Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 26-10-2007, 14.47.55   #1
Pinco Pallino
Ospite
 
Data registrazione: 24-08-2007
Messaggi: 15
Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa cattolica"

http://www.repubblica.it/2007/10/sez...a-bertone.html

Il segretario di Stato vaticano attacca gli articoli di "Repubblica"
"L'apertura alla fede in Dio porta solo frutti a favore della società"

Bertone contro le inchieste sulla Chiesa
"Finiamola con questa storia dei costi"

CITTA DEL VATICANO - "Finiamola con questa storia dei finanziamenti alla Chiesa: l'apertura alla fede in Dio porta solo frutti a favore della società". Il segretario di Stato Tarcisio Bertone, replica con durezza all'inchiesta sui costi dell'ora di religione. "C'è un quotidiano - lamenta - che ogni settimana deve tirare fuori iniziative di questo genere.

"L'ora di religione è sacrosanta". La conversazione del segretario di Stato con i giornalisti tocca poi la "deriva anticlericale" in Spagna. E su questo Bertone si mostra più prudente: ci sono i vescovi spagnoli che prendono posizione in merito, io non so se sia davvero una proposta di Zapatero o solo una delle righe di un programma elettorale...". Esterna a tutto campo il cardinale, dopo la conferenza stampa sul Concerto di Ennio Morricone e dell'Arma dei Carbinieri che si terrà in Vaticano il prossimo 20 novembre. "Le difficoltà delle famiglie di arrivare alla fine del mese - risponde a un gionalista - sono reali. Mi auguro che le promesse del Governo vengano matenute. Il problema è quello delle risorse limitate, noi chiediamo che siano impiegate a favore della famiglia, dei figli, della solidarietà". Cita i cartelli di protesta che lo hanno accolto all'ospedale pediatrico promosso dal Vaticano (e gestito in convenzione con il Ssn e la Regione Lazio). I dipendenti lamentano il mancato rispetto del contratto di lavoro che prevedeva uno scatto che non è stato ancora erogato: "è un problema reale, in questo momento siamo in problemi difficili sia dal punto di vista regionale che nazionale. Mancano le risorse: non parliamo degli stipendi vaticani. Potessi avere la bacchetta magica farei subito dei miracoli". Gli domandano allora: "secondo lei la crisi politica sfiorata ieri è superata?". Serafico replica: "vediamo se è superata".

Tutto questo non basta ai giornalisti che lo hanno seguito al "Bambino Gesù" e così il cardinale è "costretto" a parlare anche dei limiti etici della pubblicità. Non gli è piaciuto lo spot del "neonato gay". In proposito Bertone dice: "è una cosa strana, mi sembra che non sia il caso di arrivare a uno spot di quel genere".

(25 ottobre 2007)
Pinco Pallino is offline  
Vecchio 26-10-2007, 19.37.02   #2
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa cattolica"

Non siamo tanto ricchi da mantenere a caviale e champagne il vaticano e le varie parrocchie.

Tolta una chiesa per quartiere, farei pagare l'ICI e i vari balzelli come a tutti i comuni cittadini italiani. Via l'8 per mille che loro destinano al risarcimento delle vittime dei preti pedofili americani.

Ovviamente il vaticano teme di perdere una fonte cospicua di entrate dallo stato Italiano, anche se non credo li perderà mai perchè qualsiasi partito vada al potere avvertirà il bisogno di sentirsi "con le spalle protette" dall'appoggio del vaticano, ovviamente concedendo qualche vantaggio.

La chiesa è sempre stata dalla parte del più forte, basta andare a leggersi qualche libro di storia.

E' talmente evidente che i politici (mafiosi compresi) non possono fare a meno di tale appoggio: danno qualche euro in più ai pensionati e larghe risorse alla chiesa che scialacqua a piene mani: tanto non sono soldi sudati

Ovvia la richiesta di censura, non sia mai che qualcuno si sognasse o tentasse di fare un poco di chiarezza e di giustizia e stringesse un poco i cordoni della borsa!

