Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI Canzoni - Indice

 

Desolation Row - Bob Dylan

Di Bob Dylan
Dall'album: Highway 61 Revisited - Columbia Records, 1965


They're selling postcards of the hanging
They're painting the passports brown
The beauty parlor is filled with sailors
The circus is in town
Here comes the blind commissioner
They've got him in a trance
One hand is tied to the tight-rope walker
The other is in his pants
And the riot squad they're restless
They need somewhere to go
As Lady and I look out tonight
From Desolation Row

 

Cinderella, she seems so easy
"It takes one to know one," she smiles
And puts her hands in her back pockets
Bette Davis style
And in comes Romeo, he's moaning
"You Belong to Me I Believe"
And someone says,"You're in the wrong place, my friend
You better leave"
And the only sound that's left
After the ambulances go
Is Cinderella sweeping up
On Desolation Row

 

Now the moon is almost hidden
The stars are beginning to hide
The fortunetelling lady
Has even taken all her things inside
All except for Cain and Abel
And the hunchback of Notre Dame
Everybody is making love
Or else expecting rain
And the Good Samaritan, he's dressing
He's getting ready for the show
He's going to the carnival tonight
On Desolation Row

 

Now Ophelia, she's 'neath the window
For her I feel so afraid
On her twenty-second birthday
She already is an old maid
To her, death is quite romantic
She wears an iron vest
Her profession's her religion
Her sin is her lifelessness
And though her eyes are fixed upon
Noah's great rainbow
She spends her time peeking
Into Desolation Row

 

Einstein, disguised as Robin Hood
With his memories in a trunk
Passed this way an hour ago
With his friend, a jealous monk
He looked so immaculately frightful
As he bummed a cigarette
Then he went off sniffing drainpipes
And reciting the alphabet
Now you would not think to look at him
But he was famous long ago
For playing the electric violin
On Desolation Row

 

Dr. Filth, he keeps his world
Inside of a leather cup
But all his sexless patients
They're trying to blow it up
Now his nurse, some local loser
She's in charge of the cyanide hole
And she also keeps the cards that read
"Have Mercy on His Soul"
They all play on penny whistles
You can hear them blow
If you lean your head out far enough
From Desolation Row

 

Across the street they've nailed the curtains
They're getting ready for the feast
The Phantom of the Opera
A perfect image of a priest
They're spoonfeeding Casanova
To get him to feel more assured
Then they'll kill him with self-confidence
After poisoning him with words
And the Phantom's shouting to skinny girls
"Get Outa Here If You Don't Know
Casanova is just being punished for going
To Desolation Row"

 

Now at midnight all the agents
And the superhuman crew
Come out and round up everyone
That knows more than they do
Then they bring them to the factory
Where the heart-attack machine
Is strapped across their shoulders
And then the kerosene
Is brought down from the castles
By insurance men who go
Check to see that nobody is escaping
To Desolation Row

 

Praise be to Nero's Neptune
The Titanic sails at dawn
And everybody's shouting
"Which Side Are You On?"
And Ezra Pound and T. S. Eliot
Fighting in the captain's tower
While calypso singers laugh at them
And fishermen hold flowers
Between the windows of the sea
Where lovely mermaids flow
And nobody has to think too much
About Desolation Row

 

Yes, I received your letter yesterday
(About the time the door knob broke)
When you asked how I was doing
Was that some kind of joke?
All these people that you mention
Yes, I know them, they're quite lame
I had to rearrange their faces
And give them all another name
Right now I can't read too good
Don't send me no more letters no
Not unless you mail them
From Desolation Row

 


Traduzione a cura di Ermanno Tassi


 

Vendono cartoline dell'impiccagione
tingono i passaporti di marrone
il salone di bellezza è pieno di marinai
il circo è in città
ecco che arriva il commissario cieco
l'hanno fatto cadere in trance
ha una mano legata al funambolo ubriaco
l'altra la tiene nei pantaloni
le forze dell'ordine sono irrequiete
hanno bisogno di un posto dove andare
mentre la mia donna e io ci teniamo alla larga

dal vicolo della desolazione

 

