Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

Testi per riflettere

Testi per Riflettere

Indice

 

Sul vivere e sul morire

Di Jiddu Krishnamurti

Da  "Sul vivere e sul morire"  - Casa Editrice Astrolabio
pagina 2/3

.: pagina precedente     .: pagina successiva

 

Allora vi chiedo: "Avete mai sperimentato davvero la paura , oppure la vostra mente non ha mai fatto altro che sfuggirla?
Prendiamo a esempio la paura della morte.
Avendo paura della morte razionalizziamo la paura cercando di eluderla con affermazioni del tipo: "La morte è inevitabile, ogni cosa muore".
Il processo di razionalizzazione non è altro che una fuga dalla realtà.
Oppure crediamo nella reincarnazione, idea che soddisfa e conforta, anche se non può eliminare la paura. Magari cerchiamo di vivere completamente nel presente, dimenticando tutto ciò che riguarda il passato e il futuro, preoccupandoci soltanto del presente , ma la paura continua.
Mi chiedo se avete mai sperimentato la vera paura , invece della paura teorica , che è semplicemente ciò che la mente elabora sulla paura?
Forse non mi sono spiegato sufficientemente bene.
Conosciamo il sapore del sale.
Abbiamo sperimentato il dolore, la lussuria e l'invidia, e sappiamo per esperienza personale cosa significhino tali parole .
Conosciamo altrettanto bene la paura?
Oppure abbiamo soltanto un'idea della paura, senza averla mai sperimentata realmente?
Ora è chiaro?
Abbiamo paura della morte , ma che cos'è la paura?
Comprendiamo l'inevitabilità della morte, e poiché non vogliamo morire, ne abbiamo paura. Ma non abbiamo mai saputo cosa sia la morte, non abbiamo fatto altro che proiettarne un'idea , un'opinione.
Quindi in effetti abbiamo paura della nostra idea della morte!
È talmente semplice che non riesco ad accettare la nostra difficoltà nel comprenderlo.
Per poter sperimentare realmente la paura, dobbiamo essere un'unica cosa con essa.
Dobbiamo essere completamente pervasi dalla paura, senza evitarla; lasciamo stare quello che pensiamo, che crediamo, su di essa. In ogni caso non penso che molti tra noi abbiano mai sperimentato la paura in tale modo, perché siamo sempre intenti a evitarla, a sfuggirla.
Non restiamo mai in sua compagnia, osservandola, cercando di capire di cosa si tratti.
Mi chiedo se la mente sia capace di vivere con la paura, fondendosi con essa.
Le è possibile penetrare quell'emozione invece di evitarla o di cercare di sfuggirla?
Penso che il fatto che viviamo una vita talmente piena di contraddizioni sia in gran parte dovuto al nostro continuo tentativo di sfuggire alla paura.
Signori, siamo ben consapevoli, soprattutto con il passare degli anni, che la morte ci sta aspettando. E ne abbiamo paura, non è vero?
Ora , come possiamo capire tale paura?
Come possiamo liberarci dalla paura della morte?
Cos'è la morte?
È esattamente la fine di tutto ciò che abbiamo conosciuto.
Ecco la realtà.
Il punto non è se sopravviveremo o non sopravviveremo.
La sopravvivenza dopo la morte non è che un concetto.
Noi non sappiamo , ma crediamo, perché credere ci conforta.
Non affrontiamo mai il problema della morte in sé e per sé, perché l'idea stessa di arrivare a una fine, di penetrare nel regno dell'ignoto è talmente orripilante da risvegliare la paura. Avendo paura, facciamo ricorso a varie forme di credo religioso, che sono semplicemente vie di fuga.
Per poter liberare la mente dalla paura dobbiamo assolutamente conoscere cosa voglia dire morire mentre siamo ancora nel pieno delle nostre facoltà fisiche e mentali, per esempio mentre andiamo in ufficio o partecipiamo a qualche evento.
Dobbiamo penetrare la natura della morte da vivi.
La fede non ci libererà dalla paura.
Potremo anche leggere un bel po' di libri sull'aldilà , ma non ci aiuterà a liberare la mente dalla paura , perché la mente è abituata a un'unica cosa , che è la continuità perpetuata dalla memoria, e quindi l'idea stessa di cessare di esistere appare orribile.
Il costante ricordo delle cose che abbiamo sperimentato e goduto, tutto ciò che abbiamo posseduto, il carattere che ci siamo forgiati, gli ideali, le visioni, la conoscenza: tutto ciò è destinato a finire.
Come possiamo liberarci dalla paura?
È questo il problema , non le varie ipotesi sulla vita oltre la morte.
Se voglio essere libero dalla paura della morte, è sicuramente necessario che io ne indaghi la natura. Devo farne esperienza, devo sapere di cosa si tratti, devo conoscere la sua bellezza, le sue impressionanti caratteristiche.
Morire dev'essere qualcosa di straordinario, entrare in una dimensione che non abbiamo mai immaginato, totalmente sconosciuta.
Ora, in che modo può la mente sperimentare, da vivi, quella cessazione che chiamiamo morte? La morte è la cessazione.
È la cessazione del corpo, e forse anche della mente.
Non sto cercando di scoprire se ci sia vita dopo la morte.
Ciò che mi interessa è la cessazione.


pagina 2/3
.: pagina precedente     .: pagina successiva

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook



I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...