Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 08-11-2003, 12.41.11   #21
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
messaggio originale inviato da VanLag
Marco, secondo me, se si ammette la dinamicità e a contestualità non si può più proporre dei valori o delle verità, perché se le proponessimo sarebbero comunque “a priori”, cioè statiche.
Quello su cui si ci sarebbe da discutere è se è vero che Valore e Verità sono contestuali e se sì vedere se è possibile indicare delle linee guida di riconoscimento.

Quello che dici è vero, ma io non ho imposto a nessuno nessuna metodologia, ho proposto la mia idea sperando di avere dei contributi sia per quanto riguarda la metodologia sia per quanto riguarda il problema sorto dalla stessa. Sicuramente la prima cosa che deve essere fatta è discutere la veridicità di “V/V contestuale” e indicarne le linee di riconoscimento.

Citazione:
messaggio originale inviato da Visechi
In campo religioso esisterebbe una verità pre-costituita, anzi la Verità, le cui caratteristiche più significative sarebbero di essere: univoca, immodificabile, esistente di per sé, non contestualizzabile, oggettiva, assoluta e conseguibile (non necessariamente nel corso dell'esistenza terrena). Questa Verità riposerebbe fra le braccia del Dio, inteso sia come Creatore e/o come essere trascendente che tutto sa e tutto vede.

Quello che tu chiami verità in campo religioso, corrisponde al valore, e bisognerebbe in questo caso utilizzare questo termine. Infatti nella religione esiste una scala di valori con le caratteristiche da te descritte. Quello che volevo sottolineare è che oltre a questi valori esistono anche delle derivazioni di questi, delle conseguenze scaturite dalla circostanza, alle quali, essendo generate dai valori religiosi, vengono applicate le caratteristiche da te descritte (ad esempio può essere considerato l’esposizione del crocifisso di cui tutti oggi parlano). Tale esposizione, non è e non può essere considerato un Valore religioso, è una “conseguenza”, un “riferimento a tali valori”. Nonostante questo credo che la Chiesa non accetterà mai il fatto di togliere il crocifisso dalle scuole, considerando la sua esposizione, “immodificabile, non contestualizzabile, assoluta e conseguibile). Come ho già detto nell’apposita discussione, credo che il fatto di esporlo o al contrario eliminare la sua esposizione in alcuni luoghi, non cambi in nessun modo i V/V cattolici, o religiosi in generale se consideriamo altri simboli. A mio parere quindi bisognerebbe accettare la “contestualizzazzione” dell’esposizione, e credo che dai “cattolici razionali” questo potrebbe essere accettato, evitando “problemi e imposizioni” evitabili. In questo modo, i V/V religiosi non andrebbero a “cozzare” i V/V “oggettivi”, ma anzi credo che coinciderebbero, in quanto propri della specie umana, con il fine di conservare la specie e proteggere la “dignità” umana : V/V derivati dalla fede nella vita e dal rispetto della stessa. Questi sono V/V oggettivi. Riportando un altro esempio, si può parlare anche del “sesso con fine diverso a quello della procreazione”. Questo dogma accettato dalla Chiesa, non è un V/V oggettivo, in quanto non ha le caratteristiche sopra descritte a proposito di “fede nella Vita e rispetto della stessa” e come tale andrebbe rivisto, “contestualizzato”.