Se non ci fossero le menti deboli (e sono tantissime) che si fanno guidare nel loro personale e sacrosanto voto politico, la chiesa perderebbe parecchio potere e forse sarebbe spinta ad occuparsi più delle anime dei fedeli che dei loro gusti sessuali e delle loro scelte personali e seguirebbe un poco di più la via di Gesù che prevedeva l'umiltà, la povertà, la tolleranza, la comprensione, l'amore e niente potere temporale.
Mary is offline  
Vecchio 29-10-2007, 14.57.34   #3
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa cattolica"

Citazione:
Originalmente inviato da Pinco Pallino
http://www.repubblica.it/2007/10/sez...a-bertone.html

Il segretario di Stato vaticano attacca gli articoli di "Repubblica"
"L'apertura alla fede in Dio porta solo frutti a favore della società"

Bertone contro le inchieste sulla Chiesa
"Finiamola con questa storia dei costi"

CITTA DEL VATICANO - "Finiamola con questa storia dei finanziamenti alla Chiesa: l'apertura alla fede in Dio porta solo frutti a favore della società". Il segretario di Stato Tarcisio Bertone, replica con durezza all'inchiesta sui costi dell'ora di religione. "C'è un quotidiano - lamenta - che ogni settimana deve tirare fuori iniziative di questo genere.

"L'ora di religione è sacrosanta". La conversazione del segretario di Stato con i giornalisti tocca poi la "deriva anticlericale" in Spagna. E su questo Bertone si mostra più prudente: ci sono i vescovi spagnoli che prendono posizione in merito, io non so se sia davvero una proposta di Zapatero o solo una delle righe di un programma elettorale...". Esterna a tutto campo il cardinale, dopo la conferenza stampa sul Concerto di Ennio Morricone e dell'Arma dei Carbinieri che si terrà in Vaticano il prossimo 20 novembre. "Le difficoltà delle famiglie di arrivare alla fine del mese - risponde a un gionalista - sono reali. Mi auguro che le promesse del Governo vengano matenute. Il problema è quello delle risorse limitate, noi chiediamo che siano impiegate a favore della famiglia, dei figli, della solidarietà". Cita i cartelli di protesta che lo hanno accolto all'ospedale pediatrico promosso dal Vaticano (e gestito in convenzione con il Ssn e la Regione Lazio). I dipendenti lamentano il mancato rispetto del contratto di lavoro che prevedeva uno scatto che non è stato ancora erogato: "è un problema reale, in questo momento siamo in problemi difficili sia dal punto di vista regionale che nazionale. Mancano le risorse: non parliamo degli stipendi vaticani. Potessi avere la bacchetta magica farei subito dei miracoli". Gli domandano allora: "secondo lei la crisi politica sfiorata ieri è superata?". Serafico replica: "vediamo se è superata".

Tutto questo non basta ai giornalisti che lo hanno seguito al "Bambino Gesù" e così il cardinale è "costretto" a parlare anche dei limiti etici della pubblicità. Non gli è piaciuto lo spot del "neonato gay". In proposito Bertone dice: "è una cosa strana, mi sembra che non sia il caso di arrivare a uno spot di quel genere".

(25 ottobre 2007)

Prendo d'esempio questa frase, solo per portare alla luce l'arroganza che si può permettere una figura ecclesiastica, all'interno di uno Stato laico che l'accoglie..., e come si permette anche di rispondere su una domanda politica, argomento che alla religione, quindi quanto meno alla chiesa e ai suoi esponenti non dovrebbe interessare... Quello che in pratica ha voluto dire Bertone, ma condito con gentilezza, è di tacere su un argomento che non è di nostra competenza, peccato che chiedere il contrario sia impossibile, e per fortuna che portano esempio di rispetto nel mondo...
Vito87 is offline  
Vecchio 29-10-2007, 20.38.14   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa cattolica"

Citazione:
Originalmente inviato da Vito87
Prendo d'esempio questa frase, solo per portare alla luce l'arroganza che si può permettere una figura ecclesiastica, all'interno di uno Stato laico che l'accoglie..., e come si permette anche di rispondere su una domanda politica, argomento che alla religione, quindi quanto meno alla chiesa e ai suoi esponenti non dovrebbe interessare... Quello che in pratica ha voluto dire Bertone, ma condito con gentilezza, è di tacere su un argomento che non è di nostra competenza, peccato che chiedere il contrario sia impossibile, e per fortuna che portano esempio di rispetto nel mondo...

Con la scusa di occuparsi del "nostro bene" si fanno i fatti nostri più di quanto sia lecito fare.

Vaticano, non voglio più chiamarlo "chiesa" si occupa di tutto fuorchè di spiritualità. Questo è un fatto.

Spiritualità è il volto del Dalai Lama, spiritualità è la vita di San Francesco, la vita di Madre Teresa, è seguire la parola di Gesù: date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio.

