Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 19-05-2006, 15.24.58   #1
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
La legge del taglione.....

La Legge del taglione (o pena del taglione) è un principio di diritto in uso presso le popolazioni antiche consistente nella possibilità riconosciuta ad una persona che abbia ricevuto un'offesa di infliggere all'offensore una pena uguale all'offesa ricevuta. Volgarmente il principio è espresso dalla locuzione occhio per occhio, dente per dente. http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_del_taglione

Fu vendetta o giustizia quella di Simon Wiesenthal, che sopravvissuto al campo di concentramento di Mauthausen, divenne cacciatore di nazisti?

Più genericamente, chi ha subito gravi torti e vessazioni ha il diritto di rendere le offese ricevute facendo provare al persecutore la sua stessa medicina?

VanLag is offline  
Vecchio 19-05-2006, 16.20.39   #2
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Ad ogni aggressione una uguale e contraria...potrebbe essere un'idea...o forse l'aggressivo viene ripudiato nel suo ruolo sociale ed allontanato...l'1 ed il 7 ..
sisrahtac is offline  
Vecchio 19-05-2006, 16.31.33   #3
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Van, quella di Simon fu giustizia, in quanto lui non si vendicava personalmente nei confronti dei nazisti cui dava la caccia. Se consideriamo che lui e sua moglie rimasero soli, senza fratelli, sorelle e genitori, beh... forse un altro avrebbe imbracciato il fucile e avrebbe sparato. Lui invece, pur essendo ebreo (la legge del taglione mi pare sia ammessa dagli ebrei) si limitò a consegnare alla giustizia, chiunque si fosse macchiato dei crimini contro l'umanità: i nazisti appunto.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 19-05-2006, 22.07.02   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Van, quella di Simon fu giustizia, in quanto lui non si vendicava personalmente nei confronti dei nazisti cui dava la caccia.
Si Wiesenthal è un caso estremo ma mi premeva esaminare il principio di rivalsa…..

Ad esempio se io desidero intensamente e con tutto me stesso, che il ministro Maroni possa prendere la pensione dopo 40 anni di contributi, sono animato da un sentimento di vendetta o di giustizia?

Più in generale vorrei che provasse quello che lui ha fatto provare a me, che già vedevo la fine del tunnel (lavorativo), ed improvvisamente ho perso quella visione. Vorrei che vedesse cosa significa disporre della vita degli altri, stando dall’altra parte della barricata. Vorrei fargli lo stesso male, magari per poco solo affinché veda, poi gli toglierei la legge.

Sono cattivo e rancoroso? Sono giusto? Non ho risposte, me lo chiedo!

VanLag is offline  
Vecchio 20-05-2006, 18.15.27   #5
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
VanLag, secondo me è il caso di chiedersi: cosa ci guadagno io? Cosa ci guadagna la società? Chi ha il diritto di giudicare? Perché? Cosa ci guadagneresti tu se Maroni lavorasse 40 anni prima di andare in pensione, magari a spaccar pietre sotto il solleone?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 20-05-2006, 18.47.20   #6
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: La legge del taglione.....

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
La Legge del taglione (o pena del taglione) è un principio di diritto in uso presso le popolazioni antiche consistente nella possibilità riconosciuta ad una persona che abbia ricevuto un'offesa di infliggere all'offensore una pena uguale all'offesa ricevuta. Volgarmente il principio è espresso dalla locuzione occhio per occhio, dente per dente. http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_del_taglione

Fu vendetta o giustizia quella di Simon Wiesenthal, che sopravvissuto al campo di concentramento di Mauthausen, divenne cacciatore di nazisti?

Più genericamente, chi ha subito gravi torti e vessazioni ha il diritto di rendere le offese ricevute facendo provare al persecutore la sua stessa medicina?


Con il corriere della sera, vendono dei bellissimi cd di spettacoli di grandi comici. Proprio l'altro ieri guardavo quello di Giobbe Covatta che dava una bella interpretazione della legge del taglione. Diceva che è un limite. Cioè, se tu mi cavi un occhio, non è che io ti devo cavare un occhio, io ti posso al massimo cavare un occhio. Cioè che la legge del taglione significa che, perchè la giustizia sia giusta, la pena non può essere superiore al male fatto. Il senso sarebbe quindi quello di contenere il desiderio di vendetta. Non di giustificarlo. Sarà anche un comico, ma...
Fragola is offline  
Vecchio 20-05-2006, 18.51.09   #7
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
VanLag, secondo me è il caso di chiedersi: cosa ci guadagno io? Cosa ci guadagna la società? Chi ha il diritto di giudicare? Perché? Cosa ci guadagneresti tu se Maroni lavorasse 40 anni prima di andare in pensione, magari a spaccar pietre sotto il solleone?
Il castigo terapeutico ed educativo a Maroni, potrebbe insegnare ai ministri che non si può legiferare fregandosene della gente, con grande vantaggio della società e se la società diventa più giusta ne sono beneficiato anche io.

Il porgere l'altra guancia, il perdono, che sono il contralto neo-testamentario alla legge del taglione, ha suscitato in noi una tolleranza che rasenta la rassegnazione ed in nome di quella bonomia troppo spesso ci lasciamo prevaricare.
Se a fronte di una prevaricazione, invece, c’è una forte reazione, forse ci sarebbe più giustizia.

VanLag is offline  
Vecchio 20-05-2006, 18.58.46   #8
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Re: La legge del taglione.....

Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Con il corriere della sera, vendono dei bellissimi cd di spettacoli di grandi comici. Proprio l'altro ieri guardavo quello di Giobbe Covatta che dava una bella interpretazione della legge del taglione. Diceva che è un limite. Cioè, se tu mi cavi un occhio, non è che io ti devo cavare un occhio, io ti posso al massimo cavare un occhio. Cioè che la legge del taglione significa che, perchè la giustizia sia giusta, la pena non può essere superiore al male fatto. Il senso sarebbe quindi quello di contenere il desiderio di vendetta. Non di giustificarlo. Sarà anche un comico, ma...
Si, ma ciò che mi chiedo è quanto sia eticamente, giusto contenere quel desiderio di vendetta, perché, se lascio passare l’ingiustizia, in fondo l’alimento. (un po’ quello che rispondevo a Mr. Bean, mentre tu postavi questo).

VanLag is offline  
Vecchio 20-05-2006, 19.09.46   #9
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Re: Re: La legge del taglione.....

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Si, ma ciò che mi chiedo è quanto sia eticamente, giusto contenere quel desiderio di vendetta, perché, se lascio passare l’ingiustizia, in fondo l’alimento. (un po’ quello che rispondevo a Mr. Bean, mentre tu postavi questo).


Te lo ricordi il mio solito discorso sull'interrompere la catena dell'odio?

Fragola is offline  
Vecchio 20-05-2006, 19.34.13   #10
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Re: Re: Re: La legge del taglione.....

Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Te lo ricordi il mio solito discorso sull'interrompere la catena dell'odio?
Si, ma non sono certo di averti compresa pienamente. Quello che avevo capito io, su quel discorso dell'odio, era che trovando la piena comprensione dei perché qualcuno ci ha fatto del male, sia possibile accedere al perdono. (era così?)

Però quello che vorrei dire io è se una reazione ad un torto sia sempre da considerarsi una vendetta e non può essere invece vista come una reazione doverosa al male?


Ultima modifica di VanLag : 20-05-2006 alle ore 19.39.15.
VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it