Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 28-01-2008, 14.33.01   #11
Gianfry
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-06-2003
Messaggi: 401
Riferimento: Perchè esiste il DEBITO PUBBLICO

Citazione:
Originalmente inviato da S.B.
X Gianfry:

Veramente mi sembra che tu mostri una grande arroganza, tu scegli quali fonti vanno bene e quali no?
Non mi esprimo sulla parte centrale dell'argomento poiché ne so poco di economia monetaria, sicuramente però mi sono espresso in modo sufficientemente chiaro sulle cose da te scritte riguardo il profitto.

I tuoi link sono pieni di costruzioni ad hoc, porta qualche link ufficiale, riguardo la spiegazione ufficiale dell'economia monetaria, scegli tu, visto che tu conosci quali siti hanno la verità.



Questa è un'enorme falsità, se spendo 100 in sementi + attrezzi, in condizioni normali non ricavo 100 in grano, ma 200. Il capitale da profitto.
Marx lo chiamerebbe plusvalore, l'economia moderna non si interessa più molto delle discussioni sul valore, ma il fatto rimane.

Caro S.B.,
mi limito a condividere con chi è interessato la mia verità. Tu sei libero di ignorarla o meno. Sappi inoltre che ognuno esprime sempre se stesso.
Riguardo al costo di produzione = salari + interessi passivi + ammortamenti + consumi intermedi, al netto delle eventuali remunerazioni del capitale (interessi) e dell'eventuale lavoro stipendiato dell'imprenditore.

Il profitto o nelle imprese odierne l'utile netto, non è un costo di produzione: esso è un guadagno monetario in eccesso rispetto al lavoro reale, rappresentato dai costi di produzione. Tale guadagno in eccesso, se reinvestito diventa esso stesso un costo di produzione e quindi vera moneta. Se invece tale profitto viene speso per il consumo, esso è un potenziale generatore di inflazione eccedente alla moneta reale: è tale profitto quindi, in quanto moneta non reale e non basata sul lavoro, che è da prelevare dalla massa monetaria in circolazione in caso di eccesso di moneta inflazionistico.
Gianfry is offline  
Vecchio 29-01-2008, 14.28.55   #12
S.B.
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-04-2006
Messaggi: 486
Riferimento: Perchè esiste il DEBITO PUBBLICO

Citazione:
Originalmente inviato da Gianfry
Caro S.B.,
mi limito a condividere con chi è interessato la mia verità. Tu sei libero di ignorarla o meno. Sappi inoltre che ognuno esprime sempre se stesso.
Riguardo al costo di produzione = salari + interessi passivi + ammortamenti + consumi intermedi, al netto delle eventuali remunerazioni del capitale (interessi) e dell'eventuale lavoro stipendiato dell'imprenditore.

Il profitto o nelle imprese odierne l'utile netto, non è un costo di produzione: esso è un guadagno monetario in eccesso rispetto al lavoro reale, rappresentato dai costi di produzione. Tale guadagno in eccesso, se reinvestito diventa esso stesso un costo di produzione e quindi vera moneta. Se invece tale profitto viene speso per il consumo, esso è un potenziale generatore di inflazione eccedente alla moneta reale: è tale profitto quindi, in quanto moneta non reale e non basata sul lavoro, che è da prelevare dalla massa monetaria in circolazione in caso di eccesso di moneta inflazionistico.


Mi sembra ovvio che il profitto, utile netto, derivato da un ciclo di produzione possa essere o adoperato per il consumo o reinvestito, quindi diventando capitale, non è smpre conveniente reinvestirlo, ad esempio quando ci sono crisi della domanda aggregata è controproducente investirlo. Si creano crisi di sovrapproduzione.
Certamente se c'è inflazione si preleva dalla massa monetaria destinata al consumo.

Ma all'inizio tu negavi l'esistenza del profitto!

Ripeto, aspetto di sentire qualche voce che se ne intenda davvero di queste cose, di avere link non di parte, etc.
S.B. is offline  
Vecchio 01-02-2008, 20.44.13   #13
Valerio2
Ospite abituale
 
L'avatar di Valerio2
 
Data registrazione: 05-09-2007
Messaggi: 113
Riferimento: Perchè esiste il DEBITO PUBBLICO

Ho trovato qualcosa su questo argomento:

http://www.lapadania.com/PadaniaOnLi...Desc=54237,1,1

Mi chiedo:

fino a che vengo in qualche modo fregato io che non capisco niente di economia niente di strano. Ma nella nostra società ci sono fior di finanzieri, di economisti, di industriali e di politici che non sono certo collusi e beneficiari di un tale sistema aberrante.

Perchè mai costoro non denunciano una frode così grossolana ?

Devo confessare che anche a me non tornano i conti, ma io non sono un economista; le nostre università, invece, ne sono piene. Gli stessi politici che traggono la loro evidenza dallo scardinamento dell'attuale sistema, perchè mai non si buttano su un piatto così ricco ?

Cosa impedisce a tutti i competenti di bloccare la spirale ?
Valerio2 is offline  
Vecchio 02-02-2008, 11.03.34   #14
Gianfry
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-06-2003
Messaggi: 401
Riferimento: Perchè esiste il DEBITO PUBBLICO

Citazione:
Originalmente inviato da Valerio2
Ho trovato qualcosa su questo argomento:

http://www.lapadania.com/PadaniaOnLi...Desc=54237,1,1

Mi chiedo:

fino a che vengo in qualche modo fregato io che non capisco niente di economia niente di strano. Ma nella nostra società ci sono fior di finanzieri, di economisti, di industriali e di politici che non sono certo collusi e beneficiari di un tale sistema aberrante.

Perchè mai costoro non denunciano una frode così grossolana ?

Devo confessare che anche a me non tornano i conti, ma io non sono un economista; le nostre università, invece, ne sono piene. Gli stessi politici che traggono la loro evidenza dallo scardinamento dell'attuale sistema, perchè mai non si buttano su un piatto così ricco ?

Cosa impedisce a tutti i competenti di bloccare la spirale ?

Tutti questi signori:
1)sono collusi/corrotti, oppure
2)sono incompetenti (hanno i paraocchi), oppure
3)hanno paura della reazione dei poteri forti che non hanno nessuna remora ad uccidere chi mette in pericolo il loro potere (vedi JF. Kennedy, A. Lincoln, ecc), oppure
4) non vogliono ammettere di aver torto.

Comunque se cerchi veramente la verità la puoi trovare su internet, dove ci sono molti siti che ne parlano.
Gianfry is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it