Citazione:
messaggio originale inviato da Visechi
Viceversa, la dimensione umana non comprende, a parer mio, alcuna verità pre-costituita e la ricerca del giusto, del bene e dell'oggettività potrebbe esplicarsi solo tramite un'analisi compiuta nell'ambito del contesto che ha determinato i fatti posti sotto esame. Non può essere pre-costituita perché si renderebbe concreta solo in conseguenze o in concomitanza con gli eventi che la determinano; non sarebbe univoca perché sottoposta all'esame di più individui limitati e quindi soggetta, di per sé, a diverse decodifiche; non sarebbe immodificabile perché essendo dipendente dal contesto in cui si genera, potrebbe subire delle modificazioni se inserita o generata da un contesto diverso; non dovrebbe esistere di per sé perché strettamente connessa alla situazione che la determina; sarebbe contestualizzabile perché le sue caratteristiche peculiari si esaltano solo nel contesto in cui essa stessa viene a crearsi; non sarebbe oggettiva in quanto dipenderebbe dall'analisi dei vari soggetti che la osservano, e ciascuno di questi enucleerebbe, dagli eventi che la generano, variegate sfumature non riconducibili ad un unico punto fisso, per cui non potrebbe contenere la caratteristica di essere anche assoluta, e sarebbe conseguibile per effetto di una somma delle differenti soggettività di quanti la sottopongono ad esame, niente di diverso, per esempio, della verità che scaturisce da un'aula di tribunale. Ma le cose non starebbero proprio così: dal punto di vista religioso, per le cose che riguardano la teologia e il rapporto dell'uomo con Dio, e le relazioni fra uomini che coinvolgono principi morali di cui la religione si fa portatrice, non esiste il 'giusto della circostanza', che fra l'altro sarebbe sempre soggettivo e relativo, ma esisterebbe solo il Giusto in sé… i piani di discussione, avrai modo di constatare, sono ben differenti. Nell'uno si argomenta in relazione ad una dimensione umana (soggettività, relatività, 'giusto della circostanza'), nell'altro, invece, si sviluppano le deduzioni in un ambito di assoluta certezza immodificabile, intangibile, oggettiva, assoluta etc… le relatività andrebbero a formarsi e costituirsi intorno ad un nucleo di oggettività.

Giusto, e questo è quello che ho cercato di spiegare, ma, come ho detto precedentemente, credo che i valori oggettivi, le linee giuda, siano quelle dipendenti dalla fede nella Vita e dal rispetto della stessa.
P.S. A volte l’uso dei termini determina fraintendimenti; spero di aver espresso meglio quanto ho messo in discussione.

Citazione:
messaggio originale inviato da Visechi.In poche altre parole, io vedrei il giusto della circostanza come un qualcosa composto da tanti piccoli singoli elementi di giudizio ciascuno connesso ad ogni singolo micro-evento compreso nell'evento posto sotto esame. Ciascuno di questi mattoni elementari è soggetto a mille e più modificazioni in base al contesto in cui si colloca; queste modificazioni si riverberebbero sul giudizio di sintesi finale. Se io giudico un fatto bene o male, avrò, presumibilmente, dovuto operare tanti piccoli esami, tanti quanti sarebbero i micro-eventi che lo compongono.

Esatto anche qui, ma voglio sottolineare il fatto e l’importanza conseguente, di stabilire quindi che i valori oggettivi sopra proposti dovrebbero essere “la guida” nel contesto, che permetterebbe di trovare una “Verità” più oggettiva nella relatività del vissuto del singolo. Stabilito questo, a mio parere, la sommatoria delle contestualizzazioni dei Valori, determinerebbe un minor “scarto” della relativa visione del singolo con quella oggettiva, relativa alla contestualizzazione nella sommatoria; cosa che faciliterebbe molto la comprensione tra gli individui e il raggiungimento della soluzione ricercata nella contestualizzazione, evitando che uno “scarto” maggiore limitare la stessa e creare non-accettazioni della stessa.

Ciao e grazie della tua partecipazione, spero continuerai a partecipare in questo affascinante viaggio.
Marco_532 is offline  
Vecchio 08-11-2003, 13.33.47   #22
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Vedo che visechi ha ancora qualche perplessità su cosa si intende per "verità".
... parliamone...

La verità è determinabile e modificabile nel presente e nel futuro, quando qualunque cosa é in grado di costruirla nel corso del continuo succedersi di attimi di presente.

C'è, però, la verità storica, che non può affatto essere modificata: la si può conoscere, ignorare, travisare o distorcere a proprio comodo e piacimento, ma niente di tutto questo potrà mai cambiarla.

Una verità non é altro che l'insieme delle cose, delle intenzioni e dei fatti, tutti legati tra loro che hanno costituito un "oggettivo soggetto", che é poi l'argomento al quale é riferita quella verità.

La Verità non é altro che l'insieme delle uniche verità riferite a tutti gli "oggettivi soggetti". La Verita, proprio perchè definisce l'esatta essenza di tutte le cose, va a coincidere, come significato del termine, con la parola "Realtà".

