Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Lettere On LineLettereOnLine  Indice


- Dalla raccolta: Verso l'uomo integrale di Pier Angelo Piai

 

La distanza tra l'uno e il niente

“La maggior parte della gente è scontenta, perché pochi sanno che la distanza fra uno e niente è più grande che fra uno e mille.”
Ludwig Borne


Ognuno di noi spesso sente in sè una particolare insoddisfazione dovuta a svariati motivi. Chi non vede realizzarsi i propri desideri, chi non accetta il suo corpo o la sua mente, chi è scontento della propria situazione fisica, affettiva, familiare, economica e sociale. Molte frustrazioni nascono anche dal continuo confronto con gli altri, perchè ci sembrano più realizzati o felici.

Ma la nostra insoddisfazione, però, non dovrebbe essere limitata alla semplice dimensione terrena.

Ad un’analisi più sincera ed approfondita del nostro dinamismo mentale, ci rendiamo conto che gran parte dei problemi sono generati dal nostro modo di vedere la vita. Se si usa troppo la mente, trascurando il cuore, vediamo solo un’infinità di questioni insolubili che ci portano, se non stiamo attenti,  a perdere il significato della vita stessa.

Non esistiamo per riempirci di problemi. La nostra vita assume il significato che noi le diamo e molte circostanze si adattano spesso ad esse.

Se puntiamo sull’avere crediamo di espandere il nostro “io” sulle cose materiali che possediamo, sugli affetti, sul prestigio sociale, ecc. In effetti non ci rendiamo conto che sono queste cose a possederci ed a tenerci prigionieri in un bozzolo esistenziale che non vuole evolversi e schiudersi al senso dell’essere.

Allorché ci impegnamo a riflettere in profondità sulla nostra esistenza, ci rendiamo conto che un mistero avvolge le essenze che percepiamo e che possono illuminare la nostra stessa attività cosciente.

“Percepire” coscientemente attraverso i sensi qualcosa, dovrebbe già riempirci di stupore.

Quando qualcuno mi chiede se esistono i miracoli, come tradizionalmente li intendiamo, lo faccio riflettere sullo stesso miracolo della vita, in cui ogni momento ritenuto da noi “ordinario”, possiamo interpretarlo in modo straordinario. Per il solo fatto che con il nostro libero arbitrio abbiamo la possibilità di porre in essere una serie di micro-operazioni quasi infinita, è già un evento straordinario. 

Purtroppo stiamo perdendo l’interesse più genuino per l’ontologia perché l’abbiamo relegata nel baule delle anticaglie filosofiche. Ma le domande fondamentali che noi inconsciamente ci poniamo esigono delle risposte, altrimenti rimaniamo  incapsulati nel marasma dei luoghi comuni o abbagliati dal luccichio del consumismo più vorace, disperdendo così la nostra identità in mille rivoli, generando una penosa opacità intellettuale.

Gli interrogativi sull’ontologia dovrebbero condurci ad una sana riflessione sulla stessa nostra esistenza, la quale merita un’alta considerazione per il fatto stesso che è infinitamente superiore al nulla.



Pier Angelo Piai
Cividale del Friuli (UD) -
gennaio 2007
www.friulicrea.it

 

Indice raccolta
Verso l'uomo integrale
di Pier Angelo Piai

 

Report sul 21° secolo. John Ethan Titor 2 dal futuro Pier Angelo PiaiReport sul 21° secolo. John Ethan Titor 2 dal futuro di Pier Angelo Piai - Mjm Editore - 2009
"Attraverso un fantascientifico viaggio nel tempo, l’autore del libro, Pier Angelo Piai, desidera sensibilizzare il lettore a prendere coscienza del nostro comune modo di pensare ed agire, noi del 21° secolo che ci vantiamo di essere progrediti.
In che cosa consiste, allora, la vera evoluzione della specie umana?
Quando l’uomo potrà diventare davvero integrale?
Report cerca di dare alcune risposte ai moltissimi interrogativi che emergono in queste pagine scritte attraverso riflessioni e considerazioni sociologiche, antropologiche e filosofiche".

 

In sintesi il messaggio fondamentale che l'autore vorrebbe trasmettere attraverso questo libro:

 

Progresso ed etica sono in continua evoluzione, ma se non diventano complementari portano all'implosione strutturale della società privata di tutti i valori umani che in migliaia di anni di storia, tra sofferenze e gioie, sono stati tramandati alle generazioni successive.
Emerge così il profilo dell'uomo integrale del 24° secolo, molto comune ed apprezzato .
Un uomo che utilizza le tecnologie più sofisticate per la promozione umana, per la scoperta della pura Verità, per la salvaguardia del Pianeta, per la riscoperta dell'attività più inconscia della mente, per la contemplazione dell'esistenza stessa, per la solidarietà e la creatività finalizzata al miglioramento della qualità della vita di ogni essere umano presente e futuro.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...