Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 10-10-2007, 15.40.38   #1
cassiopea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 50
Dottorato di ricerca e precarietà...

..Sulla base dei dati del Ministero dell'Universita' e della Ricercauna, l'ADI (Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani) ha oggi inviato una mail contenete le seguenti informazioni relative agli iscritti a corsi post laurea e dottorati di ricerca:

- iscritti a un corso postlaurea a.a. 2005/2006: quasi 170.000 (!);
- quasi 40.000 dottorandi iscritti ai corsi (!);
- il 5% degli ammessi al dottorato ciclo XX e' straniero;- quasi 10.000 dottorati nel 2005;
- oltre il 50% dei neoddr ha eta' compresa fra 29-32 anni, ma quasi 1/4 ne ha piu' di 35.


...Fare un dottorato (soprattutto senza borsa!!!) è un investimento di tempo, energie..."capitali"..che poi spesso non porta a risultati immediati. Anzi, tranne pochi casi (di estrema bravura o, all'opposto, nepotismo), non si diventa "strutturati" (ricercatori, assunti con contratti a tempo indeterminato..) prima dei 35-38 anni...
Secondo voi, ad oggi, che valore può avere aver fatto un dottorato? cosa ci si aspetterebbe da chi completa un ciclo triennale (nel migliore dei casi..)?
è giusto poi pretendere un ulteriore periodo di post-doc?
cassiopea is offline  
Vecchio 10-10-2007, 18.59.00   #2
Jongleur
Ospite
 
L'avatar di Jongleur
 
Data registrazione: 28-09-2007
Messaggi: 2
Terribile

Citazione:
Originalmente inviato da cassiopea
..Sulla base dei dati del Ministero dell'Universita' e della Ricercauna, l'ADI (Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani) ha oggi inviato una mail contenete le seguenti informazioni relative agli iscritti a corsi post laurea e dottorati di ricerca:

- iscritti a un corso postlaurea a.a. 2005/2006: quasi 170.000 (!);
- quasi 40.000 dottorandi iscritti ai corsi (!);
- il 5% degli ammessi al dottorato ciclo XX e' straniero;- quasi 10.000 dottorati nel 2005;
- oltre il 50% dei neoddr ha eta' compresa fra 29-32 anni, ma quasi 1/4 ne ha piu' di 35.


...Fare un dottorato (soprattutto senza borsa!!!) è un investimento di tempo, energie..."capitali"..che poi spesso non porta a risultati immediati. Anzi, tranne pochi casi (di estrema bravura o, all'opposto, nepotismo), non si diventa "strutturati" (ricercatori, assunti con contratti a tempo indeterminato..) prima dei 35-38 anni...
Secondo voi, ad oggi, che valore può avere aver fatto un dottorato? cosa ci si aspetterebbe da chi completa un ciclo triennale (nel migliore dei casi..)?
è giusto poi pretendere un ulteriore periodo di post-doc?

Che dirti? Il valore del dottorato è indubitabile. E' il massimo nel campo del sapere, dato che dovrebbe essere un trampolino di lancio verso il mondo universitario e più in generale della ricerca.

L'Italia è in questo campo un caso disperato. Investe meno di tutti i Paesi occidentali nella ricerca, oltre ad avere una casta di docenti tra i meno morali del mondo. Si potrebbe cambiare la legge, i requisiti di ammissione... ma la strada è ancora lunga. Non penso, soprattutto, che i governi che si succederanno alzino i fondi della ricerca (si inimicherebbero la pancia del Paese).

In definitiva penso che sia una questione di fondi. Non è che i dottorandi vogliano essere ricchi (tutt'altro, a loro basterebbe campare), ma uno stipendio adeguato è indice di una fiducia nel lavoro di ricerca, nonché incremento dei settori dell'editoria, della cultura specializzata, e del numero di cervelli stranieri in Italia.

Togliere la ricerca dall'Italia, o lasciarla fare solo ai vecchi (riprendo le tue statistiche), per di più imparentati con gli "elefanti" (che bisogna metaforicamente "uccidere", come si diceva in La Meglio Gioventù), significa abbandonare il Paese al suo passato, ad un tramandarsi la cultura che è stata.
Jongleur is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it