Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 09-11-2002, 00.34.40   #1
schieppwaters
 
Messaggi: n/a
cani da caccia

cani da caccia ovunque, in questo cazzo di mondo...tutti coloro che hanno un minimo di potere lo usano per alzare la voce , per venirti a dire cosa devi dire, cosa devi fare, cosa devi persino pensare.....in questo mondo tutti e dico tutti abusano del potere che hanno a disposizione...puo' essere un potere piccolo cosi, ma comunque devono farsi sentire lo stesso infilandoti quella leggera spina nel fianco che ti fa dolere per un po'....come se a noi non ce ne bastasse delle nostre di menate , bisogna anche avere un surplus di cazzate dette in faccia a caratteri maiuscoli....cosi loro si sentono un po' piu'....quando invece sono dei meno come tutti gli altri


avete mai abusato del potere che avete avuto, in qualche circostanza, facendo star male, o semplicemente rompendo le balle, a chi non aveva fatto nulla, solo per il gusto di far valere la vostra superiorita'???


riflessione dele 1230....mi e' venuta cosi....
 
Vecchio 09-11-2002, 15.48.42   #2
Ygramul
Anima Antica
 
L'avatar di Ygramul
 
Data registrazione: 22-07-2002
Messaggi: 423
Carissimo Schiepp...

Ti rispondo: no, mai. E ne ho avute molte di occasioni, ben chiare. Ho subito gli attacchi altrui e li ho superati, ma non ho mai volontariamente usato il potere che la mia posizione a volte può fornire, a nessun titolo e per nessuna ragione. Comprendo il tuo sfogo, e spero di cuore che Ivo non ti banni per aver usato un linguaggio esplosivo, perchè comprendo da dove può nascere la tua rabbia. Si sta verificando una cosa orribile nel mondo: una incontrollata, pazzesca, inutile sete di prevaricazione. Lo vedo tutti i giorni, a molti livelli. Lo vedo nell'angoscia di chi subisce, lo vedo nella rabbia cieca e priva di ragioni di chi lo fa. Non capisco, e forse non riuscirò mai a capire cosa succede. Ma ti comprendo, comprendo il tuo sfogo e lo faccio mio..
Ygramul is offline  
Vecchio 09-11-2002, 17.53.24   #3
scultore
 
Messaggi: n/a
X Schieppwaters

Hei schieppwaters ti racconto una storiella.......

C'era una volta..... un pezzo di legno!
No, cosa vi salta in mente? State buoni e tranquilli. Non disturbate il guidatore, ehm, cioe' il narratore.
Dunque.
C'era una volta un "re". Un "re" che, come in tutte le storie che si rispettino, "semrava un vecchio e malato."
Veramente non era poi cosi' vecchio, perche' aveva poco piu' di ventitre'anni, ma il fatto e' che erano successe tante di quelle cose che avevano rivoluzionato il mondo in cui era nato che lui, poveretto, non ce la faceva proprio piu'.

Il suo nome era .schieppwaters Beh?! E' un nome come un altro. Non stiamo a guardare tanto per il sottile. O a spaccare il capello in quattro, a cercare il pelo nell'uovo, e tutte quelle robe li'. Si chiamava schieppwaters Tutto qui.

Dunque questo "re" era malato gravemente. E per cercare di curarlo lo fecero visitare da molti dottoroni di ogni specie. I consulti durarono a lungo, perche' non si trovavano mai d'accordo fino in fondo sulla cura.
In realta', non e' che a tutti interessasse molto che questo "re" continuasse a vivere.
Alcuni, ad esempio, non sapevano neppure che esistesse; si', e' vero, si imbattevano, a volte, nelle sue disposizioni, subivano talora gli effetti della sua esistenza, come quando volevano sposarsi e, soprattutto, separarsi o divorziare, e lui era li', col dito puntato, a proibire, anche a coloro che non erano proprio suoi sudditi, ma cittadini di una principessa che si chiamava Res Publica, che pero', fin dalla nascita si era trovata, in certo qual modo legata (qualcuno potrebbe dire quasi in ostaggio) del vecchio "re".
Altri, che erano contrari a ogni accanimento terapeutico, avrebbero desiderato che la natura facesse il suo corso. Tanto piu' che, se il re fosse morto,la principessa Res Publica avrebbe potuto finalmente emanciparsi da quell'ambiguo legame, ma sapevano anche che le speranze in tal senso erano scarsissime. Quel legame, infatti, faceva talmente parte della costituzione della principessa che, per liberarla, ci sarebbe voluta una operazione di alta chirurgia. Ma i medici e i chirurghi, in generale, erano dalla parte del "re".
E infatti, dopo tanto affannarsi, finalmente, qualcosa accadde, e due dottoroni, proprio i piu' specialisti e specializzati del settore, riuscirono a trovare una terapia adeguata e insieme firmarono la ricetta che doveva salvare il nostro re. Correva l'anno 2001, addi' 09 di novembre!