Cenerentola sembra così tranquilla
ci vuole uno come lei per capirla
sorride poi infila le mani nelle tasche di dietro
alla Betty Davis
poi arriva Romeo che si lamenta
“tu appartieni a me credo”
e qualcuno dice
“sei nel posto sbagliato amico
è meglio che te la fili”
così l'unico rumore che rimane
dopo che le ambulanze sono partite
è Cenerentola che ramazza
nel vicolo della desolazione

 

Adesso la luna è quasi nascosta
e le stelle incominciano a svanire
perfino l'indovina
ha messo via i suoi arnesi
tutti eccetto Caino e Abele
e il gobbo di Notre Dame
tutti fanno l'amore
oppure aspettano la pioggia
il Buon Samaritano si sta vestendo
si prepara per lo spettacolo
andrà al carnevale stasera
nel vicolo della desolazione

 

Ofelia è sotto la finestra
per lei ho molto timore
a ventidue anni
è già una vecchia zitella
lei crede la morte una cosa romantica
indossa una maglia di ferro
la sua professione la sua religione
il suo peccato è la mancanza di vita
e sebbene tenga lo sguardo fisso
sul grande arcobaleno di Noè
passa il suo tempo a spiare
nel vicolo della desolazione

 

Einstein travestito da Robin Hood i suoi
ricordi chiusi in un baule
passò da questa parte un'ora fa
con il suo amico un monaco geloso
ora sembra così immacolatamente spaventoso
mentre scrocca una sigaretta
e se ne va annusando gli scoli dell'acqua
e recitando l'alfabeto
non si direbbe a vederlo
ma era famoso molto tempo fa
per come suonava il violino elettrico
sul vicolo della desolazione

 

Il dottor Sudiciume tiene il suo mondo
in una tazza di cuoio
ma tutti i suoi pazienti asessuati
cercano di farla saltare
la sua infermiera una provinciale fallita
si occupa del buco del cianuro
e tiene anche le schede che dicono
“abbi pietà dell'anima sua”
soffiano tutti un fischietto
puoi sentirli suonare
se sporgi la testa abbastanza
sul vicolo della desolazione

 

Nella casa di fronte hanno inchiodato le tende
si preparano per la festa
il Fantasma dell'Opera
perfettamente travestito da prete
imboccano Casanova
per farlo sentire più sicuro
poi lo uccideranno con baldanza
dopo averlo avvelenato di parole
e il Fantasma grida a ragazze scarne
“andate via se non capite
Casanova è appena stato punito per essere andato
nel vicolo della desolazione”

 

A mezzanotte gli agenti
e la ciurma sovrumana
escono fuori e li radunano tutti
quelli che sanno più di loro
poi li portano nella fabbrica
dove la macchina dell'infarto
viene legata alle loro spalle
e poi il kerosene
viene portato a valle dalle fortezze
da assicuratori che vanno
a controllare che nessuno se la svigni
per il vicolo della desolazione

 

Lode sia al Nettuno di Nerone
le titaniche vele all'alba
tutti gridano
“da che parte stai?”
Ed Ezra Pound e T.S. Eliot
lottano nella torre di comando
mentre danzatrici di calipso li deridono
e pescatori presentano fiori
fra le finestre del mare
dove graziose sirene scivolano
e nessuno deve preoccuparsi troppo
del vicolo della desolazione

 

Sì ho ricevuto la tua lettera ieri
(a proposito di quella volta che la maniglia si è rotta)
quando mi chiedevi come me la passavo
voleva essere una battuta?
Tutta questa gente di cui parli
la conosco sono abbastanza anonimi
ho dovuto riordinare le loro facce
e dare loro un altro nome
adesso non riesco a leggere bene
non mandarmi altre lettere
no a meno che tu non le spedisca
dal vicolo della desolazione

 

 

NOTE

1) E’ buona norma non tradurre i nomi propri geografici, toponomastici etc. ma qui siamo di fronte ad un nome inventato la cui traduzione rende l’idea immediata di che cosa si stia parlando.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...