Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 20-06-2003, 09.49.30   #11
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
E' qui l'errore...cosa vuol dire le regole valgono per tutti? Io non oserei punire una persona che ruba un pezzo di pane perchè ha dei figli che muoiono di fame o una moglie malata e non sa come farli mangiare perchè il suo stipendio non basta o non trova lavoro...
Evidentemente quella persona è una persona povera o, come dicevano gli altri, malata di mente...cosa c'è di male? Cosa cambia? Che lo stato non intasca qualche euro in più per un biglietto ferroviario? Ma io sono d'accordo con Rodi...se potessi far usufruire qualcuno di un mio biglietto non ancora scaduto lo farei!
Non è questa la vera giustizia, credimi, è tutt'altra cosa!
E non è un biglietto che manda in rovina l'economia dello Stato....
Ciao,
Rain
rain is offline  
Vecchio 20-06-2003, 10.10.18   #12
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
cara rain, la vera giustizia..sarebbe, non far morire di fame la gente...purtroppo, è tutto il mondo sbagliato... ma, se tutti quanti..facciamo distinzioni a priori...di giustizia..non si può parlare....
Ovvio..pure io non avrei detto nulla in quel contesto... ma, pensando all'insieme del tutto, al significato di ciò che è giusto (utopia, pura utopia) .... ho dedotto quanto in precedenza citato....
Questo non fa di me una persona senza cuore.... ma, tutto sommato, sto solo riflettendo..e come anche tu saprai...tra il dire ed il fare.......
deirdre is offline  
Vecchio 20-06-2003, 13.23.27   #13
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Io sono sempre del parere espresso in precedenza però mi sorge un dubbio e mi farebbe piacere ricevere una risposta sincera.

Questo senso di 'giustizia' così pronto a venir fuori nei confronti di una persona che recupera un biglietto del metrò lo manifestate anche nei confronti di persone e situazioni socialmente più 'protette'?

Lo chiedo solo per allargare il dialogo.
rodi is offline  
Vecchio 20-06-2003, 13.45.40   #14
rain
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 187
Per quanto mi riguarda si...se intendi per "situazioni sociali protette" gli emarginati...che so, tossicodipendenti, disabili, malati di mente e,anche, ovviamento, senzatetto.

La gistizia è tale in qualunque situazione, anche quando è scomoda.
Ciao,Rain
rain is offline  
Vecchio 20-06-2003, 16.12.51   #15
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Hai centrato il punto.
Volevo esprimere che, a volte, alcune persone, hanno un senso della giustizia un po' 'comodo'.

Intervengono solo dove non ci sono persone che si possono veramente difendere.
Quanti mantengono questa mentalità quando si sa dell'illecito di un personaggio potente?
Quanti difendono persone deboli?
A Roma, su alcuni tram, vengono lasciati dei bambini a suonare uno strumento musicale e a chiedere l'elemosina; bambini di pochi anni, perchè così fanno più pena e raccolgono più soldi.
Prendi il tram alle nove e sono lì, lo riprendi alle cinque del pomeriggio e li vedi ancora, disfatti.

Ripeto: per me è molto difficile trovare un equilibrio tra le due cose.
rodi is offline  
Vecchio 20-06-2003, 19.56.29   #16
artista
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-05-2003
Messaggi: 91
Re: una spiata

Citazione:
Messaggio originale inviato da Iula
Alla stazione della metropolitana ieri ho visto una persona rovistare nella pattumiera, prendere un biglietto usato e utilizzarlo. Sono andata a riferirlo a un addetto ma la persona non è stata vista e quindi bloccata. ieri ripensandoci mi sentivo in colpa: ho sbagliato? dovevo far finta di niente? Non ero comunque molto contenta di me.



IULA

....forse hai voluto solo moraleggiare un po', magari dettata dalla voglia di "migliorare tutto", di essere "riformatrice", "critica": bianco-nero, buono-cattivo, giusto-sbagliato e soddisfatta di nulla che sia men che perfetto negli altri?

Secondo me non é la tua rettitudine che può aiutare gli altri a cambiare nelle cose che sbagliano, ma è la consapevolezza che in loro deve crescere, una consapevolezza che comunque non porterà subito all'azione.

Penso comunque che tu possieda un profondo senso della ragione e del torto e dei forti valori morali, e questo per carattere.

Scusami se nel caso mi fossi sbagliato nella mia valutazione ma mi piace capire gli altri.

Non hai sbagliato, è il tuo carattere.