Le religioni, ciascuna nella propria presunzione di dare per "reale" la propria presunta verità, attraverso la realtà del loro numero (che sono tante) dimostrano che solo una di esse potrebbe essere "vera"... ma non possono dimostrare quale di esse lo sia semplicemente perchè nessuna, e ripeto nessuna, conosce altro che una realtà storica (pur volendola accettare per verità) e non ha tra le mani l'indeterminabilità delle infinite verità che andranno a comporsi, attraverso il presente, nel futuro; perciò, NESSUNA religione del passato o del presente può affermarsi "vera" fintanto che ci sarà ancora anche un solo attimo di futuro.
In in teoria, sarebbe possibile definire la vera Religione nell'ultimo attimo di presente del Tempo, quando tutto sia ormai compiuto e tutte le verità siano diventate "verità storiche" immodificabili.
In sintesi, dico che nulla che sia legato al tempo può identificare la vera religione, perciò, "siete" tutti dei... PAGANI !!!!

In verità, in verità vi dico: il vero credente é colui che dubita!

Ciao
Mistico is offline  
Vecchio 10-11-2003, 17.58.09   #23
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Citazione:
Quello che tu chiami verità in campo religioso, corrisponde al valore, e bisognerebbe in questo caso utilizzare questo termine…
…(ad esempio può essere considerato l’esposizione del crocifisso di cui tutti oggi parlano). Tale esposizione, non è e non può essere considerato un Valore religioso, è una “conseguenza”, un “riferimento a tali valori”

Non sarei completamente d'accordo: in religione esiste la Verità (Veritatis splendor… diceva qualcuno), da cui discenderebbero i valori… ma non è mia intenzione intestardirmi oltre.
La questione del crocifisso credo sia importante perché, se è vero che la sua eliminazione non inciderebbe sul Valore in sé, di sicuro minerebbe un simbolo del Cristianesimo e, come saprai, per le religioni la simbologia è un elemento fondante, non un accidente.

Citazione:
In questo modo, i V/V religiosi non andrebbero a “cozzare” i V/V “oggettivi”, ma anzi credo che coinciderebbero, in quanto propri della specie umana, con il fine di conservare la specie e proteggere la “dignità” umana: V/V derivati dalla fede nella vita e dal rispetto della stessa.

Noto che parli spesso di valori oggettivi, contrapponendoli o mettendoli in raffronto a quelli religiosi, quasi volessi affermare una certa superiorità gerarchica dei valori che regolano l'umano consesso rispetto a quelli che regolano il rapporto con il divino. Poi parrebbe che voglia affermare, in campo umano, l'esistenza di valori oggettivi, e, a tal proposito, citi la vita, che, a parer mio, non potrebbe essere annoverata fra i valori, piuttosto questa sarebbe uno status. Ma anche volendola annoverare fra i valori intangibili, saprai bene che non sarebbe un valore assoluto…. Facile anche immaginare i motivi di questa mia affermazione:
un valore oggettivo, quindi assoluto, in quanto valido erga omnes e non discutibile, dovrebbe rimanere tale in qualsiasi circostanza e non potrebbe ami essere posto in subordine rispetto ad altri che, per effetto dell'urgenza dettata dalla circostanza, anche se forse solo momentaneamente e limitatamente a quell'evento, vanno ad assumere una rilevanza maggiore, tale da porlo in subordine… sappi che esistono svariati casi in cui il diritto alla vita è posto in subordine rispetto ad altre urgenze, magari uno sforzo immaginativo può aiutare.

Citazione:
Riportando un altro esempio, si può parlare anche del “sesso con fine diverso a quello della procreazione”. Questo dogma accettato dalla Chiesa, non è un V/V oggettivo, in quanto non ha le caratteristiche sopra descritte a proposito di “fede nella Vita e rispetto della stessa” e come tale andrebbe rivisto, “contestualizzato”.

Questo passaggio non sono proprio riuscito a comprenderlo. Qual è il nesso fra valore e sesso? E in quest'ambito, a quale dogma fai riferimento?

Citazione:
Vedo che visechi ha ancora qualche perplessità su cosa si intende per "verità".

