Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 28-01-2008, 09.47.33   #1
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Son terrorista...

E' da qualche giorno che ho scoperto di essere una sottospecie di terrorista, di mostro, di inadatto sociale, un pericoloso. Non mi hanno ingaggiato, non ho fatto selezioni alla "Grande Fratello", non è importato che fossi diplomato, laureato, raccomandato, lo sono diventato e basta.
Ho scoperto, che sono pure razzista, si, perchè non lascio parlare la gente, sono cattivo, anzi, cattivissimo, posso pure fare del male a chi non la pensa come me.
Ho scoperto che i miei studi, sono atti al terrorismo, provocheranno altro terrorismo..., insomma, distruzione mentale e fisica, oppressione sui più poveri, diavolerie magiche indicibili, che bello, mi piace questa mia nuova etichetta.
Ho scoperto, da poco, che esiste un'unica parola che riassume le sopra citate..., si, solo una, LAICO.
L'ho scoperto, da quando credo nell'uomo, nella scienza, nella non esistenza in dio, nella fisica, nella matematica e tutti quegli studi che andavano sotto il nome di filosofia della natura. Credo di essere addirittura un portatore sano di esempi negativi, si, di quelli antisociali, che deviano il percorso di una persona sana..., e pensate, non ho fatto niente per arrivarci .
Tutto ciò, l'ho scoperto, dopo aver seguito le vicende dell'università de la Sapienza col Papa. Il Papa ha ragione, siamo un branco di incivili, non gli abbiamo permesso di parlare, dire quello che voleva dire, senza interromperlo, senza discuterne, sia mai..., non posso, sono laico, mino l'esistenza pacifica della terra e dell'uomo. Credere di fare del bene proviene solo dal verbo del signore, non dalla mia etica e dalla mia morale..., vi dirò di più, tutto nacque dalla discesa in terra di Gesù, prima eravamo dei barbari puzzoni e volgari, lui ci ha illuminato
Sarà..., ma io ancora prima di capire cosa fosse davvero la religione e il messaggio che portava, già sapevo distinguere la lingua da un coltello, che una serve per comunicare e l'altro serve solo per tagliare..., la carne a cena.
Sapevo, che se vedo una persona in difficoltà, gli do un aiuto, non gli porgo l'altra guancia, cosa se ne farebbe?
Sapevo che rubare non porta a niente, ma solo una sberla o un rimprovero dai miei genitori.
Sapevo che ai miei genitori devo molto rispetto, e a chi non è mio genitore, devo comunque rispetto.
Sapevo che uccidere non è bene, perchè se penso che qualcun altro può uccidere me allora perchè io devo uccidere lui?
Sapevo che commettere atti impuri, voleva dire non disturbare oltremodo una ragazza che rifiuta un invito fuori, non che dovessi sopprimere la mia natura ed istinto sessuale.
Sapevo che le bugie hanno le gambe corte, e volendo giocare a basket stavo per diventare una spia.
Sapevo di non dover chiedere ad una ragazza impegnata di uscire, perchè o lei mi avrebbe detto no, o il suo ragazzo me lo avrebbe detto.
Sapevo che non dovevo desiderare la roba d'altri, perchè comunque già di mio ho quel che mi interessa e se non l'ho, farò senza come quelli di Faenza.
Eppure, sebbene sapessi tutte queste cose, signori miei, sono un..., un..., un laico, figlio di indecenti serate, di un padre che non conosco, di una società di abbietti. Ma ammetto, su una cosa aveva ragione il Papa, che a La Sapienza, quel manipolo di laici per bene, purtroppo ha avuto la sfiga di attirarsi ragazzini di 2o anni (pure io li ho) che invece di materia grigia avevano elio, e che quindi hanno gettato le fondamenta per farsi raggirare come dei polli. Cioè, i professori erano quieti, semplicemente non vedevano di buon occhio la visita del Papa, e nel caso in cui fosse intervenuto avrebbero discusso il suo discorso, sti poveri stolti ventenni invece hanno ben pensato di discutere ancor prima che iniziasse la discussione..., questi giovani, sono dei disgraziati direbbe mio nonno.
Che poi, non voglio dilungarmi a discutere, ma il Papa per risolvere i suoi problemi ha, in fondo alle sue lunghe radici, i preti..., gente di alto valore morale, etico, spirituale..., che invocano san Gennaro per risolvere la questione dei rifiuti..., mio dio, che fatte cose, e io che volevo solo provare a fare la raccolta differenziata, mi hanno dato del terrorista.