Ciao
Artista
artista is offline  
Vecchio 20-06-2003, 20.31.25   #17
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
I giuristi romani ammonivano:"Summus jus,summa injuria".
Vale a dire.L'applicazione inflessibile di una norma giuridica a volte conduce a effetti in concreto antitetici al rispetto di quelle esigenze di equità,uguaglianza e giustizia che si propone,in astratto,di tutelare.
Come già rilevato qui da qualcuno,la persona che rovista nella pattumiera in cerca di un biglietto usato ha evidentemente dei problemi,economici o psicologici...E quindi,direi che in questo caso summus jus equivale davvero a summa injuria...
Pe restare in tema mi chiedo comunque :trovandosi casualmente ad "intercettare" un episodio,per esempio, di corruzione (in cui il corrotto è,poniamo,un alto dirigente) quanti avrebbero davvero il coraggio e la forza etica di denunciare l'accaduto?
Il problema,soprattutto in Italia,è che i farabutti,quando riescono ad entrare nell'immaginario collettivo come personaggi carismatici per astuzia,cinismo,e sprezzo delle regole comuni,si trovano a beneficiare di una sorta di "impunità" morale e giuridica ad oltranza...conseguenza immediata e diretta dell'ammirazione che viene loro tributata...
irene is offline  
Vecchio 21-06-2003, 17.14.23   #18
ksana
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-06-2003
Messaggi: 77
Re: una spiata

Citazione:
Messaggio originale inviato da Iula
Alla stazione della metropolitana ieri ho visto una persona rovistare nella pattumiera, prendere un biglietto usato e utilizzarlo. Sono andata a riferirlo a un addetto ma la persona non è stata vista e quindi bloccata. ieri ripensandoci mi sentivo in colpa: ho sbagliato? dovevo far finta di niente? Non ero comunque molto contenta di me.

La risposta sta nella tua affermazione: “…non ero comunque molto contenta…”.
Affermo ciò perché al di là del tipo di persona, di come era vestita o altro, noi non possiamo e non siamo in grato di conoscere i motivi che spingono una persona a fare una azione. Poteva essere un disturbato, come una onesta persona, che ritrovandosi senza soldi, per i più svariati motivi, ha preferito la vergognava del trafugamento che dell’elemosina? Cmq non sta a noi saperlo o a giudicare. L’importante per te, era di sapere che tu avevi fatto il biglietto.
ksana is offline  
Vecchio 22-06-2003, 20.31.45   #19
artista
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-05-2003
Messaggi: 91
Citazione:
Messaggio originale inviato da irene
........................
Come già rilevato qui da qualcuno,la persona che rovista nella pattumiera in cerca di un biglietto usato ha evidentemente dei problemi,economici o psicologici...E quindi,direi che in questo caso summus jus equivale davvero a summa injuria...
Pe restare in tema mi chiedo comunque :trovandosi casualmente ad "intercettare" un episodio,per esempio, di corruzione (in cui il corrotto è,poniamo,un alto dirigente) quanti avrebbero davvero il coraggio e la forza etica di denunciare l'accaduto?
Il problema,soprattutto in Italia,è che i farabutti,quando riescono ad entrare nell'immaginario collettivo come personaggi carismatici per astuzia,cinismo,e sprezzo delle regole comuni,si trovano a beneficiare di una sorta di "impunità" morale e giuridica ad oltranza...conseguenza immediata e diretta dell'ammirazione che viene loro tributata... [/b]

IRENE

Penso che più o meno tutti siamo in grado di denunciare episodi di corruzione, piccoli e grandi, anche se alle volte puoi rimetterci la vita.......è a questo punto che domanderei se siamo tutti capaci di mettere in gioco la nostra vita per denunciare questo mal costume; senza sottacere che a volte si denuncia, inconsapevolmente, un atto di corruzione o altro, ad un'altro corrotto.......e allora mi domando se è più facile cambiare mentalità alla gente...

Ciao
Artista
artista is offline  
Vecchio 22-06-2003, 21.02.17   #20
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Hai toccato un punto che, secondo me, è proprio uno di quelli dolenti.
Credo che si debbano seguire un po' tutte e due le strade, sia denunciare l'accaduto, che cercare di andare verso una mentalità generale più consapevole.
La nostra società è ben lontana dall'equilibrio, se mai lo raggiungerà.
L'ideale sarebbe far parte di un mondo 'consapevole', altrista il giusto etc, ma a quello che abbiamo intorno per ora è una vera utopia.
Credo che ad oggi una strada non escluda l'altra e che vada valutato di volta in volta quale delle due è meglio seguire.
rodi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it