Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 09-10-2002, 11.33.43   #1
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
Rispetto E Dignita' A Tutti I Costi

Vi pongo un quesito, o meglio... vi illustro una situazione:

una persona, all'interno di un ufficio di 6 unità, di cui 3 sono i superiori che hanno + o - la stessa età (cioè giovani, sui 30 anni) si rende conto di venire "usata" come paracolpi tra altre due persone e che viene anche presa x il sedere (cioè un superiore le dà un ordine ripetuto x più e più giorni e poi fa finta di non aver mai dato quell'ordine ma il contrario) e x giunta si incavola.
Tutto questo non vi farebbe girare le palle?
Cosa fare? stare zitti e farsi prendere x i fondelli oppure... cosa? oppure rispondere alle provocazioni mettendo anche a rischio il posto di lavoro?
Cercare di farsi rispettare o no?
neverforever is offline  
Vecchio 09-10-2002, 12.05.40   #2
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
1.Se hai un buon rapporto con lui, prova a prenderlo da una parte e fagli notare la questione che nn gradisci;

2.se nn hai un buon rapporto e nn puoi quindi parlarci a viso aperto, quando ti da un lavoro da svolgere chiedi conferma agli altri e rendi sempre nota la questione a tutti.

Così faccio io con molta furberia, quando uno dei due mi da un lavoro da svolgere, puntualmente, quando la cosa mi puzza, io vado dall'altro e gli dico: "ho questa cosa da fare per un po sono impegnata".
Sai cosa succede spesso, che loro ne discutono insieme e alla fine io ne esco pulita.
Che ci vuoi fare nel mondo del lavoro bisogna tirar fuori l'istinto di sopravvivenza e quieto vivere!!!

In bocca al lupo!
kri is offline  
Vecchio 09-10-2002, 14.17.23   #3
gertrud
Ospite
 
Data registrazione: 06-10-2002
Messaggi: 7
Bella domanda davvero.

Non è semplice dare una risposta, almeno da una persona come me che è stata abbastanza bistrattata sul luogo di lavoro.

Faccio un esempio. Mi veniva richiesto di preparare una lettera, lo facevo, mi veniva corretta, quindi la ristampavo. Nuovamente mi veniva corretta, e così di seguito per infinite volte.

L'unico problema era che però la colpa era mia. Le minute venivano trattenute, quindi non potevo provare che non erano errori miei.

Così ho iniziato a fare le fotocopie prima di passare l'originale alla mia superiore.

Al momento opportuno, quando mi disse che ancora non avevo capito quello che dovevo fare, le dissi che avevo semplicemente seguito degli ordini facendole vedere le fotocopie da lei corrette.

Successe il finimondo. Perchè secondo lei mi ero comportata scorrettamente.

L'atmosfera era invivibile, ho dovuto cambiare ufficio.

Decisamente non so cosa suggerirti, so solo che devi cercare di agire in modo da evitare che tu diventi il capro espiatorio per cause da te non dovute.

Auguri
gertrud is offline  
Vecchio 09-10-2002, 23.53.02   #4
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Ciao Never

la risposta più sensata l'ha data Kri.

Se, come me, non possiedi questa scaltrezza, il consiglio di Schiepp è il più appropriato: mazzate sui denti ai pezzi di merda.
Perchè altro non è chi mette in difficoltà gli altri senza alcun rispetto e rallenta il lavoro per cui è pagato solo per far valere una sua superiorità (..del cazzo!).

Mi sembra inutile stare a lavorare con persone che hanno nulla da insegnare e solamente ti trattano male.

Tieni presente che sono solo i deboli a sfogare le proprie frustrazioni in questo modo nei confronti di chi è tenuto ad eseguire le loro indicazioni.

Attilio is offline  
Vecchio 10-10-2002, 09.12.38   #5
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
"Tieni presente che sono solo i deboli a sfogare le proprie frustrazioni in questo modo nei confronti di chi è tenuto ad eseguire le loro indicazioni."

Hai proprio ragione Attilio. Soltanto da poco tempo mi sono resa conto che in quest'ufficio ognuno fa il ca--- che vuole, mentre io... forse xché finora non mi sono stimata abbastanza, ho sempre cercato di essere sin troppo disponibile verso gli altri, sempre corretta. Bè... sai cosa penso? che è ora di tirare fuori le palle, comincio anch'io, continuando a lavorare e ad essere disponibile, a farmi i cavoli miei, e il primo che si approfitta lo metto a posto subito. Cmq ormai qua dentro l'hanno capito tutti che le cose sono cambiate, che non mi prendono + x i fondelli.
Ieri ho aperto questo thread in seguito ad una discussione avuta con la mia "capa": pochi anni + di me e fa la capa solo quando vuole lei. Ieri entro nel suo ufficio x prendere una pratica senza salutarla (lei mi ha preso CHIARAMENTE per il sedere, trattandomi da cretina interdetta? e io dovrei continuare a rispettarla dandole il saluto??) Per il mancato saluto si è offesa. "il saluto non è + di casa?" "no, il saluto non è + di casa, xché prima il rispetto si dà, e poi si può pretenderlo" le ho risposto io. "stai attenta, non costringermi a prendere provvedimenti con la direzione". Bè, non ce l'ho fatta a stare zitta, le ho detto "no, tu hai capito male, io non sto zitta, è facile fare la capa così". Vi giuro, non ho mai risposto male a nessuno in questi 5 anni, menchemeno ai cosiddetti "capi", che qui lo sono solo di nome ma non di fatto. Però sono arrivata ad un punto in cui, basta… basta tenermi sempre le cose dentro, basta subìre, sono stata malissimo ultimamente, non ci ho dormito la notte, ho pianto fino ad avere gli occhi rossi. E mi sono resa conto che le emozioni e le opinioni e idee inespresse, la rabbia inespressa, alla fine viene fuori, e quando viene fuori dopo tanto tempo può portare anche guai.
Ok, ieri le ho risposto così. Se i miei sapessero cos'è successo… Un mio amico della Costa d'Avorio ieri sera mi ha detto "Stefy, laisse à la maison tes sentiments" Stefy, lascia a casa i tuoi sentimenti. Cioè… vai in ufficio, salutala tranquillamente, e poi fai il tuo lavoro. Almeno finché non avrò eventualmente trovato un altro lavoro.
Ok, farò così. Anche se è difficile, credo che in questi 5 anni sia veramente la cosa + difficile che mi trovo costretta a fare.
In ogni caso, la mattina quando mi alzo x venire in ufficio, mi sveglio combattiva, quasi dovessi andare in guerra. Dolce sì, ma fino ad un certo punto!

Grazie ragazzi
neverforever is offline  
Vecchio 10-10-2002, 13.52.04   #6
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Aiuto....

"sai cosa penso? che è ora di tirare fuori le palle"

mi fai paura

Così si fà, grande!

Non so se riuscirei a fare altrettanto, però é il sistema giusto.

Non pensare subito ad andartene, può capitare che con una "girata" da parte tua ti si aprano inaspettate prospettive.
Non sempre queste rivolte hanno come logica conseguenza l'abbandono...

Mi piace sentirti così, brava!
Attilio is offline  
Vecchio 10-10-2002, 18.25.13   #7
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
grazie... siete tanto dolci!!!

Ehm... non esageriamo xò con la dolcezza... Nella vita bisogna essere duri, duri, duri!!!!!!!!!!!!!!
neverforever is offline  
Vecchio 10-10-2002, 23.06.48   #8
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
bhè,

adesso non esagerare a fare la donna dura, eh?

Ciao campione!
Attilio is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it