Vedo che Mistico ha ancora soverchie difficoltà a comprendere che quando si parla di presunte Verità, vi devono essere due piani di discussione che conviene sempre tenere ben distinti, pena una gran confusione.
Esisterebbe una verità tipicamente umana: quella, per esempio, che scaturisce da un'aula di tribunale e che si forma, tassello per tassello, nel corso del dibattimento. Essa sarebbe il compimento, o la somma delle diverse soggettive verità: quella dell'imputato, della parte lesa, dei testimoni e del giudice o giuria che dir si voglia, che porta a sintesi, quest'ultima, quelle testimoniate da tutte le parti comparenti. La verità storica dei fatti, quella per intenderci disponibile per l'uomo, essendo la risultante di tante altre verità, è anch'essa una soggettività più ampia delle soggettività che la compongono… poi, eventualmente, la realtà storica fattuale risiederebbe sempre ad un livello per noi non disponibile, starei per dire che trascende le nostre capacità di sintesi, comprensione e conoscenza… sempre disponibile a provare ad analizzarne qualcuna. La verità umana, non definendo la reale essenza delle soggettività, e men che meno dell'oggettività, non corrisponde perfettamente alla Realtà, posto che ve ne sia una… io intanto dubito. Viceversa, la realtà sarebbe coincidente con la Verità, solo ad un livello più alto rispetto alla nostra capacità intellettiva, di analisi e di conoscenza… anche in questo caso, sarei quasi tentato di affermare che quanto indicato da Mistico, eterno distratto, corrisponde ad una Verità/Realtà che ancora una volta sopravanza le nostre misere capacità cognitive. L'uomo non è ancora in grado di descrivere con perfezione e minuzia la realtà che lo circonda, e forse non lo sarà mai.
Le religioni, a dispetto di quanto affermato così tenacemente da Mistico, affermano invece, ciascuna, una Verità fattuale… non sarebbero religioni, altrimenti… almeno le tre monoteistiche. E ciascuna di esse predetermina un cammino di 'FEDE' per giungere alla conoscenza di quanto testimoniato, almeno nella loro teoretica centrale. Ciascuna lo fa dichiarando l'esistenza di un nucleo teologico intangibile ed immodificabile nel tempo, diversamente ammetterebbero la possibilità, inusitata, che anche la divinità cui fa riferimento, possa essere intesa come un'Entità in perenne divenire, modificabile nei propri attributi essenziali e priva d'essenza intrinseca, che si formerebbe attraverso la composizione e la determinazione delle diverse, soggettive ed umane verità che la storia degli uomini andrebbe a costituire. In definitiva, le religioni affermano l'esistenza di un nucleo metafisico attinente alla figura di Dio, immodificabile e fisso nel tempo - un punto unico, L'Unicità - attorno al quale si condensano altri aspetti - relativi alla tradizione, alla dottrina, alla morale, all'educazione etc… - che non ineriscono all'essenza stessa di Dio, definita una volta per tutte, e alle caratterizzazioni che ciascuna religione innegabilmente Gli attribuisce. Sono appunto questi 'addendum', spesso dottrinari, costituitisi nel corso della storia, che le religioni ammettono possano anche essere figli dei tempi, della storia e del contesto… sempre che non si scada nel fondamentalismo, che difficilmente è propenso ad ammettere alcunché di mutabile nell'intero corpus scritturale che manifesta le religioni ai fedeli.

Citazione:
In sintesi, dico che nulla che sia legato al tempo può identificare la vera religione, perciò, "siete" tutti dei... PAGANI !!!!
Infatti, è proprio come dici tu! Sarà per questo motivo che le religioni sottraggono, non so quanto pretestuosamente, il nucleo centrale della loro teologia al divenire legato allo scorrere del tempo, affermandone l'intangibilità. E' proprio così, per questo hai torto, con la specificazione che io, non essendo credente, PAGANO probabilmente lo sono davvero.

