Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalitÓ solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e SocietÓ
Cultura e SocietÓ - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali


Vecchio 27-01-2005, 14.13.05   #1
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
la mia liberta' finisce dove inizia quella dell'altro

mi kiedevo come mai e' tanto difficile stabilire quale sia il punto dove finisce la liberta' d un individuo e si limita quella altrui
io credo d nn esser capace d stabilirne il confine
voi?
La_viandante is offline  
Vecchio 27-01-2005, 14.27.12   #2
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
Secondo me se la mia libertÓ finisce dove inizia quello dell'altro non Ŕ libertÓ perchŔ avrebbe come dici tu dei confini...sarebbe come dire che un prigioniero entro i confini della prigione Ŕ libero...
Paolo77 is offline  
Vecchio 27-01-2005, 14.43.04   #3
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
libertÓ

E se la libertÓ iniziasse dove inizia quella dell'altro?

Intendo dire che la libertÓ (a meno che non stiamo parlando in senso psicologico o spirituale..e qui non saprei che dire se non che si Ŕ liberi quando si Ŕ se stessi) Ŕ un concetto condiviso che implica pi¨ attori.
Esseri liberi di: non significa non avere costrizioni,regole o norme.
Se vivessimo soli non avremmo il problema della libertÓ. Solo nella moltitudine (diciamo pi¨ di 1 persona) c'Ŕ il problema della libertÓ.

Comunemente si dice esseri liberi da. In realtÓ mi sembra che la libertÓ sia sempre una questione di essere liberi con.

Ettore is offline  
Vecchio 27-01-2005, 15.47.36   #4
Mr. Bean
eternitÓ incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
A mio avviso la libertÓ Ŕ un concetto astratto. Per il solo fatto di essere nati indipendentemente dalla nostra volontÓ non siamo veramente liberi. Se invece parliamo di libertÓ "percepita" il discorso cambia. A volte pu˛ sentirsi pi¨ libero un prigioniero in un carcere che non una persona comune. Se vogliamo stare in questa societÓ dobbiamo fare questo, quello e quell'altro, e non fare questo, quello e quell'altro. Insomma, vivere a contatto con altre persone implica la necessitÓ o l'obbligo di accettare i propri e gli altrui limiti. Scusate.... forse sembrer˛ megalomane, ma vorrei portare la mia situazione ad esempio di quanto sto scrivendo. Sono una persona con difficoltÓ motorie, per˛ ci˛ non toglie che riesca a compiere diverse azioni normalmente compiute dal resto dell'umanitÓ. Magari in modo diverso o con l'aiuto di ausili, per˛ ci riesco.
Un altro esempio: a me piace la musica classica e, si sa, capita spesso di passare da un volume minimo ad un massimo, durante l'esecuzione dei brani che ascolto. Con i cd poi il discorso Ŕ ancora pi¨ accentuato che non con i vecchi lp in vinile. Ora, io sono libero di ascoltare tutta la musica che mi pare, quando mi pare, per˛, abitando in un condominio devo considerare che ad altri potrebbe non interessare o addirittura dare fastidio. Perci˛, se desidero ascoltarla come si conviene a questo genere di musica, mi metto in testa una favolosa cuffia e mi sparo i watt che desidero, senza costringere altri ad ascoltarla. Forse la viandante (bello questo nick, complimenti!) intendeva proprio questo.... o sbaglio?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 28-01-2005, 09.26.46   #5
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Citazione:
Comunemente si dice esseri liberi da. In realtÓ mi sembra che la libertÓ sia sempre una questione di essere liberi con.


comunemente, liberi c sta bene anke con di a da in con su per tra fra

la liberta' assoluta nn esiste, mi sento d'acordo con sartre quando afferma ke anke ad esser ecompletamente liberi da tutto, nn potremmo essere liberi dalla liberta',

in effetti nn mi sono espressa bene, la mia era da intendersi come liberta' d azione, quando si sconfina nel ledere la liberta' altrui, l'esempio e' proprio quello della musica ad alto volume(grazie mr per il complimento al nick) certo il vicino potrebbe anke tollerarla, ma se fa ad es. il turno d notte e vorrebbe a quell'ora dormire si va a ledere la sua liberta', ma anke se solo volesse guardare un programma in tv la musica del vicino nn gli potrebbe permettere d ascoltare bene

quello ke dici tu ettore sarebbe l'ideale per tutti, la perfezione, se la mia liberta' coincidesse con quella dell'altro, ma nn sempre e' cosi' facile; non si spiegherebbe senno' come mai si siano dovute fare delle leggi per tutelare i diritti di tutti, e su queste leggi siamo tt d'accordo e siamo d'accordo ke ki non le rispetta deve essere allontanato dalla societa' per evitare d essere un pericolo,
pero' senza dover per forza infrangere le leggi, c sono situazioni d vita quotidiana nelle quali si impone la propria liberta' d fare qlksa a discapito d quella dell'altro
La_viandante is offline  
Vecchio 28-01-2005, 09.53.31   #6
eva79
Ospite
 
L'avatar di eva79
 
Data registrazione: 26-01-2005
Messaggi: 29
Io credo che la libertÓ sia uno stayo mentale si Ŕ liberi quando si abbandonano preconcetti e costrizioni mentali ........... perchŔ in realta come ha detto Mr Bean per il fatto di non poter decidere di nascere non siamo realmente liberi
eva79 is offline  
Vecchio 28-01-2005, 19.20.22   #7
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
spazi

La libertÓ fisica dipende dagli spazi in cui ci troviamo (in un ascensore o su di treno non ho la libertÓ di sgomitare)

