Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 21-12-2006, 23.34.58   #1
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Welby

il caso welby ha fatto molto discutere.
Oggi Welby è morto, gli ha dato la morte un anestesita che prima l'ha sedato, poi staccato dai ventilatori che gli mandavano aria forzata ai suoi polmoni.
é morto e fose per lui è stata una liberazione .
Ha smesso di curarsi e cos'ì è deceduto senza tanti clamori.
Ma le domande che mi viene in mente sono tante
Quando deve finire la cura?
quando si deve smettere di pensare che nn è meglio la morte che la vita?
ma perche si ha tanta paura della morte da tenere una persona in uno stato vegetativo ancora viva?
Cosa ne pensate dell'eutanasia ??
quando giusto farla e quando no??
bomber is offline  
Vecchio 30-12-2006, 01.28.36   #2
gilly79
Ospite
 
Data registrazione: 07-05-2006
Messaggi: 16
Riferimento: Welby

Credo che la Chiesa Cattolica abbia sbagliato a non concedere i funerali religiosi se questa era la volontà di Welby
Saluti
gianluca
gilly79 is offline  
Vecchio 30-12-2006, 16.35.34   #3
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
Riferimento: Welby

[quote=bomber]il caso welby ha fatto molto discutere.
Oggi Welby è morto, gli ha dato la morte un anestesita che prima l'ha sedato, poi staccato dai ventilatori che gli mandavano aria forzata ai suoi polmoni.
é morto e fose per lui è stata una liberazione .


quante persone in Italia stanno come lui? c'e' quel padre che da 10 anni ha la figlia in coma e chiede che si stacchi il respiratore, inutilmente.Perche' a welby si ed a altri , no? forse perche' era diventato segretario radicale e la notorieta' ha impedito che i giudici imputassero al medico l'omicidoio colposo, cosa che succederebbe in casi non pubblicizzati....?
Ma la pieta' consiste nel far vivere ......?
aurora is offline  
Vecchio 30-12-2006, 18.23.37   #4
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Riferimento: Welby

io credo che, se malauguratamente dovessi trovarmi nella stessa situazione di Welby, chiederei che fosse staccata la spina. Parimenti se un altro me lo chiedesse, credo non avrei il coraggio di staccargli la spina. L'atto di quell'anestesista, a mio avviso, è stato coraggioso. Invece deploro nel modo più assoluto la spettacolarizzazione che dell'evento hanno fatto i radicali.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 31-12-2006, 02.00.47   #5
gilly79
Ospite
 
Data registrazione: 07-05-2006
Messaggi: 16
Riferimento: Welby

Reputo ingiusto l' atteggiamento dell' ordine dei medici nei riguardi dell' anestetista che ha staccato la spinta.
Credo che questo sia stato un'atto coraggioso e lodevle.
Saluti
Gianluca
gilly79 is offline  
Vecchio 31-12-2006, 18.57.06   #6
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Welby

Violenza non è solo uccidere, ma qualsiasi imposizione forzata fatta ad un altro essere umano contro la sua volontà. A meno che non costituisca una minaccia per altri individui.
La chiesa sbraita tanto contro l'eutanasia dicendo che, oltre all'aborto (non so se ha citato anche gli omosessuali) e alle convivenze è motivo di non pace.

Ora io mi domando: se Dio ha lasciato ad Adamo ed Eva la libertà di prendere quella mela, perchè la chiesa, che si proclama agli ordini di Dio, pretente di togliere, negare con ogni mezzo quella libertà che Dio ci ha dato?!

Sono quasi duemila anni che toglie agli individui la libertà di pensiero, opinione, atti. Oggi non manda più nessuno sul rogo ma non smette certo di volersi imporre sugli altri.

Ipotesi: io son cittadina italiana, atea, voglio abortire, voglio convivere, divorziare, voglio l'inseminazione artificiale, voglio una dignitosa morte ma...... siccome vivo in uno stato che è circondato dal Vaticano non posso.

Il Papa può dire quello che vuole a chi vuole seguire le sue parole, ma non può in alcun modo imporlo a tutti, almeno in uno stato democratico e civile.

Quel che è giustissimo per me può essere orripilante per altri.

Nessuno ha il diritto di imporre ad un altro la vita o la morte, NESSUNO.

Sono convinta che la legge, qualsiasi legge anche la migliore di questo mondo non potrà mai, in nessun caso, risolvere tutti i problemi.

Una direttiva di base è necessaria, come punto di riferimento. Ma ogni caso è unico, e occorre sempre fare delle scelte.

Mary
Mary is offline  
Vecchio 02-01-2007, 00.48.10   #7
borderline65
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-11-2005
Messaggi: 107
Riferimento: Welby

credo che ognuno abbia il diritto di scegliere della propria vita come in questo caso welby rifiutava le cure e voleva morire quindi e stato un atto di coraggio quello dell'anestesista che gli ha staccato la spina almeno ora riposa in pace.
borderlaine65
borderline65 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it