Papa, più fatti e meno pu..., preghiere.
Vito87 is offline  
Vecchio 28-01-2008, 14.25.08   #2
piccolo_lupo
Ospite
 
Data registrazione: 26-01-2008
Messaggi: 27
Riferimento: Son terrorista...

Il tuo post più che un commento o una strumento per creare un dibattito, sembra uno "sfogo" personale, la volontà di esternare ciò che si ha dentro. Ma anche nei sfoghi personali si dovrebbero pesare bene le parole, sono un Cristiano, avrei manifestato anche io (ovviamente nei modi adatti) contro la venuta del Papa alla Sapienza di Roma. Ho i miei motivi per ritenere che la sua presenza in un luogo di scienza e di studio, non sarebbe stata opportuna, almeno non dopo le parole pronunziate qualche giorno prima. Non sono uno "stolto" come affermi tu. Pesa le parole, io rispetto le tue idee, ma non mi corretto l'uso di affermazioni come stolti o ragazzini, anche perché avrei più anni di te se vogliamo dirla tutta. Il mondo è bello perché gli esseri umani non hanno tutti le stesse idee. Sarebbe ancora più bello se si rispettassero le idee altrui.
piccolo_lupo is offline  
Vecchio 28-01-2008, 18.48.49   #3
misterxy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-01-2008
Messaggi: 200
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da Vito87
Tutto ciò, l'ho scoperto, dopo aver seguito le vicende dell'università de la Sapienza col Papa. Il Papa ha ragione, siamo un branco di incivili, non gli abbiamo permesso di parlare, dire quello che voleva dire, senza interromperlo, senza discuterne, sia mai..., non posso, sono laico, mino l'esistenza pacifica della terra e dell'uomo.
[...]

Papa, più fatti e meno pu..., preghiere.
[...]
Premessa: sono agnostico, con tendenze all'ateismo, perciò...
Detto questo, ti rivolgo la seguente domanda: useresti lo stesso tono nei confronti di un mullah?
Derideresti nella stessa maniera, l'Islam?
Io dico di no...
misterxy is offline  
Vecchio 28-01-2008, 21.04.53   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Son terrorista...

Caro Vito, sono con te
potresti essere mio figlio e sono con te. Ma non perchè potresti essere mio figlio ma perchè sei la speranza del futuro. Tu sei il futuro.

Se tutti fossero terroristi come te il mondo sarebbe già salvo.

Quel papa non voleva essere contraddetto neppure una briciolina di critica, di commento, di non acclamazione o osannazione all'unanimità.
Si è offeso, non ammette che qualcuno la pensi diversamente dalla sua infallibilità. Mi fa pena, a me fa pena. Crede e non sa.

Vai avanti, non pensare più di essere un terrorista, pensa di essere un ribelle. Che cosa meravigliosa, che grande partenza è sentirsi ribelle, essere ribelle.

Sono fiera di te, che ci siano giovani che guardano con occhi aperti, con cuore libero alla vita, alla realtà.

Hai l'età dei mie gemelli non nati. Se fossero vissuti sarebbero forse come te.

Vai avanti a testa alta, sempre. Impara dai tuoi errori, non permettere mai a nessuno di importi credenze che il tuo cuore non riconosce.

