Home Page Riflessioni.it

Il Libro dei Proverbi Falsi

Il Libro dei Proverbi Falsi

di Alberto Viotto

 

Capitolo: Pessimisti - Indice

 

 

Non definire un uomo felice finché non muore

 

Questa massima è attribuita a Solone, il grande legislatore e poeta greco vissuto nel VI secolo avanti Cristo ad Atene. Finché non è sopraggiunta la morte non si può essere definiti felici, perché il saggio ateniese pensa che nel frattempo allo sventurato definito “felice” possano accadere eventi catastrofici.

Non definire un uomo felice finché non muore

Il detto ha però un corollario inquietante: evidentemente morire è un passo indispensabile per la felicità. E poi, se uno è morto, perché dovrebbe interessargli essere “felice”?

L’unica soluzione sarebbe concludere che non esistano uomini felici o, detto altrimenti, che l’espressione “uomo felice” non abbia senso. Ma, nel mio piccolo, posso affermare di avere incontrato qualche persona felice sebbene non fosse ancora morta.

 

Indice dei Proverbi Falsi

 

 

Alberto Viotto © Copyright 2010


"I proverbi sono brevi detti popolari, solitamente molto diffusi, che contengono massime, norme, insegnamenti desunti dall'esperienza. Ma di solito la loro origine è lontana e frutto di culture passate e per questo spesso si rivelano inattendibili"

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...