Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 31-03-2006, 14.02.37   #1
argos
Ospite abituale
 
L'avatar di argos
 
Data registrazione: 30-03-2006
Messaggi: 80
Facoltà di antropologia..

C'è qualcuno che fa la facoltà di antropologia all'università?
da sempre mi affascina il mondo dell'uomo nella sua diversità, nelle sue tradizioni, nel suo modo di reagire alle cose, alla convivenza con i suoi simili ecc.
Vorrei iscrivermi ad antropologia ma non conosco bene che mondo sia.. se c'è qualcuno che la frequenta ed avesse dei consigli da offrirmi ne sarei molto grato...
argos is offline  
Vecchio 02-04-2006, 06.47.01   #2
Lord Kellian
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-07-2005
Messaggi: 348
E' estremamente affascinante secondo me.
Vedi http://magazine.enel.it/boiler/arret...ollicine10.asp
Da cui traggo:

Il concetto chiave che Remotti chiama in causa per introdurre al mondo degli antropologi è quello di “foggiatura” dell’umanità, un modo più plastico di indicare la “cultura”. Un gruppo umano ha sempre bisogno di darsi una foggia, di disegnare la sua cultura, o la sua pelle, perché in natura l’umanità è sempre incompleta. L’elemento specifico degli umani è proprio la loro incompletezza, per cui essi mai restano come sarebbero in un presunto stato naturale, perché lo stato naturale per questo strano animale, come aveva capito già Herder, non esiste. Senza “foggiatura” gli esseri umani non solo soccombono ma non sarebbero neanche in grado di organizzare la propria percezione del mondo. E la messa in forma della specie riguarda quattro ambiti fondamentali: quello intellettuale (i concetti, la lingua), quello emotivo (il sentire, la passione), quello morale (valori e regole) e quello estetico (l’immenso campo che va dal vestire, al trattamento dei peli, al tatuaggio, fino alla chirurgia estetica). La prima e fondamentale scoperta dell’antropologia è che non c’è l’“uomo normale”, un prototipo di Homo sapiens, no, c’è sempre un essere “speciale”, foggiato, che parla qualche strana lingua, che porta strani cappelli e scarpe, che sa fare qualche strano mestiere.
Lord Kellian is offline  
Vecchio 02-04-2006, 10.06.23   #3
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
In che città ti vuoi iscrivere?

Dove sono le buone facoltà in Italia?

Mia figlia studia a UCL a Londra (University College of London), non per snobismo, ma perché siamo residenti in un piccolo paese dove quasi tutti vanno all'estero.

In ogni caso questa facoltà è molto quotata, forse una delle più quotate al mondo.

Puoi andare sul loro sito, guardare il piano di studi e poi vedere di conseguenza la facoltà italiana che ti da più fiducia.

Mi interesserebbe sapere cosa hai scoperto. Magari interessa anche a mia figlia.

Quello che mi preoccupa un po' però sono gli sbocchi professionali. Prima o poi un mestiere bisogna averlo....

Coraggio e buona fortuna


Monica 3 is offline  
Vecchio 03-04-2006, 15.19.53   #4
argos
Ospite abituale
 
L'avatar di argos
 
Data registrazione: 30-03-2006
Messaggi: 80
Grazie mille Lord Kellian, quel sito mi è molto utile... anche quel pezzetto che hai trattato è molto significativo sopratutto: "Non esiste l'uomo normale"... bisognerebbe ricordarselo
grazie
argos is offline  
Vecchio 03-04-2006, 15.33.07   #5
argos
Ospite abituale
 
L'avatar di argos
 
Data registrazione: 30-03-2006
Messaggi: 80
Per monica 3: vorrei iscrivermi alla facoltà di antropologia di Bologna... Sarebbe interessantissimo andare a Londra...
Hai ragione l'unica cosa che mi frena è lo sbocco professionale che può dare...

ciò che ho "scoperto" è che esistono altri mondi diversi dal nostro in cui viviamo e che la pensano in maniera diversa, questo mi ha fatto capire quale patrimonio culturale l'uomo ha nelle sue mani e non dobbiamo lasciarcelo sfuggire, inoltre penso che capire le tante diversità figlie di un unico creatore, l'Uomo, sia molto interessante.. Ho trovato l'ispirazione leggendo sopratutto i libri di Tiziano Terzani... te li consiglio, anche per tua figlia...
Grazie
argos is offline  
Vecchio 03-04-2006, 15.43.47   #6
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Ciao Argos,

grazie per l'informazione.

Mi spiacerebbe averti scoraggiato con la storia dello sbocco professionale.

Ti riferisco quello che mi ha detto mia figlia, quando all'epoca le avevo espresso i miei dubbi.

"Mamma, quando hai capito come funziona l'uomo nei diversi ambienti, e accetti la diversità, puoi fare qualunque lavoro".

Lo spero insieme a voi.

Monica 3 is offline  
Vecchio 03-04-2006, 15.52.53   #7
argos
Ospite abituale
 
L'avatar di argos
 
Data registrazione: 30-03-2006
Messaggi: 80
Ciao Monica: lo sai che hai una figlia meravigliosa la sua frase mi ha illuminato, ha assolutamente ragione...
grazie mille
argos is offline  
Vecchio 03-04-2006, 16.55.59   #8
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da argos
Per monica 3: vorrei iscrivermi alla facoltà di antropologia di Bologna... Sarebbe interessantissimo andare a Londra...
Hai ragione l'unica cosa che mi frena è lo sbocco professionale che può dare...

ciò che ho "scoperto" è che esistono altri mondi diversi dal nostro in cui viviamo e che la pensano in maniera diversa, questo mi ha fatto capire quale patrimonio culturale l'uomo ha nelle sue mani e non dobbiamo lasciarcelo sfuggire, inoltre penso che capire le tante diversità figlie di un unico creatore, l'Uomo, sia molto interessante.. Ho trovato l'ispirazione leggendo sopratutto i libri di Tiziano Terzani... te li consiglio, anche per tua figlia...
Grazie

Quello che ho detto io a mio figlio, che non ha studiato antropologia ma lettere, che di sbocchi ne da comunque pochini è stato: "studia quello che ti piace davvero! Ad imparare a fare l'idraulico poi c'è sempre tempo!" E' una battuta, è ovvio, ma difficilmente si riesce bene in una cosa che ci fa schifo e seguire i propri interessi è fondamentale per vivere bene. Gli sbocchi poi si trovano e comunque si fa sempre a tempo a scendere a compromessi se la vita ci obbiga a farlo. Non vale la pena di partire arendendosi subito, anche perchè il mondo cambia così in fretta che ciò che sembra offrire sbocchi adesso, potrebbe non offrirne più tra 5 anni e viceversa. L'antropologia culturale, oltre ad essere uno studio affascinante, è un'ottima scuola di adattabilità e di elasticità mentale.

Sugli sbocchi, credo ci sia una bellissima e quotatissima specializzazione in mediazione culturale a Trieste.

Fragola is offline  
Vecchio 03-04-2006, 20.22.16   #9
argos
Ospite abituale
 
L'avatar di argos
 
Data registrazione: 30-03-2006
Messaggi: 80
Grazie fragola;
hai ragione, bisogna fare ciò che ci piace, è l'unico modo per sentirsi bene nella vita...
argos is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it