Il libero arbitrio dipende dalla capacitÓ di elaborare i dati che ci vengono proposti e dal grado di socializzazione a cui siamo giunti
fallible is offline  
Vecchio 22-02-2008, 20.51.42   #8
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: la mia liberta' finisce dove inizia quella dell'altro

veramente essendo appena arrivato..non so bene in quale discussione o thread mi trovo a scrivere...mi ha colpito la vecchia discussione sulla libertÓ con l'impostazione di VIANDANTE.
E' chiaro che la libertÓ assoluta non eiste e in una societÓ civile nemmeno sarebbe auspicabile...sarebbbe l'anarchia piu' completa, il disordine ed il reciproco ammazzamento...sono necessarie le leggi per dare a ciascuno il suo...indirizzando anche l'opinione dei singoli su cosa Ŕ giusto o cosa Ŕ ingiusto

Posso richiamare, all'origine, alcune antiche affermazioni come ad esempio:

1)- "la mia libertÓ finisce dove comincia la tua" (mi pare la citasse M.L.KING).
per la quale Ŕ ovvio che ciascuno cerca sempre di spostare il limite a proprio favore...per cui occorre la legge democraticamente elaborata.

2)- "anche se le tue idee sono contrarie alle mie ...combatter˛ fino alla morte perchŔ tu le possa comunque esprimere..civilmente! (credo sia di Voltaire)
Ovviamente il cultore di Voltaire si aspetta che l'altro faccia altrettanto...altrimenti sono guai seri.

Certo che per usufruire veramente della libertÓ occorre una societÓ colta e a cio' formata con lunga esperienza democratica: Ŕ la democrazia che forma i cittadini ad essere liberi!..in interazione... Ŕ la nostra formazione di convivenza sociale, etica ed intellettuale in continua evoluzione che ci porta alla conquista della libertÓ e ad usufruirne: un ignorante egoista non puo' usufruirne.
Forse puo' solo usufruire di cio' che riesce ad arraffare se Ŕ furbo e sopraffattore...ma per poco tempo ed in malo modo...se vive in una societÓ libera e democratica.

In una societÓ assolutista o malamente democratica..non ancora formata, Ŕ ovvio che i sopraffattori intrallazzatori prosperano: i cittadini devono allora darsi da fare e formarsi quanto prima alle esigenze della democrazia...se si defilano e se cominciano a dire ...a me questa societÓ fa schifo...straccio la scheda, non voto..ecc...hanno una unica soluzione: espatriare! emigrare!..in paesi ove la democrazia esiste per˛ ..se no siamo di nuovo da capo: o lupi o agnelli!
ciao.
ulysse is offline  
Vecchio 23-02-2008, 09.49.12   #9
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: la mia liberta' finisce dove inizia quella dell'altro

Giustissimo "la mia libertÓ finisce quando inizia la tua" ma, c'Ŕ un piccolo problema Ŕ necessario aggiungere, a quanto Ŕ stato giÓ detto che condivido pienamente, che la libertÓ va prima concepita ed attuata dentro noi stessi.

E' vero come dice Mr. Bean che la libertÓ negata comincia dalla nascita, ma vi Ŕ entro questa arena che Ŕ la vita, una forma di libertÓ entro cui noi possiamo e dobbiamo destreggiarci in un costante e continuo allenamento.

Posso vedere, accettare, rispettare la libertÓ dell'altro solo nel momento in cui vedo, accetto e rispetto la mia di libertÓ.

Solo nel momento in cui vedo l'altro oltrepassare il mio confine posso fermarlo, e solo quando l'altro VEDE il mio confine pu˛ fermarsi o sconfinare.

E per questo non possono esservi regole rigide, perchŔ i confini si spostano continuamente e vanno riposizionati ogni giorno, quasi.

La societÓ stessa con leggi (possibilmente giuste per quel tempo) cerca di segnare e rendere visibile i limiti. Ma anche le leggi sono costrette ad essere modificate nel tempo perchŔ i confini, per loro stessa natura, tendono alla instabilitÓ.

E' una ricerca continua che molti ignorano assaliti dalla pigrizia, dall'ego, dalla paura, dalla negligenza.

In un di lÓ da venire, in un popolo evoluto e veramente libero, le leggi non avranno pi¨ alcun senso limitativo ma solo organizzativo, come fissare gli orari dei mezzi pubblici, degli spettacoli ecc., precedenza a destra, divieto di sosta......

buona domenica
Mary is offline  
Vecchio 23-02-2008, 11.01.53   #10
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: la mia liberta' finisce dove inizia quella dell'altro

mi fa piacere che mary concordi.
credo per˛ che sia un p˛ utopica quando sembra auspicare o prevedere che un giorno non avremo piu' bisogno di leggi che definiscano i reciproci rapporti o anche il giusto e l'ingiusto: la nostra soggetivitÓ Ŕ straripante...i nostri giudizi non possono prescindere da noi stessi per cui la nostra formazione, oltre che relativa alla conoscenza di noi stessi, al controllo dei nostri impulsi primordiali, deve essere rivolta anche al reciproco rispetto ed al riconoscimento dei dirirtti altrui che le leggi, appunto, indicano e sempre piu' migliorano.
...senza leggi scritte, elaborate democraticamente al variare delle situazioni e della cultura, si andrebbe incontro al decadimento dei rapporti civili.

In sostanza la cultura deve essere fissata oggettivamente da un supporto di riferimento e da tale piedistallo...sempre autosuperantesi, ripartire per ricostruire e migliorare sempre.
La trasmissione orale affidata al buon senso ed alla buona volontÓ di ciascuno non puo' essere che essere indefinita...sempre piu'.
Ma Ŕ solo una sensazione particolare nel vasto complesso dei nostri comportamenti
ciao
ulysse is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright ę Riflessioni.it