Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 14-11-2002, 23.09.33   #1
784
Numero
 
L'avatar di 784
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 291
Question Valori?

Eccoci, la domanda è scontata dopo la discussione di Cat, e vorrei dedicarle un 3d esclusivo: cos'è un "Valore"?



Bando alla poesia che ubriaca e all'estasi, mi raccomando, e ricordate che la capacità di sintesi è una virtù...
784 is offline  
Vecchio 15-11-2002, 00.20.23   #2
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Bella domanda, e rispettando la tua richiesta di sintesi dico che:


"Valore", è il risultato finale quando qualcosa mi diventa particolrmente "caro", o che do' a dei miei ideali, rispettandoli.


"Valore" è anche "amore".
Armonia is offline  
Vecchio 15-11-2002, 07.26.49   #3
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
i valori sono delle "regole" di vita a cui si crede fermamente e si fa fatica a tradire, il bello dei valori è che possono i più svariati diventando molto personali e dunque parte della persona
ely is offline  
Vecchio 15-11-2002, 09.20.47   #4
Willow
Ospite abituale
 
L'avatar di Willow
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 211
Più che regole di vita le definirei stili di vita. Per chi segue i propri valori non si tratta di seguire una regola che se infranta ci procurerà un senso di fastidio. Seguendo uno stile di vita invece è rarissimo sgarrare, poichè non è qualcosa di costrittivo (devo fare così), ma qualcosa di intrinseco (faccio così), un po' come fare colazione tutte le mattine. Un esempio? Io ringrazio sempre ovunque vada le persone che mi hanno servito, foss'anche una commessa antipatica, perchè per me la cortesia è un valore.
Willow is offline  
Vecchio 15-11-2002, 10.33.19   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Contribuente

Un bel rebus…… Comunque dopo lunghe riflessioni,, ho isolato tre ordini di valori. Il teorema regge nei miei schemi di pensiero, ma non mi è esaustivo; lo passo comunque, come contributo al post di 784, ed alla discussione sui valori in genere.

Valori soggettivi:
Tutto ciò che risolve un problema, risponde ad una domanda, allevia una sofferenza, colma una mancanza, sovviene ad un bisogno, sia dei singoli individui come di strutture sociali complesse.

Valori oggettivi:
Dato intrinseco della manifestazione. (Mi rendo conto che qui occorre un piccolo esempio).
ES: L’odore ha valore perché in esso è racchiusa la potenzialità dell’esperienza, quella cioè che noi uomini chiamiamo vita. Il suo valore è intrinseco ed esiste prima che lo sperimentatore, (il soggetto, cioè l’uomo), dica che è buono o cattivo, che è puzza o che è profumo, che è piacevole o spiacevole.

Valori convenzionali:
Assegnazione del tutto convenzionale ed arbitraria di un attributo di pregio o di merito, assegnate a priori ed una volta per sempre a cose, persone, situazioni, luoghi, etc…. etc
(Forse questa è l’accezione che usiamo maggiormente ma ciò non la rende più vera di altre).
VanLag is offline  
Vecchio 15-11-2002, 13.02.11   #6
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Io nella mia discussione parlavo di valori morali,ovvero quella separazione tra sentimenti positivi e negativi,tra peccati e virtù che si è venuta a formare nel corso dei secoli.
L'egoismo,la superbia,l'invidia,l'ipocrisia sono ad esempio valori riconosciuti dalla maggior parte della gente come negativi.Il problema nasce quando uno non riconosce tali valori come propri ..cosa deve fare,isolarsi dalla società o cercare di cambiarli???
La famiglia,il successo nel lavoro,l'amore verso il prossimo sono altrsì considerati valori positivi...il problema è sempre che comunque qualcuno può non reputarli come tali!
In definitiva i valori sono quei concetti reputati dalla società come positivi o negativi.Il problema è che, secondo me,non è giusto che sia la stessa società a imporre questi attributi a tali concetti,ma dev'essere il singolo individuo.Anche se questa è un utopia in quanto se ciò avvenisse ci sarebbe anarchia.
sisrahtac is offline  
Vecchio 15-11-2002, 13.19.28   #7
Morfeo
 
Messaggi: n/a
...e dove sarebbe il "male" nell'anarchia?

Io mi posso dire anarchico e non ci vedo niente di male.

L'anarchia dei "buoni" non comporta alcun danno...

E' che purtoppo al mondo c'è chi se ne vuole appofittare che rovina tutto..

Anche se vedendola dall'altro, anche se il mondo fosse in un completo caos poco cambierebbe per l'ordine delle cose, secondo te l'universo se ne frega di cosa succede su questa piccola palla di sterco?

Se ci fosse l'anarchia "cattiva" seplicemente l'uomo perderebbe l'occasione di arrivare lì dove e destinato, tutto qui.

Comunque è solo questione di tempo, l'anarchia c'è stata, ma l'uomo si riorganizzato , solo i fessi pensano che scassando tutto si possa vivere, i fessi ed i parassiti...

Se tutti si mettessero a scassare tutto, si morirebbe di fame in 10 giorni e addio anarchia...

E' bello andare contro qualcosa, quando questo qualcosa ti mette il piatto caldo davanti tutti i giorni, vallo a dire ai tanti No-Global deficienti di questo mondo...

L'anarchia "giusta" ci sarà quando l'uomo accetterà il suo destino e non avrà più bisogno di balie spirituali...
 
Vecchio 15-11-2002, 13.36.25   #8
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Fondamentalmente concordo con te...di fatto l'oltreuomo di Nietzsche non è altro che un uomo che si è LIBERATO da queste balie spirituali....
sisrahtac is offline  
Vecchio 15-11-2002, 13.45.58   #9
FalcoAntonio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-08-2002
Messaggi: 128
Provo a dire la mia...

I "valori sono quell'insieme di regole ESSENZIALI che aiutano il singolo e la collettività a tendere al raggiungimento del piacere e, o alla minimizzazione del dolore.

Sono funzionali unicamente alla ottimizzazione dell'istinto alla sopravvivenza del singolo e della collettività.

L'uomo deve il suo successo, come specie, alla sua natura sociale, oltre che all'istinto egoistico individuale e all'intelligenza.

Recenti scoperte delle neuroscienze sembrano provare che la gratificazione che un individuo sano, normale riceve a seguito di un atto collaborativo supera quella connessa ad altri tipi di "piaceri".
FalcoAntonio is offline  
Vecchio 15-11-2002, 13.51.14   #10
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Non per riprendere i soliti discorsi..i valori possono essere un supporto per lo sviluppo ma,se non rinnovati costantemente,diventare delle gabbie...
sisrahtac is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it