Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sulle scienze

Riflessioni sulle Scienze

di Alberto Viotto    indice articoli

 

L'insostenibile scalata sociale

Aprile 2011

  • Avvocati e commercialisti

  • Il valore del lavoro

  • Criteri di valutazione

  • Lavori utili

  • La mobilità sociale

…la mattina andare a caccia, il pomeriggio pescare, la sera allevare il bestiame, dopo pranzo criticare, così come mi vien voglia, senza diventare né cacciatore, né pescatore, né pastore, né critico
K. Marx - F. Engels, L’ideologia tedesca

 

Todos caballeros
Carlo V del Sacro Romano Impero

 


La mobilità socialeUno dei miti più diffusi nella nostra società è la necessita della “mobilità sociale”, nel senso che il figlio dell’operaio non dovrà più fare l’operaio, ma un lavoro ritenuto “superiore”, come il medico o l’avvocato. Chi si trova in quelle che si ritengono le fasce sociali più basse dovrebbe salire nella “scala” sociale (per questo motivo si adotta spesso la metafora dell’“ascensore sociale”).

 

Avvocati e commercialisti

Questo mito si scontra però contro una banale considerazione: come fare ad avere un numero sempre più alto di posti di lavoro “superiori”? Molte delle attività ritenute “di alto livello” possono giustificare la presenza di un certo numero di addetti e non di più.
Se il numero degli avvocati cresce a dismisura, in che modo potranno esercitare se non si faranno tutti causa tra di loro? Ed una sterminata platea di commercialisti che cosa farà, se non si inventeranno norme fiscali ancora più inutilmente complesse di quelle attuali?

 

Il valore del lavoro

E’ chiaro che una classe dirigente non può coincidere con la totalità della popolazione; se tutti diventassero “caballeros”, come pare abbia decretato Carlo V in una visita ad Alghero (1), sarebbe come se nessuno lo fosse.
Si può però fare una considerazione ancora più pertinente: spesso i lavori considerati “di alto livello” e pagati molto bene hanno una utilità molto bassa, come risulta da una ricerca elaborata dalla New Economics Foundation, una autorevole organizzazione inglese specializzata in studi sociali ed economici (2).
La NEF ha calcolato il valore economico di sei diversi lavori, tre pagati molto bene e tre pagati poco. Un'ora di lavoro di addetto alle pulizie in ospedale, ad esempio, crea dieci sterline di profitto per ogni sterlina di salario Al contrario, per ogni sterlina guadagnata da un banchiere, ce ne sono sette perdute dalla comunità. I banchieri, conclude la NEF, prosciugano la società e causano danni all'economia globale.

 

Criteri di valutazione

"La nostra ricerca analizza nel dettaglio sei lavori diversi - si legge nell’introduzione - scelti nel settore pubblico e privato tra quelli che meglio illustrano il problema. Tre di questi sono pagati poco (un addetto alle pulizie in ospedale, un operaio di un centro di recupero materiali di riciclo e un operatore dell'infanzia), mentre gli altri hanno stipendi molto alti (un banchiere della City, un dirigente pubblicitario e un consulente fiscale). Abbiamo esaminato il contributo sociale del loro valore e scoperto che i lavori pagati meno sono quelli più utili al benessere collettivo" (3).
Per valutare il valore globale delle varie attività la NEF utilizza i principi dell’analisi del “Social Return on Investment“ che quantifica il valore sociale, economico ed ambientale di ogni lavoro. Questi criteri possono essere discutibili, ma credo sia innegabile che alcune professioni non forniscono alcun contributo al bene comune. Gli addetti al marketing non fanno altro che spostare le preferenze dei consumatori da un prodotto all’altro, senza nessun beneficio per la società nel suo complesso. I commercialisti in ultima analisi studiano in che modo far versare meno tasse ai propri clienti (e quindi, fatalmente, più tasse a tutti gli altri). Per evitare polemiche non voglio nemmeno affrontare il tema dell’utilità dei politici.

 

Lavori utili

Che cosa c’è di più utile di un insegnante? Il futuro della società è nelle mani degli insegnanti; a seconda del livello di istruzione dei giovani che adesso studiano la società futura sarà efficiente o inefficiente, ricca o povera. Eppure, almeno in Italia, il livello di retribuzione degli insegnanti (e di conseguenza il loro prestigio sociale) è desolatamente basso.
Vi sono tantissimi altri lavori utili pagati molto poco. Un infermiere, un poliziotto sono assolutamente necessari alla società, ma le loro retribuzioni sono bassissime. Perché sono pagati così poco? C’è poco da fare: sono pagati poco perché molti altri sono pagati troppo.

 

La mobilità sociale

Se la mobilità sociale si traduce in un affollarsi di professioni ritenute più “elevate”, ma in realtà meno utili, non può che portare al collasso della società. C’è invece da augurarsi non solo che le retribuzioni riflettano meglio l’effettiva utilità delle varie attività, ma soprattutto che scompaia l’aura di prestigio di lavori in ultima analisi inutili e la soggezione verso chi è stato così abile da riuscire ad ottenerli.
Meglio ancora sarebbe che il prestigio sociale fosse separato dal lavoro che si svolge, e che ognuno potesse fare l’attività che gli è più congeniale venendo retribuito per quanto è effettivamente utile.


   Alberto Viotto

 

Se qualche lettore trovasse questo articolo interessante o ne volesse discutere, all'autore farebbe piacere ricevere delle e-mail all'indirizzo: alberto_viotto@hotmail.com

 

NOTE
1) http://it.wikipedia.org/wiki/Todos_caballeros
2) http://en.wikipedia.org/wiki/New_Economics_Foundation
3) http://www.neweconomics.org/publications/bit-rich

 

Altri articoli di Alberto Viotto

 

Alberto Viotto offre gratuitamente due suoi Ebook:

 

Come ti fregano
Analisi dei meccanismi del marketing ed altri trucchi

 

"Da mattina a sera, sui giornali, sulle televisioni, sul web,  siamo sommersi da messaggi pubblicitari che sembrano pensati per un pubblico di semideficienti. Naturalmente il circo del marketing ha un costo, che ricade sull’ambiente ma anche su di noi, costretti a pagare di più i prodotti che ci servono (circa 400€ in più in media su ogni auto nuova).
Di chi la colpa? Ahimè, è nostra, perché compriamo i prodotti pubblicizzati; se la pubblicità non facesse aumentare le vendite i produttori smetterebbero di  tormentarci. Un rapido esame dei meccanismi del marketing ci può aiutare ad immunizzarci."

Achille e la tartaruga e altri paradossi

 

"Una nuova e più elegante soluzione al paradosso più famoso. Altri celebri enigmi (il sorite, il cretese mentitore, il gatto quantistico, la stanza cinese) affrontati da un punto di vista non convenzionale".

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...