Il "re", dunque, si poteva dire salvo, ma restava ancora tremebondo, perche' era rimasto afflitto da un bacillaccio duro a piegarsi, chiamato "bacillus oeconomichus", che si era annidato in un ganglio vitale dell'organismo del giovane "re". Per cosi' dire, nel suo tallone d'Achille. Per sconfiggerlo ci voleva un farmaco nuovo, forse non ancora inventato, che restituisse davvero al "re" la sua baldanza giovanile.
I due dottoroni si trovarono d'accordo anche su questo: avrebbero mandato un gruppo di messi per tutto il regno a cercare questo farmaco. Ciascuno dei due nomino' i messi di sua fiducia, e questi partirono senza sapere bene, pero', com'era fatto e di cos'era composto cio' che cercavano.
L'unica cosa certa e' che si dovevano sbrigare perche' avevano sei mesi di tempo. Non un'ora di piu'. E se tornavano a mani vuote..... Oddio, che problema! C'era di che perdere la testa.
Cammina cammina, i poveri messi erano arrivati quasi alla fine del periodo loro concesso che non avevano concluso un granche'. Avevano, si', raccolto qualcosa qua e la', formule, ricette, qualche boccetta con liquidi di improbabili colori, ma nessuno aveva loro garantito la soluzione del problema.
Finche'.....
Un pomeriggio, sul tardi, mentre si trascinavano accaldati (era estate) in una landa desolata col sole implacabilmente addosso, ecco, all'orizzonte, prender forma una figura, che procedeva a balzelloni esprimendo una grande energia ed allegria.
"Buon per lui!", mormoro' uno dei messi, un po' in la' con gli anni, che non si reggeva piu' in piedi, "Guarda com'e' pimpante! O chi gliela da' tutta questa energia a quest'ora?".
A mano a mano che la figura si avvicinava, i messi non mancarono di notare alcune stranezze. Il suo procedere denotava, si', energia e allegria, ma anche una certa durezza di movimenti. Gambe e braccia si muovevano a scatti, come se al posto di ginocchi e gomiti avesse avuto delle viti. "Toh", osservo' il piu' giovane della comitiva, che pero' era abbastanza maturo anche lui, "sembra Benigni quando fa il burattino....". Ma si cheto' subito, sentendosi addosso lo sguardo gelato degli altri. Benigni, infatti, a quell'epoca non era ancora saltato in collo all'ambasciatore del re nel Granducato di Toscana, ma doveva gia' aver girato "Il Pap'occhio", che al "re" e alla sua corte non era garbato tanto.
Intanto, quella figura si stava avvicinando: che strana testa e che faccia singolare! A ogni balzo in avanti il naso appariva sempre piu' lungo, ma proprio lungo... e finiva con una punta come quella di un ago. Se avesse dato una nasata a un palloncino, sai che scoppio.
E sulla zucca tonda tonda, svettava un buffo cappello a pan di zucchero che non se ne vedono piu' da millant'anni.
Boh! Che strana creatura. Pero' era una personcina educata. Quando si trovo' a passare davanti a quel consesso, rallento', si tolse il cappelluccio, e disse: "Sera, signori!".
"Buonasera, giovanotto! Fermati un momento. Forse ci puoi aiutare", disse un altro dei messi.
"Oh, certo. Volentieri. In che cosa posso esservi utile?", replico' il nuovo venuto.
"Mah, non lo sappiamo neppure noi. Vedi, stiamo cercando una medicina per il nostro "re", e finora non l'abbiamo trovata. Ma tu che sei cosi' pieno di allegria, forse ci puoi consigliare su come fare a darla anche al nostro "re".
"Che cos'e' che ti fa essere cosi' allegro?", chiese un terzo messo, che era diventato verde d'invidia, perche' lui, poveretto, era sempre depresso a ogni ora del giorno e della notte.
"Sono allegro, si'", rispose il ragazzotto. Perche' tale era, in effetti, chiaramente, pur con tutta la sua strampalata apparenza. "Altro che! Vedete, ho appena incontrato due signori. Molto distinti e per bene. Un po' scarrettati, a dire il vero. Voglio dire, hanno qualche problema fisico. Uno, poverino, e' cieco. E quell'altro cammina con una stampella. Pero', sono proprio dei signori. Per davvero. Signori.... in disagio.. Ecco. Ho un po' d'esperienza nel volontariato, sapete?".
I messi, a cui, in quel momento, interessava soltanto il loro, di disagio (che era veramente tanto), cominciarono a smaniare: "Si', va bene. E allora?".
"E allora, questi due signori... tanto sfortunati, ma con un cuore d'oro, grande cosi', mi hanno detto che in quel campo la'", e mentre diceva queste parole, additava un campo poco distante dietro a lui, dove sorgeva solitario un alberello un po' triste e assetato, "si', proprio laggiu', se la sera ci metti OTTO zecchini, la mattina dopo ne trovi MILLE!".
"Eureka!", grido' il messo piu' vecchio, tutto ringalluzzito, "Ho trovato!".
"Che cosa?", fece eco il depresso, speranzoso: "L'acqua della vita?".
"No, meglio.schieppwaters