Detto questo, non posso evitare di soffermarmi con piacere sull'ultimo passaggio di Mistico: <il vero credente é colui che dubita!>.
Non so se chi dubita possa essere annoverato fra i credenti, però certo è che acqua n'è passata sotto i ponti… chi ha orecchie per intendere e memoria per ricordare, intenda e ricordi.
visechi is offline  
Vecchio 10-11-2003, 18.24.21   #24
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
…in religione esiste la Verità (Veritatis splendor… diceva qualcuno), da cui discenderebbero i valori… ma non è mia intenzione intestardirmi oltre.
La questione del crocifisso credo sia importante perché, se è vero che la sua eliminazione non inciderebbe sul Valore in sé, di sicuro minerebbe un simbolo del Cristianesimo e, come saprai, per le religioni la simbologia è un elemento fondante, non un accidente.
Quello che dici è vero, ma è pur vero che quella verità di cui parli corrisponde al vero solo per i seguaci di quella religione. Per questo motivo non ho parlato di verità religiosa, ma mi sono concentrato sui valori religiosi, comuni a tutte le religioni.
Citazione:
Noto che parli spesso di valori oggettivi, contrapponendoli o mettendoli in raffronto a quelli religiosi, quasi volessi affermare una certa superiorità gerarchica dei valori che regolano l'umano consesso rispetto a quelli che regolano il rapporto con il divino. Poi parrebbe che voglia affermare, in campo umano, l'esistenza di valori oggettivi, e, a tal proposito, citi la vita, che, a parer mio, non potrebbe essere annoverata fra i valori, piuttosto questa sarebbe uno status. Ma anche volendola annoverare fra i valori intangibili, saprai bene che non sarebbe un valore assoluto…. Facile anche immaginare i motivi di questa mia affermazione:
un valore oggettivo, quindi assoluto, in quanto valido erga omnes e non discutibile, dovrebbe rimanere tale in qualsiasi circostanza e non potrebbe ami essere posto in subordine rispetto ad altri che, per effetto dell'urgenza dettata dalla circostanza, anche se forse solo momentaneamente e limitatamente a quell'evento, vanno ad assumere una rilevanza maggiore, tale da porlo in subordine… sappi che esistono svariati casi in cui il diritto alla vita è posto in subordine rispetto ad altre urgenze, magari uno sforzo immaginativo può aiutare.
Forse hai letto male i precedenti post ho mi sono spiegato male, ma i valori che intendo io, sono gli stessi sia nel campo religioso sia nel campo umano, valori non derivanti dal tempo o dai fatti, ma propri natura umana…, dalla scoperta da parte dell’uomo di se stesso…per questo ho parlato di amore per la vita ecc…
Forse ora ci siamo capiti meglio, ma ho i miei dubbi…non saprei che dire riguardo una tua presunta fede, non rigorosamente religiosa…per te non esistono valori che riuscirebbero ad unire tutti i culti e non?….attenzione, ho detto valori, non Verità…
Marco_532 is offline  
Vecchio 10-11-2003, 23.59.33   #25
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Citazione:
Messaggio originale inviato da visechi
...Esisterebbe una verità tipicamente umana: quella, per esempio, che scaturisce da un'aula di tribunale e che si forma, tassello per tassello, nel corso del dibattimento. Essa sarebbe il compimento, o la somma delle diverse soggettive verità: quella dell'imputato, della parte lesa, dei testimoni e del giudice o giuria che dir si voglia, che porta a sintesi, quest'ultima, quelle testimoniate da tutte le parti comparenti....
Ma queste per le quali, giustamente, hai detto "esisterebbe" e "sarebbe" ... non sono verità ma "risultanze umane" (il tutto in minuscolo come puoi osservare).
Citazione:
...la realtà storica fattuale risiederebbe sempre ad un livello per noi non disponibile, starei per dire che trascende le nostre capacità di sintesi, comprensione e conoscenza…
Daccordo, la verità non é sempre individuabile, ma resta tale quale é: "verità".
mentre quella che tu definisci "verità umana" Non é necessariamente "la verità", ma, ancora una volta una risultanza.

Citazione:
... L'uomo non è ancora in grado di descrivere con perfezione e minuzia la realtà che lo circonda, e forse non lo sarà mai...
bravo!
Citazione:
... Le religioni, a dispetto di quanto affermato così tenacemente da Mistico, affermano invece, ciascuna, una Verità fattuale...
Ma infatti, la "verità fattuale" è una risultanza e non "verità"!
Citazione:
...Non so se chi dubita possa essere annoverato fra i credenti, però certo è che acqua n'è passata sotto i ponti… chi ha orecchie per intendere e memoria per ricordare, intenda e ricordi.
Se fa lo stesso, io ho "occhi" per intendere e ti intendo.
Infatti, ancora molta acqua é passata sotto i ponti mentre l'oro sotto la "lama" bruciante del fuoco si libera delle sue scorie e diviene una sfera piccola, ma brillante come un piccolo sole sotto gli occhi di Dio. ( )
...basta come provocazione?
Scherzi a parte, non é che io abbia cambiato idee... anzi! Ma c'é una differenza tra me e quello che tu ricordi come "Mistico": ora io ne rido di più e ne contratto e ne spiego di meno. In fondo, le mie idee di chi sono? ... e allora?!

