987) nel suo imperativo estetico:

 

“Se vuoi vedere, impara ad agire”

 

E parlando di relazione, ricordiamo la storiella Zen che, con l’eleganza e brevità tipiche della tradizione giapponese, recita:

 

"Una bandiera ondeggia al vento. Che cosa si muove? La mente di chi osserva."

 

   Dott. Giacomo Crivellaro
   Psicologo Psicoterapeuta a Firenze e Parma

 

Bibliografia

Varela, F., Thompson, E. & Rosch, E. (1991). The embodied mind: cognitive science and human experience. Boston: MIT Press.

Von Foerster, E. (1987). Sistemi che osservano. Roma: Astrolabio.

Von Glaserfeld, E. (1995). Radical Constructivism: a way of knowing and learning. New York: Taylor & Francis.

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...