Ciao scultore

P.S
( Senza offesa,Tu mi conosci volevo farti sorridere un po su con la vita avessi io i tuoi anni altro che cani da caccia.....(un Bazzukkkaaaa)

 
Vecchio 09-11-2002, 22.48.31   #4
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Che dire...

pure io faccio mie le parole di Schiepp!

"Si sta verificando una cosa orribile nel mondo: una incontrollata, pazzesca, inutile sete di prevaricazione. Lo vedo tutti i giorni, a molti livelli. Lo vedo nell'angoscia di chi subisce, lo vedo nella rabbia cieca e priva di ragioni di chi lo fa."

Lo vedo anche io quotidianamente, mi chiedo perchè, non ho risposta e mi è persino difficile inventarne una.

Per rispondere alla domanda di Schiepp, sotto un severo esame di coscienza devo ammettere che, seppur in maniera leggera, l'ho fatto.
Vorrei che tutti avessero l'onestà di dirlo, perchè in base alla mia esperienza tutti lo hanno fatto! Io parlo anche di situazioni esterne al lavoro, perchè capita anche nel personale.
Attilio is offline  
Vecchio 10-11-2002, 12.52.54   #5
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Attilio non "Si sta verificando una cosa orribile nel mondo: una incontrollata, pazzesca, inutile sete di prevaricazione. Lo vedo tutti i giorni, a molti livelli. Lo vedo nell'angoscia di chi subisce, lo vedo nella rabbia cieca e priva di ragioni di chi lo fa."

C'è sempre stata, in passato forse anche molto di più...

Te ne accorgi oggi perché ci sono i media e perché hai un termine di paragone con la libertà che in fondo possediamo tutti.

In passato:

1) Non sapevi neanche cosa succedeva nel paesino di fianco al tuo.

2) Subire prevaricazioni era la norma, libertà era una parola molto ma molto relativa.

Il mondo cambia nonostante l'uomo, ci solo vuole tempo, ma i limitati temporalmente siamo noi non l'universo...
 
Vecchio 10-11-2002, 15.30.38   #6
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Parlo del giorno d'oggi

non per fare un paragone se sia meglio o peggio del passato.

Esprimo ciò che vedo intorno a me nella mia vita attuale.
Se devo fare un raffronto con il passato sono d'accordo con te, anche se avrei altro da dire ma non qui.

Vorrei precisare questa cosa nel caso io non sia stato chiaro, parlo dell'oggi e di ciò che vivo io.
Attilio is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it