Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 08-04-2002, 14.36.05   #1
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
comunicazione

il computer i cellulari fanno da muro nei rapporti umani, non ci si parla più guardandosi in faccia, vedendo le espressioni dell'altro interlocutore...creando rapporti freddi tra la gente, quasi irreali, quanto è positivo tutto questo?
ely is offline  
Vecchio 08-04-2002, 17.34.36   #2
784
Numero
 
L'avatar di 784
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 291
Ma no, è solo un altro modo di comunicare: più difficile, perchè siamo abituati a parlare faccia a faccia, e non sappiamo esprimere certe cose solo a parole (tanto che usiamo gli smiles per integrare). Certo poi che ti sembreranno irreali, ma è sempre una questione di abitudine, credo.
Forse sarebbe più piacevole avere delle persone a portata di mano, ma quante volte ti capita di intavolare discussioni simili con dei quasi perfetti sconosciuti (almeno per me, visto che sono qui da pochi giorni)? Questo secondo me è il contrario della freddezza...
Sui cellulari invece non ho nulla da dire, visto che li uso pochissimo (ma non perchè sia contrario).
784 is offline  
Vecchio 08-04-2002, 18.41.54   #3
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Sono daccordo con quanto ha detto 784,
Con la comunicazione su schermo, lo scambio è reale, a volte profondo, molto più di quanto accade nella vita non virtuale, perché lo schermo del computer, fa da …… schermo. Non vi è l'impatto fisico, l'imbarazzo dei gesti, dei movimenti sgraziati, la timidezza, di chi è intimamente convinto di non essere bello o, di non avere fascino. La comunicazione si svolge a livello mentale, ci si affascina con le parole, con le idee con le opinioni.
Quindi è grazie anche a questo nuovo mezzo di comunicazione che a partecipare, ora sono anche coloro che prima, magari, a causa di un problema, o di salute o di timidezza, non riuscivano ad avere con la gente che incontrava, (ammesso che la incontrava!), perché, dietro lo schermo può esserci anche una persona che non è nelle condizioni fisiche di muoversi di casa.
Armonia is offline  
Vecchio 08-04-2002, 19.27.50   #4
nicola
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2002
Messaggi: 20
ciao a tutti,sono un nuovo arrivato.Ho scoperto questo forum con molto piacere...lo stavo cercando
Sono daccordo un pò con ognuno di voi;questa forma di comunicazione non la trovo per niente negativa.Quante volte si riesce a parlare ragionando con calma quando ci si trova faccia faccia con qualcuno?Il tempo non lo permette,la timidezza,persino le persone spesso non sono le più adatte ad un argomento che ci sta a cuore.
Dall'altra la freddezza.E' vero,non c'è comunicazione "umana" nel senso completo del termine:manca la comunicazione non verbale.Ma spesso nella realtà la comunicazione non-verbale passa più di quella verbale.Succede così che una persona magari un pò timida riesca indecisa ad esprimersi,con il risultato che l'altra non ne intende i concetti ma sta piuttosto a guardare la sua timidezza.
Qui ci sono vantaggi molto grandi e positivi,si ragiona su concetti,si parla di idee,sensazioni...e se si vuole,e se si può,si riesce ad affascinare anche con le parole scritte,a volte più dense,profonde e stimolanti della reciproca finta-cortesia che si incontra nella vita "di tutti i giorni".
Penso sia positiva questa forma un pò "fredda" di comunicazione, ma non bisogna tralasciare di allenare anche l'altra,per non correre il rischio di una dissociazione quanto meno inabilitante.Ma a dire il vero,il rischio credo sia poco.
nicola is offline  
Vecchio 09-04-2002, 11.03.49   #5
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
sarà ma io continuo a preferire i rapporti "reali", anche con il corpo si comunica, con gli odori, con il tono della voce e questo tipo di comunicazione non è possibile dietro uno schermo...non che io sia contraria al computer, sono io la prima a passarci ore e ore ad essere in parte dipendente ma manca qualcosa in questo modo di parlarsi, non credo che mi ci abituerò mai
ely is offline  
Vecchio 09-04-2002, 17.30.23   #6
nicola
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2002
Messaggi: 20
E' vero,è quella la comunicazione non-verbale.
Ma,senza escludere la fondamentalità dei rapporti reali,mi trovo in gran parte d'accordo con Armonia.
Anche perchè,se ci pensi,come nella realtà siamo portati a sviluppare proprio la comunicazione non-verbale,e si trovano avvantaggiate le persone disinibite,piacenti,o comunque in grado di intuizione più affinata della comunicazione non-verbale...qui,sullo schermo,ma anche su un libro,scrivendo,siamo portati a sviluppare un'altra forma di comunicazione,non meno profonda o umana,non meno colorata e profumata,non meno in movimento,con tensioni e rilassamenti...non credo che tu non abbia mai letto un libro:se uno scrittore è bravo,riesce a comunicare meno con le sue parole scritte che una persona con la sua voce,i suoi movimenti?
Ho visto per caso il finale di un film di Woody Allen,la storia di un nevrotico(che è poi lui),impossibilitato a vivere la realtà a causa dei suoi complessi infiniti,dei suoi fantasmi.Per lui la scrittura era l'unica forma di realtà e di comunicazione possibile.
A confronto con lui un suo amico spigliatissimo,che dice:"io l'arte la metto nella vita,tu la metti nelle opere.Sono molto meno bravo io a scrivere,così come tu sei molto meno bravo a vivere".
Si può trovare anche il problema esistenziale di queste persone..vedi "Il lupo della steppa" di Hesse.
Allora mi trovo in accordo con Armonia.
Se c'è questa possibilità ben venga...non si può scrivere un libro e farlo pubblicare ogni volta che si vuole dire qualcosa,no?
Ciao a tutti
nicola is offline  
Vecchio 09-04-2002, 20.57.58   #7
nuvola^
silenzio-sa
 