Sii sempre pronto a guardare in faccia la realtà per quella che è e non per come la vorresti e non per come gli altri te la fanno vedere.

Ciao
Mary is offline  
Vecchio 28-01-2008, 22.17.24   #5
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da piccolo_lupo
Il tuo post più che un commento o una strumento per creare un dibattito, sembra uno "sfogo" personale, la volontà di esternare ciò che si ha dentro. Ma anche nei sfoghi personali si dovrebbero pesare bene le parole, sono un Cristiano, avrei manifestato anche io (ovviamente nei modi adatti) contro la venuta del Papa alla Sapienza di Roma. Ho i miei motivi per ritenere che la sua presenza in un luogo di scienza e di studio, non sarebbe stata opportuna, almeno non dopo le parole pronunziate qualche giorno prima. Non sono uno "stolto" come affermi tu. Pesa le parole, io rispetto le tue idee, ma non mi corretto l'uso di affermazioni come stolti o ragazzini, anche perché avrei più anni di te se vogliamo dirla tutta. Il mondo è bello perché gli esseri umani non hanno tutti le stesse idee. Sarebbe ancora più bello se si rispettassero le idee altrui.

Non è tanto uno sfogo, ma una specie di modo, in maniera ironica/sarcastica, per alleggerire temi molto pesanti (non per questo noiosi o inutili, per me temi davvero belli su cui discutere).
La questione del Papa a La Sapienza, ha abusato dell'ignoranza delle persone per giocare a suo favore una carta tanto scoperta. Gli hanno detto che la sua visita sarebbe stata accolta da assensi e dissensi (dissensi che sarebbero stati scambi di opinioni durante la sua lettura per l'apertura dell'anno), lui ha rifiutato l'invito propagandando ai media e quindi a tutti i cittadini, notizie false, quali delle accuse, delle ilazioni, dai, se questo è comportarsi in maniera corretta. Più bella figura era dire che non accettava confronti tra lui e i professori, ci rimetteva la faccia ma non in maniera subdola come ha giocato.
Non ho detto e non penso tu sia uno stolto, hai le tue idee, ma non per queste giuste o sbagliate. "Ragazzini" l'ho affibbiato a quegli studenti che hanno manifestato con cartelloni e merce varia ancor prima di capire quello che realmente pensano, ancor prima di avere il gatto nel sacco, e anche a quel punto era meglio che tacessero. Sicuramente non vengo dare del ragazzino a te, hai detto di essere Cristiano, mi riferivo a quei laici
Le idee le rispetto, è quando da queste idee si pensa di avere troppo potere che è meglio mettere dei fermi
Vito87 is offline  
Vecchio 28-01-2008, 22.20.22   #6
iulbrinner
Utente bannato
 
Data registrazione: 25-10-2007
Messaggi: 303
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da Vito87
Sarà..., ma io ancora prima di capire cosa fosse davvero la religione e il messaggio che portava, già sapevo distinguere la lingua da un coltello, che una serve per comunicare e l'altro serve solo per tagliare..., la carne a cena.
Sapevo, che se vedo una persona in difficoltà, gli do un aiuto, non gli porgo l'altra guancia, cosa se ne farebbe?
Sapevo che rubare non porta a niente, ma solo una sberla o un rimprovero dai miei genitori.
Sapevo che ai miei genitori devo molto rispetto, e a chi non è mio genitore, devo comunque rispetto.
Sapevo che uccidere non è bene, perchè se penso che qualcun altro può uccidere me allora perchè io devo uccidere lui?
Sapevo che commettere atti impuri, voleva dire non disturbare oltremodo una ragazza che rifiuta un invito fuori, non che dovessi sopprimere la mia natura ed istinto sessuale.
Sapevo che le bugie hanno le gambe corte, e volendo giocare a basket stavo per diventare una spia.
Sapevo di non dover chiedere ad una ragazza impegnata di uscire, perchè o lei mi avrebbe detto no, o il suo ragazzo me lo avrebbe detto.
Sapevo che non dovevo desiderare la roba d'altri, perchè comunque già di mio ho quel che mi interessa e se non l'ho, farò senza come quelli di Faenza.
Eppure, sebbene sapessi tutte queste cose, signori miei, sono un..., un..., un laico, figlio di indecenti serate, di un padre che non conosco, di una società di abbietti.

