Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 14-12-2006, 21.22.13   #1
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Invasioni inglesi.

Premetto che non sono una specialista di questioni linguistiche, ma guardando alla lingua italiana, sia scritta che parlata, ho constatato che ormai l'inglese dilaga un pò troppo, da molte parti:
dal linguaggio dei computers, alle insegne pubblicitarie,
dalle pietanze nei ristoranti, all'abbigliamento...ecc.

I francesi, perlomeno ci hanno provato, fino a tradurre l'intraducibile, ad esempio
software=logiciel.

Ma noi?
Non siamo così intransigenti, ok , ma nemmeno dovremmo essere troppo pigri, assorbendo tutto questo inglese e facendolo nostro .
In fondo la nostra lingua è ricca,circa seimila vocaboli, è armoniosa, bella, nobile.

Abbiamo davvero bisogno di tutto queste parlole inglesi?

Voi che ne dite?
Pantera Rosa is offline  
Vecchio 15-12-2006, 01.20.29   #2
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Invasioni inglesi.

Abbiamo davvero bisogno di tutto queste parlole inglesi?

purtroppo credo proprio di si,oramai tante parole a uso commerciale e informatico fanno proprio parte del nostro lessico,la cosa che mi rattrista e' che nel contempo si perdono le nostre di parole in sostituzione di queste..la lingua inglese e' una lingua molto pragmatica che riflette proprio la mentalita di queste persone,io ne so qualcosa in merito..e francamente a me piace poco forse perche come e' naturale che sia dopo aver passato piu di trenta anni a parlare italiano,di colpo mi sono ritrovato a dovermi confrontare con una lingua che non mi appartiene..a noi piace ricamarci sopra le parole,dare diversi significati loro con una sola parola ci mettono tutto dentro.
le lingue sono sempre in continua evoluzione e questo va bene pero spero che non si finisca per impoverire e appiattire le proprie in un mondo che vede gli effetti della globalizzazione anche in questo
acquario69 is offline  
Vecchio 15-12-2006, 16.39.30   #3
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Riferimento: Invasioni inglesi.

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69

le lingue sono sempre in continua evoluzione e questo va bene pero spero che non si finisca per impoverire e appiattire le proprie in un mondo che vede gli effetti della globalizzazione anche in questo

Si acquario, la nostra lingua è in viaggio, tutto è in continuo mutamento,e l'arricchirsi del nostro linguaggio non può che essere "positivo", d'altronde tanti vocaboli sia essi arabi, spagnoli e francesi sono entrati nella nostra lingua durante i secoli e adesso ci stanno molto bene

Ma penso anche a tutti quelli che abusano dei termini stranieri a sproposito, senza la minima necessità,
Forse siamo solo troppo pigri o troppo esterofili!!!

Pantera Rosa is offline  
Vecchio 17-12-2006, 23.02.13   #4
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Invasioni inglesi.

L'inglese per tutti, è un momento di transizione.
Lucio Musto is offline  
Vecchio 18-12-2006, 14.58.42   #5
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Riferimento: Invasioni inglesi.

Citazione:
Originalmente inviato da Rudello
L'inglese per tutti, è un momento di transizione.

Potresti spiegarti meglio, mi interessa.


Pantera Rosa is offline  
Vecchio 18-12-2006, 15.53.15   #6
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Invasioni inglesi.

Citazione:
Originalmente inviato da Pantera Rosa
Potresti spiegarti meglio, mi interessa.




Certo, l'ho scritto apposta, l'intervento sibillino. Ma a cercarlo, l'articolo (che credo di averlo scritto proprio per Riflessioni.it) non mi riesce di trovarlo!

Abbi pazienza un giorno. Se non lo trovo, cerco di riassumerlo!

E credevo di aver un archivio efficiente!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 18-12-2006, 18.37.46   #7
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Invasioni inglesi.

Citazione:
Originalmente inviato da Rudello
Certo, l'ho scritto apposta, l'intervento sibillino. Ma a cercarlo, l'articolo (che credo di averlo scritto proprio per Riflessioni.it) non mi riesce di trovarlo!

Abbi pazienza un giorno. Se non lo trovo, cerco di riassumerlo!

E credevo di aver un archivio efficiente!


Zitti che me stava a crollà addosso 'n mito!...
Non posso raccontare che giri ho dovuto fare per ritrovarlo!... e forse nun ne valeva manco la pena!...

