Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

"Il mio nome" e "Cannella e Vaniglia"
di Gerardo Sorrentino

 

 

Il mio nome

I poeti che brutte creature
ogni volta che parlano è una truffa 
(F. De Gregori – Le storie di ieri)

A volere tutto
troppo spesso si annaspa
tra un desiderio e un’illusione
forse solo il sudario di un’emozione,
ma se le stelle fossero amnesie di un Dio
orfano della propria creazione
allora saprei che il progetto ultimo
di queste mie parole 
è dare colore ad un orizzonte
l’orizzonte di mille pensieri
troppo stanchi per girare
il mappamondo annacquato
di un viaggio verso l’agguato
di un ultimo ideale di vita
del poeta e i suoi versi che a memoria cita,
ma è la pazzia degli uomini savi
che governano il mondo.

 

Ho bevuto tanto vino
che se fossi un angelo
vedrei doppia la strada
che porta al dipinto
di un’anima,
affresco della notte
fatto di vita e morte
fatto di acqua santa e sangue
e volerei via lontano
lontano dove lo sguardo si perde
e si riconcilia con l’infinito,
lontano fra i frammenti di un sogno
e la spavalda arroganza
di chi osa guardare sempre oltre
anche quando il confine della propria ombra
cade perpendicolarmente 
sotto un cielo oscuro.

 

La mia libertà l’ho venduta
per un piatto di utopie
condite bene
ma alla lunga
troppo pesanti da digerire
e allora ho aggiunto l’acqua al vino
e qualche ideale l’ho dipinto sull’anima
credere in un mondo di fratelli
dove i colori non fossero più fardelli
credere in un mondo di uguali
e un mondo senza i suoi mali
ma poi ho ucciso la speranza
con le mie ali intrappolate
in una gabbia dalle sbarre di cristallo
e allora ho comprato un pappagallo
per farmi ripetere in un assurdo monologo
il mio nome da stronzo.

 

 

Cannella e Vaniglia

Se avessi dato al destino 
Un senso a cui poter donare 
Una giustificazione al fallimento 
Di una vita vissuta in bilico 
Tra una lucida eresia 
E una preghiera a Cristo uomo 
Ora potrei darmi una ragione ontologica 
Del mio dolore e delle sue paure 
Paura di credere in un regista strambo 
Che detta le scene dei nostri piccoli romanzi 
Dall’alto di una nuvola a cinque stelle 
Una di troppo me la stampo sullo zigomo. 

Ma Dio avrà qualche hobby 
Forse è troppo serio e triste 
Per perder tempo ai dati 
Le nostre vite – una pallina 
Un giro di giostra 
E niente va più, 
gli strapperei un sorriso 
con cui schiodare dalla croce suo figlio 
eterno uomo condannato ad esser Dio 
Divinità di miliardi di parole 
Troppo spesso confuse 
Nell’estremo tentativo di un addio. 

E se anche l’odio fosse 
una limpida forma d’amore 
Un veleno lento che ti tiene in vita 
Ora saprei dipingerti addosso 
La tua cannella fatta di parole 
Quella vaniglia che mal si addiceva 
Al mio tabacco e agli itinerari 
Dell’iperbole del mio fumo 
Ma lasciamo una porta aperta 
Al tuo miracoloso olfatto 
E al mio desiderio d’incrociare 
le stelle dei tuoi occhi.

 

 

Gerardo Sorrentino

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...