Ma loro preferiscono prima prendersi le cose di Cesare e poi se ne resta anche le cose di Dio.
Mary is offline  
Vecchio 31-10-2007, 15.44.04   #5
lunadanzante
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-12-2006
Messaggi: 62
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa c

Beh, alla Chiesa la censura è sempre piaciuta…da tempo immemore e, anacronisticamente, essa sembra proprio che voglia continuare ad ispirarsi ai vecchi “bei” tempi che furono.
Prontissimo Bertone a spostare, da vecchio volpone, l’attenzione dai “costi della Chiesa” ad uno Stato che non è in grado di assicurare occupazione e tenore di vita adeguati a tutti i suoi cittadini…Perché allora non accetta di pagare le sue brave tasse, magari assicurandosi che quei soldi vengano usati per sostenere chi è in difficoltà? A proposito di 8 per mille....la Chiesa riesce ad "arrotondare" anche se si decide di assegnarlo allo Stato, infatti una certa percentuale in ogni caso viene comunque data dallo Stato al Vaticano.
....A dire il vero, mi fa sorridere quando la Chiesa difende la sacralità della vita ma senza spendere mai uno straccio di parola contro lo scempio delle guerre nel mondo o contro i mercanti di vite o, ancora, contro i produttori di armi…cara Chiesa anche queste sono vite, vite offese dall’indifferenza dell’umanità e anche dalla tua.
Ha ragione Mary quando dice che la Chiesa non perderà mai i privilegi economici che uno stato laico quale è il nostro ( ) continua a conferirle…del resto quale governo oserebbe compiere una scelta, oltremodo impopolare (leggi…perdita di una quantità ingente di voti di molti cattolici ferventi o presunti tali), di far pagare, ad esempio, l’ICI alla Santa Chiesa?
Pertanto rassegniamoci, a malincuore, a continuare ad essere lo stato vassallo del nostro Padrone, il Vaticano.

lunadanzante is offline  
Vecchio 31-10-2007, 23.59.45   #6
meditando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2004
Messaggi: 69
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa cattolica"

Il modo mirabile con cui H. Hesse , nel libro il gioco delle perle di vetro, fa spiegare al Magister Ludi i motivi della sua scelta di abbandonare il proprio ruolo di maestro del gioco delle perle e l’ordine, di quella profetica regione denominata Castalia (non vi ricorda La Casta?), dovrebbe essere attentamente letto e valutato dai moderni castali, clericali e non.
meditando is offline  
Vecchio 01-11-2007, 08.10.25   #7
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa cattolica"

Nel post "Con questo segno vincerai", ho cercato di risalire alle origini dell'organizzazione imperialista della chiesa.

Riporto le parole di Eretiko che secondo me calzano bene con questo thread.

"E' ormai noto come Costantino favorì il cristianesimo solo per ragioni politiche ed opportunistiche.

Per rispondere alla tua domanda: "è forse ora di liberare dal giogo del potere quello a cui la gente vuol credere ?" rispondo che l'ora è passata da 140 anni almeno (1870) e che abbiamo il dovere civico e morale di annullare ciò che Costantino incautamente fece."

Monica 3 is offline  
Vecchio 02-11-2007, 11.36.56   #8
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa c

Citazione:
Originalmente inviato da lunadanzante
Pertanto rassegniamoci, a malincuore, a continuare ad essere lo stato vassallo del nostro Padrone, il Vaticano.

Invece non mi rassegno. E' ora di spezzare l'incantesimo.

A leggere i bilanci C.E.I., il gettito dell' 8 x 1000 supera mediamente il miliardo di euro l'anno. Di questi (fonte C.E.I.) circa 400.000 euro/anno sono destinati al sostentamento del clero; circa 200.000 euro/anno sono destinati ad opere di carità sia in italia che all'estero. Dei restanti 500.000 euro/anno non si sa nulla.

La chiesa cattolica ogni anno (quando siamo in odore di dichiarazione dei redditi) ci delizia con il suo furbo spot in cui si vedono sempre bambini poveri amorevolmente accuditi da religiosi; e lo spot si conclude sempre con l'invito a donare l'8 x 1000 a favore di questi bambini. Spot bellissimo e toccante.

Ma perchè solo il 20% di quello che gli italiani danno (più o meno consapevolmente, perchè in quella quota ci finiscono anche i soldi di chi non esprime alcuna scelta) viene utilizzato per quei bambini poveri ?

Credo che i cittadini italiani avrebbero tutto il diritto di chiedere alla C.E.I. che fine fanno i "loro" soldi.