Comunque, eccolo:

Internet Pittografico
SAGGIO

Mi ci faceva pensare ieri sera Alberto Angela, parlando dell’evoluzione della scrittura. Graffiti, caratteri cuneiformi, geroglifici, simboli vocali, fonici, introduzione delle vocali e quindi alfabeto.

Una evoluzione chiara, lineare, conseguenziale.

Poi ha parlato della scrittura orientale, cinese e giapponese tradizionali; ed ha sottolineato il fatto che quel modo di esprimersi è “sostanzialmente” diverso dal nostro perché interessa la metà destra dell’encefalo umano (fantasia, arte, sintesi ecc…), mentre il nostro impegna soprattutto la metà sinistra del cervello (logica, raziocinio, analisi…).

Per me è stata una rivelazione, quella trasmissione alla Tivvù, perché ero convinto che i pittogrammi orientali fossero gli strascichi di un medioevo culturale, affascinante finché si vuole, ma sempre retrogrado medioevo, ed in cuor mio ho sempre auspicato che le nuove generazioni di quei popoli lontani imparassero infine a scrivere in modo decente e comprensibile, facile e logico.

Il Nostro buon Commentatore ci ha fatto poi soffermare sul valore estetico della scrittura orientale, e su questo ho concordato pienamente con lui: più che scritti sono pitture, e da sempre vorrei un kakemono appeso nel mio ufficio. Come elemento decorativo, non come indecifrabile saggio aforisma da meditare sorbendo il thè nel tokonoma.
Poi ha precisato che per imparare a scrivere in quelle lingue occorre mandare a mente almeno cinque o seimila simboli… “di tutti puntini e lineette!!!…”

«Ma sii serio!… ». Nell’intimo del mio pensiero l’ho mandato a quel paese: «Ti pare possibile che dei bambini del ventunesimo secolo siano disponibili ad attendere di aver imparato cinquemila sgorbi prima di poter comunicare?… Questi qui, i nostri ragazzi, vogliono già eliminare la “Q” e l’ “H” e la “N” dalle nostre solo ventisei lettere!…». Altro che un disegnino per ogni parola!!

Io continuavo a pensare, ed il buon Alberto a parlare. Ed ad un certo punto dice: «Naturalmente, seppure rigorosamente parlando solo in linea teorica ed imperfettamente, il modo orientale di scrivere usando la pittografia, supera le differenze di linguaggio: in Cina per esempio esistono più di trecento lingue diverse, ma tutti possono più o meno leggere gli stessi libri… »

«E ti pare niente!!!»
«E ti pare poco!!!»

Quest’ultima affermazione mi ha fatto riflettere sul serio. Naturalmente, come sanno tutti, uno dei problemi più grossi della nostra società occidentale è quello della comunicazione, ed in particolare quello della differenza di lingue. “Quattro gatti” di europei e siamo divisi in cinquanta lingue, ma in tante, tante di più se consideriamo, come dovremmo, i dialetti, ché un siciliano non comunica con un torinese ed un altoatesino con l’emiliano a l’abruzzese col ligure e così via… e se volessimo parlarci, dovremmo imparare altro che cinquemila, o diecimila sgorbietti!…

Dirò che per un attimo mi son sentito avvilito… ma solo per un attimo!…

Poi, illuminato, sono stato preso dalla gioia!

Penso che la Natura benigna e provvida da Sé sola medica e guarisce i propri mali e pareggia le imperfezioni dei suoi diletti figli: gli umani!!!

Ed infatti, quando siamo arrivati al bailamme totale delle lingue, quando a causa della facilità di spostamenti e comunicazioni dobbiamo necessariamente imporci una lingua unica ed artefatta per comprenderci, quando ci rassegniamo a sottostare alla protervia anglosassone che perso l’Impero si ripropone con la schiavitù del suo brutto linguaggio imposto come universale dallo strapotere venale, Madre Natura ripropone in una rivoluzione incruenta e pacioccona la grazia di una nuova, antichissima modalità d’espressione. La pittografia, appunto.

Silenziosamente la nuova scrittura si impadronisce di tutti noi, e nessuno scolaro si lamenta di doverla apprendere. Le abbreviazioni dei messaggini SMS, i simboli “smiley”, stilizzazioni di espressioni facciali ottenute coi simboli delle tastiere, sono l’equivalente dei pittogrammi orientali ottenuti con tratti di pennello. Unici per tutti, comprensibili a tutti. Ma anche tanti altri simboletti e disegnini, dai segnali stradali portuali, doganali, ferroviari… alle indicazioni merceologiche di spedizione tipo “fragile” rappresentata da un bicchiere o “teme l’umidità” con l’ombrello aperto sono pittogrammi. Ed è scrittura vera, infatti un tempo erano proprio parole o frasi.