Ciao Sir!
Mistico is offline  
Vecchio 12-11-2003, 21.40.10   #26
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Come spesso succede mi sembra che il discorso sia fuoriuscito dai suoi binari originali che erano di parlare della dinamicità e della contestualità di Valore e Verità e sia sia spostato tutto verso la Verità… se esiste o non esiste, se è possibile definirla o meno…. etc…. (Beh Marco ecco perché io abbino dinamicità e contestualità il “valore” che, secondo mè, meglio si presta all’uopo)…comunque non era questo il motivo del mio scrivere qui…. Il motivo è che volevo farti (a Marco) una domanda….
Ho letto il tuo 3d, (per altro bello), in filosofia dal titolo “credo in solo Dio”….. e volevo chiederti come fai ad associare i valori (e le verità) divine, che per definizione sono assolute a quanto si esprimeva qui su contestualità e dinamicità di Valore e Verità?

Ti ringrazio se vorrai rispondermi.... (mi interessa veramente)

Ciao.
VanLag is offline  
Vecchio 12-11-2003, 23.52.00   #27
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Re : VanLag

Acune V/V, che per definizione sono assolute, corrispondono e possono essere confermate quanto tali in tutti i contesti in cui sono ammessi.
Faccio un esempio....il Valore "non negare la vita", comune a tutti gli esseri umani, innato nei nostri pensieri, anche se a volte non rispettato, se contestualizzato in una situazione in cui questo viene rispettato, è un valore "assoluto"(termine errato), Vero, in quanto non c'è motivo di agire diversamente.
Questo non vuol dire che questo valore è assouto, perchè purtroppo ci si trova in qualunque epoca di fronte a omicidi ecc..
Davannti a un'omicidio, contestualizzando quel valore, deve essere accettato, nel senso che non essendo giusto privare della vita un assassino e essendo un individuo razionale, posso evitare di punirlo con la morte e quindi dicharare tale Valore, come Vero.
Davanti un genocidio, secondo la ragione e conseguente a tale valore, il Giusto diviene salvare la vita di chi ne potrebbe essere privato. La soluzione, per fare quanto detto, contestualizzando tale valore, non è comprensibile, in quanto davanti a plotone di mirta non m posso difendere a parole, quindi, dal tale contestualizzazione risulta che se non c'è soluzione alternativa, l'uccisione è ammessa.

Quanto detto vuole essere una semplice spiegazione, e non è da associare a niente di più di quello che voule spiegare, in quanto nella maggior parte delle volte l'omicidio deve e può essere omesso.

Spero di non essere frainteso e di aver chiarito quanto da te richiesto.
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-11-2003, 09.53.31   #28
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Per Marco....

Non sono sicuro di avere compreso bene….. comunque tu dici….

Faccio un esempio....il Valore "non negare la vita", comune a tutti gli esseri umani, innato nei nostri pensieri, anche se a volte non rispettato, se contestualizzato in una situazione in cui questo viene rispettato, è un valore "assoluto"(termine errato), Vero, in quanto non c'è motivo di agire diversamente.

Questa tua prima affermazione parrebbe non vera….. infatti in alcuni contesti c’è il motivo di agire diversamente, anzi il sacrificio della vita diventa un valore etico e morale superiore alla sacralità stessa della vita…….. Cito da un altro mio post….
……durante la seconda guerra mondiale ci sembrò normale mandare a morire sui campi di battaglia milioni di giovani. Il perché ci sembrò “normale” quel sacrificio è semplice c’era in gioco un altro valore che in quel contesto era più importante e questo valore era la libertà dei popoli.

Ma poi alla fine tu stesso sembri smentirti quando dici: - se non c'è soluzione alternativa, l'uccisione è ammessa.

P.S. Se ti ho frainteso mea culpa.....
VanLag is offline  
Vecchio 13-11-2003, 10.06.18   #29
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Ti ho fatto vedere che anche il valore più "assoluto" può essere contestualizzato, e deve esserlo....ma forse ancora non ci siamo capiti...
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-11-2003, 11.06.29   #30
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
anche io ti ho fatto vedere la stessa cosa.....
Ma allora non hai risposto alla mia domanda cioè:- come fai a fare convivere il divino che per definzione porta a valori assoluti con la dinamicità e la contestualità del valore? -
VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it