Allora possiamo fare qualcosa, tanto per iniziare; se si vuole fare veramente beneficenza allora invito tutti a destinare l'8 x 1000 alla chiesa valdese (98% del gettito va in beneficenza). Ma soprattutto si firmi: ricordo che grazie al perverso meccanismo messo in piedi allora da Tremonti la chiesa cattolica riesce ad intascare il 95% del famoso 8 x 1000 con "solo" il 35% di firme espresse a suo favore nelle dichiarazioni.

Iniziamo quindi dalle piccole azioni che possiamo fare noi, colpendo uno dei tasti più "sensibili" della chiesa cattolica: il denaro.
Eretiko is offline  
Vecchio 02-11-2007, 18.20.43   #9
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa c

Citazione:
Originalmente inviato da Eretiko
Invece non mi rassegno. E' ora di spezzare l'incantesimo.

A leggere i bilanci C.E.I., il gettito dell' 8 x 1000 supera mediamente il miliardo di euro l'anno. Di questi (fonte C.E.I.) circa 400.000 euro/anno sono destinati al sostentamento del clero; circa 200.000 euro/anno sono destinati ad opere di carità sia in italia che all'estero. Dei restanti 500.000 euro/anno non si sa nulla.

La chiesa cattolica ogni anno (quando siamo in odore di dichiarazione dei redditi) ci delizia con il suo furbo spot in cui si vedono sempre bambini poveri amorevolmente accuditi da religiosi; e lo spot si conclude sempre con l'invito a donare l'8 x 1000 a favore di questi bambini. Spot bellissimo e toccante.

Ma perchè solo il 20% di quello che gli italiani danno (più o meno consapevolmente, perchè in quella quota ci finiscono anche i soldi di chi non esprime alcuna scelta) viene utilizzato per quei bambini poveri ?

Credo che i cittadini italiani avrebbero tutto il diritto di chiedere alla C.E.I. che fine fanno i "loro" soldi.

Allora possiamo fare qualcosa, tanto per iniziare; se si vuole fare veramente beneficenza allora invito tutti a destinare l'8 x 1000 alla chiesa valdese (98% del gettito va in beneficenza). Ma soprattutto si firmi: ricordo che grazie al perverso meccanismo messo in piedi allora da Tremonti la chiesa cattolica riesce ad intascare il 95% del famoso 8 x 1000 con "solo" il 35% di firme espresse a suo favore nelle dichiarazioni.

Iniziamo quindi dalle piccole azioni che possiamo fare noi, colpendo uno dei tasti più "sensibili" della chiesa cattolica: il denaro.

Già fatto, sono due anni che firmo per la chiesa valdese.

E' ovvio che Bertone invochi la censura: sono anche fatti suoi e del clero tutto.

Una solo precisazione non ricordo se parliamo di un milione o un miliardo di euro. Ma sia l'una che l'altra cifra è uno schiaffo alla povera gente tutta.

La povertà tanto proclamata da Gesù va a..... farsi benedire, persino il più derellitto parroco va in giro in una bella auto e non sappiamo quanti soldi gli passano per le mani.

Altro che potere guida delle anime, il vaticano guida anche i soldi, ovvero una bella fetta del potere economico.

Sarà difficile debellare tale flagello, ma almeno, sperando, con l'aiuto di Dio, forse.... O almeno togliendo la nostra più piccola collaborazione a traviare questa gente.
Mary is offline  
Vecchio 02-11-2007, 19.33.14   #10
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: Bertone invoca la censura: "Finiamola di parlare dei soldi alla chiesa c

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Una solo precisazione non ricordo se parliamo di un milione o un miliardo di euro. Ma sia l'una che l'altra cifra è uno schiaffo alla povera gente tutta.

Scusami, ho dimenticato 3 zeri nelle cifre:

- 200 milioni euro/anno - beneficenza
- 400 milioni euro/anno - clero
- 500 milioni euro/anno - ???

cui vanno aggiunti circa 700 milioni euro/anno di mancato incasso ICI da parte dei comuni, le agevolazioni fiscali per gli esercizi commerciali tenuti da religiosi, i finanziamenti per le scuole private cattoliche, ...

Totale annuo: circa 4 miliardi di euro, in pratica una mini-finanziaria che potrebbe servire per ridurre le tasse ai lavoratori.

Spero in una rivolta civile degli italiani (sia credenti che non) per porre fine al "borseggio legalizzato" cui sono sottosposte le nostre tasche.
Eretiko is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it