Ma più di tutti si avvantaggia del nuovo-antico modo di scrivere il PC. Le “icone”, nate negli anni ottanta come abbellimento e personalizzazione di alcuni programmi, sono via via diventate indispensabili strumenti di lavoro, di comunicazione, di linguaggio. Più o meno uniformate nello stile si sono moltiplicate a dismisura ed hanno tutte e sempre un solo obiettivo: essere immediatamente interpretabili da chiunque. Io credo che Internet non avrebbe la diffusione che ha se non ci fossero le icone. Ormai un utente appena appena disinvolto, riesce a lavorare su programmi scritti in posti lontani, con istruzioni in lingue del tutto ignorate, solo interpretando le icone e qualche parola inglese che, spesso perduto gran parte del significato originale, è diventata icona anch’essa, interprete di un’azione, di un fenomeno, di un oggetto.

Cinquemila pittogrammi per scrivere in cinese?… forse un bambino italiano di dieci anni ne ha già memorizzato il doppio!

Lucio Musto 19 settembre 2002 parole 808
Lucio Musto is offline  
Vecchio 18-12-2006, 22.01.04   #8
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Riferimento: Invasioni inglesi.

Citazione:
Originalmente inviato da Rudello
Zitti che me stava a crollà addosso 'n mito!...
Non posso raccontare che giri ho dovuto fare per ritrovarlo!... e forse nun ne valeva manco la pena!...

Comunque, eccolo:

Internet Pittografico
SAGGIO

Mi ci faceva pensare ieri sera Alberto Angela, parlando dell’evoluzione della scrittura. Graffiti, caratteri cuneiformi, geroglifici, simboli vocali, fonici, introduzione delle vocali e quindi alfabeto.

Una evoluzione chiara, lineare, conseguenziale.

Poi ha parlato della scrittura orientale, cinese e giapponese tradizionali; ed ha sottolineato il fatto che quel modo di esprimersi è “sostanzialmente” diverso dal nostro perché interessa la metà destra dell’encefalo umano (fantasia, arte, sintesi ecc…), mentre il nostro impegna soprattutto la metà sinistra del cervello (logica, raziocinio, analisi…).

Per me è stata una rivelazione, quella trasmissione alla Tivvù, perché ero convinto che i pittogrammi orientali fossero gli strascichi di un medioevo culturale, affascinante finché si vuole, ma sempre retrogrado medioevo, ed in cuor mio ho sempre auspicato che le nuove generazioni di quei popoli lontani imparassero infine a scrivere in modo decente e comprensibile, facile e logico.

Il Nostro buon Commentatore ci ha fatto poi soffermare sul valore estetico della scrittura orientale, e su questo ho concordato pienamente con lui: più che scritti sono pitture, e da sempre vorrei un kakemono appeso nel mio ufficio. Come elemento decorativo, non come indecifrabile saggio aforisma da meditare sorbendo il thè nel tokonoma.
Poi ha precisato che per imparare a scrivere in quelle lingue occorre mandare a mente almeno cinque o seimila simboli… “di tutti puntini e lineette!!!…”

«Ma sii serio!… ». Nell’intimo del mio pensiero l’ho mandato a quel paese: «Ti pare possibile che dei bambini del ventunesimo secolo siano disponibili ad attendere di aver imparato cinquemila sgorbi prima di poter comunicare?… Questi qui, i nostri ragazzi, vogliono già eliminare la “Q” e l’ “H” e la “N” dalle nostre solo ventisei lettere!…». Altro che un disegnino per ogni parola!!

Io continuavo a pensare, ed il buon Alberto a parlare. Ed ad un certo punto dice: «Naturalmente, seppure rigorosamente parlando solo in linea teorica ed imperfettamente, il modo orientale di scrivere usando la pittografia, supera le differenze di linguaggio: in Cina per esempio esistono più di trecento lingue diverse, ma tutti possono più o meno leggere gli stessi libri… »

«E ti pare niente!!!»
«E ti pare poco!!!»