Te lo dico da laico (non laicista, che è un'ideologia) ma tutto quello che già sapevi te l'avrà pure insegnato qualcuno...o no?...oppure possiedi la "scienza infusa"?
Sappi, allora, che tra quelli che ti hanno tramandato le conoscenze, il senso delle cose, la concezione di un bene e di un male trascendenti (che tu puoi accogliere o rigettare a tuo completo piacimento, come stai facendo ora), la possibilità di dire "io sapevo"....tra quelli ci sono anche coloro che, oggi, tu respingi ma che, nonostante tutto, ti consentono di dire - con l'arroganza di un ragazzo di vent'anni - "io sapevo già tutto".
L'umiltà non è un valore dei nostri tempi, direi.
iulbrinner is offline  
Vecchio 28-01-2008, 22.31.55   #7
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Premessa: sono agnostico, con tendenze all'ateismo, perciò...
Detto questo, ti rivolgo la seguente domanda: useresti lo stesso tono nei confronti di un mullah?
Derideresti nella stessa maniera, l'Islam?
Io dico di no...

Si in entrambi i casi..., prima sei uomo, poi sei uomo di... cultura, religione o altro
Vito87 is offline  
Vecchio 29-01-2008, 09.04.53   #8
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da iulbrinner
Te lo dico da laico (non laicista, che è un'ideologia) ma tutto quello che già sapevi te l'avrà pure insegnato qualcuno...o no?...oppure possiedi la "scienza infusa"?
Sappi, allora, che tra quelli che ti hanno tramandato le conoscenze, il senso delle cose, la concezione di un bene e di un male trascendenti (che tu puoi accogliere o rigettare a tuo completo piacimento, come stai facendo ora), la possibilità di dire "io sapevo"....tra quelli ci sono anche coloro che, oggi, tu respingi ma che, nonostante tutto, ti consentono di dire - con l'arroganza di un ragazzo di vent'anni - "io sapevo già tutto".
L'umiltà non è un valore dei nostri tempi, direi.

Guarda, non era in tono di arroganza o altro che volevo dire "io sapevo già tutto". Come sempre mi sono spiegato male . Il senso del "sapevo già tutto" era riferito al fatto che comunque, qualsiasi persona, non necessita della conoscenza dei testi sacri, delle parabole o qualsivoglia insegnamento religioso per capire cosa è male o no, cosa è giusto o no, semplicemente basta l'uso della ragione, della comunicazione, della discussione perchè uno capisca o tutti capiscano quale sia il lato positivo o negativo di una determinata cosa. Quello che vorrei sottolineare è che, alcune persone, prima ancora dei testi religiosi, nei tempi che furono, già sapevano distinguere gli opposti della quotidianità, il bene e il male, il giusto e il non giusto e tutto il resto. La religione non ha portato niente, solo mera finzione..., anche perchè proviene dall'uomo stesso questa "cosa", non è stata creata da nessun'altro, ma non è questo il vero punto. Concludo riaffermando che solo tramite la propria esperienza, l'uomo con l'uomo, potrà, tramite lo scambio di idee, proposte, insegnamento ecc. accrescere la propria persona, non sicuramente tenendosi legato alla religione.