L'avatar di nuvola^
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 146
io sono assolutamente contro la comunicazione "non-fisica" ( se così la si può definire)... ho passato moltissimo tempo a riflettere sull'inutilità, e sulla difficoltà del dialogo, nonchè sul vuoto che si cela dietro alle parole, e ai forzati dialoghi...
parlare direttamente ad una persona, o anche non-parlare (per quanto il non-dialogo risulti molto spesso fin troppo fraintendibile...), è per me necessario. Le espressioni del viso, la modulazione della voce, la gestualità, sono indispensabili per capire e per capirsi. Il contatto telematico, così come le telefonate (a proposito..se Beethoven avesse saputo che i cellulari avrebbero utilizzato le sue sinfonie come suonerie, penso che si sarebbe suicidato...), le mail, anche le lettere in parte, sono comunicazioni parziali, alquanto sterili, che lasciano in entrambi gli interlocutori una sensazione di vuoto e di insoddisfazione. Vuoto a cui si cerca di rimediare mediante la visione di telefilm caratterizzati da personaggi stereotipati (vedi "Dawson's creek"), o tramite l'accanito tifo per la squadra del cuore di turno, che strappano lacrimoni a non finire e simulano una sensibilità che in relatà è ricercata e disperatamente voluta...
nuvola^ is offline  
Vecchio 09-04-2002, 21.23.26   #8
nicola
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2002
Messaggi: 20
ciao nuvola
Vorresti dirmi che o c'è comunicazione umana diretta tramite contatto fisico ravvicinato, o non c'è e addirittura si passa a telefilm e telenovelas varie?
Vuoi dirmi che fior fiore di artisti creano le loro opere per mero passatempo,perchè non hanno di meglio da fare?
Per conto mio stai dicendo una cosa piuttosto grave...l'arte è fatta per dare sensazioni,emozioni,idee,per comunicare.
Sono d'accordo con quello che dici su Beethoven(m'ha strappato anche un sorriso),ma è un discorso a parte;puoi usare un libro di Kant anche per evitare di sporcare per terra mentre colori la casa,e usare una sinfonia di Mozart come colonna sonora iniziale di Giò l'extraterrestre amico degli animali,ma questo è un "uso" abusivo...le parole possono essere piene o vuote,profonde o di circostanza.Ma sei tu che lo decidi,ammesso di esserne in grado.
Torniamo al discorso di Armonia,dici che è sbagliato?
Quello che ho detto,ritieni sia sbagliato?
Rispondimi,mi interessa quello che pensi.
Ciao
nicola is offline  
Vecchio 09-04-2002, 21.57.24   #9
nuvola^
silenzio-sa
 
L'avatar di nuvola^
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 146
x nicola

grazie intanto per avermi risposto...

in riferimento a ciò che hai detto, penso di essermi espressa male io. Come tu dici (e sono pienamente d'accordo), l'arte è un modo per esprimersi: la pittura, la scultura, la poesia, sono mezzi di cui ciascun individuo si serve, per raggiungere un certo risultato, fine che, ovviamente, può essere interpretato in modo differente da chi contempla l'opera, o legge il libro. Ogni cosa comunica qualcosa. Ma il quadro, o la poesia sono comunque modi di comunicare che procedono, per così dire, a senso unico. Hanno come obiettivo sì la comunicazione, ma si tratta, per capirci, di una sorta di monologhi. Anche i telefilm fanno parte della medesima categoria, anche se detto così può sembrare una cosa abbastanza squallida.
Quando invece io ho parlato di comunicazione "fisica" intendevo il dialogo tra due persone, fatto di scambi di opinioni e reazioni. credi di capirmi?
nuvola^ is offline  
Vecchio 09-04-2002, 22.44.22   #10
nicola
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2002
Messaggi: 20
Smile

certo che ti capisco,forse mi sono un pò impuntato sul paragone arte-telefilm...
E' verissimo,è monodirezionale...
Allora ok,puoi comunicare a pieno solo se sei a contatto reale con la persona.Però lasciami dire.La comunicazione reale,e vera,a questo punto dipende dall'intelligenza delle persone.E' raro trovare persone con cui si può comunicare,si chiamano amici,persone care.
Ora però questa comunicazione,quella che avviene da che uomo è uomo,si basa più su scambi emotivi e di sensazioni,e non su concetti o sulle parole espresse.La comunicazione non-verbale passa estremamente più di quella verbale,anche a livello inconscio,sub-conscio,comunque si voglia dire.
Allora fin che ti trovi di fronte ad una persona spigliata e piacevole,ti soffermi,altrimenti dipende dalla tua buona volontà,dal tuo intuito,dai tuoi sentimenti.
Allora sono ancora daccordo con Armonia,ma anche con te.
La comunicazione via Web,scritta e tutte le forme di comunicazione verbale portano ad esprimere delle cose e a tralasciarne altre.Quella più marcatamente reale ne esprime delle altre,forse più belle(ma volendo anche più tremende),e ne tralascia anch'essa altre.
Allora è bello avere la possibilità di stare sul web e quando si è stufi uscire con gli altri popolatori di questo universo.E' positivo che ci siano le alternative,no?E per chi non può godere di entrambe è bello che ci siano i mezzi che permettano comunque uno scambio.
Trovo interessante,riguardo comunicazione verbale e non-verbale,le possibili interazioni...possono essere usate consapevolmente sia in maniera buona che cattiva,possono essere sia terapeutiche che debilitanti...
Ciao
nicola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it