Quest’ultima affermazione mi ha fatto riflettere sul serio. Naturalmente, come sanno tutti, uno dei problemi più grossi della nostra società occidentale è quello della comunicazione, ed in particolare quello della differenza di lingue. “Quattro gatti” di europei e siamo divisi in cinquanta lingue, ma in tante, tante di più se consideriamo, come dovremmo, i dialetti, ché un siciliano non comunica con un torinese ed un altoatesino con l’emiliano a l’abruzzese col ligure e così via… e se volessimo parlarci, dovremmo imparare altro che cinquemila, o diecimila sgorbietti!…

Dirò che per un attimo mi son sentito avvilito… ma solo per un attimo!…

Poi, illuminato, sono stato preso dalla gioia!

Penso che la Natura benigna e provvida da Sé sola medica e guarisce i propri mali e pareggia le imperfezioni dei suoi diletti figli: gli umani!!!

Ed infatti, quando siamo arrivati al bailamme totale delle lingue, quando a causa della facilità di spostamenti e comunicazioni dobbiamo necessariamente imporci una lingua unica ed artefatta per comprenderci, quando ci rassegniamo a sottostare alla protervia anglosassone che perso l’Impero si ripropone con la schiavitù del suo brutto linguaggio imposto come universale dallo strapotere venale, Madre Natura ripropone in una rivoluzione incruenta e pacioccona la grazia di una nuova, antichissima modalità d’espressione. La pittografia, appunto.

Silenziosamente la nuova scrittura si impadronisce di tutti noi, e nessuno scolaro si lamenta di doverla apprendere. Le abbreviazioni dei messaggini SMS, i simboli “smiley”, stilizzazioni di espressioni facciali ottenute coi simboli delle tastiere, sono l’equivalente dei pittogrammi orientali ottenuti con tratti di pennello. Unici per tutti, comprensibili a tutti. Ma anche tanti altri simboletti e disegnini, dai segnali stradali portuali, doganali, ferroviari… alle indicazioni merceologiche di spedizione tipo “fragile” rappresentata da un bicchiere o “teme l’umidità” con l’ombrello aperto sono pittogrammi. Ed è scrittura vera, infatti un tempo erano proprio parole o frasi.

Ma più di tutti si avvantaggia del nuovo-antico modo di scrivere il PC. Le “icone”, nate negli anni ottanta come abbellimento e personalizzazione di alcuni programmi, sono via via diventate indispensabili strumenti di lavoro, di comunicazione, di linguaggio. Più o meno uniformate nello stile si sono moltiplicate a dismisura ed hanno tutte e sempre un solo obiettivo: essere immediatamente interpretabili da chiunque. Io credo che Internet non avrebbe la diffusione che ha se non ci fossero le icone. Ormai un utente appena appena disinvolto, riesce a lavorare su programmi scritti in posti lontani, con istruzioni in lingue del tutto ignorate, solo interpretando le icone e qualche parola inglese che, spesso perduto gran parte del significato originale, è diventata icona anch’essa, interprete di un’azione, di un fenomeno, di un oggetto.

Cinquemila pittogrammi per scrivere in cinese?… forse un bambino italiano di dieci anni ne ha già memorizzato il doppio!

Lucio Musto 19 settembre 2002 parole 808

Questa lettura del tuo saggio è stata certamente affascinante,direi che l'ho piacevolmente gradita(e non solamente io)
E poi non ho potuto far a meno di notare quanta ricchezza di vocaboli possiede la nostra lingua, quante sfumature,quanta espressività e musicalità .


E ne è valsa sicuramente la pena
Pittografia dici, bell'idea ...se proprio in ultima analisi
thank you!
Pantera Rosa is offline  
Vecchio 19-12-2006, 15.23.31   #9
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Invasioni inglesi.

Citazione:
Originalmente inviato da Pantera Rosa
....

Pittografia dici, bell'idea ...se proprio in ultima analisi
thank you!


Naturalmente c'è il rovescio della medaglia...

Te l'immagini a tradurre la divina commedia in faccine ed altri simboli?

O in inglese le poesie di nostri certi ermetici?

O in un altro qualsiasi modo le canzoni di Viviani?

... e gù le mani dalle mie!!!!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 21-12-2006, 22.40.29   #10
Pantera Rosa
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 08-03-2006
Messaggi: 290
Riferimento: Invasioni inglesi.

La nostra lingua ...
l'italiano, è in profondo cambiamento, viaggia e durante il percorso si arricchisce di nuovi termini, ciò la rende vivissima, ma anche noi la modelliamo ogni giorno col nostro comunicare.

Chiara, lineare, a volte risuona un pò forte,ma se ben usata riesce a divenire sensuale.

Quotidianamente è con noi, è patrimonio comune, ha bisogno di essere difesa

Mi sentivo di dire questo e anche dolcissimi

Pantera Rosa is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it