P.S.: non volevo affatto essere arrogante, e l'umiltà è una cosa che ho sempre preservato in me.
Vito87 is offline  
Vecchio 29-01-2008, 11.26.28   #9
piccolo_lupo
Ospite
 
Data registrazione: 26-01-2008
Messaggi: 27
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da Vito87
Concludo riaffermando che solo tramite la propria esperienza, l'uomo con l'uomo, potrà, tramite lo scambio di idee, proposte, insegnamento ecc. accrescere la propria persona, non sicuramente tenendosi legato alla religione.
Iulbrinner mi ha rubato le parole di bocca, quello che volevo dire anche io era: "non sei nato sapendo cosa è sbagliato o cosa no!"

Inoltre, la religione non ti vieta di fare quello che pensi, ma bensì ti mette in guardia, ti dice non rubare non perché altrimenti un angelo ti piglierà e ti porterà all'inferno, ma perché è sbagliato. Forse bisognerebbe anche fare una distinzione tra Religione e Chiesa, che sono due cose diverse e unite, ma non vorrei allontanarmi troppo dalla problematica.
Citazione:
Originalmente inviato da Vito87
prima sei uomo, poi sei uomo di...cultura
Questo non giustifica la denigrazione di chi crede nella Chiesa o è semplicemente Cristiano, Musulmano, ecc...
Volevo poi aggiungere che se il Papa ha disdetto la visita alla Sapienza non è perché avesse paura del confronto come dici tu, te lo dice una persona a cui Ratzinger non è mai piaciuto come Papa. Non bisognerebbe "sparare" a zero su di una persona se non si sà abbastanza su questa persona.
Chi è Cristiano non si sente legato alla religione, forse hai un idea un pò sbagliata e bigotta di essa. Dovresti andare oltre e chinare un pò la testa ogni tanto. Hai letto la Bibbia?
piccolo_lupo is offline  
Vecchio 29-01-2008, 19.28.52   #10
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Riferimento: Son terrorista...

Citazione:
Originalmente inviato da piccolo_lupo
Iulbrinner mi ha rubato le parole di bocca, quello che volevo dire anche io era: "non sei nato sapendo cosa è sbagliato o cosa no!"

Inoltre, la religione non ti vieta di fare quello che pensi, ma bensì ti mette in guardia, ti dice non rubare non perché altrimenti un angelo ti piglierà e ti porterà all'inferno, ma perché è sbagliato. Forse bisognerebbe anche fare una distinzione tra Religione e Chiesa, che sono due cose diverse e unite, ma non vorrei allontanarmi troppo dalla problematica.

Questo non giustifica la denigrazione di chi crede nella Chiesa o è semplicemente Cristiano, Musulmano, ecc...
Volevo poi aggiungere che se il Papa ha disdetto la visita alla Sapienza non è perché avesse paura del confronto come dici tu, te lo dice una persona a cui Ratzinger non è mai piaciuto come Papa. Non bisognerebbe "sparare" a zero su di una persona se non si sà abbastanza su questa persona.
Chi è Cristiano non si sente legato alla religione, forse hai un idea un pò sbagliata e bigotta di essa. Dovresti andare oltre e chinare un pò la testa ogni tanto. Hai letto la Bibbia?

La religione non ti vieta di fare quello che pensi, ok, ma il modo in cui si propone, come qualcosa di superiore, è quello che ha di sbagliato a mio avviso. Un qualcuno di superiore, che manda suo figlio, per insegnare all'uomo..., cioè, mi sembra davvero una cosa fuori dal comune, l'uomo già ci pensava da solo a se stesso, nel bene o nel male, ma sicuramente quello che c'è scritto nei libri "sacri" non lo ritengo cosa da seguire, tanto meno da appoggiare, cioè, è un bel libro scritto bene, basta.
Ho avuto modo di leggere, proprio qui sul forum, una discussione in cui era riportata la lettera del professore che si rivolgeva al rettore e quella poi del papa, da come si può ben capire dalla lettura di entrambe le lettere il papa ha mosso intelligentemente le sue pedine contro uno o più professori che semplicemente hanno detto di non essere concordi con la scelta del rettore, nè più nè meno!...
La Bibbia l'ho letta un pò, ma non tutta.
Vito87 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it